Interruption

Film 2015 | Drammatico +13 109 min.

Titolo originaleInterruption
Anno2015
GenereDrammatico
ProduzioneGrecia, Francia, Croazia
Durata109 minuti
Regia diYorgos Zois
AttoriAlexandros Vardaxoglou, Sofia Kokkali, Pavlos Iordanopoulos, Romanna Lobach, Angeliki Margeti Maria Kallimani, Alexia Kaltsiki, Christos Stergioglou, Maria Filini, Christos Karteris.
Uscitamartedì 24 aprile 2018
TagDa vedere 2015
DistribuzioneTycoon Distribution
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Regia di Yorgos Zois. Un film Da vedere 2015 con Alexandros Vardaxoglou, Sofia Kokkali, Pavlos Iordanopoulos, Romanna Lobach, Angeliki Margeti. Cast completo Titolo originale: Interruption. Genere Drammatico - Grecia, Francia, Croazia, 2015, durata 109 minuti. Uscita cinema martedì 24 aprile 2018 distribuito da Tycoon Distribution. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 3 recensioni.

Condividi

Aggiungi Interruption tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un gruppo di giovani armati di pistole sale sul palcoscenico invitando gli spettatori a prendere il posto degli attori. Qual è la funzione del teatro?

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Yorgos Zois innerva innumerevoli aporie a cui spetta allo spettatore dare un'eventuale soluzione.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Un teatro di Atene ai nostri giorni. In scena si sta rappresentando l'Orestea di Eschilo in un adattamento postmoderno. All'improvviso, in seguito a un breve blackout, un gruppo di giovani in abiti scuri ed armati di pistole sale sul palco invitando chi lo desidera a raggiungerli per prendere il posto degli attori. La recita prosegue ma ora le dinamiche sono profondamente mutate.
Sin dalle sue origini ci si interroga su quale sia la funzione del teatro e la risposta muta di epoca in epoca e di società in società.

Con Interruption Yorgos Zois torna a porsi il quesito utilizzando un media diverso, il cinema, ma rifacendosi alla classicità più pura, quella trilogia, denominata "Orestea", con cui nel 458 a.C. Eschilo vinse le Grandi Dionisie.

Lo fa con un'idea che sarebbe piaciuta a Pirandello ma che da "Questa sera si recita a soggetto" trae semmai solo lo spunto. Perché in questa rappresentazione a più livelli di lettura, carica di tensione (indebolita solo da un finale che vorrebbe essere significante ma finisce con l'essere fuori misura) il regista greco innerva innumerevoli aporie a cui spetta allo spettatore cinematografico dare un'eventuale seppur provvisoria soluzione.

Quella gabbia trasparente in cui vengono imprigionati gli 'attori' può trasformarsi in segno di un modo di fare teatro che, per quanto di ricerca, ha finito con il ripiegarsi su se stesso senza più produrre senso. Allora la rilettura di un classico può trovare la propria significazione in un gesto di rottura come quello che fa salire sul palco il quotidiano ad agire se stesso cercando di individuare nel proprio vissuto riflessi di azioni che hanno attraversato i millenni. Ma se questo gesto è imposto, quale valore reale potrà conservare? Sarà sufficiente che, a un certo punto, vengano attribuite delle deleghe come possibili (ma di fatto apparenti) libertà di attualizzazione? Che dire poi quando un oggetto si rivela di fatto 'vero' e non (come si sarebbe creduto o, forse, sperato) di scena?

Su questa e su innumerevoli altre riflessioni che il film di Zois provoca, una finisce con il risultare dominante. Non a caso si è fatto riferimento in precedenza a uno spettatore cinematografico, perché quelli teatrali di Interruption si rivelano come una massa indistinta pronta ad ubbidire ai comandi impartiti ed incapace di distinguere finzione e realtà, riassorbendo il tutto in applausi privi di qualsiasi motivazione profonda. Il giudizio, in questo caso, è dato ed è inappellabile.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
giovedì 26 aprile 2018
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Su questo non c'è dubbio, "gli dei non lasceranno i nostri terribili assassini impuniti", come dice la profezia da una gabbia di vetro nell'Orestea che apre il film in un teatro di Atene, dove l'interruzione del titolo serve al capo del coro per invitare parte del pubblico a presentarsi e formare l'areopago giudicante come nella tragedia di Eschilo.

giovedì 26 aprile 2018
Massimo Bertarelli
Il Giornale

Verrebbe il mal di testa anche a Pirandello davanti a questa strampalata rivisitazione dell'Orestea. Dunque, in un teatro di Atene va in scena la celebre tragedia di Eschilo. Quand'ecco che sul palco irrompe un gruppo di giovani vestiti di nero, interrompendo la rappresentazione. Appare anche una pistola, forse per evitare dissensi in platea. Il capo manipolo annuncia: «Siamo il Coro, ci scusiamo per [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati