Denti

Film 2007 | Horror, V.M. 14 88 min.

Titolo originaleTeeth
Anno2007
GenereHorror,
ProduzioneUSA
Durata88 minuti
Regia diMitchell Lichtenstein
AttoriJess Weixler, John Hensley, Josh Pais, Hale Appleman, Lenny von Dohlen, Vivienne Benesch Ashley Springer, Julia Garro, Nicole Swahn, Adam Wagner, Hunter Ulvog, Ava Ryen Plumb, Trent Moore, Mike Yager, Nathan Parsons.
Uscitavenerdì 22 agosto 2008
DistribuzioneMediafilm
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,79 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Mitchell Lichtenstein. Un film con Jess Weixler, John Hensley, Josh Pais, Hale Appleman, Lenny von Dohlen, Vivienne Benesch. Cast completo Titolo originale: Teeth. Genere Horror, - USA, 2007, durata 88 minuti. Uscita cinema venerdì 22 agosto 2008 distribuito da Mediafilm . Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,79 su 7 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Denti tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un'adolescente scopre di avere una vagina dentata dopo aver subito delle violenze sessuali. In Italia al Box Office Denti ha incassato nelle prime 3 settimane di programmazione 278 mila euro e 108 mila euro nel primo weekend.

Powered by  
Consigliato sì!
2,79/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA
PUBBLICO 2,36
CONSIGLIATO SÌ
Un teen movie tra horror e commedia indipendente, con un sorriso sadico e il volto innocente.
Recensione di Giancarlo Zappoli
Recensione di Giancarlo Zappoli

Un padre e una madre e due bambini in una piscinetta di plastica in giardino. Ognuno di loro è figlio dei precedenti matrimoni dei genitori. Quando il piccolo Brad cerca di giocare al dottore con la sorellastra Dawn, si ritrova con una bella morsicata sul dito. Sono passati gli anni e ora Dawn è un'adolescente impegnata in conferenze sulla necessità di conservarsi vergini per il vero amore mentre Brad è diventato un metallaro che bivacca nella propria stanza in cui porta le proprie prede femminili e a cui fa accedere il proprio pericoloso cane.
Dawn sembra provare un sentimento, ricambiato, per il coetaneo Tobey. Il giorno in cui i due si ritrovano a fare il bagno in un luogo appartato il ragazzo decide che è giunto il momento di avere un rapporto sessuale. Dawn però non vuole e resiste. Porrà fine al tentativo di stupro la sua...vagina tranciando di netto il pene di Tobey che diverrà in seguito preda dei granchi. Quanto è successo non può che gettare nel panico la ragazza che, oltre ad essere disperata per la sicura morte di Tobey, decide di cercare rassicurazioni in una visita ginecologica.
Da qui in avanti è bene non raccontare i dettagli della vicenda che Michell Lichtenstein (figlio del famosissimo artista pop Roy) ha portato sugli schermi mescolando i generi. Perché Denti inizia (dopo l'inquietante prologo) come un teenage movie (con tanto di centrale nucleare sullo sfondo però). Le certezze di Dawn, il suo primo amore, il bisogno di tenerezza. Tutto sembra indirizzato verso lo stereotipo che invece viene proposto solo per essere sadicamente distrutto, Perché la vagina 'dentata' (con tutti i doverosi riferimenti ai miti antichi che Freud ebbe modo di collegare con l'ansia da castrazione) non solo diventa ottimo strumento di vendetta femminile contro il rapporto non desiderato e, più oltre, nei confronti di un falso interesse maschile per la donna nella sua complessità ma consente al regista di sferrare pugni negli stomaci degli spettatori. Ci limiteremo a dire che non c'è nulla di allusivo nelle evirazioni.
Ciò che più conta però è che quello che avrebbe potuto essere solo un filmetto con l'idea (scandalistica) giusta finisce con l'essere qualcosa di più. In questa epoca di apparentemente sfrenata libertà in campo erotico il sesso può ancora attrarre e fare paura al contempo come nell'antichità. Lichtenstein ce lo ricorda con un sorriso sadico e con il volto innocente (fino a un certo punto) di Jess Weixler a cui fa da contraltare il cupo John Hensley che abbiamo avuto modo di conoscere e apprezzare in Nip/Tuck e non solo.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Stefano Lo Verme

religiosa che esorta i propri coetanei ad astenersi da qualsiasi tipo di pratica sessuale. La fermezza delle sue convinzioni viene messa a dura prova dal suo nuovo amico Tobey, per il quale Dawn prova una profonda attrazione; ma la ragazza non è ancora consapevole che qualcosa di terribile si nasconde dentro di lei...
Cominciamo con un'avvertenza: tutti i maschietti che, leggendo le cronache della famigerata vicenda di Lorena Bobbitt, abbiano avvertito un freddo brivido corrergli lungo la schiena, stiano alla larga da questo film! Decisamente, non fa per loro. Piccola produzione indipendente a basso budget, Denti è il primo lungometraggio del regista Mitchell Lichtenstein, che ne ha firmato anche la sceneggiatura, ed è interpretato da un cast di giovani attori perlopiù sconosciuti. È un film imprevedibile, Denti: si apre come un comune teenage-movie, con tanto di svolta sentimentale che pare attendere i protagonisti dietro l'angolo. Poi, quando meno ce l'aspettiamo, ecco che il tono cambia completamente: di colpo, lo spettatore si ritrova immerso in uno spaventoso incubo dai contorni surreali, per sfociare infine in un dramma grottesco condito con un mordace spirito sardonico (come si può notare nella sequenza conclusiva).
Con una tale commistione di elementi tanto differenti, il rischio che la pellicola finisse fuori dai binari era altissimo; invece, incredibile a dirsi, questo complesso amalgama dei generi più vari, dalla commedia all'horror, riesce a raggiungere un sorprendente equilibrio, dimostrando (nonostante i numerosi eccessi splatter) di saper funzionare piuttosto bene. Al centro della trama c'è un mito antichissimo le cui radici risalgono ai primordi della civiltà occidentale: quello della cosiddetta "vagina dentata", inquietante metafora delle paure dell'uomo nei confronti della sessualità femminile e della minaccia di castrazione da parte della donna. Nel film, questo mito assume una forma concreta e reale nella figura di Dawn O'Keefe (Jess Weixler), una studentessa del liceo che predica con fervore l'astinenza sessuale e nasconde dietro un fanatismo di matrice pseudo-religiosa il totale rifiuto della propria sessualità. Ma quando Dawn dovrà fare i conti con i suoi primi turbamenti erotici, dentro di lei si scatenerà qualcosa di assolutamente agghiacciante e inaudito...
La progressiva presa di coscienza di Dawn riguardo al proprio "potere" diventa così un processo di accettazione di sé, che culminerà con la consapevolezza degli effetti terrificanti ai quali vanno incontro i malcapitati che si trovano a "passare" attraverso la sua vagina. Se da una parte fanno capolino le mutazioni genetiche tanto care al cinema di Cronenberg, dall'altra Lichtenstein sembra prendere spunto dal cult di Brian De Palma Carrie nel rappresentare la feroce vendetta messa in atto dalla protagonista contro chiunque tenti di approfittarsi di lei. Tuttavia, la narrazione mantiene sempre quella sottile vena ironica che in qualche modo smaschera il carattere satirico del film (già evidente, del resto, nella descrizione dell'assurdo puritanesimo che induce a censurare i libri di anatomia per evitare di offendere il "comune senso del pudore"): sia nelle scene più forti, con le evirazioni mostrate esplicitamente sullo schermo (i deboli di stomaco stiano in guardia!) e "frammenti anatomici" in contesti a dir poco raccapriccianti; sia in una sequenza, quella della prima visita ginecologica di Dawn, che è un autentico gioiellino di suspense e di humor nero.

Sei d'accordo con Stefano Lo Verme?
Powered by  
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 13 febbraio 2012
Therao

È pleonastico definire un film del genere una furbata. Talmente pleonastico che sarebbe stato ovvio aspettarsi che nessuno lo andasse a vedere. Che si fa davanti a un film del genere? Semplice: si legge la trama sul giornale, si dice "Ah! Ah! Che stronzata!" e si passa al film successivo. Invece qualche spettatore c'è stato; credo dipenda dal fatto che il regista ha agito [...] Vai alla recensione »

domenica 31 ottobre 2010
Andrea b

Il film narra le vicende di Dawn, una giovane ragazza che col tempo scopre di avere un' inquietante particolarità nelle zone intime.Una commedietta a basso costo che tocca i temi e le paure più comuni dell' età adolescenziale senza cadere nella solita retorica.Il film scorre bene ed è abbastanza piacevole, con l' unico difetto di avere una trama troppo monotona [...] Vai alla recensione »

mercoledì 20 maggio 2009
Spalla

Denti non è un film dell'orrore. E' UN ORRORE. Penso di non aver mai visto un'idea di base più patetica e stupida. Mi chiedo veramente chi possa provare anche solo una certa tensione nel vedere un film così. Questa storia fa soltanto ridere, per la pateticità delle scene. E qualche donna osa parlare di rivincita delle donne sugli uomini! Con un film così?? Ma per piacere!

sabato 12 febbraio 2011
pjmix

...della vagina dentata!! Ebbene si signori, non pensavo si potesse scendere a questi livelli, ma evidentemente mi sbagliavo. Un film assurdo: una ragazza verginella che col passare del tempo non solo diventa una maniaca sessuale andando a letto con quasi chiunque ci provi, ma addirittura se la fa col fratellastro e, molto probabilmente, anche con un anziano che ha deciso di darle un passaggio.

martedì 29 settembre 2009
Sergior

Per essere ironico sarei curioso di sapere chi si sentirebbe di fare l'amore con Jess Weixler (la protagonista) dopo avere visto queso film.

venerdì 24 luglio 2009
donato 1964

Film sicuramnete non horror in quanto le scene in esso contenute provocano piu' comicita' che paura.Comunque nel complesso un film piu' che discreto.Voto 6+

domenica 21 dicembre 2014
f.palazzi

Quando uscii il film nelle sale italiane doveva essere il 2008 (credo) e lo ricordo atterrito per quanto disgustoso e brutto era questo film...... Non si può definire certo un horror,ma QUASI un porno sanguinolento con storia ed attorini da quattro soldi! Decisamente inguardabile!Dico io,ma con quale coraggio viene pubblicata certa robaccia nei cinema!? Poveri critici che se lo son dovuti [...] Vai alla recensione »

lunedì 17 dicembre 2012
toty bottalla

Bisognerebbe spendere meglio i soldi... ma ormai è fatta, incuriosito l'ho visto, così, dopo una prima mezz'ora di noia, il film, comunque prevedibile si riscatta un po' senza riuscire mai però ad essere importante: scene horror scadenti a volte ridicole, suspance inesistente e cast mediocre, penso può bastare. Saluti.

sabato 5 settembre 2009
ennepi54

è veramente singolare come ai nostri tempi, pervASI di falsa libertà, un film come questo che è un inno all'intelligenza ( complimenti al regista ) venga inteso come un film volgare; sciocco; ecc. ecc. Il filmetto è fatto bene, e vuole essere anche una gran bella risata alla faccia dei perbenisti di ogni dove! Oltre che alla cattiva coscienza di tanti, più uomini che donne, che ritengono sia ancora [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Non resisto! É da Pasqua che non mi masturbo!"
Una frase di Tobey (Hale Appleman)
dal film Denti - a cura di Nox
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Una biondina dall'aspetto verginale che cresce alla meglio in un'anonima cittadina di provincia fra le ciminiere di una centrale nucleare e le sedute di un gruppo studentesco che predica la castità, scopre di avere fra le gambe un "dono" tanto terribile quanto a suo modo utile: una insospettabile, inflessibile, inesorabile vagina dentata. Premiato al Sundance per l'interpretazione della giovane Jess [...] Vai alla recensione »

Carina Chocano
The Los Angeles Times

You could never accuse Mitchell Lichtenstein (son of artist Roy) of pandering to market expectations. His first feature, "Teeth," is a dark, gory and hilarious sendup of contemporary prudery, teen horror films, Christian abstinence programs, rampant cultural misogyny and latent gynophobia in ancient mythology that plays serial castration by vagina dentata for laughs.

Isabelle Regnier
Le Monde

Premier long métrage de Mitchell Lichtenstein, acteur américain de second plan et fils du peintre Roy Lichtenstein, Teeth se situe quelque part entre le film d'adolescent type American Pie et L'Ange de la vengeance, d'Abel Ferrara, sans posséder ni le vernis hollywoodien du premier, ni la puissance artistique du second. Bricolé, pas très bien fichu, il retrace, dans une petite ville du Texas, l'éveil [...] Vai alla recensione »

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Presentato all'edizione 2007 del Sundance Film Festival (dove la sua protagonista, Jess Weixler vinse un premio) Denti (Teeth) è il lungometraggio d'esordio di Mitchell Litchenstein (il suo corto, Resurrection, era nel cartellone di Venezia nel 2004), una fiaba horror/ femminista dai colori pop (non a caso: il regista è figlio del grandissimo Roy Litchenstein) che esiste in una zona tra lo humor dissacrante [...] Vai alla recensione »

Stephen Holden
The New York Times

Teenage horror-movie spoof, John Waters parody, No Nukes protest movie, twisted sex-education film, quasi-feminist fable, outrageous stunt: Mitchell Lichtenstein’s clever, crude comedy, “Teeth,” is all these and more. Imagine Candy Christian, the title character of “Candy,” Terry Southern and Mason Hoffenberg’s satirical novel, as a contemporary mutant teen angel unknowingly afflicted with the mythical [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
venerdì 22 agosto 2008
Rita Andreetti

Se il mito freudiano diventa reale Pensavamo che le storie d'amore e di adolescenti incerti potessero essere tutte eteree e scanzonate come la vincente Juno o il precedente Sognando Beckham; di problemi senz'altro ce ne sono, ma rimane tutto lì, tra [...]

RUBRICHE
mercoledì 30 luglio 2008
Chiara Renda

I più attesi Arriva finalmente a metà agosto (il 14 per la precisione) l'unico film che potrebbe fare concorrenza a Il cavaliere oscuro: Le cronache di Narnia: il Principe Caspian arriva nelle sale pronto a stupire bambini e non con nuove spettacolari [...]

RUBRICHE
mercoledì 2 luglio 2008
Chiara Renda

Attesi supereroi Manca poco ormai all'uscita del film più atteso dell'estate 2008: il ritorno di Batman diretto per la seconda volta da Christopher Nolan (dopo Batman Begins). Il cavaliere oscuro esce in Italia a distanza di 5 giorni rispetto alle sale [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2023 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati