Medeas

Un film di Andrea Pallaoro. Con Catalina Sandino Moreno, Brian F. O'Byrne, Mary Mouser, Ian Nelson, Maxim Knight.
continua»
Drammatico, durata 97 min. - Italia, Messico 2013. MYMONETRO Medeas * * * 1/2 - valutazione media: 3,50 su 1 recensione.
Consigliato sì!
3,50/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * * 1/2 -
 critican.d.
 pubblicon.d.
Il film rappresenta un'esplorazione lirica di una particolare realtÓ familiare e dei rapporti umani che la caratterizzano.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi
primo piano
Pallaoro, alla sua opera prima, declina al maschile la tragedia di Euripide, esplorando le debolezze dei suoi personaggi
Marzia Gandolfi     * * * 1/2 -
Locandina Medeas

Nella campagna rurale americana Ennis e Christina vivono coi loro cinque figli. Esigente coi ragazzi e votato a Dio e al lavoro, Ennis trascura la giovane moglie che allaccia una relazione clandestina. Tra una canzone ascoltata in cuffia e una rivista erotica, Ruth e Micah sperimentano intanto la loro adolescenza, sognando un altrove dove vivere i loro primi turbamenti. Assillato dai problemi economici e dalla gelosia per Christina, che elude le sue attenzioni, Ennis compra un televisore nel tentativo di distendere gli animi e riportare l'equilibrio in famiglia. L'ennesimo rifiuto della moglie, a cui reagisce con una tentata violenza, lo getta nel pi¨ profondo sconforto. Una domenica, caricati i figli in auto e incassata la determinazione di Christina a restare a casa, fa visita al vecchio padre da cui si congeda molto presto mettendo in atto il suo folle piano. Intanto Christina, consumato un altro amplesso dentro il suo vestito nuovo, li attenderÓ per cena e per tutta la vita.
Opera prima di Andrea Pallaoro, regista italiano che vive e lavora negli States, Medeas declina al maschile la tragedia di Euripide, inscenando un padre reso pazzo dal negarsi dell'amata, diventata per questo ossessione, nemica e persecutrice. Se la storia Ŕ nota, inedito Ŕ lo svolgimento che si sottrae alla linearitÓ del racconto, dispiegandosi in quadri e dentro a un paesaggio rurale abbagliante e rarefatto, in cui si muove una famiglia intesa come entitÓ a se stante e priva di qualsiasi legame con il resto della societÓ. L'apparente armonia del prologo si rompe attraverso la rivelazione di veritÓ nascoste, che determinano conflitti insanabili e investono le azioni dei personaggi di un andamento quasi rituale.
La depressione che tormenta il capofamiglia appassisce giorno dopo giorno figli e consorte, invecchiandoli e avvicinandoli alla morte e all'epilogo tragico. Pallaoro non sentenzia sui suoi personaggi, esplorandone le debolezze e confrontandoli con una natura di infinita bellezza. Il suo sguardo, dominato da un diffuso senso di fatalismo, attiva un interessante rapporto con il fuori campo, producendo un'abulia diffusa, una mancanza di slancio, una caduta tendenziale del desiderio che dal genitore si allarga alla moglie e ai figli, in cerca di una passione propria, che sia un fidanzato, un cane, un abbraccio, un amplesso. L'esperienza depressiva del padre riduce i soggetti a oggetto e insinua in seno alla famiglia una tensione destinata a implodere. Se i ragazzi e Christina reagiscono con sentimento all'altro, Ennis si ritira di fronte al mare aperto della vita, raccogliendo la famiglia, e di fatto vincolandola, attorno a un vecchio televisore, che sostituisce il mondo e supplisce la mancata connessione alla realtÓ. La regia di Pallaoro Ŕ abile a concepire e circoscrivere il vuoto che inghiotte il padre di BrÝan F. O'Byrne, sempre pi¨ separato dalla veritÓ e scisso dalla moglie che punisce con un gesto estremo e innaturale.
Le problematiche affettive sollevate da Medeas trovano piena corrispondenza nelle immagini che 'tagliano' l'orrore finalizzato alla distruzione della relazione tra madre e figli. Rivendicando un diritto di proprietÓ assoluto (di vita e di morte) sulla propria prole, Ennis uccide senza che il mondo intorno finisca con la sua vita e il suo esecrabile narcisismo.

Stampa in PDF

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film Medeas adesso. »

NEWS | 11 lungometraggi di Orizzonti e 3 lungometraggi di Biennale College - Cinema.

Il ricco programma della sala web

mercoledý 14 agosto 2013 - a cura della redazione

Venezia 70., il ricco programma della sala web 11 lungometraggi della sezione Orizzonti e 3 lungometraggi della novitÓ Biennale College - Cinema rappresentano il ricco programma della Sala Web della 70. Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. I film saranno disponibili in tutto il mondo per la visione in streaming in contemporanea con le proiezioni ufficiali al Lido (28 agosto - 7 settembre 2013). La Sala Web della Mostra di Venezia ha una platea con una capienza per ogni visione di 500 posti. La proiezione sarÓ unica per ognuno dei film previsti e sarÓ collocata su un sito protetto, gestito da Festival Scope per conto della Mostra di Venezia.

   

Medeas | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Marzia Gandolfi
Scheda | Cast | News | Foto | Frasi | Chat | Shop |
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2017 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità