I'M Still Here

Film 2021 | Documentario,

Anno2021
GenereDocumentario,
ProduzioneItalia
Regia diCecilia Fasciani
Uscitamercoledì 1 dicembre 2021
DistribuzioneOpenDDB
MYmonetro Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Cecilia Fasciani. Un film Genere Documentario, - Italia, 2021, Uscita cinema mercoledì 1 dicembre 2021 distribuito da OpenDDB. Valutazione: 2,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi I'M Still Here tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tutti gli aspetti sociali di HIV, dallo stigma alla paura, dalla solitudine alla consapevolezza.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO NÌ
Un documentario celebrativo che è anche un viaggio nel passato di una vicenda iniziata nell'ombra e diventata parte della cultura.
Recensione di Roberto Manassero
martedì 30 novembre 2021
Recensione di Roberto Manassero
martedì 30 novembre 2021

A dieci anni dalla nascita dell'associazione Plus Persone LGBT+ Sieropositive di Bologna e a quaranta dalla prima diagnosi di Hiv/Aids, il film ricorda i due anniversari seguendo le vicende personali di alcune persone sieropositive che grazie all'associazione hanno trovato il coraggio di rivelarsi e rivendicare i propri diritti di malato e di omosessuale e ripercorrendo le tappe del movimento LGBT in Italia, con Bologna come epicentro del racconto: dai primi circoli a inizio anni '80 alla creazione dell'Arcigay nell'85, dallo scoppiò dell'epidemia di Hiv alla normalizzazione del movimento, ma anche alla sua presenza nel tessuto urbano e nella società italiana.

Un documentario celebrativo che è anche un viaggio nel passato di una vicenda iniziata nell'ombra, nel segno della negazione della malattia, e diventata col tempo parte della cultura e dell'orgoglio di un gruppo sempre più ampio di persone.

La storia della lotta contro l'Aids è anche (e forse soprattutto) la storia di come il movimento omosessuale ha saputo uscire dall'ombra - o meglio ancora dall'invisibilità - per affermare i propri diritti e conquistare i propri spazi di aggregazione e rappresentazione. Nel caso particolare di Bologna, poi, si tratta di una conquista nel senso letterale del termine, fin da quando nel 1982 venne fondato il Circolo XXVIII Giugno e fu occupato il Cassero in Porta Saragozza, per poi arrivare nell'85 alla creazione dell'Arcigay.
Non c'è lotta senza memoria, e non c'è memoria senza consapevolezza: i protagonisti di I'm Still Here lo fanno capire chiaramente, e uno di loro in particolare, Sandro Mattioli, tra i fondatori di Plus Persone LGBT+ Sieropositive di Bologna, lo dice quando spiega come la logica dell'associazione sia la medesima dei primi movimenti gay: «dal nascondimento alla rivendicazione». Non più, dunque, trovarsi, riunirsi, muoversi, esibirsi per mostrarsi in quanto omosessuali, ma riunirsi e rivendicare diritti in quanto omosessuali sieropositivi: #HIVISIBLE, come si legge sulle mascherine anti-COVID che indossano gli intervistati.
Il film si apre su un giovane ragazzo che si trucca, si veste ed esce per andare a un incontro di Plus, e guida lo spettatore all'incontro con altre sieropositivi e altre testimonianze: ad esempio quella di Stefano Pieralli, militante gay della prima ora, che racconta di come nei primi anni dell'epidemia di Aids nemmeno esistesse un test per la sieropositività; o quella dell'attore Paolo Gorgoni, che oggi si esibisce orgoglioso del proprio corpo e della propria storia, rivendicando, come dice, tutto ciò che è sempre stato rinfacciato a quelli come lui («l'essere queer, l'essere froci, tossici, puttane...»); o quella, ancora, dello stesso Mattioli, che a proposito della necessità di rivelare la propria sieropositività parla di un «secondo coming out», e di Michele Degli Esposti, un altro fondatore di Plus, e di Giulio Maria Corbelli, entrambi orgogliosi di aver imparato a «metterci la faccia», a superare la paura della solitudine in quanto sieropositivi.
Il documentario di Cecilia Fasciani lavora sull'esperienza dei suoi protagonisti e sulla loro rivelazione: per alcuni a contare è la propria storia, per altri l'esibizione di sé (il racconto è accompagnato dalle riprese di uno spettacolo dello stesso Gorgoni o dal suo sdoppiamento fra la figura sulla scena e la figura nello spazio della città, sotto gli stessi portici di Bologna dove Guadagnino ha girato le scene finale di We Are Who We Are), per altri ancora è il riconoscimento di un movimento collettivo, come testimoniato dalla performance con un nastro rosso nel centro della città. A contare ovviamente non è la fattura (I'm Still Here aderisce perfettamente alla forma del documentario, diciamo, di servizio, con teste parlanti, riprese in slow motion, materiale d'archivio animato digitalmente, momenti d'intimità e di vita pubblica...), ma la presenza di chi chiama a occupare l'inquadratura: la voce di chi ribadisce la propria condizione; il coraggio di chi a lungo ha pensato di nascondersi; il coraggio di chi può dire che «il peccato è una menzogna».

La storia dell'associazione PLUS e del siero attivismo in Italia.
domenica 21 novembre 2021

Dieci anni fa, nel 2011, a Bologna nasce PLUS, Persone LGBT Sieropositive, la prima organizzazione italiana e network di persone LGBT+ sieropositive. Quarant'anni fa, precisamente il 5 giugno del 1981, nel Centre for Disease Control di Atlanta, Stati Uniti, veniva riconosciuta per la prima volta la malattia che sarebbe stata chiamata sindrome da immunodeficienza acquisita o AIDS. I'm Still Here racconta le storie di questi anniversari, grazie alle voci dell'associazione PLUS - Persone LGBT+ sieropositive. Le vicende dei protagonisti, intrecciate con la storia del movimento LGBT, vengono ripercorse da un punto di vista storico, sociale e politico ed arricchite da prezioso materiale d'archivio. Bologna è il luogo eletto del racconto, la città in cui le vicende passate e contemporanee si intrecciano nelle immagini del film, uno spazio urbano che ancora oggi assume un ruolo di rilievo nelle dinamiche politiche nazionali - dalla nascita del Circolo XXVIII Giugno fino alla presa del Cassero in Porta Saragozza nel 1982, e la fondazione di Arcigay nel 1985.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 30 novembre 2021
Ilaria Feole
Film TV

Ricorrono, nel 2021, i 40 anni dall'identificazione dell'AIDS (5 giugno 1981, nel Centre for Disease Control di Atlanta) e i dieci anni dalla fondazione di PLUS, primo network italiano di persone LGBT+ sieropositive, nato a Bologna. Città che è il cuore del piccolo doc di Fasciani, dove i ricordi della presa del Cassero si intrecciano con le testimonianze di chi lotta per sensibilizzare l'opinione [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
giovedì 18 novembre 2021
 

Tutti gli aspetti sociali di HIV, dallo stigma alla paura, dalla solitudine alla consapevolezza. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati