Advertisement
Romulus, la costruzione di un'epica sul modello Trono di Spade (e Gomorra - La serie)

Nata come espansione delle idee e del mondo de Il primo Re, da cui però prende subito le distanze, la serie di Matteo Rovere si avvicina ai due titoli di successo Sky per temi, caratteristiche dei personaggi e ambizioni internazionali. Ogni venerdì su Sky e in streaming su NOW TV.
di Andrea Fornasiero

Romulus

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
venerdì 20 novembre 2020 - Sky

Ottavo secolo avanti in Cristo: i trenta popoli della Lega Latina vivono da anni sotto la guida del re di Alba, ma una lunga siccità fa temere loro di essere invisi agli dèi. L'oracolo ha predetto che l'attuale re debba lasciare il proprio posto ai suoi nipoti, i principi gemelli, ma tra gli altri capi c'è chi è scontento di questa decisione e preferirebbe invece una guida più matura e forgiata da molte battaglie...
 

«La tradizione epica adombra un nodo potente: lo scontro fra l'uomo e la ferinità. Ferinità che può essere esterna, e allora sono la natura e i nemici, oppure (soprattutto) interna, e allora sono le passioni e le paure. L'alterità, insomma, diviene il centro del racconto, un'alterità che l'uomo arcaico teme, divinizza, invoca, esorcizza. E l'eroe emerge dall'abisso delle sue passioni: le domina, addomestica e supera con nuovi valori benigni e magnanimi, i valori “moderni”, che fondano una nuova convivenza. Questa è, per me, la “Fondazione”».
Matteo Rovere

Romulus è il mito fondativo della Roma di là da venire e nasce come espansione delle idee e del mondo di Il primo Re, ma non della storia di quel film, di cui infatti non rivedremo i personaggi. La serie è dunque autonoma e ha altri protagonisti, coinvolti in diverse situazioni e intrighi su più fronti interconnessi. C'è la lotta per il potere che riguarda soprattutto il principe Yemos, interpretato da Andrea Arcangeli, che in Tv aveva già recitato in varie produzione tra cui un titolo internazionale come Trust di Danny Boyle. Come Jon Snow è una sorta di erede in disgrazia, in cerca di riscatto e di una nuova legittimazione che non viene solo dai potenti ma anche dal popolo.

C'è il mondo del mito, della religione e delle profezie, al cui centro troviamo Ilia, che è anche la figlia di Amulius, uno dei più importanti leader della Lega Latina. Ilia ha il volto di Marianna Fontana, che arriva dal cinema italiano d'autore con alle spalle titoli come Indivisibili di Edoardo De Angelis e Capri Revolution  di Mario Martone. Nella foresta infine il giovane e debole schiavo Wiros attraversa il boschi. Lo interpreta Francesco Di Napoli, uno dei ragazzi di La paranza dei bambini.  

Sul fronte degli adulti ha un ruolo centrale la coppia formata da Gala e Amulius, fratello del re Numitor e quindi prozio dei gemelli Yemos ed Enitos oltre che padre di Ilia. Un uomo con ambizioni che ha cercato di tenere a freno per tutta la vita ma che ora vengono cavalcate da sua moglie Gala e da Spurios, il re di Velia convinto che crede la forza militare sia il primo valore di un leader. Amulius ha le fattezze di Sergio Romano, fattosi notare recentemente in Il campione, mentre Gala è Ivana Lotito, la Azzurra di Gomorra - La serie, quindi un'ideale trait d'union tra le due epiche di Sky che si passeranno quest'anno il testimone. Gala è una sorta di Cersei, determinata e manipolatrice ma almeno per ora costretta a operare attraverso un uomo anziché in prima persona, inoltre sempre come Cersei è disposta a servirsi anche dei figli con i quali ha però un rapporto complesso. A differenza dell'area Cersei ha in compenso un diverso rapporto con la religione e la superstizione.  

Romulus è infatti un progetto di ambizione internazionale che, nonostante la propria fortissima italianità, aspira a diventare come Gomorra - La serie un successo in tutto il mondo e come Vikings (guarda la video recensione) presenta un mondo barbaro dai rituali misteriosi crudeli. Come nel Trono di Spade è poi cruciale l'intrigo tra fazioni dove hanno un ruolo chiave anche la religione e le profezie. In comune con la serie sul clan Savastano c'è poi la questione linguistica: mentre Gomorra - La serie è parlata in dialetto Romulus è parlata nello stesso protolatino di Il primo Re (anche se su Sky sarà disponibile anche in versione doppiata). Non è un dato secondario per il mercato internazionale sempre più abituato a prodotti in lingua e in questo caso con la certezza che non vengono perse sfumature dagli spettatori di altre culture, perché rispetto al protolatino tutto il mondo è nella stessa condizione di doversi affidare ai sottotitoli.  

La serie inoltre segue il taglio delle produzioni Sky e più in generale italiane di qualità anche da un altro punto di vista, quello di concentrarsi sui giovani che cercano di farsi strada, si difendono in un mondo di vecchi lupi e provano a rinnovarlo. È la formula già di Romanzo Criminale replicata poi in Gomorra - La serie e ZeroZeroZero ed è in linea anche con il trend internazionale che cerca protagonisti capaci di portare una diversità e una innovazione al sistema in cui vivono. Infatti hanno un ruolo importante le donne, dove oltre a Ilia e Gala troviamo anche Silvia (Vanessa Scalera), figlia devota di re Numitor, che accudisce con dignità, mentre cerca di essere voce della ragione e della coscienza di fronte ai vecchi potenti. Dall'altra parte dello spettro arriverà invece La lupa (Silvia Calderoli), misteriosa e selvaggia guerriera alla guida dei ruminales della foresta oltre che devota alla dèa dei lupi Rumia. La sua è una femminilità ferina e indomita, da vera amazzone.  

La serie è diretta come Il primo Re da Matteo Rovere, affiancato da altri due registi: Michele Alhaique (Senza nessuna pietà) ed Enrico Maria Artale (Il terzo tempo). Rovere è poi anche sceneggiatore, insieme a Filippo Gravino, che già l'aveva affiancato su Il primo Re, e Guido Iuculano, che dei tre è quello con maggiore esperienza televisiva ed è reduce da oltre trenta episodi della fiction Tutto può succedere. Insieme a numerosi consulenti storici e linguisti, hanno cercato di raccontare Roma prima che fosse Roma, un territorio pressoché inesplorato in cui si possono muovere con grande libertà, inventando un mondo senza però sfociare nel fantasy. Che sia una nuova Gomorra - La serie o un Trono di Spade latino, Romulus è di certo una grande produzione, ricca di scenari suggestivi e di scene forti, che non deluderà i fan di Il primo Re.


ROMULUS: VAI ALLA SCHEDA COMPLETA
news correlate

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati