Bar Giuseppe

Film 2020 | Drammatico 95 min.

Anno2020
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata95 minuti
Regia diGiulio Base
AttoriIvano Marescotti, Virginia Diop, Nicola Nocella, Michele Morrone, Vito Mancini, Selene Caramazza .
TagDa vedere 2020
MYmonetro 2,83 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Giulio Base. Un film Da vedere 2020 con Ivano Marescotti, Virginia Diop, Nicola Nocella, Michele Morrone, Vito Mancini, Selene Caramazza. Genere Drammatico - Italia, 2020, durata 95 minuti. - MYmonetro 2,83 su 8 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Bar Giuseppe tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Giuseppe deve affrontare le conseguenze della sua decisione di ospitare una profuga. Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento,

Consigliato sì!
2,83/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Una parabola laica che segna una decisa svolta per la produzione del suo autore.
Recensione di Paola Casella
lunedì 7 ottobre 2019
Recensione di Paola Casella
lunedì 7 ottobre 2019

Giuseppe è il proprietario di un bar presso una stazione di servizio in Puglia. Fa ancora prezzi popolari ed è famoso fra gli abitanti dei paesi limitrofi per la sua bontà d'animo. Quando sua moglie muore all'improvviso si ritrova a gestire da solo il bar che porta il suo nome, e i figli Luigi e Nicola non sono in grado di aiutarlo: il primo perché è un tossicodipendente che campa di espedienti; il secondo perché fa il panettiere, ha moglie e figli e altro a cui pensare. Così Giuseppe decide di assumere una cameriera, e fra i tanti in cerca di lavoro sceglie Bikira, figlia diciottenne di immigrati africani. Non immagina che fra lui e la ragazza nascerà un sentimento forte ed esclusivo, contro il parere dei figli e quello della comunità locale, resistente all'idea di una coppia formata da un uomo bianco anziano e un'adolescente di colore.

Bar Giuseppe è una parabola laica che attinge evidentemente alle Sacre Scritture: il protagonista si chiama Giuseppe e si diletta di falegnameria, e Bikira in Swahili significa vergine.

Ma Giulio Base, sceneggiatore e regista del film, trasporta la vicenda ai giorni nostri e la ambienta in un non-luogo metafisico (complici le belle scenografie di Isabella Angelini), inquadrando i protagonisti in spazi (de)limitanti che ne comprimono le scelte individuali. C'è qualcosa di Hopper in quella stazione di servizio desolata, con l'insegna rotante in cima e il niente intorno. C'è anche qualcosa dell'etica dei Dardenne in questa storia di un padre assoluto, dotato della pietas che dovrebbe appartenere a qualsiasi genitore.

C'è tanto di interessante in questo film, che segna una decisa svolta nella produzione del suo autore: la scelta di rendere quasi muto il protagonista (e di dare all'intera narrazione alcune caratteristiche da film muto); quella di riprendere in campo lungo i momenti salienti, di confronto diretto fra i personaggi, contrariamente ai dettami del dramma e ancor più del melodramma, conservando la giusta distanza (non per forza sociale) fra loro, e fra noi e loro. Ivano Marescotti regge sulle sue spalle tutto il film come una croce, regalando un'interpretazione intima e trattenuta, ricca di sfumature e mezzi toni.

Peccato per alcune cadute: il casting di Michele Morrone nei panni di Luigi, la cui recitazione sopra le righe stride soprattutto accanto a quella misurata di Marescotti; le numerose sottolineature simboliche, davvero non necessarie in un film il cui messaggio è molto chiaro; certe battute troppo letterarie per appartenere al vocabolario di chi le pronuncia; il mix di accenti che non combaciano con l'ambientazione pugliese; e anche qualche vezzo registico di troppo per una storia altrimenti raccontata in modo encomiabilmente lineare.

Ma Base prende una direzione davvero azzeccata, mostrando il coraggio di mettere in scena un amore interraziale e senza età, centrato sulla cura reciproca, su gesti di comprensione e compassione profonde, imprimendo al suo film un passo laconico da western e una capacità di astrazione formale che lo rende senza tempo, e tuttavia adatto ai nostri tempi. Questa direzione, che rivela un profondo afflato spirituale visto da una prospettiva laica, è molto giusta per il suo autore, e ci auguriamo che continui a percorrerla.

Sei d'accordo con Paola Casella?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 29 maggio 2020
Lizzy

Ci risiamo. Ogni occasione è buona per riproporre, in qualche modo, i (falsi, in quanto inventati) personaggi storici o religiosi del caso. Qua, nientepopodimeno, ci ritroviamo di fronte alla situazione della "natività" di Maria con annessi e connessi. Le premesse ci son tutte: lui anziano e taciturno, lei giovane ed entusiasta, il "miracolo" del concepimento senza [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 giugno 2020
Adele Rustichelli

Alcuni film ti entrano dentro e ti rimangono per molto tempo. E così ha fatto dentro di me questa coraggiosa parabola laica. Ho voluto vederlo due volte prima di scriverne per esserne sicura, ebbene la seconda volta mi è piaciuto ancora di più. Non è un blockbuster, anzi sembra un film anche forse volutamente povero, ma riesce a fare di questa semplicità la sua forza. [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 febbraio 2021
Ennio

Film altamente equivoco. Si può fare cinema pro-accoglienza e pro-integrazione, e ce ne sono tanti anche ben fatti, ma senza prendere in giro la gente. Qui da un lato, ci si inventa un “amore” impossibile tra una 18enne (che ne potrebbe dimostrare 15) e un Marescotti che all'anagrafe spegne 73 candeline. E qui anche la scheda del film è sbagliata.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 3 giugno 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Giuseppe gestisce un bar a un distributore di benzina in Puglia ed è noto per essere un uomo dall'animo generoso. Quando la moglie muore improvvisamente non se la sente di mandare avanti l'esercizio, ma in suo soccorso arriva Bikira, una 18enne di immigrati africani, che viene assunta come cameriera e che poi lo sposa, con il parere nettamente contrario dei figli e osteggiato anche dalla comunità locale, [...] Vai alla recensione »

martedì 2 giugno 2020
Mauro Gervasini
Film TV

In un paese della Puglia Giuseppe, che viene dal nord ed è rimasto vedovo, gestisce il bar di una stazione di servizio. Come cameriera assume Bikira, giunta dall'Africa. Nonostante la differenza di età i due si innamorano e si sposano. Lo scandalo aumenta quando Bikira annuncia di aspettare un bambino. Operazione audace questa di Giulio Base, anche sceneggiatore, che coniuga il tema dei migranti con [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 maggio 2020
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Il vedovo Giuseppe, proprietario di un bar, si diletta come falegname. Assume, come aiutante, l'immigrata Bikira che in Swahili significa vergine. Vi ricorda qualcosa? I due si sposano, nonostante la differenza di età (lei ha 18 anni) e il parere contrario dei figli di lui (da applausi Nocella). Un avvenimento «miracoloso» metterà in crisi il rapporto.

giovedì 28 maggio 2020
Michele Anselmi
Cinemonitor.it

Dunque c'è un libro di monsignor Gianfranco Ravasi, "Giuseppe. Il padre di Gesù" (Edizioni San Paolo, 2014), alla remota base del nuovo film di Giulio Base che approda gratuitamente sulla piattaforma di RaiPlay giovedì 28 maggio. È il secondo, dopo "Magari" di Ginevra Elkann, di un quartetto di titoli mai usciti in sala a causa del virus; e ci si augura che stavolta il server del canale digitale non [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 maggio 2020
Matteo Galli
Close-Up

Ipercodificazione, per anticipare un giudizio sommario, così si potrebbe definire il difetto principale di cui soffre il film - tutto sommato: più che dignitoso - di Giulio Base. Si descrive una vicenda che, fatte le dovute differenze e tenuto conto che ci muoviamo nell'ambito di un assai più tradizionale e frequente rapporto fra un uomo anziano e una donna giovane (e non viceversa), potrebbe esser [...] Vai alla recensione »

giovedì 24 ottobre 2019
Angela Prudenzi
La Rivista del Cinematografo

Giuseppe è proprietario di un bar e di una stazione di servizio in mezzo al nulla. Rimasto improvvisamente vedovo, cerca qualcuno che possa aiutarlo ma è incapace di decidere chi perché ai colloqui vorrebbe assumere chiunque. È fatto così, silenzioso e poco espansivo ma capace di provare empatia con gli altri essere umani. La scelta ricadrà su Bikira, giovanissima arrivata dall'Africa.

sabato 19 ottobre 2019
Carlo Valeri
Sentieri Selvaggi

Bar Giuseppe è un luogo simbolico e allo stesso tempo preciso. Siamo davanti a un distributore di benzina, ai piedi di lingue autostradali dove vediamo in lontananza le luci di una cittadina, gli abbaglianti di macchine e i rumori ovattati di autoradio. Un luogo come tanti. Fuori dal tempo. Sospeso. Come sospeso e fuori dal tempo è questo curioso, ultimo film scritto e diretto da Giulio Base e prodotto [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
lunedì 25 maggio 2020
 

La storia di una coppia osteggiata che diventa fotografia dei giorni d'oggi. Dal 28 maggio su RaiPlay.  Guarda il trailer »

NEWS
mercoledì 20 maggio 2020
 

Giuseppe deve affrontare le conseguenze della sua decisione di ospitare una profuga. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati