A Mighty Heart - Un cuore grande

Film 2007 | Drammatico, 108 min.

Titolo originaleA Mighty Heart
Anno2007
GenereDrammatico,
ProduzioneUSA
Durata108 minuti
Regia diMichael Winterbottom
AttoriAngelina Jolie, Dan Futterman, Archie Panjabi, Irrfan Khan, Will Patton, Denis O'Hare Mohammed Afzal, Mushtaq Khan, Daud Khan, Telal Saeed, Arif Khan, Tipu Taheer, Amit Dhawan, Saira Nasir Khan, Aliya Khan, Sarah Mone, Bushra Parwani, Zafar Karachiwala.
Uscitavenerdì 16 novembre 2007
DistribuzioneUniversal Pictures
MYmonetro 2,92 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Michael Winterbottom. Un film con Angelina Jolie, Dan Futterman, Archie Panjabi, Irrfan Khan, Will Patton, Denis O'Hare. Cast completo Titolo originale: A Mighty Heart. Genere Drammatico, - USA, 2007, durata 108 minuti. Uscita cinema venerdì 16 novembre 2007 distribuito da Universal Pictures. - MYmonetro 2,92 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi A Mighty Heart - Un cuore grande tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento giovedì 6 febbraio 2020

Il 23 gennaio 2002 Daniel Pearl, il responsabile per il Sud dell'Asia del "Wall Street Journal" esce da casa a Karachi per andare a fare l'ultima intervista prima di lasciare la città. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Golden Globes, 1 candidatura a Critics Choice Award, 1 candidatura a SAG Awards, In Italia al Box Office A Mighty Heart - Un cuore grande ha incassato nelle prime 8 settimane di programmazione 33,5 mila euro e 19,2 mila euro nel primo weekend.

A Mighty Heart - Un cuore grande è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it e su LaFeltrinelli.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,92/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,50
PUBBLICO 3,27
CONSIGLIATO SÌ
Drammatica e intensa storia d'amore e giornalismo.
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 24 febbraio 2007
Recensione di Giancarlo Zappoli
sabato 24 febbraio 2007

Il 23 gennaio 2002 Daniel Pearl, il responsabile per il Sud dell'Asia del "Wall Street Journal" esce da casa a Karachi per andare a fare l'ultima intervista prima di lasciare la città.
L'incontro, ottenuto tramite un intermediario, è con uno dei capi del movimento integralista musulmano. Daniel non farà più ritorno perché l'intervista si rivela essere una trappola. Sarà sua moglie, incinta di sei mesi all'epoca dei fatti, a tramandarne la memoria nel libro "Un cuore grande: la vita e morte coraggiose di mio marito Danny Pearl".
Michael Winterbottom è un regista che si può tranquillamente definire libero e coraggioso. Coraggioso perché continua a fare il cinema in cui crede senza preoccuparsi troppo degli strali della critica e anche di qualche opera meno riuscita che compare nella sua filmografia. Libero perché dopo un film come The Road to Guantanamo avrebbe potuto vivere di rendita conservandosi la fama di regista che denuncia l'effettivo disprezzo dei diritti dell'uomo da parte della più grande Democrazia del mondo.
Invece ha deciso di andare a guardare anche dall'altra parte mettendo in luce i metodi criminali di un fondamentalismo islamico che non va affatto confuso (e Winterbottom si guarda bene dal farlo) con 'gli Arabi' ma che non va neppure sottovalutato per una sorta di cieca 'correttezza politica'. Lo fa seguendo una storia alla sua maniera (da Benvenuti a Sarajevo in poi) cioè con montaggio rapido e molteplicità di teatri d'azione e con un'attenzione al mondo della comunicazione e del giornalismo che lo ha sempre stimolato. È come se nell'inviato di un giornale o di una televisione Winterbottom andasse a cercare da sempre una purezza di sguardo libera da pregiudizi come quella che lui stesso cerca di avere. In Daniel Pearl, giornalista ebreo che lavorava senza barriere ideologiche con i musulmani, sembra averla trovata. Ce ne offre un ritratto quasi 'in assenza' (la sua sparizione apre il film). Lo fa attraverso la presenza della moglie, impegnata nel tentativo di salvarlo e con una nuova vita in grembo. Angelina Jolie interpreta il ruolo con grande sensibilità. Il suo urlo all'annuncio dell'ineluttabile è di quelli che fanno accapponare la pelle.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Nel 2002 Daniel Pearl, giornalista del Wall Street Journal , fu prima rapito e poi ucciso e decapitato mentre nella città portuale di Karachi svolgeva un'inchiesta sui legami tra Al Qaeda e i servizi di spionaggio pakistani. Sua moglie Mariane Pearl cerca di far luce sulla sua morte: fu un omicidio di Stato? Dal libro omonimo della vedova Pearl, sceneggiato da John Orloff. Come in altri film del regista è più un docudrama che una fiction: la realtà che diventa finzione, la finzione come realtà. "Gioca superficialmente con i formati, ricorre all'uso di didascalie (come in un'inchiesta televisiva), ma anche a espedienti puramente spettacolari" (G. Sangiorgio). Fa scelte precise: non ripropone il video della decapitazione, diffuso dalle TV di mezzo mondo; lascia sullo sfondo i rapitori; si concentra sulle 5 settimane di ricerche, indagini, ipotesi, sospetti, paure all'interno della casa dov'è ospitata Mariane; pone domande, senza affrontarli direttamente, sui temi del dibattito internazionale che seguì la morte di Pearl: l'antiebraismo nei paesi musulmani; la funzione dei reporter di guerra; la cultura della morte; l'uso propagandistico e spettacolare della violenza. A sorpresa, la Jolie si cala con intensità competente nella parte più impegnativa della sua carriera. Fotografia: Marcel Zyskind. Montaggio: Peter Christelis. Musiche (ridondanti): Molly Nyman, Harry Escott.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
A MIGHTY HEART - UN CUORE GRANDE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play

Anche su supporto fisico

DVD

BLU-RAY
€5,50
€5,50
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 14 aprile 2010
Lost876

Film veramente bello e che fa riflettere molto, la Jolie stupenda e bravissima come sempre!!!

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Rolling Stone

Guantanamo-Karachi solo andata. È il viaggio di Winterbottom che, dopo il primo lager del nuovo millennio, in questo film prodotto da Brad Pitt ricostruisce il sequestro di Daniel Pearl, inviato in Pakistan e Afghanistan del Wall Street Journal. Narrazione classica ed emotiva, soprattutto nelle immagini, struttura narrativa solida, che segue con sobrietà il libro della vedova, Mariane (Angelina Jolie, [...] Vai alla recensione »

Mariarosa Mancuso
Il Foglio

Quando Angelina Jolie e Brad Pitt (qui in veste di produttore) decidono di girare un film dedicato a Danny Pearl, c'è il rischio che sfruttino il rapimento e la successiva decapitazione per insediarsi in cima alla classifica dei divi con uno sguardo sul mondo. Quando scelgono un regista come Michael Winterbottom – che ha diretto "In this World" e "The Road to Guantanamo" con un occhio benevolo verso [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Il 23 gennaio 2002 Daniel Pearl, corrispondente dal Pakistan del "Wall Street Journal", è rapito mentre conduce l'inchiesta su un'organizzazione terroristica. Il mondo vedrà via Internet la sua morte, avvenuta secondo il macabro rito della decapitazione. Resta la moglie Mariane, incinta di sei mesi, che scriverà sulla vicenda il libro cui Mighty Heart-Un cuore grande si è ispirato nella ricostruzione [...] Vai alla recensione »

Roberta Ronconi
Liberazione

Dalla morte di Daniel Pearl sono passati quasi sei anni. E da allora altri 230 giornalisti sono morti nell'esercizio del proprio mestiere. Pearl, corrispondente nell'area del sud-est asiatico per il Wall Street Journal, aveva 38 anni quando - nel gennaio 2002 - il suo corpo diviso in una decina di pezzi fu ritrovato nei sobborghi di Karachi. La sua immagine (i polsi ammanettati, una pistola alla tempia [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Più vero della finzione. Deve aver pensato Winterbottom. Così ecco il Vanzina del cinema d'autore (12 film negli ultimi 10 anni) tornare alla tecnica molto inglese del docu-fiction che tanto aveva funzionato nell'avvincente Road to Guantanamo per raccontare in A Mighty Heart - Un cuore grande l'odissea di Mariane Pearl, la moglie del giornalista del Wall Street Journal rapito e ucciso in Pakistan nel [...] Vai alla recensione »

Arianna Finos
Il Venerdì di Repubblica

L'idea è venuta a Brad Pitt: un film sulla storia di Mariane e del marito Daniel, giornalista ucciso in Pakistan. E l'attrice, racconta il regista di «Un cuore grande», da questa esperienza è uscita trasformata. Anche fisicamente «Sono contenta che Un cuore grande sia stato diretto da Michael Winterbottom, un regista che ama genuinamente la verità».

Giulia D'Agnolo Vallan
Il Manifesto

Al suo terzo film sul Medio Oriente (dopo The World e Road to Guantanamo) Michael Winterbottom porta al cinema la storia di Daniel Pearl, il giornalista del Wall Street Journal rapito e decapitato in Pakistan nell'inverno 2002. Fonte del suo nuovo lavoro è A Mighty Heart: the Brave Life and Death of My Husband Danny Pearl, scritto dalla vedova del reporter, Mariane.

Federico Pedroni
Film TV

Un Cuore Grande di Michael Winterbottom, presentato fuori concorso al Festival di Cannes 2007, racconta la tragica storia del rapimento e dell'omicidio del giornalista del "Wall Street Journal" Daniel Pearl avvenuto in Pakistan nel gennaio dei 2002, pochi mesi dopo gli attentati dell'11 settembre. Pearl, che viveva lì con la moglie dopo aver seguito come inviato anche la guerra in Afghanistan, stava [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

È il week-end di Angelina Jolie: la moglie di Brad Pitt invade gli schermi con il semi-cartoon Beowulf e con un film così diverso che più diverso non si può: A Mighty Heart-Un cuore grande, film «impegnato» di Michael Winterbottom visto allo scorso festival di Cannes. Prodotto fra gli altri dallo stesso Pitt (Brad & Angelina sono una multinazionale che i giornalisti americani hanno ironicamente battezzato [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Brad Pitt ha prodotto il film - ambientato in Pakistan ma girato in India - di un regista britannico impegnato come Michael Winterbottom: Un cuore grande. Presentato, fuori concorso, al Festival di Cannes, il film è il punto d'incontro fra neodivismo e anti-neocolonialismo e l'ha originato l'autobiografia di Mariane Pearl, vedova di Daniel, giornalista rapito e decapitato in Pakistan nel 2002 come [...] Vai alla recensione »

NEWS
RUBRICHE
venerdì 16 novembre 2007
Edoardo Becattini

Italiani all'estero Fra i numerosi ritorni che segnano questa settimana di nuove uscite quello di Pupi Avati si distingue non tanto per l'evento in sé che suscita un nuovo film del prolifico regista bolognese (risale solo a pochi mesi fa l'uscita di [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati