The Young Rajah

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionarin.d.
 critican.d.
 pubblicon.d.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast
Le giornate del cinema muto

Quando il trono del maragià Sidir Singh di Dagmahar viene rovesciato e ucciso, il fido generale Gadi, corre in aiuto dell’unico figlio di Sidir, il giovane Rajah. Assieme al generale Gadi, Morton Judd il più caro amico di Singh, si adopera per far trasferire il giovane Rajah al sicuro negli Stati Uniti, sotto la protezione di suo fratello Joshua. Joshua Judd cresce il ragazzo come fosse suo figlio, con la nuova identità di Amos Judd. Mentre gli anni passano, Amos conduce un’esistenza lontana dalle sue radici culturali indiane ed è in buona misura inconsapevole del suo lignaggio reale. Un giorno l’usurpatore, Ali Kahn, venuto a sapere che il figlio del Maharajah è ancora vivo, esorta il suo comandante militare a metter insieme uomini fidati per trovare Amos ed eliminarlo. I devoti del Maharajah ucciso riescono ad impedire l’attacco e riportano in patria il giovane Rajah affinché possa ridare la pace al suo popolo.L’intreccio di America moderna ed esotica cultura indù, unito ad inclinazioni mistiche, suggerì la storia alla scrittrice June Mathis, che era stata provvidenziale nel garantire a Valentino il ruolo di protagonista nei Quattro cavalieri dell’Apocalisse), grazie a cui era diventato una star. Fidandosi totalmente della Mathis, Valentino decise di interpretare The Young Rajah, nonostante le riserve della Famous Players. Il soggetto presentava un’attrattiva in più: la moglie di Valentino, Natacha Rambova, avrebbe potuto disegnare costumi adeguatamente esotici per il marito. Ma di fronte agli scarsi consensi che accolsero il film quando uscì, Valentino smorzò alquanto il suo entusiasmo iniziale scaricamdo parte delle responsabilità sulla Famous Players, parlando di inadeguatezza delle strutture produttive.La ricostruzione digitale di quel che rimane di questo lungometraggio del 1922, a lungo considerato perduto, è stata supervisionata dal produttore Jeffery Jon Masino della Flicker Alley, una ditta che realizza nuove edizioni in digitale dei film muti, in associazione con la Turner Classic Movies. Nel 1998 la Library of the Moving Image di Los Angeles ha acquistato da Sotheby’s, che aveva messo all’asta la Leslie Flint Collection, quella che si riteneva essere l’unica copia superstite, un totale di 26 minuti di frammenti non in sequenza. Leslie Flint, presidente della Valentino Memorial Guild di Londra e medium professionista, che affermava di avere regolari contatti spiritici con l’attore, era entrato in possesso di una copia 16mm del film, a suo dire ritrovata in Italia negli anni ’60 in una gabbia di polli. Ahimè, troppo tempo è passato prima che si ottenessero fondi sufficienti per il trasferimento del film completo e ciò non è stato senza conseguenze per la sua conservazione. Per rendere lo svolgimento narrativo più agevole, la Flicker Alley ha utilizzato due prossimamente e foto di scena provenienti da collezioni private e dalle collezioni speciali della Paramount che si trovano presso la Margaret Herrick Library dell’Academy. Insieme con le didascalie originali, le didascalie di raccordo ricavate da découpage tecnici originali della Paramount aiutano a colmare le lacune della trama. Sono stati anche preparati degli storyboard per vedere come queste sequenze andassero sviluppate. Le didascalie restaurate e le sequenze di “foto di scena” sono state elaborate separatamente e poi montate off-line. La scarsa qualità delle immagini della copia a 16mm è stata considerevolmente migliorata in fase di trasferimento digitale dalla Advanced Digital Services di Hollywood, che ha studiato un procedimento per convertire un’immagine HD da 1080 x 1920 pixel in quattro quadranti PAL da 540 x 960 pixel. Questi ultimi sono poi stati “ripuliti” con un sistema di filtraggio digitale e “ricuciti” in un’immagine HD, a sua volta poi convertita in un file Quicktime NTSC non compresso, la cui velocità è di circa 21 fotogrammi al secondo.Ora, con le didascalie nuove e quelle già esistenti, le immagini di scena al posto delle riprese mancanti, e la velocità corretta, la versione ricostruita dura 52 minuti: certo non è lunga quanto l’edizione del 1922 (circa 88-100 minuti), ma offre al pubblico d’oggi un’occasione unica per vedere una mitica produzione perduta e trarre le proprie conclusioni sulla qualità del lavoro. – BRANDEE BRANNIGAN COX

Stampa in PDF

Premi e nomination The Young Rajah Giornate del cinema muto
Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film The Young Rajah adesso. »
The Young Rajah | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Scheda | Cast | News | Frasi | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
giovedì 23 settembre
A Quiet Place II
Maternal
Tutti per Uma
Regina
mercoledì 22 settembre
Un altro giro
Maledetta Primavera
Peter Rabbit 2 - Un birbante in fuga
giovedì 16 settembre
Freaky
mercoledì 15 settembre
100% Lupo
Adam
martedì 14 settembre
Black Widow
giovedì 9 settembre
Rifkin's Festival
Corpus Christi
Morrison
mercoledì 8 settembre
Il cattivo poeta
Il sacro male
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità