Sul lago Tahoe

Film 2008 | Drammatico 85 min.

Titolo originaleLake Tahoe
Anno2008
GenereDrammatico
ProduzioneMessico, Giappone, USA
Durata85 minuti
Regia diFernando Eimbcke
AttoriDiego Cataño, Héctor Herrera, Daniela Valentine, Juan Carlos Lara II, Yemil Sefani, Olda López, Mariana Elizondo, Joshua Habid, Raquel Araujo, Enrique Albor, Juan Carlos Lara .
Uscitavenerdì 28 agosto 2009
DistribuzioneArchibald Enterprise Film
MYmonetro 2,67 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Fernando Eimbcke. Un film con Diego Cataño, Héctor Herrera, Daniela Valentine, Juan Carlos Lara II, Yemil Sefani, Olda López, Mariana Elizondo, Joshua Habid, Raquel Araujo, Enrique Albor, Juan Carlos Lara. Titolo originale: Lake Tahoe. Genere Drammatico - Messico, Giappone, USA, 2008, durata 85 minuti. Uscita cinema venerdì 28 agosto 2009 distribuito da Archibald Enterprise Film. - MYmonetro 2,67 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Sul lago Tahoe tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Juan ha sedici anni ed è appena andato a sbattere contro un palo con l'auto di famiglia. Deve risolvere la situazione in un momento già assai difficile della sua vita. In Italia al Box Office Sul lago Tahoe ha incassato nelle prime 7 settimane di programmazione 34,5 mila euro e 10 mila euro nel primo weekend.

Sul lago Tahoe è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,67/5
MYMOVIES 2,75
CRITICA 3,00
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Un piccolo, intenso e sincero ritratto adolescenziale.
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 10 febbraio 2008
Recensione di Giancarlo Zappoli
domenica 10 febbraio 2008

Juan ha sedici anni ed è appena andato a sbattere contro un palo con l'auto di famiglia. A casa la mamma si è chiusa in bagno e il fratellino non sa che fare. Mentre il ragazzo peregrina da un'autofficina all'altra cercando chi possa aiutarlo a far ripartire l'auto conosciamo esponenti di un' umanità talvolta rassegnata talaltra con sogni impossibili. Veniamo contemporaneamente messia a conoscenza del motivo della sofferenza del ragazzo: è morto suo padre.
Il messicano Fernando Eimbcke ha portato in Concorso alla 58^ Berlinale un piccolo ma intenso film. Spinto da una domanda personale (come mai quando da ragazzo aveva perso il padre pochi giorni dopo si era procurato un incidente in auto?) il quasi quarantenne regista ci offre il ritratto di un adolescente privo totalemente di appigli che lo aiutino a venire fuori non tanto dalla panne dell'auto quanto da quella che la vita gli ha posto dinanzi. I personaggi che incontra (il meccanico con cane da difesa, la ragazzina madre che sogna di diventare la front woman di un gruppo punk, il ragazzo appassionato di arti marziali) sono dramatis personae di una via crucis interiore al termine della quale cercare una ricomposizione con l'esistenza e col quotidiano. In sé il film non propone novità dal punto di vista del linguaggio cinematografico utilizzato. Vi si legge però la sincerità di uno sguardo che cerca delle risposte difficili da trovare e il desiderio di accostarsi a un mondo in formazione (quello degli adolescenti) lasciato sempre più solo da adulti centrati solo su se stessi.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Racconto di formazione sul passaggio dall'adolescenza all'età adulta di Juan, indotto dalla morte del padre. Sullo sfondo di un paesaggio urbano messicano, filmato dal basso in campi lunghi e narrato in un tempo rarefatto e dilatato, si descrive l'incapacità dell'istituto familiare ad affrontare non solo le emergenze funeste, ma la stessa vita quotidiana. Juan abbandona la casa, risolve la crisi quando trasforma la fuga in ricerca. Smarrito il cane di un anziano meccanico, va a cercarlo e lo ritrova presso una famiglia con bambini. Felice, lo riporta al suo padrone che glielo lascia. Premio Fipresci al 58° Festival di Berlino 2009. Distribuito in Italia da Archibald.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
SUL LAGO TAHOE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€3,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 5 dicembre 2010
alearmando

A partire dalle versioni del titolo (Sul lago Tahoe/Lake Tahoe/Te acuerdas de Lake Tahoe?) siamo davanti a un film che ci disloca in modo imprevedibile nello spazio. Dove siamo? Dov'è il lago? Che popolo è mai questo? Una sequenza di cartoline in scena fissa, quasi delle diapositive, dividono lo spazio del film. Perché di uno spazio si tratta, non di un divenire temporale: non c'è tempo, dentro le [...] Vai alla recensione »

lunedì 7 settembre 2009
Alessandra62

Inquadrature fisse su luoghi desolati, polverosi e assolati a cui si alterna ritmicamente il buio di un ipnotico schermo nero, introducono e accompagnano lo spettatore in un villaggio messicano dello Yucatan, teatro della vicenda che vede protagonista un ragazzo, di nome Juan, di sedici anni. Dopo avere sbattuto contro un palo con la macchina del padre, Juan è costretto a risolvere da solo il problema, [...] Vai alla recensione »

domenica 22 gennaio 2012
osteriacinematografo

Lungometraggio d’esordio del regista messicano Fernando Eimbke. Paesino scarno e sperduto dello Yucatan: un ragazzino finisce con l’auto contro un palo, e deve prodigarsi per cercare qualcuno che ripari il guasto. Sembra un paesino fantasma, in cui le persone appaiono e scompaiono, e sarà un’impresa trovare il pezzo giusto per ricomporre l’insieme.

lunedì 15 febbraio 2010
Vittorio

Film lentissimo, con dei dialoghi assurdi e delle scene prive di ogni significato!! Un film alla ricerca di un pezzo per una macchina in un paese al di fuori del mondo....... Ma vi prego!! Una noia mortale.... Adatto per chi soffre di insonnia...

mercoledì 2 settembre 2009
paolorol

Il fascino di questo film è costituito dalla lentezza, che bene rispecchia lo scorrere del tempo nelle sonnolente cittadine della provincia messicana, poco più di aggregati di case fatiscenti e apparentemente deserte. Il regista spezza continuamente l'azione con istanti,neppure troppo brevi, di schermo nero, nel quale l'audio evoca e suggerisce più delle immagini.

FOCUS
INCONTRI
giovedì 27 agosto 2009
Tirza Bonifazi Tognazzi

Un road movie ispirato al cinema di Jarmusch, Kaurismäki e Ozu Messicano del Distretto Federale, classe 1970, il regista Fernando Eimbcke torna a posare il suo sguardo sui giovani dopo essersi fatto un nome con l'opera prima, Temporada de patos, ritratto in bianco e nero di due adolescenti. Qualcuno ha paragonato il suo cinema a quello di Jim Jarmusch, paragone che Eimbcke non disdegna. "Mi sono innamorato della semplicità e della complessità dei suoi film" ha ammesso.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Rallentare, riflettere, ascoltare, aspettare. Potrebbe essere il motto di quei film, in aumento, che chiedono pazienza ma ripagano lo spettatore con emozioni e onestà non comuni. Si veda Sul lago Tahoe, del 38enne messicano Fernando Eimbcke, scoperto alla Berlinale 2008. Inquadrature fisse, tipi bizzarri, un paesino portuale sospeso nell'immobilità della bassa stagione, una storia che pare girare in [...] Vai alla recensione »

Jacques Mandelbaum
Le Monde

"Lake Tahoe" : au milieu de nulle part Situé dans l'Etat américain du Nevada, à la frontière de la Californie, le lac Tahoe est un havre de paix qui culmine à 1 894 mètres d'altitude. Pour la petite histoire, et pour les téléspectateurs de plus de 40 ans, on peut rappeler que la série télévisée "Bonanza" y fut tournée. Le lien avec le film Lake Tahoe semble pourtant ténu.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Cinema messicano. Lo firma un autore, Fernando Eimbcke, incontrato finora soprattutto nei festival. Come questo suo secondo film, presentato l'anno scorso a Berlino. Sembra la fuga di un ragazzetto, Juan, da casa sua, dalla madre, dal fratellino, dagli amici. In realtà, lo sapremo alla fine, è la difficile accettazione di un lutto che lo ha colpito all'improvviso, la morte del padre.

Jeannette Catsoulis
The New York Times

So different from the usual fare that it might have arrived from another galaxy, “Lake Tahoe” is a painstaking collage of small incidents and expansive images clustered around a fragile narrative. At the center is Juan (Diego Cataño), a phlegmatic teenager whose bright red Nissan has collided with a pole; around him are a variety of characters — a grumpy dog lover, a friendly kung fu fanatic — who [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati