Il generale Dalla Chiesa

Un film di Giorgio Capitani. Con Giancarlo Giannini, Stefania Sandrelli, Francesca Cavallin, Michele D'Anca, Chiara Mastalli.
continua»
Formato Serie TV, Drammatico, - Italia 2007. MYMONETRO Il generale Dalla Chiesa * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 5 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
3,50/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * - - -
 critican.d.
 pubblico * * * * *
Il film: Il generale Dalla Chiesa
Anno produzione: 2007
Gli ultimi otto anni della vita del Generale Dalla Chiesa.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
primo piano
Ritratto di un uomo divenuto simbolo, non raggiunge purtroppo i toni appassionanti che il soggetto avrebbe meritato
Marianna Cappi     * * - - -

Due serate per raccontare la vita e l'opera di Carlo Alberto Dalla Chiesa, generale dei Carabinieri e uomo-chiave della recente storia d'Italia. Da Palermo a Palermo, dal primo incarico siciliano al ritorno come prefetto anti-mafia, passando per la lotta all'organizzazione delle Brigate Rosse, la regia del veterano Giorgio Capitani si misura con il ritratto di un personaggio importante e discusso, affiliato alla loggia piduista ma anche reclamato a gran voce da una città stanca di morte e violenza, un uomo che alla sua missione ha consacrato la vita, in piena coscienza del pericolo che correva.
Il giudizio sulla miniserie prodotta da Mediavivere si divide forzatamente. Da una parte l'interpretazione di Giancarlo Giannini nel ruolo del protagonista è degna, per restare in tema, di una medaglia al valore: mai sopra le righe, pur non ricercando l'affinità fisica con l'originale, sa donare al suo ritratto grande espressività emotiva e caratteriale. Dall'altra parte, però, il registro della fiction è globalmente edulcorato, talvolta impreciso (per fare un esempio, le divise moderne dei Carabinieri non corrispondono a verità) e abile nello scantonare rispetto agli appuntamenti storici importanti. Il copione procede per ellissi, specie dove il racconto avrebbe richiesto la fatica di studiare una nuova prospettiva su fatti noti e televisivamente già consumati e digeriti, al punto che -più che una necessità di concentrazione nel tempo- la scelta appare spesso una via di comodo (il delitto Moro viene risolto con un'inquadratura dell'insegna di via Fani; i mafiosi tutti riassunti nella pittoresca figura di un venditore di pesci).
E ancora: da un lato dei dialoghi ben scritti e calibrati, dall'altro, il timore di fare dei nomi, di dover aderire a una realtà storica complessa e irrisolta. Così si spiega l'omissione di qualsiasi riferimento alle commistioni tra mafia e politica, che tanto avevano preoccupato il generale nella realtà extra-televisiva, e la riscrittura sbrigativa e alterata di episodi tristemente celebri, come la vicenda Curcio-Cagol e quella dei fratelli Peci. Pochissime, in questa logica, sono le immagini di repertorio, sempre sfumate e sovrimpresse per favorire l'amalgama con la materia della fiction.
Come prevedibile, dunque, la miniserie si concentra sull'uomo di famiglia piuttosto che sull'uomo di stato e impegna l'intera seconda serata per presentare e far crescere la storia d'amore con la giovane Emanuela Setti Carraro (Elisabetta Cavallin), che nella vita del protagonista prende il posto della prima amatissima moglie Dora (Stefania Sandrelli) fino ad affiancarlo nella morte per agguato mafioso, il tre settembre del 1982.
Progetto indubbiamente difficile e articolato, Il Generale Dalla Chiesa, ritratto di un uomo divenuto simbolo, non raggiunge purtroppo i toni appassionanti che il soggetto avrebbe meritato. Come Dalla Chiesa stesso, privato dell'appoggio dello Stato, non ha potuto vincere da solo la lotta contro la piovra mafiosa, così le spalle pluridecorate del bravo Giannini non sono sufficienti, da sole, a reggere il peso della messinscena.

Stampa in PDF

* * * - -

Storia di uomo che ha amato il suo paese

mercoledì 12 settembre 2007 di Elisabetta

Ci sono tanti modi per onorare la memoria di un grande uomo, degno servitore dello Stato, che fino all’ultimo ha lottato per salvare il suo Paese. A 25 anni dalla tragica scomparsa del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa questo film, diretto da Giorgio Capitani, ripercorre gli ultimi otto anni di vita del generale, e lo fa in maniera semplice, ma straordinariamente profonda. Dal 1974 quando Dalla Chiesa viene inviato a Torino per lottare contro le Brigate Rosse, riuscendo nell’impresa con astuzia, continua »

il generale dalla chiesa
l'uomo senza le donne e come un treno senza i binari
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase
Il generale Dalla Chiesa | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marianna Cappi
Pubblico (per gradimento)
  1° | elisabetta
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Poster | Frasi | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
mercoledì 7 ottobre
Gamberetti per tutti
L'anno che verrà
Nel nome della Terra
Vulnerabili
mercoledì 30 settembre
Gli spostati
mercoledì 23 settembre
A Tor Bella Monaca non Piove Mai
martedì 22 settembre
L'hotel degli amori smarriti
giovedì 10 settembre
La mia banda suona il pop
mercoledì 9 settembre
Fantasy Island
martedì 8 settembre
Doppio sospetto
mercoledì 2 settembre
Villetta con ospiti
giovedì 27 agosto
Dopo il matrimonio
mercoledì 26 agosto
Qua la zampa 2 - Un amico è per se...
Altri prossimamente » Altri film al cinema » Altri film in dvd » Altri film in tv »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità