Isola 10

Film 2009 | Drammatico 117 min.

Regia di Miguel Littin. Un film con Benjamín Vicuña, Cristian De La Fuente, Pablo Krögh, José Bertrand, Sergio Hernández. Cast completo Titolo originale: Isla 10. Genere Drammatico - Cile, Brasile, Venezuela, 2009, durata 117 minuti. Uscita cinema venerdì 17 giugno 2011 distribuito da Nomad Film. - MYmonetro 2,67 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
Isola 10
tra i tuoi film preferiti.




oppure

I mesi di reclusione nel campo di prigionia di Dawson di alcuni ministri e collaboratori di Salvador Allende, all'indomani del golpe guidato da Pinochet.

Isola 10 è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,67/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 2,83
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Uno sguardo intelligente sull'importanza della memoria di un popolo.
Recensione di Marianna Cappi
sabato 17 ottobre 2009
Recensione di Marianna Cappi
sabato 17 ottobre 2009

Cile. Settembre 1973. Dopo il colpo di stato militare che rovescia Allende, un gruppo di ministri e di autorità del suo seguito vengono fatti prigionieri e deportati nel campo di concentramento di Dawson Island, nello Stretto di Magellano. Tra loro c'è Sergio Bitar, ministro delle miniere e consigliere economico del presidente, prigioniero numero 10, che di quella prigionia scriverà, una volta libero, dopo un lungo esilio.
Miguel Littin, cineasta cileno conosciuto e apprezzato internazionalmente, ricostruisce la testimonianza di Bitar amalgamando l'esperienza da documentarista con una buona sensibilità per il racconto. Così, gli attori in scena incarnano credibilmente la Storia, la sua memoria, e le storie, che il cinema può e deve raccontare, con i propri mezzi da teatro delle ombre e dei fantasmi.
La quotidianità dei lavori forzati, dell'obbedienza imposta col terrore, dell'impossibilità di usare la parola come strumento di replica per chi nella parola ha creduto, mettendo la propria al servizio degli altri, è cosa immaginabile, sulla quale Littin non insiste, provando invece a spostare l'occhio sulle eccezioni, sul numero del soldato tonto, sull'empatia di una guardia politicamente confusa, che intima ai prigionieri di gridare di dolore, come se li stesse malmenando, mentre li invita a riempirsi in fretta le tasche di frutta secca, ricca di vitamine.
Non per questo Dawson Island 10 diviene un film imprevedibile, non è il suo scopo né la sua virtù. La sua qualità è un'altra, quella di raccontare l'intelligenza di un gruppo di persone che non dimentica la propria identità, malgrado la condizione; che non si rifiuta ma non per questo accetta; che conosce il valore di una matita (spezzata), di uno spiraglio per l'espressione. Dignità del narrato e del narratore, quindi, che, posta a premessa, autorizza anche i primi piani, la messa in scena dei sentimenti. Non è mai stata qualità facile da portare in superficie sullo schermo, l'intelligenza, senza farsi lusingare dalle sirene della vanità o della pretesa di insegnare qualcosa, meno che mai quando la sua natura non è individuale ma collettiva. Un merito che Littin si guadagna nel nome della sobrietà e dell'impegno.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
ISOLA 10
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 10 luglio 2011
august

Il film di Miguel Littin è un bellissimo esempio d’arte cinematografica che dimostra coem il film sud americani non hanno niente d invidiare a quegli di Hollywood. La fotografia del paesaggio a temporale è quasi nordica della terra del fuoco è bellissima è molto austera e il direttore della fotografia Miguel Ioan Littin riesce a dare l’illusione d’essere [...] Vai alla recensione »

venerdì 7 ottobre 2011
Luca Scialo

Alcuni Ministri e funzionari del Governo Allende vengono deportati dopo il Golpe per opera di Pinochet sulla Dawson Island, nello Stretto di Magellano, e qui costretti ai lavori forzati. Una sorta di campo di concentramento reso meno duro dalla Convenzione di Ginevra. Vivono ogni giorno con la paura di morire, deportati da un campo all'altro.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Cambia il vento, la Rai trasmette Il caimano e torna in sala Miguel Littin, importante cineasta latino americano esiliato in Messico da Pinochet. Tramanda, lui che è stato raccontato da Marquez in libro, la storia autobiografica di un ministro deportato (è «villeggiatura» del triste regime) nella Terra del Fuoco. Lo stile è quello di allora: impegno, grigiore, denuncia e il peccato veniale di qualche [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Sui giorni nei vissuti delle personalità del governo Allende segregate nell’isola di Dawson, non ci sono racconti specifici, se non spezzoni in altri film. Segregati in un campo di concentramento dove viene fuori tutto, dal flirt quotidiano con la morte all’ingerenza degli americani, ministri e amministratori con le loro famiglie passano l’inferno dopo il golpe del 1973 a Santiago.

Silvana Silvestri
Il Manifesto

Il nuovo cinema cileno ha dato un'interpretazione originale del grande processo della memoria che ha investito l'intero continente latinoamericano dopo un lungo periodo di anestesia o meglio, di Amnesia, per ricordare un celebre film cileno di Gonzalo Justiniano. Basterebbe pensare a Post mortem Pablo Larrain uscito da poco nelle sale (e in dvd) che torna in maniera implacabile al momento chiave della [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Il cileno Miguel Littin è stato un mito della generazione cresciuta nei cineclub degli anni ’70. È bello vederlo tornare più combattivo e «compagno» che mai, con un film che ricostruisce la deportazione dei prigionieri politici dopo il golpe di Pinochet nel 1973. «Isola 10» è il nome in codice di uno di loro, perché sulla gelida isola Dawson, al largo del Cile, nessuno poteva mantenere la propria [...] Vai alla recensione »

Boris Sollazzo
Liberazione

A chi si scandalizza per il nobel a Obama, ricordiamo che il premio per la Pace, dalla memoria corta e dalle molte speranze, ha avuto vincitori ben più improbabili. Fu politico ma ardito anche quello a Arafat e Rabin, un ex terrorista e un ex generale, viatico per una pace mai siglata e affogata nel sangue del secondo. Fu incomprensibile e tragicamente beffardo quello a Kissinger.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

È un film, questo Dawson, Isla 10 di Miguel Littin (il quale è stato nel cinema il massimo interprete del Cile di Salvador Allende e del Cile che ne ha tenuta viva la memoria) che riveste speciale valore per il suo paese - che tornerà alle urne nel 2010 nel ventennale della riconquistata democrazia - ma che ricorda anche a noi tutti una pagina storica importante.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati