Italy in a Day - Un giorno da italiani

Film 2014 | Documentario, 75 min.

Regia di Gabriele Salvatores. Un film Da vedere 2014 con Alessia Gatti, Nikolas Grasso, Valeria Cocco, Antonio Rocco, Giuseppe Silvestrini. Cast completo Genere Documentario, - Italia, Gran Bretagna, 2014, durata 75 minuti. Uscita cinema martedì 23 settembre 2014 distribuito da 01 Distribution. - MYmonetro 3,66 su 3 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Italy in a Day - Un giorno da italiani tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un film documentario per raccontare un giorno nella vita degli Italiani. Ha vinto un premio ai Nastri d'Argento, Il film ha ottenuto 1 candidatura a David di Donatello,

Consigliato assolutamente sì!
3,66/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,82
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un imprescindibile documento della storia contemporanea, la più significativa opera di divulgazione della internet culture mai realizzata nel nostro paese.
Recensione di Gabriele Niola
Recensione di Gabriele Niola

Tramite un'elaborata campagna pubblicitaria e di comunicazione online la società di produzione Indiana e Gabriele Salvatores hanno chiesto a chiunque lo volesse di riprendere brandelli della propria giornata (tutti nella stessa: il 26 Ottobre 2013) e inviarli. Il risultato sono stati 44.000 video per un totale di 2.200 ore di girato che il regista e la sua squadra ha selezionato e montato per raccontare un giorno nella vita degli italiani oggi.
Riprendendo l'idea di Life in a day (di Kevin Macdonald patrocinato, come questo, da Ridley Scott e la sua casa di produzione) Gabriele Salvatores reinterpetra il medesimo format per contemporaneamente scoprire come l'Italia si racconti e cercare di contribuire a raccontarla attraverso lo specifico filmico, cioè il montaggio. Coerentemente con il "format" originale i video inviati vengono affiancati seguendo le ore del giorno, a partire da tutti quelli girati dopo la mezzanotte, passando alle albe, i risvegli e poi le mattine e via dicendo fino di nuovo alla mezzanotte.
Sciolto da un'incombenza puramente documentaristica (che apparteneva più al primo film, tarato su scala mondiale e all'epoca unico) Salvatores lavora per cavalcare il sentimentalismo del materiale pervenutogli, non disdegna il piacere epidermico di molte riprese impressionanti (sequenze d'azione, di sport e di volo libero) ma fa sempre ritorno agli interni, i video umani e personali, le dichiarazioni di matrimonio e l'intimità. Italy in a day è un documentario solare e ottimista (pochi i contributi che non sembrino un inno al vivere) che racconta l'intimo molto più e meglio del pubblico, in maniera anche maggiore del suo omologo planetario. É un documentario girato tra le coperte e nelle cucine, in grado di ribadire e confermare il più grande stereotipo nazionale: l'attaccamento alla famiglia. Bambini, coppie, madri, nonni e nuclei che si stringono, si annunciano belle notizie, piangono e si fanno forza. Pochi sono soli, quasi nessuno è in compagnia di qualcuno che non sia consanguineo.
Come prevedibile i contributi sono demograficamente sbilanciati, pochi gli over40 mentre gli unici anziani in video sono l'oggetto delle riprese di qualcuno più giovane, quasi nessun professionista affermato e molti disoccupati. I ragazzi sono quasi sempre soggetto e oggetto, operatore e attore, in video che hanno il sapore del protagonismo solo se visti singolarmente mentre collettivamente mostrano ciò che sta cambiando nella cultura audiovisiva, un rapporto mutato, meno schivo e più consapevole con la rappresentazione di se stessi e quindi della propria immagine ripresa.
Perchè il secondo e più audace racconto che Italy in a day e Life in a day prima riescono a fare è quello del cambiamento culturale e antropologico che il moltiplicarsi di videocamere e video fruiti sta causando. Mentre vediamo scene di vita quotidiana assistiamo ad un clamoroso svincolarsi del racconto sociale, sempre meno dipendente dallo sguardo di un autore e sempre più nelle mani degli stessi soggetti rappresentati. Se Salvatores mantiene un saldo controllo, selezionando cosa mostrare e cosa no, è anche vero che i momenti più sorprendenti sono frutto di soluzioni visive interne ai singoli video. Molti dei contributi infatti contengono piccoli climax, svelano solo nel finale la loro vera natura, non distribuiscono subito tutte le informazioni necessarie per comprenderli ma si riservano colpi di scena in cui le situazioni si rivelano diverse da quel che sembravano, ottenendo quello che si capisce essere stato l'effetto sperato.
In questo senso Italy in a day è un imprescindibile documento della storia contemporanea, la più significativa opera di divulgazione della internet culture che sia mai stata realizzata nel nostro paese. Si tratta della più grande rappresentazione delle potenzialità della cultura partecipativa, dell'atteggiamento di quella parte di paese che vive online (solo così si poteva venire a sapere del progetto e parteciparvi) e dei risultati inaspettati e clamorosi a cui può portare l'unione di un'intelligenza centrale (l'autore) unita alla libera condivisione.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Un esperimento di cinema collettivo.
a cura della redazione

Dopo Life in a Day, Japan in a Day e Britain in a Day, Gabriele Salvatores realizza anche Italy in a Day. Il documentario (prodotto dalla Rai) è stato creato con il girato mandato dagli utenti al sito "Italy in a Day", a partire dal 26 ottobre 2013. Il regista ha selezionato i filmati ricevuti e li ha montati in un unico grande film.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il progetto originale è Life in a day di Kevin MacDonald (prodotto da Ridley Scott nel 2010), questa è l'edizione italiana, curata da Salvatores: è stato chiesto agli italiani di girare video realizzati con qualunque mezzo il 26 ottobre 2013 nell'arco delle 24 ore. Sono arrivati 44.197 corti, oltre 2200 ore di materiale che una squadra di 40 selezionatori ha visionato, scegliendone 632 da montare. Un social movie originale in cui i contributi sono demograficamente sbilanciati (pochi gli over40, mentre gli unici anziani in video sono l'oggetto delle riprese di qualcuno più giovane), quasi nessun professionista affermato e molti disoccupati. Ma il tutto rivela un insospettabile ottimismo del popolo italiano.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

ITALY IN A DAY - UN GIORNO DA ITALIANI disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€6,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
sabato 27 settembre 2014
jackiechan90

Quello che Salvatores fa con il materiale visionato e montato non è un semplice documentari o un' indagine sociologica dell'anno 2014, anche se può sembrare da una prima visione superficiale. Si può notare come il regista abbia volutamente selezionato le sequenze che lasciano uno spazio alla speranza e alla gioia di vivere (anche se comunque rimangono alcuni sprazzi di disillusione e di melanconia). [...] Vai alla recensione »

lunedì 10 settembre 2018
stefano capasso

Il 26 ottobre del 2013 in tutta Italia persone comuni riprendono con i loro mezzi a disposizione parte della loro vita quotidiana, rispondendo anche ad alcune domande poste loro dall’ideatore del progetto. Sulla scia dell’idea originale di Kevin Mac Donald, prodotta da Ridley Scott, Gabriele Salvatores chiede agli italiani di contribuire alla scrittura in immagini di una giornata normale. [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 settembre 2014
paskmark

I piccoli gioielli a volte a volte affascinano più dei tesori della corona. Il materiale amatoriale abilmente montato si amalgama nel tentativo di raccontare una storia, quella dell'essere umano nel suo contesto sociale, quella dell'animo umano e delle sue contraddizioni, quella di una realtà controversa eppure affascinante. Salvatores come il Pasolini di Comizi d'amore rivolge uno sguardo dolcemente [...] Vai alla recensione »

domenica 17 settembre 2017
Ennio

L'idea non è originale ma la cosa era nota, non è un delitto ispirarsi ad altri per un proprio lavoro. Ma questo non è nè film nè documentario nè nonsocosa, i ritmi sono frenetici ed illeggibili. A me è solo sembrato un lunghissimo spot pubblicitario, con tematiche e situazioni da spot pubblicitari, strizzate d'occhio a tutto ciò [...] Vai alla recensione »

martedì 29 marzo 2016
enzo70

Esistono bravi registi ed artisti; ecco Gabriele Salvatores riesce ad andare ogni oltre canone, anche stilistico, ed in questo splendido prodotto culturale, grande proprio perché non classificabile in alcun genere, propone una visione nuova, finalmente positiva, dell’Italia. E lo fa unendo 44.000 video che gli italiani hanno girato il 26 ottobre 2013, raccontando le proprie storie, amori, [...] Vai alla recensione »

venerdì 14 novembre 2014
andre89LOST

da una piccola, origiinale idea, è nato un film emozionante, che vola via in un attimo. Da vedere, per riflettere.

martedì 11 novembre 2014
Fabriziomv

Un film dall'idea di fondo di una banalità sconcertante se si pensa che a girarlo è un regista premio Oscar. L'idea sarebbe quella di filmare una giornata dall'alba a notte fonda di tanti italiani ma non si capisce cosa unisca queste persone e cosa voglia raccontare il film se non la solita retorica già vista negli spot dell'Eni della battaglia quotidiana del popolo e della sua volontà di farcela. Vai alla recensione »

lunedì 29 settembre 2014
mati :D

Ho visto Italy in day quasi per caso...l'ho iniziato a vedere con scetticismo più che curiosità...ma dopo i primi 10 minuti mi ero già ricreduta e stavo incollata allo schermo. Vedere questo film composto dai video di persone "comuni", fa capire con chiarezza quanto in realtà nessuno possa essere considerato comune, ma ognuno di noi sia speciale ed unico.

sabato 27 settembre 2014
marilla

Strepitoso, nella sua geniale semplicità. Salvatore sa certo filmare ma, in questo caso, lascia tutto nelle mani degli italiani, che rivelano ottime qualità filmiche: alcuni video sono bellissimi, non solo per il contenuto, ma anche per la qualità delle immagini. Il film non ti lascia un attimo di respiro: dall'inizio alla fine, pur se raccontando la vita quotidiana, quella di tutti noi, in un melting [...] Vai alla recensione »

sabato 27 settembre 2014
blasiusack

Davvero un bel film, rappresenta l'italia esattamente com'è oggi, senza troppi buonismi anzi a tratti in maniera cruda. 

mercoledì 24 settembre 2014
MAURIDAL

 Ieri sera lunedi 23 ho visto il film di Gabriele Salvatores ITALY IN A DAY , in sala al cinema  ed ho avuto la conferma della genialità e maestria del regista . GABRIELE SALVATORES è tra i pochi registi contemporanei che personalmente seguo e apprezzo ed è un piacere, ogni volta che ci onora di una sua opera poter riaffermare che la cinematografia italiana può [...] Vai alla recensione »

mercoledì 19 novembre 2014
no_data

Che classe!! Siamo di fronte alla scontata dimostrazione della qualità e della bravura di G. Salvatores. Non si può aggiungere tanto altro, in fondo. La maestria nel portare sullo schermo scene, immagini, video fatti da mani qualunque e trasformate in un composè esemplare, bello, interessante, artistico e financo coinvolgente è cosa inusuale.

domenica 28 settembre 2014
riccardo2014

Ma che è ? In quanti hanno partecipato ?...45.000 a stare larghi, perché la burocrazia e le restrizioni della “R”ai erano ben note e chiare per l’invio dei video. Ma daiii…ho visto Gran Britain in a day o Life in a day e ci sarà un Munbai in a day, ma che è questo ? Italy in a Day ?... a parte rare eccezioni di verità in versione very cut concesse, per pararsi il posteriore.

domenica 28 settembre 2014
riccardo2014

Con il materiale di pochi a disposizione non si poteva fare di meglio. il 90% della gente non sapeva dell'evento, e per le complicanze di invio dei video non adeguati all'orintamento politico, non ha partecipato.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Paolo D'Agostini
La Repubblica

Versione italiana di un progetto globale di "social movie" che fa capo ai fratelli Scott, Italy in a day ripropone una cosa che aveva già tentato la regista Antonietta De Lillo senza la stessa risonanza e con un profilo produttivo molto più limitato. Salvatores è stato il raccoglitore, smistatore e gestore di una sterminata quantità di materiale girato con qualsiasi mezzo e inoltrato da chi ha a suo [...] Vai alla recensione »

NEWS
GALLERY
mercoledì 3 settembre 2014
 

La settima giornata della 71. Mostra del Cinema ha visto avvicendarsi sul red carpet gli scandinavi di A Pigeon Sat on a Branch Reflecting on Existence (dello svedese Roy Andersson) e i giapponesi di Fires on the Plain (regia di Shinya Tsukamoto).

winner
nastro dell'anno
Nastri d'Argento
2015
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati