Le armonie di Werckmeister

Un film di Béla Tarr. Con Lars Rudolph, Hanna Schygulla Titolo originale Werckmeister harmóniák. Drammatico, durata 145 min. - Ungheria 2000. MYMONETRO Le armonie di Werckmeister * * * * 1/2 valutazione media: 4,56 su 12 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
Consigliato assolutamente sì!
4,56/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblico * * * * *
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
primo piano
Uno dei risultati più alti della sua carriera, un capolavoro sull'abbrutimento, sulla sopraffazione e su una mancanza di senso
Marco Chiani     * * * * -

Nella piazza di un paesino della pianura ungherese, una notte, si installa un camion che trasporta, come attrazione da fiera, il corpo impagliato di un'enorme balena. La accompagna, insieme all'imbonitore, uno strano essere - chiamato il Principe - che presto profetizzerà fine e distruzione. Il giovane postino János assiste impotente al disfacimento dello stato civile e ad un'ondata di immotivata violenza partita dagli stessi abitanti del luogo.
L'irruzione, prepotente eppure subdola, del negativo in una comunità già senza speranza costituisce la prima ispirazione di un concerto in maggiore che Bèla Tarr conduce attraverso l'usuale ricorso al bianco e nero e alla tecnica del piano sequenza. Tratto da "Melancolia della resistenza", romanzo di László Krasznahorkai, anche sceneggiatore, come di consueto da Perdizione in poi, questo titolo incentrato sulla permeabilità al male lavora, ancora una volta, sulle possibilità offerte dal tempo e dallo spazio: a livello formale, lo fa attraverso un linguaggio espressivo giunto alla sua perfezione, a livello contenutistico, invece, producendo una vicenda esemplare capace di racchiudere, per metafora, orrori passati da cui continua a mettere in guardia. Come ha dichiarato il regista, infatti, Le armonie di Werckmeister "riguarda un conflitto eterno: la lotta secolare tra l'istinto barbarico e la civilizzazione; riguarda un processo storico che ha definito gli ultimi due secoli di tutta l'Europa Orientale".
In trentanove memorabili inquadrature, l'autore magiaro licenzia uno dei risultati più alti della sua carriera, un capolavoro sull'abbrutimento, sulla sopraffazione e su una mancanza di senso riassunta perfettamente dalla figura di una popolazione che, accesa dal fuoco dell'insania, dimentica la sua umanità, rivolgendosi contro se stessa. Un equilibrio davvero straordinario regge la sequenza dell'aggressione ai danni dei degenti dell'ospedale fino all'incontro con l'immagine, dilaniante e potentissima, di un vecchio scheletrico e impotente in piedi nella vasca da bagno: come gli stessi aggressori, la macchina da presa rimane sulla porta, senza sporcare il ritratto stesso di tutto ciò che rimane dell'uomo con la prossimità tagliente dell'obiettivo. È in questo momento di devastante impatto emotivo che Tarr afferma, ancora una volta, la convivenza strettissima tra linguaggio e senso nel proprio metodo, quella mirabile consonanza in grado di scavare nelle pieghe più recondite e malsane dell'esperienza umana.
Misterioso, deprimente, onirico e crudele, Le armonie di Werckmeister è la credibilissima fotografia di un mondo in attesa dell'Apocalisse: al mite e attonito János il compito di guidarci in un'impressionante passeggiata sull'orlo scivoloso del baratro.
Il titolo rimanda al musicista e teorico tedesco Andreas Werckmeister (1645 - 1706), a cui si deve quel termine di "buon temperamento" riferito ad un sistema di accordatura che permette di suonare in tutte le tonalità.

Stampa in PDF

* * * * *

Da tarr, un altro capolavoro sull'inganno.

martedì 3 novembre 2009 di slowfilm.splinder.com

Werckmeister è, come Satantango, un film sull’inganno. Lo stesso cinema di Tarr è arte dell’inganno, quando filma il suo bianco e nero perfetto e piega la luce ai suoi bisogni espressivi, quando crea vuote simmetrie legate al caotico istinto umano, quando i suoi piani sequenza, che dovrebbero assicurare l’oggettività dello sguardo, descrivono una realtà e dei comportamenti artificiosamente simbolici. La nostra guida è Valuska, che nella prima sequenza mette in scena un’eclissi di sole, momento di continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Le armonie di Werckmeister adesso. »
Le armonie di Werckmeister | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marco Chiani
Pubblico (per gradimento)
  1° | slowfilm.splinder.com
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Frasi | Pubblico | Forum | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità