My Father - Rua Alguem 5555

Un film di Egidio Eronico. Con Thomas Kretschmann, Charlton Heston, F. Murray Abraham, Thomas Heinze, Camillo Bevilacqua Titolo originale Rua Alguem 5555: My father. Drammatico, durata 100 min. - Italia, Brasile, Ungheria 2006. uscita venerdì 9 giugno 2006. MYMONETRO My Father - Rua Alguem 5555 * * * - - valutazione media: 3,38 su 14 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,38/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * * - -
 critica * * 1/2 - -
 pubblico * * * * -
Trailer My Father - Rua Alguem 5555
Il film: My Father - Rua Alguem 5555
Uscita: venerdì 9 giugno 2006
Anno produzione: 2006
Soffrire per la mancanza di un padre e scoprire che era un nazista al lavoro nei campi di concentramento tedeschi.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un film umanamente importante
Marzia Gandolfi     * * * - -

Herman M. è un giovane avvocato di Friburgo che non ha mai conosciuto il padre. Nel giorno del suo quindicesimo compleanno scoprirà che non è disperso in Russia ma vivo e fuggiasco in Sudamerica. Herman è figlio di un criminale di guerra nazista, Josef Mengele. Genetista razzista specializzato in eugenetica, un ramo delle genetica che si propone il miglioramento della specie umana, Mengele aderì all'ideologia nazista concretizzando le sue teorie come medico delle SS ad Auschwitz. Sconvolto dalla reale identità del padre, Herman decide di incontrarlo un'unica volta in una favela brasiliana. Il loro sarà un confronto impossibile: amore filiale e ricerca di giustizia da una parte, coerenza cieca al passato e assenza di rimorso dall'altra. Mengele morirà un paio di anni dopo, presumibilmente annegato nell'oceano. A Herman non resta che ereditarne il cognome e l'orrore di cui è carico. A partire dalla fine degli anni Settanta, in Germania, la letteratura cosiddetta "dei padri" divenne un luogo di confronto tra padri e figli, tra coloro che avevano fatto la storia più buia del XX secolo e coloro che ne subirono gli effetti. È esattamente qui che si colloca il romanzo di Peter Schneider, "Papà", scritto a partire dalle dichiarazioni e dai manoscritti che Mengele figlio fornì al settimanale tedesco "Bunte Illustrierte" e che il regista italiano Egidio Eronico ha adattato per lo schermo. Non è mai semplice riferire di vite che hanno provocato l'orrore, quell'indicibile che il film non mostra ma suggerisce e interroga. Il risultato, al di là dell'oggettività dei crimini commessi da Mengele padre, è quella "banalità del male" già compresa nella filosofia di Hannah Arendt. Mengele riconosce l'esistenza del progetto di sterminio eppure nega di "aver mai fatto del male a nessuno". Il film delinea un carattere preciso di questo personaggio superbamente interpretato da Charlton Heston. L'attore presta al suo Mengele una connotazione tragicamente (dis)umana, che lo affranca dalla drammatizzazione cinematografica del nazista. L'inconsistenza delle sue confessioni genera nel figlio e nello spettatore lo stesso sconforto, lo stesso identico patimento, al punto che la sua morte presunta non riscatta Herman e non dà soddisfazione (morale) al pubblico e a coloro che hanno atteso di processarlo per il delitto perpetrato contro l'umanità. Sul piano privato il film si domanda se è possibile comprendere un padre così colpevole. L'unica probabile risposta può rintracciarsi nel tentativo di denuncia, sempre rimandato, di Herman, interpretato da Thomas Kretschmann, già ufficiale tedesco per Polanski (Il pianista) e per Duigan (Gioco di donna). Ironia della sorte o continuità di una sorte?

Stampa in PDF

* * * - -

Lucida utopìa

lunedì 10 luglio 2006 di Domenico Maria

Nonostante una distribuzione al contagocce,e a dispetto di incassi da fame,la curiosità per l'ultimo film del mio mito adolescenziale(e credo proprio non solo mio)era forte.Considerato anche che l'ottantenne divo sceglie come ultima occasione,e quasi a testamento,proprio lui,il Mosè di De Mille nel 1955,il ruolo del lucido folle manipolatore alla ricerca della razza perfetta,priva di ogni malattia,l'umanità immortale,patrimonio dei geni biologici della vera e pura razza ariana.E' il mito di Faust,in continua »

* - - - -

Di banale c'è solo il film

martedì 4 luglio 2006 di francesco

Macchinoso.Freddo.Forzato. Un soggetto dall'enorme potenziale drammatico rovinato da una sceneggiatura convenzionale,di una bruttura quasi burocratica. Ecco in poche parole My father,una pellicola che implode nella sciatteria di flashback assai poco incisivi,perlopiù del tutto parlati,inutilmente incastonati in un montaggio brusco e in stacchi videoclippari di cui non si sente affatto la necessità. A farcire il tutto l'incontro padre e figlio spennellato su sole tre scene di rara mediocrità inventiva. continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film My Father - Rua Alguem 5555 adesso. »

"My father", se tuo padre si chiama Josef Mengele

di Paolo D'Agostini La Repubblica

Anche nei casi più estremi, quelli dove apparentemente non esiste dubbio sui torti e le ragioni, si ripropone la dinamica delle relazioni affettive ancorché conflittuali tra un figlio e suo padre. Anche se quel padre si chiama Josef Mengele. Mengele (nato nel 1911) era un brillante medico genetista che sotto il Terzo Reich e più precisamente nel biennio '43-'45 ad Auschwitz mise le sue ricerche al servizio dello sterminio e della "igiene razziale" conducendo esperimenti sugli schiavi-internati, infliggendo a persone malformate, gemelli e donne incinte atroci sofferenze. »

di Aldo Fittante Film TV

I nomi, nel film, sono cambiati, ma la storia è reale e racconta dell'incontro avvenuto in Brasile nel 1977 tra il criminale nazista Josef Mengele e suo figlio Rolf. Dal drammatico confronto fu ricavato un libro, Papa (edito in Italia da E/O), scritto dal tedesco Peter Schneider. Dal libro, il regista Egidio Eronico, con la complicità di Antonella Grassi e la collaborazione di Fabio Carpi e dello stesso Schneider, nonché del consulente storico Marcello Pezzetti (che già coadiuvò Spielberg per Schindler's List e Benigni per La vita è bella), ha tratto un intenso film costruito a incastri, che vive di tragiche memorie e dolorose conflittualità. »

«My Father», mappe per i massacri presenti

di Silvana Silvestri Il Manifesto

Tocca nel profondo la coscienza di ogni cittadino europeo, soprattutto di quella parte non coinvolta nello sterminio nazista, che ha avuto invece dei conti da regolare con i padri, My Father di Egidio Eronico e certamente può uscire anche fuori dai confini dell'immaginario della seconda guerra mondiale perchè i crimini li continuiamo ad avere intorno senza poter fare nulla (se non ad esempio votare per chi può ritirare le truppe). Basato sul libro di Peter Schneider Papà (edito in Italia da e/o) basato sulle notizie e i documenti dell'incontro realmente avvenuto nel '77 del figlio di Mengele con il padre, ci avvicina a una realtà delegata ai sopravissuti. »

Mio padre «il dottor Auschwitz»

di Alessandra Levantesi La Stampa

Che cosa può provare un figlio nell'apprendere che il proprio padre, conosciuto solo vagamente prima che scomparisse dalla circolazione, ha sulla coscienza lo sterminio di 300 mila persone? Fu questa la terribile scoperta che fece Mengele junior quando vennero a galla le efferatezze di Joseph, detto «il dottor Auschwitz», nel frattempo rifugiato in Sudamerica. Trattato senza far nomi da Peter Schneider nel romanzo «Papà» (edizioni e/o), l'argomento è ora ripreso dal regista Egidio Eronico in un impegnativo film di coproduzione italo-ungherese-brasiliana. »

My Father - Rua Alguem 5555 | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Link esterni
Sito Ufficiale
Uscita nelle sale
venerdì 9 giugno 2006
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità