Lettere a mia figlia - Manuale sull'alzheimer

Film 2018 | Docu-fiction 52 min.

Anno2018
GenereDocu-fiction
ProduzioneItalia
Durata52 minuti
Regia diGiuseppe Alessio Nuzzo
AttoriLeo Gullotta, Diane Patierno, Viola Varlese .
Uscitasabato 21 settembre 2019
DistribuzioneLondon Movie Ltd.
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Giuseppe Alessio Nuzzo. Un film con Leo Gullotta, Diane Patierno, Viola Varlese. Genere Docu-fiction - Italia, 2018, durata 52 minuti. Uscita cinema sabato 21 settembre 2019 distribuito da London Movie Ltd.. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Lettere a mia figlia - Manuale sull'alzheimer tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Tratto dall'omonimo cortometraggio pluripremiato, menzione speciale ai Nastri d'Argento, primo premio al Giffoni Film Festival e premio Ettore Scola alla Casa del Cinema di Roma.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Diventare genitori dei propri genitori: la testimonianza di un'esperienza faticosa ma carica di sentimenti genuini.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 19 settembre 2019
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 19 settembre 2019

A partire da un cortometraggio sul tema dell'Alzheimer il documentario affronta in quattro capitoli il tema del rapporto con i pazienti affetti dal morbo affrontando soprattutto le problematiche relazionali che si instaurano tra i malati e coloro che li assistono. Non si limita ad enunciarle ma propone anche delle strategie e delle modalità di approccio già sperimentate.

La dedica "a mia nonna" ci comunica che Nuzzo ha avuto un'esperienza diretta dell'argomento che tratta e che ha inizialmente trasposto nel cortometraggio interpretato da Leo Gullotta e Diane Patierno.

A connotare il senso di questo importante documentario c'è anche, sui titoli di coda, un ciak battuto al contrario sull'immagine a distanza di una donna anziana. Il malato di Alzheimer finisce con l'essere proprio così, cioè l'opposto di ciò che oggi la società impone come modello: non è presente, è bisognoso di attenzioni, non è up-to-date.

Questo 'manuale' ce lo ricorda e ci chiede attenzione. A partire da quell'attenzione che, in modo del tutto inusuale, Nuzzo ha dato all'argomento. Lo ha inizialmente affrontato con il citato e pluripremiato commovente cortometraggio in cui un padre, consapevole del proprio progressivo decadimento intellettivo, lascia dei messaggi a una figlia che, con una profonda sofferenza interiore lo assiste così come lui un tempo si era occupato di lei.

Nuzzo poteva accontentarsi dei riconoscimenti ricevuti e passare ad altro. Invece ha voluto approfondire andando ad intervistare esperti e responsabili di strutture che sperimentano un approccio al paziente che va al di là delle cure ma implica una, seppur non sempre semplice, disponibilità alla relazione.

Il cortometraggio e gli interventi finiscono poi con il convergere sullo stesso argomento: cosa accade quando un figlio o una figlia si ritrovano a trasformarsi in genitori dei propri genitori. Può essere straziante (e nella finzione i due interpreti riescono a trasmettere bene questa sensazione) ma può anche consentire un'esperienza in cui l'amore ricevuto viene restituito con grande tenerezza, anche se con fatica interiore.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 17 settembre 2019
Peppepi

Ho avuto l'onore ed al piacere di vederlo, in anteprima,  alle Giornate Professionali del CInema di Sorrento e ne sono rimasto colpito. Un tema tanto delicato, quello dell'Alzheimer, del quale si parla poco e si hanno poche informazioni, trattato in maniera rispettosa e a tratti dolce, da un punto di vista sconosciuto fino ad oggi. Mi sento di fare un appunto è verso la struttura, [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
martedì 24 settembre 2019
Roberto Manassero
Film TV

La malattia più misteriosa del cervello umano viene indagata unendo due differenti approcci: la finzione di un cortometraggio (Lettere a mia figlia, girato dallo stesso Nuzzo nel 2016), che racconta la convivenza tra un padre anziano colto da Alzheimer e la figlia che se ne prende cura, e la ricerca documentaria fatta con interviste a medici ed esperti e votata alla ricerca di proposte valide per la [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 16 settembre 2019
 

Tratto dall'omonimo cortometraggio pluripremiato, menzione speciale ai Nastri d'Argento, primo premio al Giffoni Film Festival. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati