Play

Film 2011 | Drammatico

Regia di Ruben Östlund. Un film Da vedere 2011 con Anas Abdiraham, Sebastian Blyckert, Yannick Diakité, Sebastian Hegmar, Abdiaziz Hilowle. Cast completo Genere Drammatico - Svezia, Francia, Danimarca, 2011, - MYmonetro 3,23 su 1 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Play tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 20 maggio 2014

In un centro commerciale di Gothenburg, cinque ragazzini di colore approcciano tre coetanei bianchi con la scusa di voler sapere l'ora ma con l'intento di rubare loro il cellulare.

Play è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compra subito

Consigliato sì!
3,23/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA
PUBBLICO 2,95
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Gioco di ruolo tra ragazzini, in cui le parti di persecutore e vittima sono in continuo e teso scambio.
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 16 maggio 2011
Recensione di Marianna Cappi
lunedì 16 maggio 2011

In un centro commerciale di Gothenburg, cinque ragazzini di colore approcciano tre coetanei bianchi con la scusa di voler sapere l'ora ma con l'intento di rubare loro il cellulare. Senza violenza, ricorrendo alla minaccia che la loro semplice apparenza è in grado di suscitare per ragioni di diffuso pregiudizio, i cinque imbarcano gli altri tre in un viaggio lungo un giorno fino ai margini della città, sfruttando l'incredibile incapacità degli adulti di comprenderli e di essere d'aiuto.
Lo svedese Ruben Östlund, già autore di Involuntary (2008) e di alcuni documentari, ha trovato l'ispirazione per questo film in un articolo di cronaca che riportava la vicenda di una baby-gang che portò a compimento una quarantina di furti con il cosiddetto "numero del fratellino", ovvero incolpando le vittime designate di possedere un telefono cellulare di proprietà del fratello di uno di loro. Appare immediatamente evidente -e si risolve in un film potentemente intrigante- il ricorso, da parte di questi giovanissimi ad una retorica sofisticata, per cui il ladro accusa implicitamente l'innocente di furto e sfrutta la sua naturale rivendicazione di innocenza per intrappolarlo definitivamente, alla ricerca della "verità".
Ma c'è di più. In questo gioco di ruolo in cui la tensione è snervante e l'imprevedibile perennemente sul punto di accadere, persecutori e prede si scambiano in continuazione le parti, nella percezione dello spettatore. Certo, è il regista che opportunamente destabilizza la prospettiva, ma è la società che ha creato i ruoli in gioco. Chi sono i buoni e chi i cattivi? Chi i ricchi e chi i poveri? Chi i vessati? Chi gli ingenui?
Girato quasi interamente in tempo reale, con otto giovani interpreti che provano ad ogni minuto il lavoro straordinario di preparazione che hanno fatto e che è stato fatto su di loro, il film ha la sola pecca di allungarsi oltre misura e di arrotolarsi pericolosamente su se stesso nel finale. L'idea è nobile e spinge potenzialmente e velocemente ad libitum il meccanismo esplorato con più cura e agio fino a quel momento, ma la meccanicità si sente e dispiace. Bellissima, al contrario, l'idea di punteggiare il viaggio dei ragazzini con quello di un treno di pendolari sul quale viene ritrovata una culla ingombrante che nessun passeggero sembra voler reclamare. Eppure qualcuno questi ragazzi li ha cresciuti e non può non prendersene la responsabilità.

Sei d'accordo con Marianna Cappi?
PLAY
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€29,90
€29,90
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 12 giugno 2011
epidemic

Incomincianmo a dire che la metafora della culla è altroché banale. Il film si snoda in una giornata lunga, un susseguirsi di tragitti che si alternano a dialoghi sporadici (da ragazzini). Che sia vero che il regista voglia mettere alla luce un disagio e voglia indurre a prendere posizione è palese. é altresì vero che i protagonisti del film si astengano da qualsiasi [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati