Cha Cha Cha

Film 2013 | Thriller +16 90 min.

Anno2013
GenereThriller
ProduzioneItalia
Durata90 minuti
Regia diMarco Risi
AttoriLuca Argentero, Eva Herzigova, Claudio Amendola, Pippo Delbono, Pietro Ragusa Bebo Storti, Marco Leonardi, Shel Shapiro, Nino Frassica, Francesco Fiumarella, Mimmo Cuticchio, Rodolfo Corsato, Irena Goloubeva.
Uscitagiovedì 20 giugno 2013
Distribuzione01 Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +16
MYmonetro 1,90 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Marco Risi. Un film con Luca Argentero, Eva Herzigova, Claudio Amendola, Pippo Delbono, Pietro Ragusa. Cast completo Genere Thriller - Italia, 2013, durata 90 minuti. Uscita cinema giovedì 20 giugno 2013 distribuito da 01 Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +16 - MYmonetro 1,90 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Cha Cha Cha
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Un ex investigatore indaga nei meandri di una Roma cinica e grigia degli intrighi, degli affari sporchi, delle intercettazioni. In Italia al Box Office Cha Cha Cha ha incassato 206 mila euro .

Cha Cha Cha è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato no!
1,90/5
MYMOVIES 1,50
CRITICA 2,00
PUBBLICO 2,21
CONSIGLIATO NÌ
Un film di genere che senza appigliarsi alla cronaca vuole raccontare l'umore di un'epoca, la nostra, trasformando la sua consueta narrazione in apologo generico.
Recensione di Dario Zonta
martedì 18 giugno 2013
Recensione di Dario Zonta
martedì 18 giugno 2013

L'investigatore privato Corso, bello e tenebroso, tormentato e di poche parole, deve seguire gli spostamenti di un giovane rampollo della Roma bene, figlio di un'attrice una volta bella, sua amica e forse qualcosa di più. Una sera il sedicenne, uscendo in fretta e furia da una festa in maschera, viene investito da un suv nero che sembrava aspettarlo al varco. Corso lo soccorre ma dalle lamiere della mini car per adolescenti ricchi tira fuori il corpo morente del suo protetto. Nello stesso arco di tempo la polizia scopre il cadavere di un uomo abbandonato su di un terreno alle porte di Fiumicino. Cosa collega queste due morti, l'una apparentemente accidentale l'altra no? È proprio quello che andrà a scoprire Corso in un'indagine scomoda che toccherà le sfere del malaffare e della corruzione in una Roma testimone muta della sua stessa decadenza.
Il primo campanello d'allarme di un film che si autodefinisce di genere senza averne assorbito la necessità, come se avesse mandato a memoria una formula, è il miscasting che riguarda proprio il protagonista, e di conseguenza il modo in cui è stato immaginato l'investigatore privato. Corso è un investigatore come non ce ne sono più, o come non ce ne sono mai stati. Vive e lavora a Roma, ma non ha assorbito il disincanto e il cinismo tipici della città, ben sintetizzati nella figura dell'ex collega poliziotto, un Amendola concentrato di livore "para-statale", duro ma non puro, taurino quando si toccano discorsi etici. Corso (il cui nome è un omaggio pieno e sentito al grande Corso Salani, scomparso tempo fa, attore per Risi in Muro di gomma e regista di suo in film folgoranti e ondivaghi tra viaggio, sperimentazione e riflessione) è riflessivo, vagamente silenzioso, sempre un po' stupefatto, tenebroso sì, ma mai realmente dolente. Un po' si piace, e gli piace sapersi perso, ma mai fino in fondo. È volitivo quando vuole, ma con passo lento, e anche quando si azzuffa o le prende, lo fa come incantandosi. È questo l'investigatore noir interpretato da Luca Argentero, ancora troppo bello per essere credibile nei panni di ex poliziotto alla ricerca della verità nelle pieghe sporche di Roma. Nel noir, la credibilità dei personaggi, primari e comprimari, è tutto.
Il dispositivo proiettivo in un film noir è cosa fondamentale. Se non si crede neanche un po' alla sofferenza, alla pietas, del detective di turno, non scatterà mai il processo empatico. Luca Argentero, attore pur bravo e tanto più nelle parti da commedia sofisticata, qui fatica a trovare una sua dimensione propria e allo stesso tempo il regista fatica a collocarlo in un immaginario preciso.
L'ultimo di Marco Risi è stato Fortapàsc, storia della vita e della morte di Giancarlo Siani, giovane giornalista napoletano del "Mattino" ucciso dalla camorra; un film pienamente nelle corde del regista de Il muro di gomma, dove storia, cronaca e denuncia si intrecciavano in una narrazione cinematografica credibile e soprattutto sentita. Dopo aver abbandonato un progetto sul fatidico accordo Stato-mafia (sarebbe stato, e forse sarà, un "altro muro di gomma"?), Risi ha scelto un film di genere, appunto, che senza appigliarsi alla cronaca, alla storia vera e alla denuncia circostanziate vuole raccontare l'umore di un'epoca, la nostra, trasformando la sua consueta narrazione in apologo generico, un atto d'accusa senza nomi e cognomi teso a rappresentare il malcostume e il malaffare seguendo i dettami di un presunto cinema di genere.
È questa strana indeterminazione che rende il film flebile, come se la scusa del genere, qui il noir, fosse sufficiente a tener in piedi l'indignazione, la sfida "militante", tipica del suo cinema impegnato e civile. Crediamo che Risi abbia sempre bisogno di ancorarsi alla verità di cui il suo cinema è sempre alla ricerca. Ma la verità generica non gli si addice più di tanto, anche quando calata in un noir fosco che mai rasenta, né forse vuole farlo, le esperienze più clamorose del nostro cinema di serie B, poliziotteschi durissimi ispirati a narratori di talento. Quello di cui Risi ha bisogno è della verità storica! La necessità della sua ricerca.

Sei d'accordo con Dario Zonta?
CHA CHA CHA
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€5,99 €11,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 24 giugno 2013
MarcoCremona

A me questo film non è dispiacituo affatto. I richiami al poliziesco italiano anni 70 sono davvero azzeccati per quanto la storia sia ambiantata ai giorni nostri. Un altro vantaggio è la totale assenza di risvolti o rimandi alle ideologie politiche (cosa abbastanza comune negli ultimi film per film di genere). La trama, per quanto non originalissima, si sviluppa in modo lineare senza [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 luglio 2013
daf_ma

 Vuoi  vedere un gran film? “Cha cha cha” non fa per te! Da Marco Risi, regista di Fortapàsc, ti aspetti qualcosa di più di un film che sembra non decollare mai, vuoi per la mancata costruzione e consistenza dei personaggi che, nonostante abbiano alcuni tratti, atteggiamenti e vizi che li contraddistinguono e che dovrebbero contribuire a renderli realistici, non [...] Vai alla recensione »

mercoledì 3 luglio 2013
Vincenzo Iennaco

Il cadavere di un'ingegnere viene trovato in un campo al limitare dell'aeroporto di Fiumicino. Il figlio di una ricca famiglia della borghesia romana viene tamponato da un SUV all'uscita da una discoteca. C'è una qualche relazioone tra le due morti? Il dubbio si insinuerà sempre più nell'investigatore privato Corso, che stava pedinando il giovane per conto della [...] Vai alla recensione »

martedì 9 giugno 2015
ultimoboyscout

Titolo ballerino per un noir che racconta l'Italia, un film brutto (parecchio), sporco e cattivo sui misteri di Roma, dal titolo spiazzante per un film notturno ed attuale che narra di una città collusa e corrotta, segreta, macchiata irrimediabilmente da giochetti politici, sicuramente più adatto a commedie estive e vacanziere degli anni '60.

martedì 17 dicembre 2013
Liuk

Noir discreto, con una buona storia ambientata a Roma ma con una pessima scelta di attori. Argentero (buono in alcune commedie) non è adatto al ruolo principale, che avrebbe  necessitato di attore più esperto e più adatto al genere, la Herzigova non è un'attrice e lo stesso Amendola (il "meno peggio" di tutti) non sembra che prenda il film sul serio.

mercoledì 6 agosto 2014
stefano bruzzone

 Marco Risi è un bravo regista,si vede, e la sceneggiatura sarebbe anche apprezzabile...un thriller ricco di atmosfere insolito per Risi e per il cinema italiano, peccato che il cast sia assolutamente inadeguato. Recitazione da fiction tv e personaggi appena abbozzati. Argentero ce la mette tutta ma non è il suo genere, meglio il comico.

domenica 3 novembre 2013
albertoluongo

Ho iniziato a guardare questo film pensando di annoiarmi e di non vedere scenografia, dialoghi, velocità e realtà. Sotto alcuni punti di vista è stato così. Dialoghi scontanti e semplici. Scenografia quasi assente. Riprese mediocri. Ma e un film Italiano e l'ho voluto guardare sperando in uno schiaffo morale. Rimasto contento dell'interpretazione di Argentero e Ammendola, contento della velocità [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 luglio 2013
pensierocivile

Problema n.1: il cast. La scelta del parco attori è davvero bislacca, così come l'assegnazione dei ruoli: sia chiaro, non tutti mostrano le proprie lacune, ma tutti invece si abbandonano allo stereotipo nella recitazione, Argentero biascica ogni parola, Amendola e il cinema sembrano ormai amanti in crisi, la Herzigova fa del suo "meglio", ma un'attrice di razza avrebbe fatto sicuramente meglio, Pippo [...] Vai alla recensione »

domenica 30 giugno 2013
Wwiwa

Visto il regista e gli attori mi aspettavo qualcosina in +. Belle le ambientazioni e la fotografia ma la trama è molto banale. Anche la scena con Argentero nudo mi sembra artificiosa, quando uno si fa una doccia avrà un asciugamano vicino o no? E la Herzegova come attrice non mi ha convinto, Insomma non mi ha dato emozioni e non posso consigliarlo

martedì 25 giugno 2013
Francesco Monteleone

 Cha Cha Cha, regia di Marco Risi, Italia, 2013. Un thriller fatto in economia, ma diretto da una bella testa e rivissuto da attori con il muso appuntito. Le belle guance di Eva Herzigova non le danno il profitto olgettino, ma una decente espressività drammatica. Luca Argentero sfoggia una prolungata santissima nudità e una positiva sapidità.

martedì 25 giugno 2013
soleverde

mi è piaciuto, e molto! Un film fuori dal coro, finalmente. Perfetta la fotografia del grande Marco Onorato, una Roma bellissima, la colonna sonora accompagna piacevolmente, grande cura nel sonoro, particolari e non banali le location, bellissima Eva Herzigova ma incredibilmente è l'uomo che si spoglia e... non per una scena scontata! Raffinato, curato, attuale, c'è sempre quel qualche cosa che coglie [...] Vai alla recensione »

Frasi
Non ho prezzo
Corso (Luca Argentero)
dal film Cha Cha Cha - a cura di Lidia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Cristina Piccino
Il Manifesto

Della danza cubana da cui prende il titolo nel film di Marco Risi c'è poco; un raccordo finale di una gara per coppie, metafora forse di vita, officiata dal maestro di cerimonie Nino Frassica, in cui si riemerge dal buio fitto dei misteri. Fino lì abbiamo viaggiato in una metropoli notturna, il lato oscuro della «GrandeBellezza», se vogliamo stare ai giochini di società-network, che l'occhio mobile [...] Vai alla recensione »

Valerio Caprara
Il Mattino

Roma noir. Ma meno «Romanzo criminale» e più declinata sul canovaccio hard-boiled del detective solitario alle prese con i torbidi segreti di una megalopoli. Con «Cha cha cha» Marco Risi dimostra ancora una volta d'essere un regista d'istinto, grintoso e dotato di «occhio» per i particolari, ma soprattutto di non volersi trincerare dietro un asettico status d'autore.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un vigoroso noir anni 40 innestato nel corpo flaccido dell'Italia di oggi. Un plot di geometrico rigore per un paese che di geometrico non ha più nulla («In Italia la distanza più breve tra due punti è l'arabesco» diceva Flaiano). Un «occhio privato» che indaga su una brutta storia di corruzione e delitti (Luca Argentero, troppo apollineo come detective strapazzato dalla vita), e un sottobosco di spioni, [...] Vai alla recensione »

NEWS
VIDEO
giovedì 30 maggio 2013
Chiara Renda

A quattro anni di distanza dall'ultimo film (Fortapàsc), Marco Risi torna dietro alla macchina da presa, questa volta con un film di genere: Cha Cha Cha. Thriller ambientato in una Roma scura e notturna, quella degli intrighi politici e degli affari sporchi, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati