Lontano

Film 2001 | Drammatico 120 min.

Titolo originaleLoin
Anno2001
GenereDrammatico
ProduzioneFrancia
Durata120 minuti
Regia diAndré Téchiné
AttoriStéphane Rideau, Lubna Azabal, Mohamed Hamaidi, Yasmina Reza .
MYmonetro Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 5 recensioni.

Regia di André Téchiné. Un film con Stéphane Rideau, Lubna Azabal, Mohamed Hamaidi, Yasmina Reza. Titolo originale: Loin. Genere Drammatico - Francia, 2001, durata 120 minuti. Valutazione: 2,00 Stelle, sulla base di 5 recensioni.

Condividi

Aggiungi Lontano tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

"Lontano" è il Marocco, è Tangeri, dove tre amici, Serge, Sarah e Said, si incontrano e cercano di fare esperienze diverse da quella della cosiddetta civiltà. Insomma la fuga.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,50
CRITICA N.D.
PUBBLICO 2,00
CONSIGLIATO NÌ
Scheda Home
News
Premi
Cinema
Trailer
Il bisogno della fuga e la difficoltà del cambiamento.
Recensione di Daniela Azzola
Recensione di Daniela Azzola

"Lontano" è il Marocco, è Tangeri, dove tre amici, Serge, Sarah e Said, si incontrano e cercano di fare esperienze diverse da quella della cosiddetta civiltà. Insomma la fuga. La figura centrale è Serge, che col camion trasporta un po' di tutto fra l'Africa e la Francia. Sarah è la sua donna e Said un abitante del luogo che vuole andare a Parigi. I loro progetti però si scontrano con la realtà e con l'incapacità, un po' di tutti, di riuscire a cambiare davvero. Reduce dalla mostra di Venezia 2001. Forse non è una gran referenza.

Sei d'accordo con Daniela Azzola?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Tre giorni a Tangeri del camionista Serge che fa il pendolare tra Francia e Marocco. Ha come amante l'ebrea Sarah che, chiamata dal fratello, vorrebbe andare a Montréal (Canada) e come amico Saïd che sogna di vivere a Parigi. Scritto con Faouzi Bensaldi, Loin ribadisce i temi del transitare, del divenire, dello sradicamento come molla dinamica di individui alla ricerca di sé stessi che da trent'anni sono dei personaggi tipici di un regista assai (troppo?) stimato in Francia e poco distribuito in Italia. Girato magistralmente in digitale (fotografia: Germain Desmoulins), ha il respiro dei suoi paesaggi e dell'irrequietezza dei personaggi e il limite di uno sguardo che rimane da loro lontano.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 22 novembre 2009
Francesco2

Un piccolo regista, che era più bravo a fare piccoli film ,ma che qui mostra i suoi limiti:nei personaggi, nella descrizione della violenza, in (quasi)tutto.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Dentro o fuori: difficile rendersi conto, per chi ha tutto, dell’effetto che fa la nostra opulenza su chi sta dall’altra parte. Mitica terra dell’abbondanza, paese di Bengodi in cui, finalmente, ogni desiderio può essere esaudito. L’Europa vista da Tangeri, ad esempio: un piccolo braccio di mare, la Spagna che, nei giorni limpidi, appare vicinissima, a portata di mano.

Emiliano Morreale
Film TV

Serge è un camionista che fa la spola tra Tangeri e la Francia; trasporta vestiti e talvolta qualcos’altro. A Tangeri incontra l’amante Sarah, che potrebbe lasciare il Marocco per sempre, e l’amico Said che vorrebbe fuggire aiutato da Serge. A queste vicende si intrecciano quelle della datrice di lavoro di Serge, e del suo entourage di borghesi cosmopoliti che guardano la città da lontano.

Lietta Tornabuoni
La Stampa

Francia al Marocco con carichi di stoffe, di indumenti confezionati, a volte di droga. La città è Tangeri, dove gli ultimi insabbiati europei dell'eros gay si mescolano a ragazzi decisi ad emigrare in Europa, dove la scelta di rimanere nel Paese ha qualcosa di eroico e mistico, dove il viaggio-avventura diventa viaggio-salvezza o viaggio-lavoro. Si parla francese, arabo, spagnolo, inglese, nigeriano. [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

Niente e nessuno sta fermo, in Lontano ( Loin, Francia, 2001, 120’). In movimento sono le vite, le attese e le sofferenze che riempiono le vie di Tangeri, città/confine che divide e unisce il Nord e il Sud del Mondo. E in movimento sono le storie incrociate di Serge (Stéphane Rideau), Sarah (Lubna Azabal), Said (Mohamed Hamaidi) e degli altri: ognuna come su un confine, appunto, ognuna in transito [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati