Nudisti per caso

Film 2003 | Commedia 92 min.

Titolo originaleLes Textiles
Anno2003
GenereCommedia
ProduzioneFrancia
Durata92 minuti
Regia diFranck Landron
AttoriBarbara Schulz, Alexandre Brasseur, Zoé Landron, Félix Landron, Magali Muxart Jackie Berroyer.
MYmonetro 2,20 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Franck Landron. Un film con Barbara Schulz, Alexandre Brasseur, Zoé Landron, Félix Landron, Magali Muxart. Cast completo Titolo originale: Les Textiles. Genere Commedia - Francia, 2003, durata 92 minuti. - MYmonetro 2,20 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Nudisti per caso tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Non si vive di solo pane... In Italia al Box Office Nudisti per caso ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 139 mila euro e 86,6 mila euro nel primo weekend.

Nudisti per caso è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,20/5
MYMOVIES 2,25
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,70
CONSIGLIATO NÌ
Un film minimalista che non corre però il rischio della verbosità.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

Olivier e Sophie sono sposati ma distanti. Olivier fa il fornaio e inizia la sua giornata troppo presto per accorgersi di Sophie, che batte cassa in panetteria e chiede attenzione per il suo ultimo taglio. Genitori di due bambini e coniugi annoiati dalla routine, acquistano in multiproprietà e a un prezzo favorevole una casa al mare. Lasciata Parigi alla volta delle vacanze, Sophie è la prima a scoprire che la loro casa si trova nel paradiso dei naturisti, che vogliono soltanto sentire il sole sulla pelle e affrancarsi dal dress code urbano. Sconsolata e imbarazzata davanti ai suoi bambini, prova maldestramente a superare la settimana senza Olivier, rimasto in città a finire il lavoro. Biasimata e ammonita dalla comunità di nudisti che rifiutano il vestire borghese, Sophie trova accoglienza e solidarietà in una vicina di casa disinvolta ma rispettosa del suo 'costume'. Raggiunta il sabato successivo da Olivier, marito e moglie troveranno il modo di convivere sull'isola e di riaccendere il loro matrimonio.
Da sempre al cinema francese riesce la commedia commerciale di buon livello e di analisi delle relazioni sentimentali (e familiari), un cinema che infila col sorriso l'indagine sociologica ed esistenziale senza rinunciare alla levità. Nudisti per caso non fa eccezione e indaga le insoddisfazioni matrimoniali di una giovane coppia 'scoppiata' dalla vita e precipitata in un contesto sospeso e scostumato, in cui dovrà fare i conti con se stessa e il proprio conformismo. Messi letteralmente a nudo dal titolo e dall'isola naturista in cui finiscono 'accidentalmente' per comprare una casa, Olivier e Sophie non potranno più rimandare il confronto col proprio corpo e la propria sessualità. Dentro un film minimalista che non corre però il rischio della verbosità, Franck Landron, regista e produttore francese, affronta il sentimento di vergogna e di disagio di Sophie, inseguito da quello più ricettivo e reagente del marito che prova a suo modo e con mezzi estremi a uscire dall'impasse in cui languisce il loro matrimonio. L'isola naturista in cui il regista disloca l'arresto diventa pertanto il luogo simbolico, disponibile e immediatamente sperimentabile per i protagonisti, luogo in cui la sessualità è diversamente interpretata e utilizzata. Faccia a faccia, e non solo, coi nudisti che popolano l'isola, Olivier e Sophie permettono al regista di trattare con serietà e senza indugi pruriginosi la relazione che ciascuno di noi intrattiene con la nudità.
La regola aurea per Landron e il suo film sembra stare come la virtù nel mezzo. Non esibire e non nascondere, il corpo non deve essere esposto fuori luogo e non bisogna occultarlo. Insomma la nudità è appropriata in un contesto adeguato. Ma se i protagonisti sono inibiti da un rigido (auto)controllo sociale e culturale, che impedisce loro di vivere spontaneamente la propria sessualità, dall'altra parte i nudisti che gli ammoniscono per strada o al supermercato, risentiti dai loro indumenti e dalla loro resistenza, finiscono per regolamentare la gestione del corpo in maniera più rigida, sfociando in un atteggiamento integralista, narcisista ed esibizionista. Intimiditi e sensibili, Oliver e Sophie finiranno per ritrovarsi dentro un mondo a norme invertite, distinguendo l'erotismo dalla pornografia, il primo intrinseco a ogni fatto amoroso. Ma la risoluzione della crisi non è certo il motivo di interesse del film, che trova piuttosto la sua ragione nella messa in scena e in mostra dei corpi dentro i confini della commedia. Su tutti il corpo mai nudo di Sophie, che viene vestita della sua nudità, quella disegnata sul vestito donatole o emersa dall'acqua e sotto un vestito bianco. È su di lei che si concentra lo sguardo dei nudisti e dello spettatore, ugualmente voyeur e ugualmente in attesa di vederla cedere, denudarsi e rendersi finalmente invisibile.
(S)oggetto del desiderio, perché unico corpo abbigliato, Sophie si sottrae alla vista, rimandando la risoluzione dell'intreccio e alimentando l'immaginazione al di qua e al di là dello schermo. Discreta senza mai diventare pudica, la macchina da presa di Landron rimane sulla corda e vicino agli attori, Barbara Schulz e Alexandre Brasseur, di cui mantiene il passo e asseconda la timidezza.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Giovane coppia già in affanno, irretita dal prezzo stracciato, acquista incautamente una villetta su un'isola. Il marito manda in avanscoperta la moglie e i due figli che sul traghetto assistono allocchiti all'allestimento adamitico degli altri passeggeri senza distinzioni di sesso, di peso e soprattutto d'età. La tenuta è d'obbligo sull'isola. Ma servirà a riattizzare i sopiti sensi dei coniugi. Il meglio di questa pseudocommedia pruriginosa - consigliabile agli adolescenti che vogliano vaccinarsi per sempre dal sesso - sono i titoli di coda.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
NUDISTI PER CASO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 23 novembre 2012
Dreamer

Soggetto debole, d'accordo, ma un filmetto divertente che, per fortuna,  non manda alcun messaggio. A me è piaciuta la trsformazione della moglie, una splendida e sensuale Barbara Schulz, da monachella a nudista.

martedì 15 ottobre 2013
vjarkiv

Non è un film banale come qualche criticone sessuofobico vorrebbe farci credere.  La storia è credibile, recitata bene e complessivamente il film è ben confezionato. Ovviamente chi non è mai stato in un campo naturista e non pratica il nudismo, si identificherà facilmente con l' imbarazzo dei protagonisti che comunque alla fine "evolveranno" accettando [...] Vai alla recensione »

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Leonardo Jattarelli
Il Messaggero

In principio erano due. La Francia che urlava di fronte al tradimento e quella che ne era divertita. Film che non tolleravano scappatelle come I sentimenti e pellicole che ne teorizzavano la necessità come Baciate chi vi pare . Nudisti per caso di Franck Landron è la terza Francia. Racconta con brio e intelligenza dei giovani coniugi Sophie (Barbara Schulz, strepitosa) e Olivier e di come vengano scioccati [...] Vai alla recensione »

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Sono nudi per strada, nudi in salotto, nudi al volante, nudi in giardino sotto la luna, nudi al supermercato, e tollerano male la giovane donna vestita. La insolentiscono: «Spògliati, vestita!», «Guardona!», «Scusi, ma non si vergogna? Non è posto per gente vestita, questo». Lei si lamenta. «Mi aggrediscono»; «Anche tu li aggredisci, con i tuoi vestiti.

Roberto Nepoti
La Repubblica

In sé il titolo, Nudisti per caso, corrisponde abbastanza al contenuto; ma potrebbe trarre in inganno perché fa pensare a una commedia scollacciata, mentre il film di Landron è narrato piuttosto in chiave drammatica. Sophie, madre di due bambini, e Olivier, che gestisce un forno a Parigi, sono una coppia ancora giovane ma già logorata dalle abitudini quotidiane: metro-boulot-dodo, come dicono i francesi, [...] Vai alla recensione »

Stefano Lusardi
Ciak

Se il mondo fosse abita lo da nudisti, l’unico alieno sarebbe il “textile“, quello che si ostina a portare i vestiti. Intorno a questo divertente assurdo, Franck Landron costruisce la storia della sensuale Sophie (Barbara Schulz), che spedita coi figli dal marito Olivier (Alexandre Brasseur, figlio di Claude e nipote di Pierre, tutti attori) a prendere possesso della casa appena acquistata in una bella [...] Vai alla recensione »

Aldo Fittante
Film TV

Ci sono film che arrivano buon ultimi (su temi scottanti, tendenze, chiacchiericci mediatici) e che, purtroppo, non sono né saranno gli ultimi. Nudisi per caso è uno di questi, commediola francese (con l’eccezione della bella coppia Agnès Jaoui/JeanPierre Bacri, è dai tempi del Claude Sautet anni 70 che la Francia non sforna commedie degne di questo genere) timida timida, astuta e scaltra nel nascondersi [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati