Maigret e il caso Saint-Fiacre

Film 1958 | Avventura +13 98 min.

Titolo originaleMaigret et l'affaire Saint-Fiacre
Anno1958
GenereAvventura
ProduzioneFrancia
Durata98 minuti
Regia diJean Delannoy
AttoriJean Gabin, Michel Auclair, Valentine Tessier .
Uscitalunedì 6 maggio 2019
DistribuzioneCineteca di Bologna
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Regia di Jean Delannoy. Un film con Jean Gabin, Michel Auclair, Valentine Tessier. Titolo originale: Maigret et l'affaire Saint-Fiacre. Genere Avventura - Francia, 1958, durata 98 minuti. Uscita cinema lunedì 6 maggio 2019 distribuito da Cineteca di Bologna. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 Valutazione: 3,50 Stelle, sulla base di 2 recensioni.

Condividi

Aggiungi Maigret e il caso Saint-Fiacre tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Una nobildonna invita Maigret nel suo castello: ha ricevuto infatti alcune lettere anonime secondo le quali morirà a una data prestabilita. In Italia al Box Office Maigret e il caso Saint-Fiacre ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 10 mila euro e 1,4 mila euro nel primo weekend.

Maigret e il caso Saint-Fiacre è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 2,88
CRITICA N.D.
PUBBLICO 3,00
CONSIGLIATO SÌ
Un grande esempio di cinema dell'abbondanza, popolare, dignitoso, appassionante e impeccabile.
Recensione di Roy Menarini
giovedì 2 maggio 2019
Recensione di Roy Menarini
giovedì 2 maggio 2019

L'aneddotica intorno a Georges Simenon è vastissima. Complice il fatto che lo scrittore ha parlato molto di sé nelle interviste e che ha lasciato crescere a bella posta le storie su di lui, abbiamo ormai un vasto repertorio di goloserie sul suo metodo e la sua arte. Tra queste, la rapidità famelica della scrittura. Se ci concentriamo solo sui Maigret (i cui romanzi e novelle sono stati organizzati in tre cicli) scopriamo che ha realizzato ben 102 avventure del commissario. Media per scriverli: sette giorni circa. Non dimentichiamo, infatti, che Simenon si è dedicato a decine di altri romanzi - in alcuni casi considerati più raffinati ed elaborati rispetto alla serie del suo più noto protagonista. Ma sarà vera questa differenza?

In effetti, non è una sorpresa che Simenon sia stato così saccheggiato da cinema e televisione. In fondo, proprio come questi due mezzi nella loro versione più popolare, ha passato tutta la vita da sottovalutato (dai critici) e da amatissimo (dal pubblico).

Il giallo, uno dei generi più apprezzati per le trasposizioni, ha attraversato gli oltre 120 anni di storia del cinema con una presenza costante in tutte le sue sotto-categorie (oggi lo chiamiamo "crime"), ma Maigret ha senz'altro un piccolo record di presenze.

Maigret e il caso Saint-Fiacre è uno dei film che meglio chiarisce e rispetta la vera filosofia di Simenon, senza sottovalutazioni né tanto meno nobilitazioni. Interpretato per la seconda volta da Jean Gabin, che dona a Maigret un'aria un po' acciaccata e invecchiata (dovrebbe avere 47 anni nel romanzo), il Maigret di Jean Delannoy è puro genere, nient'altro che genere. Ed è magnifico per questo. Si può insistere fin che si vuole sui risvolti metafisici, sull'esistenzialismo tra le righe, sulla malinconia di vivere dei personaggi, sui luoghi che parlano di Francia profonda e di società di fine anni Cinquanta, ma sarebbe una forzatura.

Maigret e il caso Saint-Fiacre è un film "alimentare", nel senso in cui Simenon diceva orgoglioso di scrivere i suoi gialli in modo frenetico e "semi-alimentare". Con i generi, al cinema e in letteratura, si mangia. Con il giallo si mangia bene. E se si costruisce un grande personaggio, e un grande ambiente narrativo, il resto viene da sé, con centinaia di minime varianti. Ecco perché quello di Delannoy non è un "grande film" nel senso tradizionale del termine, e certamente non è un "film unico", ma è un grande esempio di cinema dell'abbondanza, popolare, dignitoso, appassionante e impeccabile, dove gli anni che ci separano da esso non fanno altro che esaltare l'artigianato da cui proviene. In fondo, era serialità anche questa.

E il fatto che Maigret e il caso Saint-Fiacre esca nel 1959, l'anno di esplosione della Nouvelle Vague, con tutto il nuovo e il dirompente che essa fa erompere, oggi non ci dispone alla militanza di qua o di là, ma all'ammirazione per il "cinéma de papa" e per il cinema francese tutto, che oggi ci sembra rotondo e completo, da Gabin a Belmondo, da Delannoy a Godard, da Renoir a Melville.

E Simenon godette della stima di tutti, sempre. Anche Oltralpe, come dimostra il pluri-decennale carteggio con Federico Fellini, oggi raccolto nel volume "Carissmo Simenon, Mon cher Fellini". Tanto per confermare che al cinema la strada tra lo scrittore industriale da quattrocento romanzi e il creatore artista di una ventina di opere immortali è - per natura stessa del mezzo - brevissima.

Sei d'accordo con Roy Menarini?
Uno dei primi Maigret.
Recensione di Pino Farinotti

Una nobildonna invita Maigret nel suo castello: ha ricevuto infatti alcune lettere anonime secondo le quali morirà a una data prestabilita. Il commissario sorveglia, tuttavia il delitto viene commesso. Maigret, con la sua consueta abilità, riesce a scovare il colpevole.

Sei d'accordo con Pino Farinotti?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Chiamato dalla contessa Saint-Fiacre che ha ricevuto un'anonima minaccia di morte, Maigret torna al villaggio natio, vicino a Moulins. Malata di cuore, la donna muore in chiesa poco dopo il suo arrivo. Maigret riunisce nel castello tutti coloro che, a suo avviso, hanno una responsabilità almeno morale nella sua morte. Da L'affaire Saint-Fiacre , uno dei primi Maigret (il 14°, pubblicato nel 1932) di G. Simenon, sulla scia del successo del precedente Maigret tende un piège (1957), Delannoy, Gabin & C. hanno fatto un giallo che ha al suo attivo l'ambientazione, l'atmosfera un po' lugubre e la nostalgia che il commissario prova nel ritornare quarant'anni dopo nei luoghi della sua infanzia. Gabin è un Maigret autorevole anche se qui si erige troppo a giudice.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
MAIGRET E IL CASO SAINT-FIACRE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
FOCUS
FOCUS
lunedì 29 aprile 2019
Pino Farinotti

Nella primavera del 1929 il 26enne Georges Simenon (1903-1989) è ospite di un amico sul cutter Ostrogoth. Naviga sui canali lenti della pianura del nord francese. Gli sfondi sono distese d'erba, nella nebbia leggera, filari dei pioppi e olmi, paesi dormienti di case basse, campanili isolati che svettano qua e là, bistrot e alberghi modesti messi lì da sempre, popolo impegnato nei lavori del canale, barconi che portano sabbia e merci. Sono gli amatissimi scenari, coprotagonisti, delle storie di Maigret, preferiti alla Tour Eiffel, all'Arco di Trionfo e a Notre-Dame. Il ragazzo possiede già uno status, lui, nato a Liegi ma ormai francese di adozione. E ha già molto collaborato a scritto. È lì che scrive Pietr le Letton (Pietro il lettone), il primo romanzo con Maigret, che sarà protagonista, fino al 1972, in altre 74 indagini. Che sono solo una parte della produzione dell'ultraprolifico autore.

Prima digressione sui numeri: biografi fedeli e tenaci hanno cercato di ordinarli, impresa quasi impossibile, con variabili incontrollabili. Gli scritti -fra racconti più o meno lunghi e romanzi- portano a circa 420 libri, firmati "Simenon" o con vari pseudonimi. Quantità certo, ma anche qualità, perché la domanda può essere: uno così veloce, come può ...curare la fase stilistica? Una risposta l'ha data Jean Luc Godard, maestro di cinema certo, ma uomo colto tout-court: Simenon = Dostoevskij + Balzac. Va detto che il regista si era sempre dichiarato innamorato di Simenon, era un po' parziale. Momento davvero felice quella stagione per il giovane Georges che, in attesa che la predestinazione letteraria si realizzasse, poteva permettersi una relazione, pare travolgente, con la donna più sexy di Francia, corteggiata da magnati, "reali" e presidenti, Joséphine Baker.

E anche quello era un talento predestinato se è vero che lo scrittore nel tempo avrebbe collezionato migliaia di partner, esplorando tutte le tipologie femminili. Anche in quel contesto ci sono stati cacciatori di numeri. Simenon dichiarava oltre diecimila seduzioni. A chi metteva in dubbio diceva: "Il sesso per me è un'abitudine naturale e quotidiana, mi è indispensabile, per la vita e la scrittura." E confessava che il numero prevalente riguardava le prostitute, a seguire tutte le categorie sociali, dalla domestica alla contessa.

Maigret compie dunque novant'anni. La Francia si prepara alla celebrazione. Nel frattempo, da noi, è stato restaurato Maigret e il caso Saint Fiacre, del 1959, per la regia di Jean Delannoy, tratto dal romanzo omonimo. Il film sarà nella sale dal 6 maggio.

Dovendo scegliere un solo titolo nel mare infinito della produzione di è legittimo privilegiare quello. Il legame del "commissario" con Saint Fiacre era profondo, perché lì Maigret aveva passato gli anni felici della giovinezza. Un'appartenenza che porta la narrazione a una profondità e a una "poetica" mai espressa negli altri racconti. Saint Fiacre è dunque, al di là del fascino e della capacità di coinvolgimento, il titolo e il "paese" identitario del commissario e, possiamo dire per... transfert inverso, dello stesso autore. Dunque il focus è doppio: la ricorrenza e il classico.

Il contesto del "Saint Fiacre" è un castello e la sua castellana, una nobildonna che ha ricevuto lettere anonime che le predicono la sua morte, giorno e ora. Il commissario ha dunque un forte legame con quel posto, è coinvolto oltre il normale impegno professionale. Ma...non servirà. Simenon, così giovane, resistette alla tentazione di un alter ego e attribuì al personaggio le caratteristiche che conosciamo: alto un metro e ottanta circa, oltre il quintale di peso e perenne 45enne. Sarebbe sempre stato così, salvo nell'ultima indagine dove gli anni saranno 55, quelli della pensione. La sua personalità, dopo tanti racconti e tanti film su grande e piccolo schermo, la conosciamo: umanità, intuito, ironia, abitudini, pipa e birra, e l'amata moglie che gli crea un privato sereno, un deterrente indispensabile fuori dalla gendarmeria. I due non hanno avuto figli.

A Maigret hanno dato corpo e volto decine di attori. I primi sono stati, anni trenta, Abel Tarride, Pierre Renoir e Harry Baur, che non appartengono alla memoria popolare, ma il leader, per mille ragioni di eccellenze e di "grandeur", nel tempo, non poteva che essere Jean Gabin, è lui che fa "Saint Fiacre". Menzionabile un Charles Laughton, un po' anomalo; Rowan Atkinson (Mr. Bean figuriamoci) e Sergio Castellitto: inadeguati; Bruno Cremer certo all'altezza. Ma poi c'è Gino Cervi, perfetto, condiviso dallo stesso Simenon: si sussurrava che lo preferisse persino a Gabin.

Non si può non citare Emilio Cigoli, forse il nostro più grande doppiatore: ha dato la voce a Bogart, Cooper, Gable, Wayne, Peck, Lancaster, fra gli altri. L'ho incontrato una volta e gli ho chiesto chi fosse il suo preferito. Non ha esitato: "Jean Gabin". Ho giocato: "Supponiamo che fosse Cervi a dargli la voce." "Io e Gabin eravamo una formula perfetta. Cervi e Gabin sarebbero stati... leggenda."

NEWS
TRAILER
giovedì 2 maggio 2019
 

Una nobildonna invita Maigret nel suo castello: ha ricevuto infatti alcune lettere anonime secondo le quali morirà a una data prestabilita. Il commissario sorveglia, tuttavia il delitto viene commesso.

NEWS
lunedì 8 aprile 2019
 

Una nobildonna invita Maigret nel suo castello: ha ricevuto infatti alcune lettere anonime secondo le quali morirà a una data prestabilita. Il commissario sorveglia, tuttavia il delitto viene commesso.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati