After Love

Film 2020 | Drammatico, +13 89 min.

Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneGran Bretagna
Durata89 minuti
Al cinema1 sala cinematografica
Regia diAleem Khan
AttoriJoanna Scanlan, Nathalie Richard, Talid Ariss, Nasser Memarzia, Seema Morar David Hecter.
Uscitagiovedì 10 febbraio 2022
TagDa vedere 2020
DistribuzioneTeodora Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,68 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Aleem Khan. Un film Da vedere 2020 con Joanna Scanlan, Nathalie Richard, Talid Ariss, Nasser Memarzia, Seema Morar. Cast completo Genere Drammatico, - Gran Bretagna, 2020, durata 89 minuti. Uscita cinema giovedì 10 febbraio 2022 distribuito da Teodora Film. Oggi tra i film al cinema in 1 sala cinematografica Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,68 su 18 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi After Love tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento venerdì 4 febbraio 2022

Dopo la morte del marito una donna scopre che l'uomo aveva una seconda vita. Il film è stato premiato a BAFTA, Il film è stato premiato a British Independent, In Italia al Box Office After Love ha incassato nelle prime 12 settimane di programmazione 255 mila euro e 76,6 mila euro nel primo weekend.

Consigliato assolutamente sì!
3,68/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 3,25
PUBBLICO 4,28
CONSIGLIATO SÌ
Un esordio intelligente, sentito e pieno di compassione su due donne e due coste opposte nell'amore.
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 4 febbraio 2022
Recensione di Tommaso Tocci
venerdì 4 febbraio 2022

Nel sud dell'Inghilterra che si affaccia sul canale della Manica, a Dover, Mary vive una vita tranquilla con il marito Ahmed, per il quale si è convertita all'Islam prima di sposarsi. Quando Ahmed muore all'improvviso, Mary trova il documento di una donna sconosciuta nel suo portafoglio. La curiosità e la paura la spingono verso la sponda francese del canale, a Calais, per chiedere spiegazioni a Genevieve, che ha un figlio, del rapporto con suo marito.

Impeccabile e rigoroso è il tono cinematografico di questo esordio alla regia per il britannico Aleem Khan: una storia di confronti e di avvicinamenti lungo la linea di confine tra due paesi e due mondi diversi.

Il materiale narrativo forse non avrebbe prodotto gli stessi risultati se Khan non avesse così ben sfruttato l'elemento ambientale della distanza tra le due località che si affacciano sulla Manica, un motivo ricorrente che permette sia visivamente che logisticamente di collassare il lontano sul vicino.

L'eleganza lineare del film si appoggia saggiamente sulla prova da protagonista di Joanna Scanlon, mastodontica in un ruolo che le richiede grande vulnerabilità e che le consente (grazie alla missione "sotto copertura" in cui si lancia Mary) di reagire a una sorpresa sconvolgente dopo l'altra mascherando stupore e liberando momenti di grande tenerezza. Quella tra lei e la dirimpettaia Nathalie Richard non è solo una danza tra donne rivali che hanno amato lo stesso uomo: Khan aggiunge al ritratto di base delle sfumature appena accennate ma di estremo interesse, primo fra tutti un discorso sulla fede musulmana che Mary ha abbracciato per amore del marito ma che ormai la definisce.

Ciò dà vita a una serie di esplorazioni che rimangono sottotraccia ma arricchiscono la fibra dell'opera, dal sociale (Genevieve avrebbe scambiato Mary per la donna delle pulizie con altrettanta facilità se non avesse indossato quel velo?) fino al culturale (le diversità nel linguaggio familiare e perfino nell'essere donna tra Francia e Gran Bretagna).

Anche la figura di Ahmed, che il regista lascia assente nella storia anche nei brevi attimi in cui è ancora presente, viene ricomposta sotto gli occhi del pubblico, a posteriori, e attraverso le esperienze di tre persone a cui mancano reciproci pezzi del puzzle.

Film intelligente e sentito, After Love non ha nemmeno un tassello fuori posto: perfino gli elementi periferici, come il segreto del giovane Solomon, vengono dal vissuto personale di un regista che è riuscito a mettere su schermo la storia della sua famiglia trovandogli però una chiave di astrazione che affascina lo spettatore.

Sei d'accordo con Tommaso Tocci?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 11 febbraio 2022
athos

Un film veramente bello! Un gioco di specchi che poco a poco si disvela. Ottima la regia, con alcune inquadrature (le onde, le crepe sul muro, l'interminabile scogliera bianca) che illustrano la storia meglio di una musica. A suo modo visionario, vede in Mary una grandissima attrice, perchè ha saputo interpretare una donna che accetta il proprio grande dolore per metterlo al servizio del [...] Vai alla recensione »

mercoledì 16 febbraio 2022
FabioFeli

Mary (Joanna Scanlan) rientra a casa con il marito dopo una serata tra amici; mentre prepara una tisana nella sua ordinata cucina, piomba nel dramma: Ahmed muore davanti alla TV. Nella scene successive la vediamo in lutto; ha imparato la lingua araba e si è convertita alla religione mussulmana per amore del marito, ma pratica i riti da buona credente.

mercoledì 16 febbraio 2022
FabioFeli

Mary (Joanna Scanlan) rientra a casa con il marito dopo una serata tra amici; mentre prepara una tisana nella sua ordinata cucina, piomba nel dramma: Ahmed muore davanti alla TV. Nella scene successive la vediamo in lutto; ha imparato la lingua araba e si è convertita alla religione mussulmana per amore del marito, ma pratica i riti da buona credente.

domenica 3 aprile 2022
amgiad

Cosa c'è dopo una morte improvvisa? Delle inaspettate sorprese. Da qui prende spunto il regista per illustrarci una ricerca sul percorso necessario per metabolizzare la scomparsa di un marito, o di un amante. Film fatto molto bene, con un sapiente uso della macchina e un' ottima scelta degli attori (in paricolare la Scanlan). Un' altra chiave di lettura è anche il confronto [...] Vai alla recensione »

lunedì 21 febbraio 2022
cardclau

Recentemente, sono diversi i film che affrontano il tema dell’amore condiviso. Tempo fa non si sarebbe preso in considerazione, sia per l’arcaicità del pensiero, comunque riservato ai poeti, sia per il fatto che le famiglie numerose erano la norma, laddove era praticamente d’obbligo cercare per tempo di risolvere il dilemma di chi era il preferito dai genitori, prendendo il [...] Vai alla recensione »

lunedì 14 febbraio 2022
Emanuele 1968

4.5 Bravissimo il regista, perfetto, bisogna vederlo e commentarlo.   Dei miei parenti e successo un fatto simile al 90%, io avevo 6 anni, non ci stavano i telefoni, lei era all'oscuro che suo marito aveva messo in piedi una seconda famiglia,  il fatto venne a galla grazie ad una lettera anonima, comunque la realtà post trauma consumata negli anni è stata ben diversa..... [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
mercoledì 16 febbraio 2022
Marì Alberione
Duels.it

L'inglese Mary (una straordinaria Joanna Scanlan) sembra destinata a perdere la sua identità: dapprima per amore si è convertita all'Islam («Per mio marito ho fatto una cosa che potevo fare solo io»), ha cambiato il suo nome ed è diventata Fahima; poi, rimasta improvvisamente vedova, scopre che Ahmed, il marito, aveva un'altra donna sull'altra sponda della Manica, Geneviève (Nathalie Richard).

sabato 12 febbraio 2022
Claudio Fraccari
La Voce di Mantova

Tra Dover e Calais oscilla lo sguardo e la vicenda di "After L ove". L'inglese Mary è sposata da tempo con il pakistano Ahmed, per il quale ha abbracciato la fede musulmana; quando questi muore d'improvviso, la moglie scopre che è bigamo. Sconvolta e insieme determinata a sapere, Mary decide di passare la Manica per conoscere l'altra donna, la francese Genévieve .

sabato 12 febbraio 2022
Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Ritratto di maschio bigamo. Per assenza, non lo si vede quasi mai (è una delle regole del cinema d' autore, che si vuole liberissimo ma procede secondo copione come e più dei blockbuster ). Ahmed sta a Dover con la consorte, lavora sui traghetti che fanno servizio verso Calais. Mandatene rimessaggi alla moglie - inglese ma convertita all' islam "per amore", si usa dire in questi casi - che si sbraccia [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 febbraio 2022
Mark Kermode
The Observer

Il film d'esordio dell'anglopachistano Aleem Khan è una storia di segreti e bugie, un ritratto di persone intrappolate fra identità e culture. Al cuore del film c'è la meravigliosa interpretazione di Joanna Scanlan, finora famosa soprattutto per le sue doti comiche. Interpreta Mary, donna britannica che si è convertita all'islam quando ha sposato Ahmed (Nasser Memarzia), con cui vive non lontano da [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 febbraio 2022
Linda Magnoni
Cineforum

Il bianco è, soprattutto in alcune zone del mondo orientale, il colore associato al lutto. Secondo un'usanza musulmana, ad esempio, la vedova può vestire di bianco. E così fa Mary Hussain, che da giovane si era convertita all'Islam per amore di Ahmed, il marito pakistano. Ora si chiama Fatima ed è seduta su un divano al suo funerale, circondata dalla litania delle orazioni e dal cordoglio per il defunto. [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 febbraio 2022
Valerio Caprara
Il Mattino

In gara nella Settimana della critica di Cannes 2020 annullata per Covid e recuperato dalla selezione ufficiale del festival di Roma, After Love, il primo lungometraggio del giovane cineasta inglese d' origini pakistane Aleem Khan, racconta le amare peripezie che toccano a Mary (Scanlan) dopo la subitanea morte del marito Ahmed. Donna inglese convertita all' Islam, la corpulenta signora residente [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 febbraio 2022
Nicola Falcinella
La Provincia di Como

È il fine settimana che, ci si augura, dovrebbe riportare la gente al cinema. Dopo un gennaio difficilissimo, con le sale quasi deserte e le uscite rinviate a tempi migliori, arriva un bel gruppo di nuovi film, soprattutto di buon livello e di richiamo. Se l'attenzione sarà per il giallo "Assassino sul Nilo" di Kenneth Branagh da Agatha Christie e la commedia romantica "Marry Me - Sposami" di Kat Coiro [...] Vai alla recensione »

venerdì 11 febbraio 2022
Michele Gottardi
Il Mattino di Padova

Dopo aver riscosso molti consensi alla Semaine de la Critique a Cannes, "After love" dell'esordiente inglese (di origini pakistane) Aleem Khan ha conquistato ben quattro candidature ai premi BAFTA, considerati gli Oscar inglesi e tra i più prestigiosi premi cinematografici al mondo: Outstanding British Film, miglior attrice (la straordinaria protagonista Joanna Scanlan), miglior regia e miglior film [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2022
Alessandra De Luca
Avvenire

A Dover, nel sud dell'Inghilterra, Mary è felicemente sposata con un uomo musulmano, Ahmed, per il quale si è convertita all'Islam con il nome di Fatima. Quando all'improvviso resta vedova, apprende per caso che il marito aveva una relazione segreta con un'altra donna in Francia, dove spesso si recava per lavoro. La sconvolgente rivelazione la spinge ad andare a Calais per scoprire in incognito tutta [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2022
Maurizio Acerbi
Il Giornale

Mary, sposata con Ahmed, si è convertita all' islam. Lui muore all' improvviso e quando lei guarda nelle sue cose scopre che il marito aveva una seconda vita con un' altra donna. Va così a incontrare Genevieve, che ha avuto un figlio da Ahmed, ma è ignara della sua morte. Mary, senza dirle nulla, decide di lavorare per la rivale, cercando, così, di conoscerla meglio.

giovedì 10 febbraio 2022
Emiliano Morreale
La Repubblica

Quando il marito sessantenne muore improvvisamente, Mary trascorre giornate sospese. Ha un' aria curiosa, con la faccia da inglese e il chador, mentre partecipa alle cerimonie funebri islamiche. Si era convertita all' Islam per amore di lui, immigrato pakistano, e adesso vaga sola per la casa. Finché tra i documenti del marito trova quello di una sconosciuta, e aprendo la chat sul telefonino di lui [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2022
Riccardo Baiocco
Sentieri Selvaggi

Chi è quella donna di mezza età che, in After Love si guarda allo specchio in una casa in cui si è introdotta guidata da una morbosa curiosità? È Mary, come si è presentata alla proprietaria di casa, o Fahima, come la chiamava suo marito, morto da pochi giorni e che si è dimenticato di portare con sé tanti dolorosi segreti? Dopo essersi osservata per un po', la donna si toglie l'hijab scoprendo la [...] Vai alla recensione »

giovedì 10 febbraio 2022
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Mentre Mary fa il tè, in fondo all'inquadratura, nell'altra stanza, il marito si accascia sul divano. Occhio allora a quel che succede in profondità di campo, nel cuore e negli occhi di questa riservata e imponente sposa musulmana che, sepolto il marito sulle scogliere di Dover, scopre una seconda moglie a Calais. Un po' facile l'equivoco che la inserisce a spiare l'altra famiglia, manca qualche scavo [...] Vai alla recensione »

martedì 8 febbraio 2022
Mariuccia Ciotta
Film TV

Il gusto thriller si infila in una storia di triangolo matrimoniale sulle bianche scogliere di Dover. Purezza d'immagine, candida come le vesti della vedova, Mary (Joanna Scanlan), convertita all'Islam per amore del marito pakistano Ahmed, che aveva dimenticato di informarla dell'altra "moglie" e della sua seconda vita a Calais. In Pakistan, l'omissione del poligamo sarebbe un reato, ma tra le due [...] Vai alla recensione »

sabato 5 febbraio 2022
Francesco Bonfanti
Close-up

Una parte delle Cliff (le scogliere bianche che si affacciano sulla Manica) collassa e una donna osserva i detriti scivolare in mare, tanto simili alla propria identità che lei non credeva essere calcarea, sottoposta quindi all'erosione, quella della vita. After Love, per la regia di Aleem Khan, è un film intimo sulla precarietà del sé, il proprio e quello altrui.

martedì 1 febbraio 2022
Gianluca Arnone
La Rivista del Cinematografo

Quando vede un costone della scogliera sfarinarsi davanti ai suoi occhi e precipitare in mare, Mary ha un sussulto. Capisce che quel cedimento è anche il suo. La donna, magnificamente interpretata da Joanna Scanlan, ha appena perso il marito al quale si era donata completamente, al punto da convertirsi all'Islam e cambiare nome: dal cristiano Mary al musulmano Fatima, come la figlia prediletta del [...] Vai alla recensione »

venerdì 23 ottobre 2020
Dafne Franceschetti
Sentieri Selvaggi

Presentato alla quindicesima Festa del Cinema di Roma col bollino di Cannes - in tempi non pandemici l'avremmo visto alla Semaine de la Critique - After Love, esordio alla regia di Aleem Khan, trentacinquenne regista inglese, già conosciuto per i suoi cortometraggi presentati al Sundance ed a Locarno, ha un titolo che ci interroga. Cosa c'è dopo l'amore? O piuttosto, c'è qualcosa dopo l'amore? Lungi [...] Vai alla recensione »

NEWS
TRAILER
venerdì 28 gennaio 2022
 

Acclamato come uno dei migliori film inglesi dell'anno e vincitore di sei British Independent Film Awards. Dal 10 febbraio al cinema. Guarda il trailer »

NEWS
venerdì 28 gennaio 2022
 

Amore, famiglia, segreti e bugie convivono in un racconto emozionante come pochi, anche grazie alla straordinaria interpretazione di Joanna Scanlan. Vai all'articolo »

[LINK] FESTIVAL
lunedì 9 agosto 2021
 

Si è conclusa ieri la 18esima edizione del festival di Catanzaro. Ecco tutti i vincitori dei tre concorsi. Vai all’articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati