I sette samurai

Acquista su Ibs.it   Dvd I sette samurai   Blu-Ray I sette samurai  
Un film di Akira Kurosawa. Con Toshirô Mifune, Takashi Shimura, Yoshio Inaba, Seiji Miyaguchi, Minoru Chiaki.
continua»
Titolo originale Shichi-nin no Samurai. Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 95 min. - Giappone 1954. MYMONETRO I sette samurai * * * * 1/2 valutazione media: 4,63 su 58 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
laurence316 domenica 21 ottobre 2018
un indimenticabile racconto di coraggio e speranza Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Riconosciuto come uno dei film più influenti, citati e imitati della storia del cinema (com’è ben noto, non da ultimo dal cinema americano), punto di partenza per qualunque trama che preveda il recluta­mento di un gruppo in vista di una missione da compiere (non solo I magnifici sette, dunque, ma anche, ad esempio, Quella sporca dozzina, I cannoni di Na­varone, Il mucchio selvaggio), I sette samurai è un imponente affresco (ma forse, meglio ancora, “una tragedia di smisurate dimensioni” [F. Di Giammat­teo]), umanista e poetico, a tratti commovente, a tratti persino divertente (e ciò si deve soprattutto al perso­naggio di Kikuchiyo, interpretato da un irrefrenabile Mifune), che possiede l’indubbio fascino delle cose semplici e profonde. [+]

[+] lascia un commento a laurence316 »
d'accordo?
g. romagna martedì 29 dicembre 2009
i sette samurai Valutazione 5 stelle su cinque
72%
No
28%

Un inno alla lealtà, al coraggio e alla solidarietà, un bello spaccato culturale su una realtà a noi lontana e un più che avvincente dramma d'azione facente leva sulla grande suspance che si crea durante le attese del nemico (sul modello di Buzzati ne "Il deserto dei Tartari") e sul notevole dinamismo delle scene di battaglia. Magnifici Shimura e,ancor più, Mifune. Splendida è poi la piccola perla che ci viene offerta nel finale, quando, alla luce del rifiuto che il giovane samurai incassa dall'amata, il maestro ripercorre con pessimismo la parabola di costoro, uomini di grande cuore che, operando il bene per il bene, sempre, senza se e senza ma ed a rischio continuo della propria vita, poi, alla fine dei conti, non ne raccolgono mai concretamente i frutti e, come dei Grandi Inquisitori dostoevskijiani al contrario, lasciano con triste rassegnazione che siano gli altri a godere dei benefici dal loro valore procurati. [+]

[+] lascia un commento a g. romagna »
d'accordo?
paola di giuseppe mercoledì 6 gennaio 2010
i sette samurai, un'epica al contrario Valutazione 5 stelle su cinque
67%
No
33%

Nel Giappone medievale,una storia di briganti,un villaggio di contadini plurisaccheggiato e sei samurai più un settimo,Kikuchiyo,un Toshiro Mifune,perfetto "miles gloriosus" nella buffa armatura,figlio di contadini decimati dai briganti,deciso a farsi consacrare samurai,fosse anche a costo della vita.Stralunato soldato di ventura,uscito dalla penna di Cervantes o scappato dalle scene di Shakespeare,sarà per tutto il film il collante fra due mondi separati,gli umili e spaventati contadini e i tronfi “signori della guerra”,che sfilano impettiti nei villaggi,esibendo granitica fedeltà al bushido,codice d’onore a cui hanno affidato il senso della loro vita. 
 I contadini hanno però bisogno di difendersi,i briganti incombono sul prossimo raccolto di riso e il vecchio saggio del villaggio ha prescritto la cura:servono samurai,andate ad ingaggiarli e tassatevi tutti perché bisogna convincerli e,soprattutto,pagarli. [+]

[+] lascia un commento a paola di giuseppe »
d'accordo?
lucaguar martedì 6 maggio 2014
un inno all'umiltà Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Dopo aver visto "I sette samurai" è venuto spontaneo chiedermi perchè tale film sia da decenni considerato un caposaldo del cinema mondiale.
La risposta non può essere immediata, in quanto ritengo che questa pellicola vada considerata tenendo conto del contesto culturale che espone e che fa rivivere. Senza un minimo di conoscenza della cultura e della storia giapponese è infatti non solo superficiale ma anche irrispettoso giudicare a priori le intenzioni di quest'opera.
Che sia un film tecnicamente ben realizzato è chiaro: le ambientazioni, il montaggio in perfetto stile Kurosawa che ricorda e porta avanti la strepitosa innovazione di "Rashomon" (che ha ispirato generazioni di registi), la bellissima fotografia in bianco e nero e soprattutto la straordinaria bravura degli attori sono tutti elementi apprezzabili e di qualità. [+]

[+] lascia un commento a lucaguar »
d'accordo?
tomdoniphon sabato 28 giugno 2014
"guerra e pace" ai tempi dei samurai Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Giappone, XVI secolo. Cinque samurai, scelti dal saggio Kambei (Shimura), accettano di difendere i contadini di un villaggio costantemente attaccato dai briganti. A loro si aggiunge un contadino fanfarone che vuole diventare guerriero. Quattro dei sette samurai moriranno per difendere il villaggio, ma assieme ai contadini batteranno i banditi. Il capolavoro di Kurosawa e del cinema giapponese, ed uno dei primi cinque-dieci film di tutti i tempi.  Al centro de "I sette samurai" c'è il confronto tra due culture, quella contadina e quella dei samurai: la prima è rappresentata globalmente, la seconda più analiticamente; ciascuno dei sette samurai corrisponde ad un diverso carattere. [+]

[+] lascia un commento a tomdoniphon »
d'accordo?
dandy mercoledì 20 aprile 2011
i samurai non vincono mai. Valutazione 5 stelle su cinque
75%
No
25%

Film d'avventura di respiro epico che unisce l'elegia della terra e della solidarietà cari al regista a alla riflessione sul confronto-scontro di due culture.I contadini,descritti in modo lineare e globale.E i Samurai,approfonditi attraverso i veri caratteri dei sette protagonisti,che incarnano i diversi aspetti del comportamento morale e dell'onore del Giappone cinquecentesco:Kambei è saggio e disincantato(non manca di sottolineare il lato autodistruttivo dell'impresa,e alla fine sentenzia"Ancora una volta abbiamo perso....").Heiachi e Gorobei sono astuti e gioviali, e i più dotati di buon senso.Kyuzo è ascetico(a lui si ispira il personaggio di James Coburn in "I magnifici sette"). [+]

[+] lascia un commento a dandy »
d'accordo?
il cinefilo domenica 1 agosto 2010
uno dei vertici del cinema giapponese Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

TRAMA:La storia è ambientata nel Giappone feudale dove un gruppo di samurai accetta di difendere un villaggio di contadini dagli assalti di un gruppo di briganti...RECENSIONE: Akira Kurosawa,con questo film,realizza un grande e potente "affresco" sulla nazione giapponese di quegli anni ormai lontani e compie questa difficile operazione raccontando una storia di coraggio,cultura orientale e avventura e narrati attraverso uno schema narrativo che contribuisce a ingigantirne la dimensione "epica" e che invano si potrebbe tentare di trovare nel cinema attuale.
Quest'opera possiede i suoi grandi punti di forza nei vari attori protagonisti e caratteristi giapponesi(Toshiro Mifune,divenuto una star grazie ad Akira Kurosawa è probabilmente il migliore)che sono veramente straordinari,nelle magnifiche sequenze delle varie battaglie contro i briganti(memorabili ancora oggi,mentre attualmente senza l'utilizzo degli effetti speciali digitali non sono più in grado di fare quasi niente)dove la scelta di non utilizzare alcuna colonna sonora si rivela vincente e nella lunga durata del film che non è affatto un difetto ma,al contrario,amplifica la sua dimensione "leggendaria" e permette al regista di riuscire a "inquadrare" con precisione i vari personaggi e i diversi aspetti della loro personalità. [+]

[+] lascia un commento a il cinefilo »
d'accordo?
adriano sgarrino giovedì 4 febbraio 2010
i sette samurai Valutazione 5 stelle su cinque
75%
No
25%

Paese di prod.: Giappone  Anno: 1954  Di: Akira Kurosawa  Con: Toshiro Mifune, Takashi Shimura, Yoshio Inaba, MInoru Chiaki, Seiji Miiyaguchi, Daisuke Kato, Kamatari Fujiwara, Ko Kimura, Bokuzen Hidari, Kuninori Kodo.  Nel Giappone del Cinquecento modesti contadini assoldano sette samurai per proteggersi dalle angherie dei briganti. Dopo una iniziale fase di studio e di diffidenza, i mercenari prenderanno a cuore la causa dei contadini, solidarizzando con loro e impegnandosi strenuamente per difendere i loro appezzamenti terrieri. Sceneggiato da Kurosawa assieme a Shinobu Hashimoto e Hideo Oguni, uno dei capolavori del Maestro giapponese e della filmografia mondiale. Il ritmo accuratamente rallentato e solenne è ideale per sondare a fondo l'incontro tra due culture, quella contadina e quella dei samurai, così apparentemente diverse, che tuttavia troveranno il loro punto di incontro nella valorosa difesa delle terre contadine e dei valori di un'intera nazione, quella giapponese, profondamente dilaniata dalle guerre civili. [+]

[+] lascia un commento a adriano sgarrino »
d'accordo?
aristoteles sabato 15 agosto 2015
i sette semplici eroi Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Ho visto la versione integrale che dura più di tre ore.
La semplicità di fondo che accompagna il film conduce lo spettatore a non annoiarsi nonostante l'elevato minutaggio.
La storia ci regala sette splendidi eroi ,piuttosto che guerrieri,nel senso che nella fase del reclutamento, si nota che non tutti i samurai accettano la missione.
Alcuni infatti inorridiscono causa ricompensa quasi inesistente se non per vitto e alloggio.
Un manipolo di uomini invece trasportati dal sentimento di una causa giustissima ,si ergono a difensori dei malcapitati di turno.
Splendido il lavoro di caratterizzazione dei samurai,nel senso che ognuno ha una propria distinta personalità sebbene si ragioni come un gruppo unito. [+]

[+] lascia un commento a aristoteles »
d'accordo?
jacopo b98 venerdì 21 febbraio 2014
un epico capolavoro del cinema giapponese! Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

 Nel Giappone medievale dei briganti vogliono saccheggiare un villaggio. I contadini allora assoldano sette samurai per difendere il villaggio. La vittoria verrà pagata a caro prezzo. È il più grande capolavoro di Kurosawa, insieme allo splendido Ran, nonché uno dei più grandi film giapponesi (e non solo) della storia del cinema. È il più lungo film mai girato da Kurosawa, anche se, per la distribuzione, la produzione lo accorciò da 200’ a 140’, tagliando buona parte delle splendide scene di battaglia. Recentemente la versione originale è stata nuovamente distribuita in tutta la sua durata integrale. È la storia di sette guerrieri che si sacrificano per salvare il cuore pulsante della civiltà giapponese: i contadini. [+]

[+] lascia un commento a jacopo b98 »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
I sette samurai | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Emanuele Sacchi

Pubblico (per gradimento)
  1° | laurence316
  2° | g. romagna
  3° | paola di giuseppe
  4° | lucaguar
  5° | tomdoniphon
  6° | dandy
  7° | il cinefilo
  8° | adriano sgarrino
  9° | jos d
10° | jacopo b98
11° | aristoteles
12° | claudus
13° | claudus
Rassegna stampa
Mario Gromo
Festival di Venezia (1)
Premio Oscar (2)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità