Nazirock - Il contagio fascista tra i giovani italiani

Un film di Claudio Lazzaro. Documentario, durata 75 min. - Italia 2008.
Nicoletta Dose     * * * - -

Il documentario apre sul fermo immagine di un tatuaggio del Duce: Mussolini, dice il ragazzo, è stato "l'unica persona che ha provato a fare un'Italia unita e valorosa". Lo sguardo di quel giovane, così come quello degli altri presenti alle manifestazioni di Forza Nuova, non è cattivo, appare disorientato e vittima di una disinformazione e di un'impreparazione culturale che deriva dalle generazioni precedenti, cattivi maestri di storia.
È la voce di Roberto Fiore (condannato a nove anni per banda armata), segretario generale del movimento, a dettare le regole di un sistema che inneggia all'amore per la patria, alla xenofobia nei confronti degli immigrati e al ripristino dei Patti Lateranensi del '29. Gridare "viva il Duce", fare il saluto romano, o ancora negare l'esistenza dell'Olocausto sono i modi per esprimere un'idea politica che rimpiange il ventennio fascista e istiga alla violenza negli stadi.
Claudio Lazzaro, dopo il documentario sulla Lega Nord, ritorna ad occuparsi di un altro aspetto allarmante dello scenario politico della destra radicale. Mostra i fatti senza commentarli, accosta immagini del repertorio Luce ai comizi contemporanei, scava nel passato - non troppo edificante - dei dirigenti senza fare accuse. Nel momento in cui parla con i giovani del Campo d'azione di Forza Nuova, che si tiene ogni anno a Viterbo, escono le contraddizioni di un movimento che sfrutta il desiderio giovanile di integrazione per formare nuovi camerati. Nuovi militanti che, sulle parole del gruppo musicale Hobbit, urla fiero e commosso di "avere un cuore nero" senza sapere nulla di Auschwitz e della deportazione degli ebrei.
A sostituire il vecchio "Credere Obbedire Combattere", ora c'è lo slogan "Tradizione Formazione Rivoluzione", altre parole per educare ad un'ideologia portatrice di odio e nostalgia per un passato che non ha niente di glorioso. Tutto è ordinato, schematico e manicheo, il bene sta da una parte e il male dall'altra, e i dubbi non sono concessi. In un sistema di idee così tratteggiato è facile disprezzare chi non condivide le stesse opinioni (non a caso sulla maglietta di un ragazzo c'è la scritta "Divide et impera").
Il regista non interpreta ciò che vede e ascolta, fa domande alle quali poi il montaggio tenta di rispondere. Senza assicurare niente di buono perché, come diceva Montanelli "un popolo che ignora il proprio passato non saprà mai nulla del proprio presente". La storia insegna ad evitare gli errori, ma che importanza ha la memoria storica se anche questa viene continuamente messa in discussione?

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Nazirock - Il contagio fascista tra i giovani italiani adesso. »

Un docu-film agghiacciante

di Callisto Cosulich Left

Gli ebrei deportati a Roma?». «Non lo sapevo». «L'Olocausto?» «Sì, ma non erano sei milioni». «Quanti?» «Uno, al massimo». Il ragazzo con la faccia del duce tatuata sul polpaccio non sa di ripetere la massima secondo la quale un morto è una tragedia, mentre un milione di morti sono soltanto la cifra di una statistica. Non sa nulla di storia, il ragazzo, che ha partecipato a una manifestazione di Forza nuova dove si postulava, cantando, la «legittima offesa». Quel poco che ha imparato, son le fandonie trasmesse da qualche sito neonazista. »

di Irene Bignardi

Non lo si è potuto vedere nei cinema, alla vigilia dell'appuntamento elettorale, per l'intervento di Forza Nuova che lo ha attaccato sostenendo che contiene immagini e scene «gravemente diffamatorie del movimento». Lo si può vedere ora in Dvd, con accluso un libro in cui firmano, tra gli altri, Furio Colombo, Antonio Pennacchi, Ugo Maria Tassinari. E, purtroppo, vale la pena di vederlo. Purtroppo perché non sono immagini leggere, quelle che compaiono nel film di Claudio Lazzaro Nazirock: il contagio fascista tra i giovani italiani: Sono immagini che nascono da un'incultura e una visione del mondo (quando c'è e non è solo smarrimento giovanile) che sgomentano e fanno paura. »

di Gerhard Mumelter Der Standard

La minaccia di azioni legali da parte di Forza Nuova ha impedito per ora l'uscita nelle sale di questo film di Claudio Lazzaro, che presenta il suo secondo documentario dopo Camicie verdi, opera convincente sulla Lega nord premiata al festival di Locarno. Questa volta Lazzaro si occupa del contagio fascista tra i giovani italiani, partendo dal campo d'azione di Forza Nuova in provincia di Viterbo, una specie di Miniwoodstock agreste dell'estrema destra, ravvivata dal "rock identitario" di complessi come gli Hobbit. »

Nazirock - Il contagio fascista tra i giovani italiani | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Nicoletta Dose
Rassegna stampa
Gerhard Mumelter
Rassegna stampa
Callisto Cosulich
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Frasi | Rassegna Stampa | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità