MYmovies.it
Advertisement
6
274
Una commedia brillante ricca di dialoghi comici, ironia acida e scambi esilaranti sull'innamorarsi.

Maggie, insegnante di arte e management, ha un piano: avere un figlio da sola ma poi incontra John e il bambino lo fanno in due. Tre anni dopo però le cose non sembrano girare nel verso giusto. Antropologo che sogna di scrivere un romanzo di fiction, John ha lasciato per Maggie la moglie, accademica egocentrica da cui ha avuto due figli e con cui mantiene un legame morboso. Disamorata e convinta dell'amore ancora vivo tra i coniugi, Maggie ordisce un secondo piano: rimettere insieme la coppia. Tra ritiri in montagna e appartamenti in città, muove i fili di una vita che vorrebbe senza menzogna ma a cui finisce per mentire.

Abitato sentimentalmente da personaggi ipercolti, professori universitari che vantano innumerevoli pubblicazioni e citano Zizek, Il piano di Maggie organizza scene da rimatrimonio a tre con bambini e dei bambini condivide la propensione ludica quanto la lampeggiante cattiveria.

Marzia Gandolfi / MYmovies.it

Screwball comedy contemporanea dentro la linea di Allen (non solo perché è ambientata a New York) e di Baumbach (non solo perché c'è Greta Gerwig), Il piano di Maggie porta a ebollizione le intermittenze sentimentali di borghesi inquieti, a cui New York, come in Manhattan, fornisce incipit e linee di fuga. Dal cinema di Woody Allen eredita i personaggi che speculano, interpretano, interrogano tutto il tempo se stessi e il mondo, da quello di Noah Baumbach la rapsodica mobilità, di entrambi l'ironia come modo personale di dare forma alla sofferenza. Motore del film la ricerca della felicità, quella quasi magica delle commedie romantiche americane, che Rebecca Miller aggiorna ai tempi, riposizionando opportunamente lo sguardo.


CONTINUA A LEGGERE    SCRIVI LA TUA RECENSIONE
GRETA GERWIG, MISS AMERICA DAL SORRISO IMMENSO E LE SPALLE SOLIDE

Ha gli occhi ambrati Greta Gerwig. Non verdi, non marroni ma ambrati, mentre visualizzano idee e inseguono un'altra avventura dentro un caffè di Brooklyn che serve coi sogni bio il tè organico e i sandwiches vegani. Attrice ad alta intensità emozionale rivelata da Noah Baumbach nel 2010 (Lo stravagante mondo di Greenberg), sublimata da Whit Stillman (Damsels in Distress - Ragazze allo sbando), invitata nel tour italiano di Woody Allen (To Rome with Love) e nel paradiso elettronico di Mia Hansen-Løve (Eden), avanza nella vita come le sue eroine mondane in bilico tra un racconto morale rohmeriano e una commedia romantica alleniana.


Bionda sommessa dal sorriso immenso e le spalle solide, entra dalla porta di servizio del cinema indipendente americano con Joe Swanberg (LOL) e diventa figura di prua del mumblecore, un movimento che annovera film a combustione spontanea, girati più spesso con camera digitale, pochi soldi e un pugno di attori che raccolgono l'eredità di John Cassavetes e interpretano l'erranza studentesca di una generazione che discute all'infinito sulla propria indeterminazione.
Marzia Gandolfi

E di quella generazione Greta diventa la musa con Frances Ha, dove "non è ancora una persona vera" ma una giovane donna che ha lasciato l'adolescenza da qualche tempo senza raggiungere la terra ferma di un'ipotetica età adulta. Frances non è più studentessa ma non ha ancora un lavoro, non vive più coi suoi genitori ma cerca sempre un suo nido traslocando da un appartamento all'altro. Piena di una grazia goffa e lunare, l'attrice incarna un intervallo che rischia di perpetuarsi diventando destino indeterminato. L'incompiutezza è la condizione esistenziale e sociale di tutti i suoi personaggi, che si inventano senza aver bisogno di una storia d'amore perché gli innamoramenti si integrano in un contesto relazionale e immaginario più grande, dove a contare di più sono l'amicizia, il gruppo, la scoperta del mondo.


CONTINUA A LEGGERE    SCRIVI LA TUA RECENSIONE
IL PIANO DI MAGGIE, IN SCENA L'AMERICA DEGLI IRRISOLTI

In Italia il movimento "mumblecore" - di cui Il piano di Maggie è erede alla lontana - è passato abbastanza inosservato. Eppure, nell'ideazione di Mark Duplass e Jay Duplass, e nel fiancheggiamento di Greta Gerwig, il piccolo rinnovamento interno alla produzione indipendente dei primi anni Duemila ha lasciato più tracce di quel che si pensava (oltre a film curiosi come Humpday o A casa con Jeff). In effetti, il ricorso a bassi budget, ai dialoghi incessanti, alla rappresentazione di trentenni indecisi e urbanizzati, non pareva in alcun modo affermare una rivoluzione - caso mai sembrava una appropriazione molto semplificata della lezione anni Settanta di Woody Allen e delle ramificazioni contemporanee, a cominciare da Richard Linklater e Noah Baumbach.


Le strade dei più giovani e dei più esperti, nel reticolare mondo dell'off Hollywood, si è poi saldato. Baumbach ha riconosciuto come musa (e sposato) Greta Gerwig, donandole personaggi formidabili in Greenberg e Frances Ha (e meno in Mistress America), e facendosi ibridare al modello "mumblecore" con le sceneggiature della stessa Greta.
Roy Menarini

Al tempo stesso, i fratelli Duplass hanno via via ispirato le nuove comedy televisive, come Togetherness (frutto diretto) o a Transparent, Love e tanti altri prodotti (frutti indiretti). Il tutto si mescola poi a autrici di altra estrazione, come Lena Dunham, e alla scuderia di Judd Apatow, più sbilanciati verso la comicità pura, ma non meno interessati a raccontare l'America degli irrisolti.

CONTINUA A LEGGERE    SCRIVI LA TUA RECENSIONE
community
Aggiungi un commento
{{post.autore}}

{{post.data}}
{{post.lancio}}
continua a leggere»
{{risposta.autore}}

{{risposta.data}}
{{risposta.lancio}}
rispondi

{{PaginaCaricata()}}

Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati