Metropolis

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Metropolis   Dvd Metropolis   Blu-Ray Metropolis  
Un film di Fritz Lang. Con Gustav Fröhlich, Brigitte Helm, Alfred Abel, Rudolf Klein-Rogge, Fritz Rasp.
continua»
Fantascienza, Ratings: Kids+16, b/n durata 149 min. - Germania 1927. - Cineteca di Bologna uscita lunedì 16 marzo 2015. MYMONETRO Metropolis * * * * 1/2 valutazione media: 4,65 su 29 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato assolutamente sì!
4,65/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * * -
 critican.d.
 pubblico * * * * 1/2
Il conflitto tra magia e tecnologia moderna ispirò a Fritz Lang uno dei più importanti film di ogni epoca. Antesignano del cinema di fantascienza, rappresenta uno dei capolavori del cinema espressionista.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un capolavoro di fantascienza al tempo del muto
Giancarlo Zappoli     * * * * *

Metropolis, la megalopoli del futuro, è divisa in due parti. Nella città di sopra vivono i ricchi che godono di tutti gli agi. In quella inferiore gli operai, sfruttati come schiavi. Maria, che si occupa dei bambini di questi ultimi, li conduce un giorno a vedere un giardino della città di sopra. Qui incontra per la prima volta Freder, figlio del padrone assoluto di Metropolis, Frederer. Turbato dalla sua bellezza il giovane la va a cercare e scopre la dura vita degli operai. Maria mette tutte le sue forze nel tentativo di realizzare una mediazione tra quelle che definisce "le braccia e il cervello" ma lo scienziato Rotwang la rapisce e dona le sue sembianze a un robot che istigherà gli operai alla ribellione.
Capolavoro del cinema in assoluto e di quello di fantascienza in particolare Metropolis va collocato nella complessità socio-culturale del periodo in cui venne realizzato. La sceneggiatura è di Thea von Harbou, moglie di Lang, e già questo costituisce un elemento di riflessione perché la scrittrice pochi anni dopo avrebbe aderito al Partito nazista mentre il regista, ebreo per parte di madre, lasciò la Germania per raggiungere gli Stati Uniti. Sta in questo ibrido d'origine una delle possibili cause del fatto che Metropolis venisse, ad esempio, pesantemente criticato da un regista come Buñuel e apprezzato invece da Hitler, che vedeva nello sviluppo della trama e, in particolare nel finale, un sostanziale sostegno alla sua ideologia.
Al di là delle diverse letture coeve, il film costituisce una pietra miliare non tanto per la vicenda narrata, che ha molti debiti con il teatro (in particolare con quello di Ernst Toller e di Erwin Piscator) e non manca di elementi retorici, quanto per la visionarietà dal punto di vista scenografico. Lang si avvalse della collaborazione di ben tre scenografi (Kettelhut, Hunte e Vollbrecht) ed è grazie alla continua riflessione sull'immagine che la città avrebbe dovuto avere che il film superò qualsiasi aspettativa. Come doveva presentarsi una metropoli in cui dominavano l'oppressione e lo sfruttamento? Quanto il riferimento biblico (e brugheliano) alla Torre di Babele doveva divenire significativo? Come far percepire il trionfo delle macchine come un Moloch assetato di sacrifici umani? Sono tutte domande a cui la visionarietà di Lang e dei suoi collaboratori offre una risposta con un'opera che subì innumerevoli mutilazioni nel corso degli anni ma che ora gode di un restauro filologicamente accuratissimo.

Stampa in PDF

Premi e nomination Metropolis MYmovies
Giornate del cinema muto
Fantafilm cento anni di cinema di fantascienza
* * * * *

Espressionismo dell' anima

mercoledì 31 gennaio 2007 di ZALE

CAPOLAVORO ASSOLUTO. Basterebbero queste 2 parole per descrivere uno dei film più influenti del secolo scorso. METASTORICO per come ha saputo superare indenne il tempo e dannatamente moderno nonchè profetico sull'evolversi del tessuto sociale sviluppato per "piani" urbani, al cui apice trovano posto i "nobili". Tralasciando gli aspetti scenografici di indicibile qualità già per il tempo che proiettano il film nell'olimpo dei must del genere, è l'aspetto "umano" che avvolge i protagonisti che continua »

* * * * -

La futura metropoli di lang

domenica 5 settembre 2010 di fedeleto

Dopo averci stupito con il DOTTOR MABUSE,e il capolavoro indiscusso dei NIBELUNGHI,Fritz Lang ci porta nel mondo futuristico di metropolis.Metropolis e' una citta' dove  le macchine hanno il predominio,e l'uomo lavorando con esse in un certo senso  ne diventa una parte(magistrale la scena in cui gli operai si muovono come macchine usando appunto le medesime),ma quando freder ,figlio del monopolista joh fredersen,assiste all'apparizione di una donna che porta il continua »

* * * * -

La fantascienza rivoluzionaria di fritz lang

martedì 26 ottobre 2010 di il cinefilo

Si tratta,probabilmente,del più importante esempio di film-precursore della cinematografia di fantascienza di tutti i tempi grazie alla sua portata estetica completamente innovativa(talmente elevata che i costi per la produzione mandarono in bancarotta la casa di produzione UFA). Il regista Fritz Lang(anche sceneggiatore insieme alla moglie Thea Von Harbou)ammise,per la sua realizzazione,di essersi ispirato alla visione notturna della città di New York(per quanto riguarda la luminosità continua »

* * * * *

Imperdibile!

domenica 6 ottobre 2013 di ShiningEyes

Ci sono certi film che non possono mancare tra i film visti di coloro che amano il cinema e hanno il coraggio di guardare pellicole “superate” o “preistoriche”. “Metropolis” di Fritz Lang è tra questi film. Un film avanzatissimo per l'epoca (1927) che sembra uscire fuori dal futuro, una vasta gamma di temi, sentimenti, idee e fucine per dettare almeno i prossimi cento film di fantascienza che verranno dopo di esso. Possiede una sceneggiatura continua »

Rudolf Klein Rogge, Alfred Abel
Il robot è quasi perfetto. Gli manca solo un'anima.
Ti sbagli, è meglio senz'anima.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Rudolf Klein Rogge, Alfred Abel
Il robot è quasi perfetto. Gli manca solo un'anima.
Ti sbagli, è meglio senz'anima.
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Shop

DVD | Metropolis

Uscita in DVD

Disponibile on line da mercoledì 23 giugno 2010

Cover Dvd Metropolis A partire da mercoledì 23 giugno 2010 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Metropolis di Fritz Lang con Gustav Fröhlich, Brigitte Helm, Alfred Abel, Rudolf Klein-Rogge. Distribuito da Ermitage Cinema. Su internet Metropolis (DVD) è acquistabile direttamente on-line su IBS. Sono inoltre disponibili altri DVD in versione speciale del film. altre edizioni »

Prezzo: 4,99 €
Aquista on line il dvd del film Metropolis

SOUNDTRACK | Metropolis

La colonna sonora del film

Disponibile on line da lunedì 9 maggio 2011

Cover CD Metropolis A partire da lunedì 9 maggio 2011 è disponibile on line e in tutti i negozi la colonna sonora del film Metropolis del regista. Fritz Lang Distribuita da Capriccio.

di Georges Sadoul

Il film costò 7 milioni di marchi. La lavorazione si protrasse dal 22 maggio 1925 al 30 ottobre 1926. Vennero girati 620.000 metri di negativo, e impiegati (secondo la pubblicità) 8 attori di prImo plano, 25.000 uomini, 11.000 donne, 1.100 calvi, 250 bambini, 25 negri, 3.500 paia di scarpe speciali, 50 automobili. Nel XXI secolo, una gigantesca metropoli viene governata in modo dittatoriale da un grande monopolista (Alfred Abel) che vive con suo figlio (Gustav Frolich) e i suoi principali collaboratori nel paradisiaco giardino pensile di Yoshiwara. »

di Corrado Terzi

In una gigantesca metropoli-fabbrica, gli operai divenuti schiavi dei padroni vogliono ribellarsi. Una giovane, Maria, cerca di dissuaderli poiché sa che se si ribellano verranno massacrati. Lo scienziato Rotwang, animato da spirito nichilista e distruttore, fabbrica un automa somigliante a Maria per spingere il popolo alla rivolta. Questa ha luogo e la città viene salvata dal massacro e dall’inondazione dal figlio del padrone supremo, innamorato di Maria. Il matrimonio interclassista risolverà tutte le contraddizioni. »

di Claude Beylie

Metropolis è la città modello dell’avvenire: la dirigono gli uomini di una casta privilegiata, che passano giorni felici in sontuosi giardini fioriti sui tetti di immensi grattacieli, mentre una massa di schiavi robotizzati, chiusi in sotterranei malsani, lavora a ritmi infernali, inchiodati a macchinari che li stritolano come un Moloch. Il figlio del più grand’uomo della città, il giovane Freder, ignora tutto della città sotterranea: la scoprirà indignato seguendo una bella fanciulla, Maria, che predica agli sfiniti proletari la rassegnazione. »

di Mario Gromo La Stampa

Forse meno importante di Wiene, al quale si deve il gabinetto del dottor Caligari (vero e proprio gabinetto sperimentale e riassuntivo dell'espressionismo cinematografico tedesco) ma più avventuroso e poliedrico, Fritz Lang ha anche la disavventura di essere un po' un sopravissuto a se stesso. Esordì nel 1921, per poi subito clamorosamente affermarsi nel 1922 con l'allucinante Dottor Mabuse, e per subito dopo imporre, nel 1923, il suo monumentale, e parecchio «kolossal», rifacimento della saga de I Nibelunghi. »

Metropolis | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | zale
  2° | fedeleto
  3° | il cinefilo
  4° | shiningeyes
  5° | enzo70
  6° | raysugark
Rassegna stampa
Mario Gromo
Trailer
1 | 2 |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità