Pasqualino Settebellezze

Film 1975 | Drammatico 93 min.

Regia di Lina Wertmüller. Un film Da vedere 1975 con Giancarlo Giannini, Fernando Rey, Elena Fiore, Piero Di Iorio, Shirley Stoler. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 1975, durata 93 minuti. - MYmonetro 3,25 su 10 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Pasqualino Settebellezze tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Il film ha ottenuto 4 candidature a Premi Oscar, 1 candidatura a Golden Globes,

Consigliato sì!
3,25/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,67
CONSIGLIATO SÌ

Uno spregevole guappo napoletano, viscido e opportunista, riesce a superare ogni guaio, compreso il campo di concentramento nazista, cavandosela sempre.

Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Ritratto di una vittima che finisce per diventare un mostro. Nella Napoli del 1936 un giovane proletario uccide il seduttore di una delle 7 (brutte) sorelle, è rinchiuso in un manicomio criminale da cui esce come volontario di guerra, finisce in un lager tedesco e diventa kapò. Rientrato a Napoli, trova madre e sorelle che si sono rimpannucciate con la prostituzione. 8° film di Wertmüller e uno dei suoi migliori, è un'analisi feroce della filosofia della sopravvivenza a ogni costo: la vitalità di Pasqualino è mortuaria. In misura minore, gli eccessi e i difetti della regista sono presenti anche qui, ma compensati dall'aggressiva felicità del linguaggio, dalla ricchezza delle invenzioni (cui contribuiscono le scene di Enrico Job, suo marito, e la fotografia di Tonino Delli Colli), dall'ottima direzione degli attori. Molti premi internazionali tra cui 4 candidature agli Oscar (regia, sceneggiatura, G. Giannini attore protagonista, miglior film straniero) negli USA dove fu distribuito come Seven Beauties . Giannini maiuscolo. Musiche di E. Jannacci. Circola anche in copie di 93 minuti.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

PASQUALINO SETTEBELLEZZE disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 29 luglio 2012
Luca Scialo

Napoli, anni '30. In uno dei tanti quartieri napoletani, dove ognuno si arrangia come può, vive Pasqualino, chiamato Settebellezze, perché, pur essendo bruttino, piace molto alle donne per i suoi modi affascinanti. La sua vita cambia radicalmente quando uccide il marito della sua prima sorella per questione d'onore. Inizia per lui un calvario, parallelo a quello dell'Italia [...] Vai alla recensione »

sabato 5 marzo 2011
Dandy

Confuso da molti con un atto d'atto d'accusa contro l'immoralità qualunquista,il film è invece  un'opera contraddittoria,nichilista,violenta e inquietante dove il male del protagonista finisce per essere giustificato col fatto che "tanto nulla avrebbe cambiato le cose".Nonchè uno dei miglior prodotti della Wertmuller.

martedì 4 ottobre 2011
paride86

Storia di un italiano e della sua italianità, almeno per come la vede Lina Wertmuller. Tra cliché, macchiette e questioni d'onore - con la guerra sullo sfondo - Giancarlo Giannini sostiene praticamente da solo tutto il film comn la sua immensa bravura. La sceneggiatura è discontinua e disomogenea e la regia, strapiena di primissimi piani, non è da meno.

venerdì 19 febbraio 2010
germi86

L'accoppiata Wertmuller-Giannini è davvero una delle migliori cinematograficamente parlando.In questo film si affronta un tema duro,e più volte ripreso da molti e molti film..i tedeschi,la seconda guerra mondiale,ecc ecc,però raccontato in una chiave diversa..direi proprio Wertmulliana,nella sua crudezza delle immagini,e la femminilità forte sempre presente nei [...] Vai alla recensione »

Frasi
"Danche scèn, bitte scèn, aufidersèn, e buonanott' a sorreta signo'!"
Pasqualino “Settebellezze” (Giancarlo Giannini)
dal film Pasqualino Settebellezze - a cura di Lucrezia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Come si diventa “salaud”? Come si diventa “mostro”? Louis Malle, nel suo Lacombe Lucien, ha risposto a questo interrogativo in modo lucido e tragico, tornando agli anni dell’occupazione tedesca in Francia e proponendoci il caso di un contadino senza idee che diventava collaborazionista solo per trovare uno spazio, per illudersi di essere un po’ meno nessuno; finendo ovviamente per pagare alla Storia [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati