Il terzo tempo

Film 2013 | Drammatico 94 min.

Regia di Enrico Maria Artale. Un film Da vedere 2013 con Stefania Rocca, Stefano Cassetti, Lorenzo Richelmy, Edoardo Pesce, Margherita Laterza. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2013, durata 94 minuti. Uscita cinema giovedì 21 novembre 2013 distribuito da Universal Pictures. - MYmonetro 2,67 su 12 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il terzo tempo tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Samuel è un adolescente problematico che trova nel rugby e nell'aiuto del suo supervisore la possibilità di iniziare una nuova vita. In Italia al Box Office Il terzo tempo ha incassato 100 mila euro .

Il terzo tempo è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,67/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,00
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO NÌ
Il rugby come metafora della vita, in un film dall'intreccio non innovativo ma ben costruito.
Recensione di Annalice Furfari
Recensione di Annalice Furfari

Samuel è un adolescente problematico, con una madre tossicodipendente e un padre che non ha mai conosciuto. Ha trascorso gli ultimi anni della sua vita commettendo furti, rapine e aggressioni, entrando e uscendo dal riformatorio minorile. Dopo aver scontato l'ennesima pena, viene inserito in un programma di riabilitazione: ottiene la semilibertà e inizia a lavorare nell'azienda agricola di un paesino della provincia romana. Il suo supervisore è Vincenzo, un assistente sociale che, dopo la morte della moglie, fatica a ritrovare il proprio equilibrio. La sua vita si divide tra il lavoro, la figlia adolescente e la locale squadra di rugby che lui, ex giocatore professionista, allena. Samuel si adatta con difficoltà alle regole e ai nuovi ritmi di vita. Il suo rapporto con Vincenzo si rivela da subito problematico, ma è proprio l'assistente sociale a introdurlo nel mondo del rugby.
Il terzo tempo, che dà il titolo al film, nel rugby è quello che si svolge al termine della partita: un incontro tra squadre avversarie e tifosi. In un clima conviviale, basato sul fair play e sul riconoscimento del valore reciproco, si festeggia tutti assieme, a prescindere da chi ha vinto o perso. È proprio questa la fase più importante della partita, quella che insegna lo spirito di fratellanza e il rispetto dell'avversario. Valori che il giovane protagonista, classico bullo abituato a vivere in un mondo basato sulla legge del più forte, non ha mai appreso. Quella del terzo tempo è la prima regola del rugby che Vincenzo insegna a Samuel, mostrandogli per la prima volta un mondo dove il gioco di squadra è più importante delle azioni da solisti. Un universo in cui il ragazzo non si riconosce, ma a cui, pian piano, inizierà ad appassionarsi, come mai aveva fatto prima.
Il terzo tempo usa il rugby, e quindi lo sport, come metafora della vita. Una vita fatta di alti e bassi, sconfitte e vittorie, errori e possibilità di riscatto a costo di sacrifici e disciplina. Una storia che parla di seconde possibilità, non solo per il giovane problematico ma anche per il suo assistente sociale, che ritrova, nel ragazzo da educare e reintegrare, una nuova linfa vitale, per la propria squadra e per se stesso.
Un intreccio certamente non nuovo, quello del primo lungometraggio di Enrico Maria Artale, che utilizza l'espediente dell'incontro sportivo per confezionare un concentrato di sentimenti positivi, che aiutano a crescere dentro e fuori dal campo. Eppure il film, nel suo genere, funziona, perché costruito con abilità e padronanza della macchina da presa e delle logiche narrative che favoriscono il coinvolgimento emotivo dello spettatore, senza furberie. La macchina da presa segue il protagonista con radicale prossimità: scruta il suo corpo provato dalla fatica fisica, aderisce al suo punto di vista, determinando così l'identificazione dello spettatore. Che avviene anche grazie all'interpretazione spontanea e autentica del giovane Lorenzo Richelmy, un fragile con la corazza da duro, che deve imparare a dominare i propri istinti violenti e a canalizzare la propria energia verso fini costruttivi. Ad affiancarlo c'è l'altrettanto convincente Stefano Cassetti, nei panni del cocciuto allenatore che non sa più guardare al futuro. Anche la sceneggiatura fa il suo lavoro, ben alternando, seppur con qualche ingenuità, i momenti di leggera ilarità a quelli di maggiore emotività, valorizzati da un'azzeccata colonna sonora.

Sei d'accordo con Annalice Furfari?
IL TERZO TEMPO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 25 marzo 2015
Luigi Vinciguerra

Sul rugby XV ci soo pochissimi film: Asini metteva lo sport in sottofondo; Io sono un campione parlava del rugby XIII (professionistico e giocato dalla working class a differenza dell'allora dilettantistico rugby XV, prevalentemente giocato dalla upper class); il rugby XIII era al centro anche dell'australiano The final winter (2007); le due commedie Footy legends (Australia, [...] Vai alla recensione »

sabato 23 maggio 2015
Filippo Catani

Un giovane ragazzo appena uscito dal riformatorio viene affidato a un assistente sociale e va a lavorare in un'azienda agricola. L'assistente sociale è anche ex giocatore e ora allenatore di rugby e attraverso lo sport cercherà di recuperare il ragazzo. Certamente lodevole l'intento del film che peraltro è anche tutto sommato ben interpretato.

mercoledì 4 settembre 2013
viaggiatore77

Filmettino.Scorrevole,leggero,per mettere di buon umore.Scontato,buonista,un'altra fiction.Storia di riscatto già vista in altre salse,con i soliti luoghi comuni.Unica scena veramente riuscita quell'ultima partita,accompagnata dalla musica classica ... e anche le ultime immagini hanno un loro perchè.Va comunque riconosciuta l'espressività dei protagonisti.

giovedì 28 novembre 2013
pressa catozzo

Le prime inquadrature sembrano presagire a un buon contenuto. Ma aimè non tutte le ciambelle vengono con il buco. Peccato si è perso nel pantano dei campi da rugbi.

mercoledì 18 marzo 2015
antga

Prende ed è credibile. Anche gli attori sono ok. Bella la figura del toro...non sa cosa fare della sua forza, come il protagonista all'inizio. I buoni sentimenti a volte sono senza retorica e riescono a dare i loro frutti.

mercoledì 18 marzo 2015
antga

Un dramma duro, credibile, dove i buoni sentimenti non scadono nella retorica. Personaggi non a senso unico. Grande il toro parabola della forza del protagonista che non sa, all'inizio, cosa farsene.

martedì 10 febbraio 2015
opidum

Premessa doverosa : io di lavoro faccio l'Assistente Sociale e mi occupo di minori che hanno commesso reati. Quello dell'Assistente Sociale è un lavoro come può essere il cantoniere o l'infermiere e sono stufo marcio di questo voler appicicare a tutti i costi un aurea di volontariato alla professione. L'assistente sociale è un lavoro: quando sbollo smetto di [...] Vai alla recensione »

martedì 26 novembre 2013
spumale

Il film è una bella commedia, semplice, arrabbiata al punto giusto, romantica al punto giusto. Ben costruito. Belle immagini e bei colori. Attori belli e bellissimi, protagonista acerbo, arrabbiato e molto passionale. Pezzo forte: il toro!

Frasi
"Il rugby non ha regole, ha leggi."
Vincenzo (Stefano Cassetti)
dal film Il terzo tempo - a cura di Romano Sirotto
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Samuel è un ragazzo "difficile". Cresciuto senza famiglia né modelli di riferimento, piccolo criminale, esce dal riformatorio per essere affidato a un programma di reinserimento. Destinazione: un'azienda di allevamento bovino. Samuel scalpita: gli fa schifo l'alloggio assegnato, gli fa schifo di accudire gli animali, fatica a sopportare l'assistente sociale al quale è stato affidato.

Valerio Caprara
Il Mattino

Favola sportiva con metafora redentoristica incorporata, «Il terzo tempo» riesce a prendere forza dai suoi stessi cliché. L'esordiente Artale, diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia che ha coraggiosamente coprodotto il film insieme alla Filmauro, si dimostra regista lucido e dominante, al di là del copione caratterizzato da prevedibilità e vezzi edificanti, in grado d'ottenere il meglio [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Goffo melò, che non sarebbe dispiaciuto a DeAmicis. Colmo com'è di ostinato ribellismo destinato a trasformarsi in caramellosa bontà. In libertà vigliata, l'irrequieto diciassettenne Samuel lavora di malavoglia in un'azienda agricola. Finché l'assistente sociale Vincenzo, allenatore della locale squadra di rugby lo converte allo sport. Anche se è roba da barzelletta, come l'improbabile presidentessa [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati