Il piano di Maggie - A cosa servono gli uomini

Film 2015 | Commedia +13 98 min.

Titolo originaleMaggie's Plan
Anno2015
GenereCommedia
ProduzioneUSA
Durata98 minuti
Regia diRebecca Miller
AttoriGreta Gerwig, Julianne Moore, Ethan Hawke, Bill Hader, Maya Rudolph, Travis Fimmel Wallace Shawn, Alex Morf.
Uscitamercoledì 29 giugno 2016
TagDa vedere 2015
DistribuzioneAdler Entertainment
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,34 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Rebecca Miller. Un film Da vedere 2015 con Greta Gerwig, Julianne Moore, Ethan Hawke, Bill Hader, Maya Rudolph, Travis Fimmel. Cast completo Titolo originale: Maggie's Plan. Genere Commedia - USA, 2015, durata 98 minuti. Uscita cinema mercoledì 29 giugno 2016 distribuito da Adler Entertainment. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,34 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Il piano di Maggie - A cosa servono gli uomini
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Allegra ed affidabile, la trentenne newyorkese Maggie Hardin pianifica e organizza ogni istante della propria vita. Finchè un giorno impara in prima persona che a volte il destino dovrebbe essere lasciato indisturbato. In Italia al Box Office Il piano di Maggie - A cosa servono gli uomini ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 274 mila euro e 65,4 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,34/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,17
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Commedia brillante di denegazione romantica, Il piano di Maggie produce dialoghi comici, ironia acida e scambi esilaranti sull'innamorarsi.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 23 febbraio 2016
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 23 febbraio 2016

Maggie, insegnante di arte e management, ha un piano: avere un figlio da sola ma poi incontra John e il bambino lo fanno in due. Tre anni dopo però le cose non sembrano girare nel verso giusto. Antropologo che sogna di scrivere un romanzo di fiction, John ha lasciato per Maggie la moglie, accademica egocentrica da cui ha avuto due figli e con cui mantiene un legame morboso. Disamorata e convinta dell'amore ancora vivo tra i coniugi, Maggie ordisce un secondo piano: rimettere insieme la coppia. Tra ritiri in montagna e appartamenti in città, muove i fili di una vita che vorrebbe senza menzogna ma a cui finisce per mentire.
Screwball comedy contemporanea dentro la linea di Allen (non solo perché è ambientata a New York) e di Baumbach (non solo perché c'è Greta Gerwig), Il piano di Maggie porta a ebollizione le intermittenze sentimentali di borghesi inquieti, a cui New York, come in Manhattan, fornisce incipit e linee di fuga. Dal cinema di Woody Allen eredita i personaggi che speculano, interpretano, interrogano tutto il tempo se stessi e il mondo, da quello di Noah Baumbach la rapsodica mobilità, di entrambi l'ironia come modo personale di dare forma alla sofferenza. Motore del film la ricerca della felicità, quella quasi magica delle commedie romantiche americane, che Rebecca Miller aggiorna ai tempi, riposizionando opportunamente lo sguardo.
Abitato sentimentalmente da personaggi ipercolti, professori universitari che vantano innumerevoli pubblicazioni e citano Žižek, Il piano di Maggie organizza scene da rimatrimonio a tre con bambini e dei bambini condivide la propensione ludica quanto la lampeggiante cattiveria. Maestra di crudeltà è soprattutto la Georgette di Julianne Moore, consorte abbandonata che rielabora il tradimento con l'ennesimo libro dal titolo suggestivo: "Bringing back the Geisha". Alla lettura pubblica non manca la sua rivale, la Maggie di Greta Gerwig, eroina comica cresciuta nei film di Baumbach e agente biondo d'instabilità che semina suo malgrado tempesta. Maggie, affetta da delirio di onnipotenza e predisposta a storie sentimentali 'lunghe' tre mesi, pianifica con la gravidanza l'amore, la cui naturale mercurialità finisce per sorprenderla e condurla dove non si aspettava. Magari insieme al marito di un'altra.
A questo punto il film fa un salto in avanti di tre anni, sorprendendo Maggie e John sposati con prole. E Il piano di Maggie comincia proprio lì, mettendo le basi per qualcosa di sorprendente. Perché Maggie tre anni dopo non ama più John e nulla va come dovrebbe andare, tantomeno come canone romantico vorrebbe. Se la felicità nella commedia sentimentale americana si prospetta nel godere infine, superati ostacoli, equivoci e inganni, di un amore ricambiato, in Maggie's Plan quell'amore viene convogliato, meglio ri-convogliato sulla coppia di partenza, sciogliendo la mania atavica del controllo della sua protagonista. Protagonista che nell'epilogo pattina all'indietro, affidandosi finalmente al caso, e stupisce davanti all'inesplicabile immaginazione del caos. Tra ellissi e accelerazioni improvvise, la commedia di Rebecca Miller produce dialoghi comici, ironia acida e scambi esilaranti sull'innamorarsi, sull'impossibilità di continuare ad amarsi, sull'impossibilità dello smettere di amarsi. Piacevolmente sgualcito dall'esercizio costante della riflessione, c'è Ethan Hawke, 'precario' e in pulsione di ritorno tra la Moore e la Gerwig, pungente una, smussata l'altra mentre ordiscono il piano del titolo e una scommessa d'amore vinta perdendo. Perché Maggie cede il presunto uomo della sua vita all'ex rivale e la sua vita va altrove, verso direzioni impreviste, oltre la rassicurante tutela delle norme sociali e sentimentali. Commedia brillante di denegazione romantica, che riconsegna lo sposo alla legittima consorte, Il piano di Maggie introduce schegge di contemporaneo disagio prima di ricomporsi in un ballo siglato da una canzone di Bruce Springsteen ("Dancing in the dark"), che 'canta' il matrimonio quando il fuoco si spegne. Ed è danzando nell'oscurità che John e Georgette (ri)troveranno la scintilla. A bordo pista intanto Maggie si congeda in un clima di rinuncia senza il vero struggimento del mélo e con la cognizione che la vita ha troppa fantasia per forzarla in un disegno ordinato.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
IL PIANO DI MAGGIE - A COSA SERVONO GLI UOMINI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
CHILI
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 20 luglio 2016
vanessa zarastro

In linea con le commedie newyorkesi, senza averne però lo stesso lato umoristico, “Il Piano di Maggie” presenta una ragazza cresciuta con la madre (Greta Gerwig) che vuole riproporre, in qualche misura, la sua vita cercando di fare un figlio in provetta da sola. Vestita come una preppy anni ’60 Maggie Hardin non riesce proprio ad essere sexy.

lunedì 17 ottobre 2016
Liuk!

Maggie's Plan è una commedia deliziosa, estremamente intelligente e tipicamente newyorkese. Sentimenti veloci e leggeri, un senso della vita superficiale ed immaturo ma immerso nel colto mondo universitario, tra arte ed antropologia: solo la Gerwig poteva fare risaltare questi aspetti in modo così diretto, e ci riesce, benissimo.

giovedì 13 aprile 2017
annalisarco

 Ci sono dei film che vedi per caso, e che sono dei piccoli gioiellini. Il “caso”, per me, è stato EthanHawke, uno di quei nomi di cui ti fidi ciecamente, che ti porta a vedere un film anche senza leggere la trama. Lui, per me, è uno degli attori, sceneggiatori e artisti più meritevoli da sempre. Ma andiamo per ordine.

venerdì 1 luglio 2016
Flyanto

Quante volte ci è capitato nella propria vita di programmare e di cercare di raggiungere a tutti i costi determinati traguardi animati da una forte determinazione, da buona volontà e da una grande speranza! E tutto ciò è quello che succede alla protagonista (Greta Gerwig) della commedia "Il Piano di Maggie" , la quale pianifica la propria esistenza cercando [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
martedì 5 luglio 2016
Roy Menarini

In Italia il movimento "mumblecore" - di cui Il piano di Maggie è erede alla lontana - è passato abbastanza inosservato. Eppure, nell'ideazione di Mark Duplass e Jay Duplass, e nel fiancheggiamento di Greta Gerwig, il piccolo rinnovamento interno alla produzione indipendente dei primi anni Duemila ha lasciato più tracce di quel che si pensava (oltre a film curiosi come Humpday o A casa con Jeff). In effetti, il ricorso a bassi budget, ai dialoghi incessanti, alla rappresentazione di trentenni indecisi e urbanizzati, non pareva in alcun modo affermare una rivoluzione - caso mai sembrava una appropriazione molto semplificata della lezione anni Settanta di Woody Allen e delle ramificazioni contemporanee, a cominciare da Richard Linklater e Noah Baumbach.

Le strade dei più giovani e dei più esperti, nel reticolare mondo dell'off Hollywood, si è poi saldato. Baumbach ha riconosciuto come musa (e sposato) Greta Gerwig, donandole personaggi formidabili in Greenberg e Frances Ha (e meno in Mistress America), e facendosi ibridare al modello "mumblecore" con le sceneggiature della stessa Greta.

Al tempo stesso, i fratelli Duplass hanno via via ispirato le nuove comedy televisive, come Togetherness (frutto diretto) o a Transparent, Love e tanti altri prodotti (frutti indiretti). Il tutto si mescola poi a autrici di altra estrazione, come Lena Dunham, e alla scuderia di Judd Apatow, più sbilanciati verso la comicità pura, ma non meno interessati a raccontare l'America degli irrisolti.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Un espediente cui ricorreva la commedia hollywoodiana deIl'età d'oro di Lubitsch e di Hawks era il "ri-matrimonio". Un esempio è La signora del venerdì. Era una maniera obliqua per raccontare in modo spigliato e disinvolto situazioni piccanti, extramatrimoniali. che il codice di autocensura degli studios avrebbe ostacolato se alla fine dei fuochi d'artificio non ci fosse stata la ricomposizione.

Anna Maria Pasetti
Il Fatto Quotidiano

Maggie è colta, moderna e vuole un figlio: "Affitta" un donatore di seme ma sul più bello si scopre innamorata dell'antropologo John che la ricambia, la mette incinta e se la sposa in seconde nozze. Le prime, infatti, lo legavano a Georgette, suprema accademica e madre di due figli con lui generati. Passano pochi anni e John è divorato dalla depressione, interpretata da Maggie come nostalgia della [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

Maggie (Greta Gerwig) è una trentenne insegnante d'arte, con amici fidati, abituata a pianificare tutto nella vita. Tanto da avere un piano ben preciso in testa: diventare mamma, ma da sola. Entra, così, in contatto con Guy (Travis Fimmel), un vecchio compagno di college, che sembra il tipo perfetto come donatore del seme. Intanto, John Harding (Ethan Hawke), saggista e brillante professore di antropologia, [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Trent'anni, un corso di arte e management tutto per sé alla Columbia University, Maggie ha deciso che è arrivato il momento di avere un figlio. Il progetto però esclude un compagno/marito/padre, figura che potrebbe essere ingombrante e prevede invece di concepirlo con l'inseminazione artificiale. Lei è bella, anche negli abiti vintage di gusto retrò citazione forse dell'amata mamma quacchera, molto [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Il padre è Arthur Miller, la madre una nota fotografa austriaca, il marito si chiama Daniel Day Lewis: ecco a voi Rebecca Miller, poliedrica artista trasmigrata dalla pittura alla letteratura e al cinema, senza tuttavia disperdere il suo talento grazie a un mondo poetico coerentemente centrato su un tema: un'idea di donna, in quanto individuo con una sua personalità, che non teme di avventurarsi nell'esplor [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Greta Gerwig diventa mamma. Avevamo lasciato questa versione molto contemporanea della Svampita capace di tutto alle prese con i vaghi quanto ambiziosi progetti di Mistress America, diretto ancora una volta dal suo compagno Noah Baumbach (e cosceneggiato da lei). La ritroviamo incinta e innamorata in Il piano di Maggie - A cosa servono gli uomini, prima commedia di Rebecca Miller, figlia di Arthur, [...] Vai alla recensione »

NEWS
CELEBRITIES
lunedì 27 giugno 2016
Marzia Gandolfi

Ha gli occhi ambrati Greta Gerwig. Non verdi, non marroni ma ambrati, mentre visualizzano idee e inseguono un'altra avventura dentro un caffè di Brooklyn che serve coi sogni bio il tè organico e i sandwiches vegani.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati