Dizionari del cinema
Collegamenti
Media & Link
Consulta on line la Biblioteca del cinema. Tutti i film dal 1895 a oggi:
domenica 28 febbraio 2021

Michel Simon

Nome: François Michel Simon
Data nascita: 9 Aprile 1895 (Ariete), Ginevra (Svizzera)

Data morte: 30 Maggio 1975 (80 anni), Bry-sur-Marne (Francia)
occhiello
I conservatori rimpiangono solo le cose negative del passato.
dal film La più bella serata della mia vita (1972) Michel Simon  Zorn
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Michel Simon
Festival di Berlino 1967
Premio miglior attore per il film Il vecchio e il bambino di Claude Berri

Nastri d'Argento 1950
Nomination miglior attore straniero per il film La bellezza del diavolo di René Clair

Nastri d'Argento 1950
Premio miglior attore straniero per il film La bellezza del diavolo di René Clair



giovedì 25 febbraio 2021 - Tutti i capolavori del regista, da L'Atalante a Taris sono disponibili in streaming su Cinema ritrovato - Fuori sala. ACQUISTA UN ACCREDITO. 

Jean Vigo, l'identità tragica di un poeta maledetto, scomparso troppo presto

Pino Farinotti cinemanews

Jean Vigo, l'identità tragica di un poeta maledetto, scomparso troppo presto Negli anni vulnerabili, della formazione, frequentavamo certe sale d’éssai dove c’erano retrospettive di Bergman, Carné, De Sica, Renoir, Welles, Hitchcock, Ford, Chaplin e compagnia bella. Io ero un assiduo di quelle sale. E ricordo che ci fu un autore che mi segnò come un marchio sulla pelle. Era Jean Vigo (1905-1934): i sentimenti, la storia, la sofferenza, il destino maledetto, il dolore, la morte...  tutta roba giovanile e romantica.

Col tempo la fase giovanile si è uniformata, la professione ha regolato e smorzato. Ma quel poeta morto a 29 anni, ha sempre mantenuto, nella mia memoria, la sua identità tragica. Come spesso accade, quando sei ragazzo, tabula rasa, sei nella condizione migliore per vedere, sentire e capire. I film che prendevano posto nel tuo conscio e nel recondito e lì rimanevano, erano quelli buoni e veri, erano i capolavori. L’Atalante e gli altri titoli di Vigo facevano parte di quel patrimonio (tutti i titoli sono ora disponibili in streaming su Cinema ritrovato – Fuori Sala). Poi, crescendo e studiando ero in grado di collocare, di dare dimensione estetica e storica. E poi Vigo presentava altre storie e dolori: il padre anarchico ucciso in carcere, la madre che lo avvolgeva in una coperta e lo portava alle riunioni parigine. E forse era proprio in quegli ambienti certo poco salubri, che il ragazzo cominciò a incubare il male che lo fece morire così giovane.

La straordinaria vocazione di Jean - genio è un lemma che non uso mai, ma qui ci starebbe - lo portò ad anticipare di qualche anno il magnifico movimento del Fronte popolare: decisivo, eroico, una delle massime manifestazioni, anche in chiave di arte assoluta, del ‘900. Omologabile alle grandi idee dell’espressionismo in Germania e del realismo in Italia. Con un valore in più: la letteratura alta. Quel cinema riuscì nella fusione, la più nobile e difficile, fra la poesia pura e lo specifico del cinema. Era il manifesto di uno splendido sviluppo umano, sociale e artistico, certo ideale e teorico, la realizzazione di un sogno. E come tale, durò poco.

I nomi fondamentali erano: Renoir, Clair, Carné registi, Gabin attore, Prévert poeta. Seppure con “arte” diversa, Vigo li aveva preceduti.

L’estetica di Vigo possiede una potenza artistica esclusiva. Ogni fotogramma de L’Atalante potrebbe tenere una mostra al Beaubourg.
 
L’Atalante, il film - Dal dizionario Farinotti:
Un uomo vestito si getta in acqua da un barcone con una scritta a prua che recita “l’Atalante”. È il nome del bateau sulla Senna che Jean Vigo utilizza come palcoscenico per la sua storia. Quest’uomo viene seguito dalla macchina da presa sott’acqua mentre nuota con movimenti magici, poetici, sinuosi, in cerca di qualcosa. Quel qualcosa, o qualcuno, che è scappato, la sua sposa, che ritrova sognandola proprio lì, sotto le acque della Senna, vestita in bianco. Questa è una delle sequenze della storia del cinema. Quel cinema francese che raccontava vicende poetiche e surreali attraverso immagini che sono, ancora oggi, insuperabili. Questa sequenza in particolare in Italia è stata per anni la sigla di Fuori Orario, la trasmissione su Rai 3 più in voga per i veri appassionati cinefili. Sono immagini artistiche perfette.
La storia è semplice, ma trattata da Vigo alla sua maniera: poetica e non reale. In una cittadina francese, Jean, che gestisce una chiatta fluviale da trasporto, sposa Juliette. La chiatta diventa la loro casa, in compagnia di Jules (Michel Simon), anziano marinaio tatuato che ha girato il mondo, e di un ragazzo che li aiuta. La vita matrimoniale è gradevole. Jules incanta tutti con le storie delle sue avventure. Ben presto Juliette comincia a sentirsi a disagio in quell’angusto spazio galleggiante, fino a litigare col marito e ad andarsene. Jean si butta nel fiume, nuota a occhi aperti (ecco la scena “mitizzata”) e vede la moglie in abito da sposa. La sua disperazione diventa intollerabile, potrebbe anche morire e allora i suoi amici decidono di ritrovare a ogni costo la donna. E la trovano. E lei è ben felice di tornare.”

L’Atalante è del 1934, ma da sei anni l’artista aveva cominciato a prendere le misure col linguaggio e i contenuti. A propos de Nice, (1928) è la sua prima regia. Nella descrizione di Nizza il regista gioca con i contrasti, quelli sociali, mostrando il carnevale, la vita pigra dei ricchi a fronte dei quartieri “disperati” della città. L’altro contrasto vive contrapponendo il realismo dell’avanguardia russa al surrealismo di moda in Francia in quella stagione. 

Taris, ou la natation (Taris o del nuoto) del 1932 è un “corto” di soli 12 minuti dove il protagonista è il campione di nuoto francese. Pure in quello spazio corto, e con una storia da non inventare, Vigo riesce a creare qualcosa di “suo”, che verrà inteso nel tempo.

In Zéro de conduite (Zero in condotta) del 1933 Vigo racconta se stesso: le esperienze personali, il ricordo del padre, il tutto filtrato dalla sua cifra di dolore e di pessimismo. A fine riprese dirà: “Questo film è talmente la mia vita da bambino che non vedo l’ora di passare ad altro.”

   

Altre news e collegamenti a Michel Simon »
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
venerdì 26 febbraio
La tristezza ha il sonno leggero
domenica 21 febbraio
The Night Manager
giovedì 18 febbraio
The Good Fight
venerdì 15 gennaio
Disincanto - Stagione 3
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità