Sognando Alaska

Film 2014 | Drammatico +13 96 min.

Titolo originaleDon't Get Killed in Alaska
Anno2014
GenereDrammatico
ProduzioneUSA
Durata96 minuti
Regia diBill Taylor
AttoriOliver Dennis, Rosemary Dunsmore, Ben Lewis (III), John Nelles, Tommie-Amber Pirie Gianpaolo Venuta.
Uscitagiovedì 6 settembre 2018
DistribuzioneNew Gold Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 1,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Bill Taylor. Un film con Oliver Dennis, Rosemary Dunsmore, Ben Lewis (III), John Nelles, Tommie-Amber Pirie. Cast completo Titolo originale: Don't Get Killed in Alaska. Genere Drammatico - USA, 2014, durata 96 minuti. Uscita cinema giovedì 6 settembre 2018 distribuito da New Gold Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 1,00 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Sognando Alaska tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Liney e Dan hanno in programma di trascorrere l'inverno in Alaska, lavorando su una barca da pesca. Per fare questo devono chiedere aiuto alla famiglia di lei.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 1,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
ASSOLUTAMENTE NO
Quando la famiglia è un ostacolo intramontabile al raggiungimento di una felicità apparente.
Recensione di Diana Cardani
mercoledì 5 settembre 2018
Recensione di Diana Cardani
mercoledì 5 settembre 2018

Liney è una ragazza istintiva: dopo aver trascorso l’estate lavorando in una piantagione nella regione canadese del New Brunswick, decide di tornare in Ontario accompagnata dal nuovo fidanzato, Dan. Il suo desiderio è quello di raggiungere l’Alaska per l’inverno e, lavorando a bordo di un peschereccio, cercare di racimolare qualche soldo per frequentare l’università; questo suo sogno sembra svanire nel momento in cui, aiutando Dan ad uscire da un giro di spaccio, si trova costretta a prestargli tutti i suoi risparmi. Dovrà, così, farsi forza e chiedere aiuto alla sua famiglia che non vede da diversi anni: la madre che l’ha abbandonata dopo la separazione dal padre, assente, e il fratello maggiore, concentrato sul proprio futuro di avvocato.

L’Alaska sembra, a questo punto, una meta raggiungibile solo cercando in tutti i modi di appianare i problemi e le difficoltà del passato.

Raggiungere l’Alaska è, per Liney, un sogno annebbiato da un carattere insicuro e immaturo, che non sembra in alcun modo il risultato della solitudine con cui ha dovuto convivere per diversi anni: vivere alla giornata, pensando esclusivamente alla propria immediata quanto effimera felicità, è un atteggiamento che ha sicuramente aggravato la personalità già volubile della ragazza rendendola un personaggio non particolarmente agréable; a maggior ragione dal momento che, per tutto il film, non è visibile alcun segno di evoluzione, miglioramento: Liney è come intrappolata in uno stadio embrionale, pigramente incapace di affrontare i problemi con la dose necessaria di maturità.

Quello che dovrebbe essere un percorso di formazione in vista di un obiettivo nobile, difficile, in grado di mettere alla prova la resistenza fisica e psicologica della ragazza, non viene assolutamente indagato dal film, che nel privilegiare un’esasperante susseguirsi di dialoghi con l’intento di avvicinare lo spettatore al passato della protagonista non fa altro che allontanarla.

Il ritratto che ne deriva è quello di una ragazza con pretese infantili e un atteggiamento egoistico e menefreghista: piuttosto che affrontare con determinazione (la stessa che la incoraggia a partire verso un Paese insidioso in balia dell’ignoto) la precaria situazione familiare di cui si è trovata vittima, preferisce ovviare al problema con l’indifferenza, pretendendo esclusivamente ciò di cui ha veramente bisogno per raggiungere il suo obiettivo.

Pochi i barlumi dietro ai quali si intuisce un desiderio genuino di recuperare i rapporti con i propri genitori e il fratello: riesce a parlare liberamente con la madre solo attraverso una porta chiusa, il fratello non viene visto come un modello di costanza ma come metro di paragone, e gli abbracci al padre sono più gelidi delle temperature che si trovano nel freddo Paese statunitense. L’Alaska a lungo bramata ed inseguita solo attraverso le parole e le intenzioni sembra un traguardo irraggiungibile, un sogno ad occhi aperti più per lo spettatore che per la stessa protagonista.

Sei d'accordo con Diana Cardani?
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 14 settembre 2018
Flyanto

 A 4 anni dalla sua produzione, esce a fine estate nelle sale cinematografiche italiane “Sognando Alaska” del regista Bill Taylor, un film intimistico su un percorso di crescita di un’adolescente. La protagonista è una ragazza di circa 18 anni che ritorna nella sua cittadina natale dopo aver trascorso i mesi estivi in una piantagione in Canada dove ha conosciuto un ragazzo [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati