Luce mia

Film 2015 | Documentario 82 min.

Anno2015
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata82 minuti
Regia diLucio Viglierchio
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Lucio Viglierchio. Un film Genere Documentario - Italia, 2015, durata 82 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Luce mia tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un film per raccontare la leucemia e il cammino verso la guarigione.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Con sensibilità e senza falsi pietismi Viglierchio entra in punta di piedi nel viaggio verso il trapianto di midollo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Nella primavera del 2010 Lucio Viglierchio si ammala di leucemia mieloide acuta. Dopo una terapia che prevede tre chemioterapie in isolamento e dei mesi di cure si trova in una fase che sta tra la remissione e la guarigione. È in questo tipo di condizione psichica e fisiologica che sente il bisogno di tornare nell'ospedale in cui è stato curato per ritrovare se stesso e vincere la paura. Qui incontra Sabrina che è affetta dalla stessa malattia.
Non è mai facile mostrare la sofferenza e il timore della morte al cinema e ancora più difficile è portare sullo schermo i momenti più intimi del percorso nei meandri della malattia senza cedere al voyeurismo e conservando al contempo lucidità e rispetto senza però trascurare l'empatia che progressivamente si sviluppa tra chi guarda e chi è guardato. È ciò che è riuscito a fare Lucio Viglierchio grazie alla sua sensibilità e alla condivisione di una condizione di fragilità. Quella tra Lucio e Sabrina non è una storia d'amore che nasce tra le mura di una casa di cura. Lucio è sposato e ha una bambina che ci mostra con orgoglio mentre tenta di compiere i primi passi. Il loro è un reciproco sostegno motivato dal desiderio di mostrare, sia a chi gode di buona salute che a chi è sofferente, che la resa alla malattia è l'unica opzione che non va presa in considerazione. "Il progetto mi ha offerto la possibilità di tornare sul luogo di tanta sofferenza, questa volta apostolo di speranza tra persone che stanno combattendo la stessa battaglia". Senza falsi pietismi e con la consapevolezza di chi conosce e ha vissuto (e in qualche misura ancora vive) sulla propria pelle sensazioni e paure Viglierchio entra in punta di piedi nel viaggio verso il trapianto di midollo che per Sabrina assume il valore di una svolta decisiva nella sua vita. Il suo volto che si scava progressivamente e in cui gli occhi vengono attraversati da luci diverse è di quelli che non si dimenticano facilmente.
Questo documentario di vita ha anche il pregio di non terminare con i titoli di coda. Per chi vuole proseguire nel processo di conoscenza in materia c'è il sito www.nonaverepaura.it.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Un viaggio a ritroso nella malattia.

Colpito alcuni anni fa da leucemia mieloide acuta, l'autore ripecorre con lucidità e dolore le tappe e i riti delle terapie a cui si e? sottoposto. Un viaggio a ritroso nella malattia e nella paura, accompagnato da un'altra paziente, Sabrina, una combattente indomita che l'ha aiutato a capire in profondità il senso della vita. Insieme a loro i familiari, gli infermieri e i medici dell'Ospedale Mauriziano di Torino. Una messa in scena coraggiosa e lontana dall'autocommiserazione.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati