Nella città l'inferno

Acquista su Ibs.it   Dvd Nella città l'inferno   Blu-Ray Nella città l'inferno  
Un film di Renato Castellani. Con Anna Magnani, Giulietta Masina, Renato Salvatori, Myriam Bru, Saro Urzì.
continua»
Drammatico, Ratings: Kids+16, b/n durata 106 min. - Italia 1958. MYMONETRO Nella città l'inferno * * * - - valutazione media: 3,33 su 13 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
Consigliato sì!
3,33/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * - -
 critican.d.
 pubblico * * * 1/2 -
Anna Magnani
Anna Magnani 7 Marzo 1908 Interpreta Egle
Giulietta Masina Renato Salvatori
Myriam Bru Saro Urzì
Saro Urzì 24 Febbraio 1913 Interpreta Il maresciallo del carcere
Umberto Spadaro
Umberto Spadaro 8 Novembre 1904 Interpreta Il direttore del carcere
Prigione delle Mantellate a Roma. Va dentro una servetta veneta, accusata di un furto commesso per compiacere il suo amante. In cella conosce la prote...
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
    * * * - -
Locandina Nella città l'inferno

Prigione delle Mantellate a Roma. Va dentro una servetta veneta, accusata di un furto commesso per compiacere il suo amante. In cella conosce la proterva Egle, malvivente incallita che dietro le sbarre la fa da padrona. Sotto la guida di Egle, la piccola fantesca si fa furba.

Stampa in PDF

Premi e nomination Nella città l'inferno MYmovies
Premi e nomination Nella città l'inferno

premi
nomination
Nastri d'Argento
1
1
David di Donatello
1
1
* * * - -

Nella città l'inferno

giovedì 18 agosto 2005 di Sergio Longo

'Nella città l'inferno' celebra l'incontro tra due grandi attrici del cinema italiano, Anna Magnani e Giulietta Masina, dirette con sapienza da Renato Castellani su una calibratissima sceneggiatura di Susi Cecchi D'Amico. Film d'ambiente -tratto dal romanzo 'Roma, via delle Mantellate' di Isa Mari- offre uno spaccato della realtà carceraria romana degli anni '50 nella sezione femminile di Regina Coeli. Qui viene reclusa, vittima di un raggiro, l'ingenua Lina Borsani. La poveretta sembrerebbe continua »

* * * - -

Ma dove è l'inferno?

venerdì 25 febbraio 2011 di lukytells

qui la magnani da' come al solito la prova della sua maestria di attrice, nel ruolo della scavata Egle, che aiuta una Masina in stato di grazia (secondo me). non è poi tanto cinica come sembra, la sua è più una scorza che si cuce addosso quasi per difendersi dal mondo esterno; lo dimostra in più di una occasione, ma vuole aver la rivincita nel finale, purtroppo facendo girare la rivale che non dovrebbe farlo se no ritorna "dentro". continua »

* * * * -

La fiducia rcevuta che cambia le persone

giovedì 4 gennaio 2018 di stefanocapasso

Nel carcere femminile delle Mantellate di Roma entra Lina, una giovane ragazza veneta che lavora a servizio presso una famiglia facoltosa. Senza rendersi conto ha dato al suo fidanzato la possibilità di rubare in casa dei signori e lei per difenderlo viene arrestata. In cella con Egle, comincia un processo di disillusione ben guidato dalla compagna più grande ed esperta che la porterà a perdere definitivamente l’ingenuità che la caratterizzava al suo ingresso. Un continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Nella città l'inferno adesso. »
Shop

DVD | Nella città l'inferno

Uscita in DVD

Disponibile on line da martedì 21 maggio 2013

Cover Dvd Nella città l'inferno A partire da martedì 21 maggio 2013 è disponibile on line e in tutti i negozi il dvd Nella città l'inferno di Renato Castellani con Anna Magnani, Giulietta Masina, Renato Salvatori, Myriam Bru. Distribuito da Cecchi Gori Home Video. Su internet Nella città l'Inferno (DVD) è acquistabile direttamente on-line a prezzo speciale su IBS.

Prezzo: 7,49 €
Prezzo di listino: 9,99 €
Risparmio: 2,50 €
Aquista on line il dvd del film Nella città l'inferno

di Gian Luigi Rondi Il Tempo

Finalmente un titolo che dice quello che il film vuoi dire: sono molti, infatti, gli "inferni" nelle nostre città, ma i peggiori, forse, sono proprio le prigioni, soprattutto certe prigioni dove all'orrore della segregazione e della libertà perduta si aggiunge l'afa in estate, il gelo in inverno, l'esasperazione della promiscuità, dell'inerzia e, per i non cattivi, il rischio di guastarsi a contatto con quanti della bontà hanno perduto anche il ricordo. Guardate, così, l'inferno di questa prigione femminile in cui il film di oggi ci introduce per più di un'ora e mezza (sulla scorta di un romanzo di Isa Mari, Roma, via delle Mantellate, sceneggiato da Suso Cecchi d'Amico e realizzato da Renato Castellani); c'è di tutto, in questa bolgia, la delinquente abituale, cinica e violenta, la pazza omicida, la ladra, la truffatrice, l'innocente, o quella che si dice tale, l'ingenua che è rimasta vittima di un raggiro e che mette piede in quell'orrore per la prima volta. »

di Vittorio Spinazzola Cinema Nuovo

Dopo il 1945 Castellani diresse una serie di film nei quali il disinteresse per la tematica politico-sociale non escludeva una volontà di ribellione morale, una ragionata fede nel valore dei sentimenti, una simpatia per la fresca impetuosa baldanza con cui i giovani affermano il loro diritto all'amore e con esso alla vita. La saldezza narrativa di quei film non scadeva nella banalità approssimativa dell'idillio; l'elemento polemico era sempre presente, sia pur soltanto nei termini di un conflitto e contrasto dei giovani contro gli anziani, incapaci di comprendere l'ansia di espandere liberamente i propri affetti, al di là di ogni convenzionalismo sociale e di ogni umiliante grettezza mercantile, da cui era animata una generazione non del tutto vanamente passata attraverso le sconvolgenti esperienze dell'ultima guerra. »

di Giuseppe Marotta

Veniamo a Nella città, l'inferno. Renato Castellani, invogliato da un romanzo di Isa Mari che non ho letto, ci ha dato, con questo film, un patetico e vivo ritratto delle Mantellate, il carcere giudiziario femminile di Roma. Non c'era tema più logoro e più arduo; ma Castellani è Castellani. Abbandonata la calligrafia, l'estetismo, egli ora punta, forse troppo, sul contenuto; pazienza; ancora qualche sbalzo e troverà pace ed equilibrio, dico io. Ritratto genuino, fedele? Ne dubito... ma che ce ne importa? Mentite sinceramente, poeti di ogni linguaggio, e avrete immancabilmente la verità delle verità. »

Nella città l'inferno | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
MYmovies

Pubblico (per gradimento)
  1° | sergio longo
  2° | stefanocapasso
  3° | lukytells
Rassegna stampa
Gian Luigi Rondi
Nastri d'Argento (2)
David di Donatello (2)


Articoli & News
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità