Darkman

Film 1990 | Fantascienza 90 min.

Regia di Sam Raimi. Un film Da vedere 1990 con Liam Neeson, Frances McDormand, Colin Friels, Larry Drake, Jessie Lawrence Ferguson. Cast completo Genere Fantascienza - USA, 1990, durata 90 minuti. - MYmonetro 3,32 su 9 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Darkman tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un giovane scienziato sta lavorando a un suo progetto per poter creare un tipo di pelle sintetica. Viene torturato.

Darkman è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING Compralo subito

Consigliato sì!
3,32/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,29
CONSIGLIATO SÌ
Giocando con orrore e umorismo, Raimi concepisce una nuova forma grafica per rappresentare il fumetto al cinema.
Recensione di Edoardo Becattini
Recensione di Edoardo Becattini

Nei dintorni di Los Angeles, un gruppo di criminali guidati dal gangster Robert G. Durant assalta un'industria siderurgica, uccidendo uno ad uno i lavoratori e il proprietario dell'azienda. Non distante da lì, lo scienziato Peyton Westlake sta sperimentando un modello innovativo di pelle sintetica in grado di modellarsi a partire da un'immagine fotografica. Nel momento in cui arriva a scoprire che il materiale è sensibile alla luce ma resistente in condizioni di oscurità, irrompono nel laboratorio Durant e i suoi uomini per recuperare un documento segreto rinvenuto dalla fidanzata di Peyton, Julie, legale di una delle più importanti imprese edilizie della città. La banda fa esplodere il laboratorio e Peyton viene dato per morto, ma quel che resta del suo corpo sfigurato e ustionato viene invece mantenuto in vita da un gruppo di medici che, recidendo un nervo del midollo spinale, placano il suo dolore ma aumentano il desiderio di vendetta.
Il cinefumetto nasce in tempi non sospetti. Esaurita l'aura di Superman, gli editori dei vari supereroi erano ben corteggiati dall'industria del cinema e molti autori interessati a dare la loro personale visione del passaggio dalla carta patinata alla celluloide: Tim Burton realizza il primo vero Batman dark e Warren Beatty (coadiuvato da Vittorio Storaro) porta sullo schermo un Dick Tracy dai colori primari. In questo contesto, Sam Raimi, giovane cineasta senza dubbio più povero e meno conosciuto, decide di sperimentare le possibilità grafico-espressive del cinema horror in funzione dell'universo bidimensionale delle storie a fumetti. Non potendo acquisire i diritti dell'amato "Uomo Ombra", decide di creare un suo personale supereroe e così, chiuso temporaneamente il Necronomicon, concepisce uno scienziato tranquillo, del tutto votato alla sua ricerca e alla donna che ama e che intende sposare, capace di diventare suo malgrado uno spietato vendicatore senza volto. A ben vedere, non c'è in Darkman molto del supereroe filantropo e giustizialista, piuttosto una componente razionale da uomo di scienza che si sposa con la mostruosità e il carattere romantico e tormentato di Erik, il fantasma dell'Opera.
È però l'universo realizzato da Raimi nelle immagini e nei personaggi a dare la sensazione a chi guarda di trovarsi a scorrere con le dita le pagine di un fumetto e di muovere freneticamente lo sguardo da una tavola all'altra. Ogni carattere si esprime per battute memorabili e consacra il dialogo ad una lotta fra filosofia del bene e del male. In particolare, l'introspezione dell'eroe sfigurato di Liam Neeson si esprime attraverso soliloqui pieni di pathos e di enfasi direttamente saccheggiati dai balloons delle storie disegnate. Non mancano inoltre tematiche preminenti come il Doppio, la paura della deformità, l'amore per l'oscurità, la bella e la bestia, il carattere irreversibile di un'azione malvagia: suggestioni classiche interpretate attraverso uno stile visivo peculiare.
Infatti, su tale ricostruzione filologica dell'essenza del fumetto, il regista de La casa sa che può giocare ancor più liberamente con inquadrature oblique, soggettive impossibili, violenza grafica e tocchi di umorismo nero. Con il risultato di elaborare una forma grafica e compositiva particolarmente energica e calzante per contenere l'immaginario delle tavole dei fumetti all'interno della cornice dello schermo.

Sei d'accordo con Edoardo Becattini?
Liam Neeson si vendica dopo... averci rimesso la pelle.

Un giovane scienziato sta lavorando a un suo progetto per poter creare un tipo di pelle sintetica. Viene torturato. Rimasto sfigurato si ricrea letteralmente il volto. Quando torna dalla fidanzata che lo crede morto non ha il coraggio di confessare il suo segreto e deve cavarsela fra molti pericoli. Caratteristica fondamentale di questo quarto lungometraggio di Sam Raimi è la contaminazione di generi. Oltre al fantastico e all'horror, troviamo infatti l'avventura, il sentimento, la commedia e il poliziesco. I riferimenti cinematografici si sprecano, come pure le citazioni. Non manca neppure l'ironia de La casa 2e I criminali più pazzi del mondo (sceneggiato dai fratelli Coen). La bravura tecnica ed espressiva di questo talento della nuova generazione è fuori discussione e il personaggio di Peyton, anche grazie all'interpretazione di Neeson, ha una profondità notevole.

FANTAFILM
Cento anni di cinema di fantascienza

Peyton Westlake (Neeson), giovane e brillante ricercatore, sta sperimentando una rivoluzionaria epidermide sintetica con la quale spera di curare le vittime di incendi e di incidenti. Intanto la sua fidanzata Julie, avvocato, ha raccolto le prove di gravi malversazioni operate da importanti personaggi cittadini e si appresta a renderle pubbliche. Per evitare lo scandalo, il malvagio Durant viene incaricato di recuperare ad ogni costo il compromettente carteggio, che Julie, andandosene, ha dimenticato nel laboratorio di Westlake. Quando i sicari di Durant fanno irruzione, il povero scienziato viene ferocemente torturato e lasciato per morto nei locali dati alle fiamme. Miracolosamente invece l'uomo sopravvive, anche se orribilmente sfigurato, con il volto ridotto ad una maschera mostruosa, le mani divorate dal fuoco e totalmente insensibile ad ogni stimolo cutaneo per essergli state recise le terminazioni nervose al fine di risparmiargli le atroci sofferenze delle ustioni. Malgrado l'instabilità della pelle artificiale, che perde la sua consistenza dopo 90 minuti, Westlake si costruisce delle maschere per mezzo delle quali, oltre al suo aspetto normale, riesce ad assumere brevemente qualsiasi altra identità e mette in atto la sua vendetta. La rivincita tuttavia non può certo risarcirlo di tutto ciò che ha perduto, e Westlake, ossessionato dalla sua alienante condanna, si allontana per sempre dalla disperata Julie, abdicando dalla sua umanità per riconoscersi unicamente nel misterioso e solitario Darkman.
Raimi costruisce un memorabile ritratto di tenebroso vendicatore, ispirandosi a classici come La maschera di cera e Il fantasma dell'opera. Ma, anche se assai più violento e spietato, Darkman è in definitiva un Batman alla rovescia, un giustiziere che indossa una maschera per apparire normale. Un personaggio tragico, cupo e disperato, di dimensioni quasi gotiche, che prende pian piano coscienza della propria irreversibile diversità, prima accettandola, poi anteponendola ad ogni legame umano residuo e quindi apertamente affermandola nel drammatico monologo finale che il regista non ha saputo o voluto rinunciare a replicare, praticamente identico, nel suo più recente Spiderman.Da ricordare le brevi apparizioni di John Landis (Schlock), Jenny Agutter (La fuga di Logan) e Bruce Campbell (L'armata delle tenebre), primo candidato al ruolo di protagonista, che ha rinnovato il suo amichevole cameo anche nel già citato Spiderman.Il film ha avuto due sequel, girati da Bradford May: Darkman II - Il ritorno di Durant (1994) e Darkman III - Darkman morirai (1996).

DARKMAN
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
iTunes
-
-
-
-
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 15 giugno 2011
ultimoboyscout

Atmosfere horror per un film che è un sapiente mix tra azione, fantasy e fantascienza, il tutto abilmente mescolato dal genio acerbo del talentuosissimo raimi. Consderando il fatto che il film ha oltre 20 anni e che tecnologicamente sia decisamente arretrato rispetto agli standard dei film del genere odierni (e non potrebbe essere altrimenti) è godibile, divertente, fluido e fatto bene, [...] Vai alla recensione »

sabato 8 settembre 2012
MidnightMoonlight

Prima del 3D, c'era una volta il supereroe, senza super-poteri. E' Darkman, il padre di tutti i "giustizieri". Westlake/Darkman è un uomo dai mille volti, che si confonde nell'oscurità dell'animo umano. E' tutti e nessuno, un essere "pirandelliano", che agisce e si sorregge con le sue proprie forze, senza l' ausilio di gingilli tecnologici o di tutine in latex.

giovedì 12 giugno 2014
andisceppard

Ingenuo e violento, espressionista, romantico e confuso. Sam Raimi regala un'emozione che non aspettavo. E che poco ha a che fare con l'horror, ancor meno con i fumetti o i supereroi. Non so niente su chi o cosa fosse il fumetto a cui questo film si ispira. E non mi interessa. Però Neeson, o meglio la sua ombra, nella pazza fabbrica di rottami che si autocostruisce per continuare i suoi studi, l'ombra [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 luglio 2015
APropositodiCinema

Un film che parte da una sceneggiatura debole, sconclusionata in certi punti, ma lo stile cartoonesco e talvolta un po' cazzone del buon Sam Raimi riesce a portare il tutto su un piano più elevato.  Il risultato è un buon film supereroistico che intrattiene e diverte. Se poi lo paragoniamo a buona parte dei cinecomic scadenti che sono usciti negli ultimi anni allora il film [...] Vai alla recensione »

mercoledì 5 maggio 2010
jack shepard

Grandissimo film di azione!!! Uno strepitoso Liam Neeson (ai suoi esordi hollywoodiani) interpretà un personaggio tanto affascinante quanto ambiguo in bilico tra ragione e ira, tra odio ed amore. La sua è una discesa sempre più crescente verso il proprio lato oscuro. Come il Batman di Nolan più che di Burton e Schumacher, Darkman è un uomo buono, mite che si [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 settembre 2018
Fabio

Nonostante l'interpretazione del sempre bravo Neeson ed il talento alla regia di Raimi il film non funziona granchè. Solo per cultori del genere.

Frasi
Se non hai intenzione di uccidermi, avrei delle cose da sbrigare.
Dialogo tra Julie Hastings (Frances McDormand) - Louis Track jr (Colin Friels)
dal film Darkman
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati