I ricordi del fiume

Film 2015 | Documentario +13 96 min.

Anno2015
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata96 minuti
Regia diGianluca De Serio, Massimiliano De Serio
Uscitagiovedì 21 aprile 2016
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Gianluca De Serio, Massimiliano De Serio. Un film Genere Documentario - Italia, 2015, durata 96 minuti. Uscita cinema giovedì 21 aprile 2016Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi I ricordi del fiume tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

La vita di una grande baraccopoli di Torino nei suoi ultimi mesi di esistenza, tra lacerazioni, drammi, speranze, vita.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
I fratelli De Serio autori di un tipo di cinema che si contraddistingue per la compassione (nel senso più alto del termine).
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 11 settembre 2015
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 11 settembre 2015

A Torino il Platz è una delle baraccopoli più grandi in tutta l'Europa. Ci vive da anni una comunità di oltre mille persone su cui grava un progetto di smantellamento. Alcune famiglie censite dalla Prefettura verranno trasferite in appartamenti mentre per altre le alternative consistono nel tornare nel Paese d'origine o trovare sistemazioni di fortuna. Il documentario propone gli ultimi mesi di esistenza della baraccopoli.
Florentina e Denis due adolescenti, Marcel pastore pentecostale capace di tenere insieme la comunità, le 'vecchie' Ana ed Elena, Settimo, italiano che si è innamorato di Ionela e ora la cura con ammore perché malata di epatite. Queste sono solo alcune delle persone (non dei personaggi) che i fratelli De Serio ci presentano in questo film dalla struttura 'rizomica' come la definiscono, formata da "una rete intrecciata di vie, in cui ogni punto è connesso ad altri, dove si possono costantemente creare nuove linee di fuga, nuovi punti di tangenza d'identità e di storie". Il cinema dei due fratelli torinesi si contraddistingue per la compassione (nel senso più alto del termine) che provano per i soggetti a cui dedicano la loro attenzione. Basti ricordare le Sette opere di misericordia per averne una testimonianza inequivocabile. La loro non è una presenza che si pretende come invisibile. Il rapporto con le persone che filmano si sente e si percepisce che è stato importante e ha segnato entrambe le parti. Il loro è un impegno che va oltre le strumentalizzazioni politiche o la carità pelosa per tornare ad offrire al cinema una delle peculiarità che ne costituiscono l'essenza profonda: il fare memoria evitando che lo smantellamento delle baracche si accompagni a quello di quanto quella città nella città abbia prodotto nel bene e nel male. Con un 'non visto' che diviene significante. I De Serio sono andati in Romania per conoscere i luoghi di origine di molti degli abitanti del Platz. Nessuna immagine di quella trasferta è entrata però nel montaggio finale quasi che gli incontri fatti in una realtà rivelatasi ancor più misera di quella torinese dovessero restare parte di un 'privato' quasi impossibile da portare sullo schermo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati