Conversazioni private

Film 1996 | Drammatico 110 min.

Titolo originaleEnskilda Samtal
Anno1996
GenereDrammatico
ProduzioneSvezia
Durata110 minuti
Regia diLiv Ullmann
AttoriMax von Sydow, Samuel Fröler, Pernilla August, Anita Björk, Vibeke Falk, Thomas Hanzon Kristina Adolphson, Gunnel Fred, Hans Alfredson, Bengt Schött.
MYmonetro 3,25 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Liv Ullmann. Un film con Max von Sydow, Samuel Fröler, Pernilla August, Anita Björk, Vibeke Falk, Thomas Hanzon. Cast completo Titolo originale: Enskilda Samtal. Genere Drammatico - Svezia, 1996, durata 110 minuti. - MYmonetro 3,25 su 6 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Conversazioni private tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento mercoledì 1 aprile 2015

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Premi
Cinema
Trailer
Un film sullo stesso regista, sulla sua voglia di conoscere le proprie radici e forse capirsi.
Recensione di Marco Chiani
Recensione di Marco Chiani

All'età di trentasei anni, Anna, una donna sposata e con figli, tradisce il comprensivo e fragile marito Henrik con Tomas, un giovane studente di teologia. Afflitta dalla sua colpa, ha una conversazione con lo zio pastore Jacob, che le consiglia di confessare la sua storia clandestina. Attraverso vari incontri, indietro e avanti col tempo fino ad arrivare al giorno in cui, diciottenne, Anna è indecisa se ricevere la Comunione, entriamo nel tormento di una donna forse incapace di essere felice.
La versione cinematografica del lungo televisivo Conversazioni private, due ore a fronte di tre e venti, conferma intatto tutto il senso di un'opera mirata allo studio in primo luogo di un'anima inquieta e poi di una crisi di coppia. Su sceneggiatura di Ingmar Bergman, che ha adattato il proprio omonimo romanzo, il film diretto da Liv Ullmann non può non essere sotto il segno del maestro: a livello tanto esteriore, la fotografia è del grande Sven Nykvist e gli interpreti, da Max Von Sydow a Pernilla August, sono parte della grande compagnia attoriale bergmaniana, quanto interiore, il nocciolo della riflessione non è che un altro capitolo di quella grande opera del disagio matrimoniale costruita in decenni di straordinaria carriera dal genio svedese.
In senso cronologico, le vicende mostrate sono successive a quelle al centro di Con le migliori intenzioni di Bille August, ispirato ad un altro romanzo in cui Bergman raccontava la storia dell'incontro dei suoi genitori, rendendo di fatto Conversazioni private un film sullo stesso regista, sulla sua voglia di conoscere le proprie radici e forse capirsi: che sia reale o meno, il tradimento di Anna è quello della madre Karin. Da parte sua, Liv Ullmann cerca di mettersi nel solco del magistero stilistico dell'ex compagno e mentore, scegliendo piani ravvicinati e sequenze lunghe, spietati primi piani, davvero grandiosa l'interpretazione di Pernilla August, e momenti di sospesa astrazione. Ancora una volta un mondo di sconfitti, di donne e uomini incapaci di amarsi, schiacciati dal bisogno e dalla crudeltà della verità, dal peso di un peccato che si sente come consustanziale alla vita stessa.
Dalla versione cinematografica è stata espunta la terza conversazione, quella di Anna con la madre. Il titolo deriva da una frase del pastore Jacob: «Tutti credono che Lutero abbia abolito la confessione, non è vero, l'ha solo sostituita con le conversazioni private». Presentato nella sezione Un Certain Regard al 50° Festival di Cannes.

Sei d'accordo con Marco Chiani?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Scritto da Ingmar Bergman come Con le migliori intenzioni (1992) di cui è il seguito, racconta un altro decennio (1924-34) nell'infelice vita coniugale di Henryk Bergman e Anna Akerblom, genitori del regista. È la storia di un adulterio, quello che Anna commette con Thomas, studente di teologia più giovane di lei. Pur tra sconnessioni temporali e qualche taglio rispetto all'edizione televisiva, è diviso in 5 conversazioni (meglio: confessioni, nel titolo originale e nell'accezione luterana della locuzione) con epilogo-prologo nel 1907. A differenza del film precedente, la sceneggiatura di Bergman ha qui un impianto più frammentario e intimista dove si scava in profondità nel groviglio di amore-odio-senso del dovere-rivolta di Anna (P. August, qui protagonista assoluta, doppiata da Cristiana Lionello). Alla sua 3ª regia, L. Ullmann ci ha messo del suo: sensibilità, cura dei particolari, un tocco di femminilità oscuro e potente, quasi come in un processo di osmosi, identificazione, transfert tra regista, interprete e personaggio. Nell'edizione italiana manca la 3ª conversazione tra Anna e sua madre.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

CONVERSAZIONI PRIVATE disponibile in DVD o BluRay

DVD

BLU-RAY
€14,99
€14,99
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Luigi Paini
Il Sole-24 Ore

Perché Anna (Pernilla August) non ama più suo marito Henrik? Che cosa ha spento in lei ogni traccia di affetto verso il padre dei suoi figli? Restano avvolte nel mistero, per noi spettatori, le ragioni più segrete del disamore della protagonista di Conversazioni private, che Liv Ullman ha tratto da una sceneggiatura di Ingmar Bergman. Un viaggio in cinque stazioni alla scoperta di un’anima sofferente, [...] Vai alla recensione »

Roberto Escobar
Il Sole-24 Ore

“Prego Iddio senza fiducia. Bisogna arrangiarsi da soli, per quanto è possibile”. Così termina Lanterna magica (Garzanti), autobiografia scritta da Ingmar Bergman dieci anni fa, alla soglia dei settant’anni. Le aveva annotate sul proprio diario segreto la madre Karin, queste parole insieme disperate e coraggiose, durante il luglio del 1918. Proprio in quell’anno e in quel mese, la mattina del 14, una [...] Vai alla recensione »

Aldo Garzia
Liberazione

La religione protestante non prevede il sacramento della confessione, ma incoraggia un confronto aperto e liberatorio con il pastore. Una confessione faccia a faccia. Una conversazione privata e dolorosa come i cinque dialoghi che compongono l'ossatura di questo primo, straordinario film diretto da Liv Ullmann a partire da una sceneggiatura autobiografica di Ingmar Bergman.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati