1987: When the Day Comes

Film 2017 | Drammatico 129 min.

Anno2017
GenereDrammatico
ProduzioneCorea del sud
Durata129 minuti
Regia diJoon-Hwan Jang
AttoriKim Yun-seok, Ha Jung-woo, Yoo Hae-jin, Tae-ri Kim, Hee-soon Park, Hee-jun Lee Eui-sung Kim, Chang-Seok Ko.
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Joon-Hwan Jang. Un film con Kim Yun-seok, Ha Jung-woo, Yoo Hae-jin, Tae-ri Kim, Hee-soon Park, Hee-jun Lee. Cast completo Genere Drammatico - Corea del sud, 2017, durata 129 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi 1987: When the Day Comes tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Nel 1987 uno studente attivista viene catturato dalla polizia e torturato a morte. Nasce una battaglia per svelare la verità al mondo.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Il tormentato passaggio della Corea del Sud alla democrazia, raccontato con uno stile a tinte forti.
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 26 aprile 2018
Recensione di Emanuele Sacchi
giovedì 26 aprile 2018

Seul, 1987. Durante un interrogatorio della polizia segreta, incaricata di individuare possibili cellule comuniste, uno studente muore. I segni sul corpo sembrano attribuibili a delle torture. Il governo cerca da subito di insabbiare il caso evitando un'autopsia, ma lo zelo di un procuratore e il coraggio di un giornalista fanno emergere la verità. Dopo i fatti di Gwanju del 1980 e con i giochi olimpici alle porte, l'opinione pubblica diviene una polveriera e la dittatura di Chun Doo-hwan trema.

Il vento del cambiamento in politica ha immancabilmente goduto di un corrispettivo cinematografico in Corea del Sud.

Le dimissioni del Presidente Park Geun-hye e l'insediamento del democratico Moon Jae-in, uniti a una volontà di riconciliazione nazionale sempre più forte, trovano riscontro in un cinema sempre più guidato da una volontà di giustizia. Una riflessione sulla propria storia coraggiosa e pressoché unica, accostabile forse solo a quanto avvenuto negli Stati Uniti con la guerra in Vietnam. La Corea del Sud utilizza in sostanza la sua arma più forte, il cinema, per riflettere su fatti avvenuti trent'anni fa, su ferite mai rimarginate che riguardano persone ancora vive e talora operanti nella cosa pubblica. 1987: When Day Comes arriva sulla scia di opere come The Attorney e A Taxi Driver, spingendo ancor più l'acceleratore sull'urgenza di raccontare come sono andate le cose, a scapito - se necessario - di vincoli e convenzioni di forma. Jang Joon-hwan (Save the Green Planet) trasforma il suo stile, mettendosi al servizio di un racconto a forti tinte, ideato per parlare al cuore di tutti i coreani.

Un'opera tripartita, in cui il testimone della ricerca di giustizia passa dal coraggio di tre personaggi differenti, accomunati dai medesimi antagonisti. Il capo di questi, il Direttore della sezione anticomunista Park Cheo-won, è una maschera di rabbia e violenza, motivato da una vendetta personale. A guidare il corso delle azioni, anche nei momenti più disperati, è il fato, l'oscuro disegno che rende possibile, spesso avvalendosi di coincidenze, il compimento del destino di una nazione.

Come per A Taxi Driver, successo precedente di qualche mese, 1987: When the Day Comes è un'opera necessaria al di là dei suoi difetti: come dimostra la storia recente della Corea del Sud, i demoni dell'oppressione sono sempre in agguato, ma vigili e pronti a riprendere le redini del potere. Sul piano dello stile 1987: When the Day Comes sancisce l'apparente impossibilità, per questa tipologia di film, di conservare la necessaria sobrietà. Ogni evento principale dello script viene sottolineato da un'epicità e da un pathos eccessivi, secondo una tendenza comune a molto cinema mainstream sudcoreano.

Stupisce riscontrare queste caratteristiche nel lavoro di Jang, rivelatosi in passato con titoli inconsueti e anticonformisti come Save the Green Planet. Alcune caratterizzazioni in particolare risultano figlie di un eccesso di tratteggio. Il personaggio dello studente destinato al martirio esiste esclusivamente in funzione del suo (intuibile) scopo narrativo, così come il Direttore delle attività anticomuniste Park assomiglia al villain di un fumetto più che a una persona reale. La tendenza alla caricatura finisce per attenuare il realismo e quindi la drammaticità di quanto avvenuto, così come il fatto di ribadire i concetti più volte - la scena della scarpa smarrita, tratta da un evento reale, che ritorna più volte nella storia - aiuta lo spettatore meno smaliziato ma compromette la pazienza del cinefilo. Ma diviene tutto più comprensibile considerando l'importanza storica del film, peraltro premiato da lusinghieri esiti al botteghino.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
NEWS
[LINK] FESTIVAL
domenica 29 aprile 2018
 

Si è conclusa ieri sera la ventesima edizione del Far East Film Festival. Ad aggiudicarsi l'Audience Award e il Black Dragon Award è stato 1987: When the Day Comes di Joon-hwan Jang, il racconto del tormentato passaggio della Corea del Sud alla democrazia, [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati