Dalla vita in poi

Un film di Gianfrancesco Lazotti. Con Cristiana Capotondi, Filippo Nigro, Nicoletta Romanoff, Carlo Buccirosso, Gianni Cinelli.
continua»
Commedia, durata 85 min. - Italia 2010. - 01 Distribution uscita venerdì 19 novembre 2010. MYMONETRO Dalla vita in poi * * 1/2 - - valutazione media: 2,53 su 14 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato nì!
2,53/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (Italia)
 dizionari * * - - -
 critica * * - - -
 pubblico * * * - -
   
   
   
Katia, giovane invalida, s'innamora dell'uomo a cui scrive le lettere per conto di un'amica. Quando i due si lasciano, lo va a trovare nel carcere dove lui sta scontando 30 di pena.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Un piccolo film con un buon equilibrio tra le parti
Marianna Cappi     * * 1/2 - -

Rosalba ama Danilo, che è in carcere per omicidio. Vorrebbe scrivergli una lettera al giorno ma non trova le parole. Si offre allora di farlo per lei l'amica Katia, anch'essa condannata, ma alla sedia a rotelle. Attraverso la scrittura e il racconto di sé, Katia si lega a Danilo al punto che, quando Rosalba lo dimentica, esce senza remore allo scoperto, si presenta al carcere e ottiene di vederlo e di spiegarsi. Con la stessa ostinazione arriva in breve a sposarlo, pur sapendo che le sbarre li divideranno ancora per decenni. Quando il giudice accorda a Danilo il permesso per incontrare la giovane moglie per un giorno fuori dal carcere, però, gli si offre di fatto un'occasione di fuga: a Katia e Danilo la scelta.
Liberamente ispirato a una storia vera, Dalla vita in poi è una commedia semplice ma di buon gusto, perpetuamente a rischio di retorica, ma sempre vigile, attenta a dove mette i piedi. Lazotti è un veterano della regia televisiva che si presenta alla prova del grande schermo con umiltà: nessun guizzo di regia, nessuna iperbole, una storia così basta e avanza.... I ritratti dei personaggi non sono nuovi ma nemmeno troppo scontati, lo è di più la scelta degli attori, eppure il risultato non delude. La Capotondi è al centro della scena, la sua Katia è letterata e sfacciata, usa l'handicap e ha fatto pace con una fine già nota; il Danilo di Nigro è il duro dal lato tenero, un personaggio estremamente codificato e modellato sul suo fisico, al quale l'attore sa comunque fornire qualche sfumatura incisiva; stesso discorso per la Romanoff, borgatara con una sua grazia e un'onesta visione di se stessa e delle proprie virtù. Sulla scala ascendente dei clichés, il posto più alto spetta certamente alla guardia carceraria di Pino Insegno, ma la drammaturgia talvolta vuole i suoi burattini.
La parabola di un amore che nasce dalla conoscenza intima prima che dalla vista dell'amato, come ai tempi passati dei romanzi epistolari o a quelli odierni di chat ed e-mail, importa relativamente, non offrendo spunti di novità, ma il film individua invece bene uno spazio piuttosto inedito di libertà che si viene a creare tra chi la libertà se l'è giocata in partenza, per motivi culturali, penali o fisici. Rosalba, Danilo e Katia non devono stare alle regole sociali a cui si sottomettono le persone "normali", non potrebbero neanche se volessero, ma sono liberi di forzarle. Queste tre potenzialità trovano unità di tempo e di luogo il giorno di libertà di Danilo e il film si aggrappa a questo momento, attraverso il montaggio, in tutti i modi.
Sebbene pieno di ingenuità e stilisticamente indistinguibile da una buona produzione televisiva, Dalla Vita in poi è un piccolo film cui va riconosciuto, in definitiva, un buon equilibrio tra le parti, in particolare scrittura e recitazione.

Incassi Dalla vita in poi
Primo Weekend Italia: € 71.000
Incasso Totale* Italia: € 96.000
Ultima rilevazione:
Box Office di domenica 28 novembre 2010
Sei d'accordo con la recensione di Marianna Cappi?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
90%
No
10%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * * -

Gustosamente

sabato 27 novembre 2010 di franz_32

Katia (la Capotondi), scrive le lettere che Rosalba, la sua amica del cuore, invia giornalmente al suo fidanzato Danilo (Nigro) in carcere per omicidio. Quando Rosalba decide di lasciare Danilo, Katia non riesce ad interrompere quella che è ormai diventata una sua emozionante abitudine e decide di andare a trovare in carcere Danilo per conoscerlo. Tra i due nascerà un amore profondo. La storia è piuttosto scarsa e scricchiola un pò ovunque ed anche i personaggi continua »

Katia
"I sentimenti si provano, non si dicono!"
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Danilo (Filippo Nigro)
Se stai in un tunnel e non trovi via d'uscita, arredalo
vota questa frase: 0 1 2 3 4 5
Aggiungi una frase

INCONTRI | Presentato a Roma Dalla vita in poi di Gianfrancesco Lazotti.

Un amore vissuto orgogliosamente

martedì 16 novembre 2010 - Marianna Cappi

Un amore vissuto orgogliosamente Esce il 19 novembre, in 70/80 copie, Dalla vita in poi, lungometraggio di Gianfrancesco Lazotti, iperproduttivo regista televisivo, meno noto nelle sale dal grande schermo. Il film, la cui uscita prevista per aprile è poi slittata ad oggi, ha vissuto nel frattempo una vita festivaliera felice, vincendo il Grand Prix della giuria a Montréal e il premio quale miglior film a Taormina, dove è stato riconosciuto anche il lavoro di Cristiana Capotondi e Filippo Nigro, migliori attori. Dramma senza mélo, ma anche viceversa, è una storia d’amore vissuto orgogliosamente, da una parte sulla sedia a rotelle e dall’altra dietro le sbarre, ma senza limiti e persino, in qualche modo, in libertà.

   

NEWS | Il cast de La donna della mia vita incontra i lettori di MYmovies.

Alessandro gassman e valentina lodovini su mymovies live!chat

martedì 16 novembre 2010 - a cura della redazione

Luca Argentero, Alessandro Gassman e Valentina Lodovini su MYmovies LIVE!Chat Lunedì 22 novembre i lettori di MYmovies hanno avuto la possibilità di chattare con Luca ARGENTERO, Alessandro GASSMAN e Valentina LODOVINI, protagonisti del film La donna della mia vita, nelle sale dal 26 novembre 2010. Si è trattato di un evento che ha portato i protagonisti del cinema a contatto diretto con il pubblico: durante l'appuntamento i partecipanti hanno potuto chattare e porre domande liberamente ai tre ospiti i quali hanno risposto in video dalla piattaforma MYmovies LIVE!Chat.

   

NEWS | Il cast di Dalla vita in poi ha incontrato i lettori di MYmovies.

Lazotti e romanoff su mymovies live!chat

sabato 13 novembre 2010 - a cura della redazione

Insegno, Lazotti e Romanoff su MYmovies LIVE!Chat Ancora una LIVE!Chat con gli artisti del panorama cinematografico italiano e internazionale: un'altra occasione per chattare direttamente e senza filtri con i protagonisti dei film in uscita al cinema. Venerdì 12 novembre, a partire dalle 13.45, i lettori di MYmovies hanno avuto la possibilità di chattare con Gianfrancesco LAZOTTI, Pino INSEGNO e Nicoletta ROMANOFF, regista e protagonisti del film Dalla vita in poi, nelle sale dal 19 novembre 2010. Si è trattato di un evento che ha portato i protagonisti del cinema a contatto diretto con il pubblico: durante l'appuntamento i partecipanti hanno potuto chattare e porre domande liberamente ai tre ospiti che hanno risposto in video dalla piattaforma MYmovies LIVE!Chat.

   

GALLERY | Prime foto del film Dalla vita in poi.

Danilo e rosalba esistono, ma non si chiamano così

martedì 2 novembre 2010 - Marlen Vazzoler

Katia, Danilo e Rosalba esistono, ma non si chiamano così Sono arrivate online le prime immagini della commedia Dalla vita in poi, ideata, scritta e diretta da Gianfrancesco Lazotti. Nel cast sono presenti: Cristiana Capotondi, Pino Insegno, Carlo Buccirosso, Filippo Nigro e Nicoletta Romanoff. Il film si ispira ad una storia vera su tre persone, il quartiere Colleverde e il carcere di Rebibbia. Katia, Danilo e Rosalba sono testimoni di un’esistenza marginale vissuta con orgoglio, costruttori di un futuro senza fondamenta e senza progetto che, proprio per questo, è anche senza limiti.

   

Se Cyrano è femmina

di Roberto Nepoti La Repubblica

Per alleviare la pena al suo ragazzo Danilo, detenuto per omicidio, Rosalba gli scrive lettere piene d' amore: la vera autrice degli scritti è la sua amica Katia, una sorta di Cyrano di Bergerac al femminile costretta in carrozzina dalla distrofia muscolare. Quando Rosalba decide d' interrompere la relazione, Katia non rinuncia all' amore epistolare. Personaggi ben delineati per una storia romantica basata su scambi d' identità: contrariamente alle abitudini del nostro cinema, però, non farseschi ma - piuttosto - romanzeschi. »

Cyrano al femminile alla periferia romana

di Alessandra Levantesi La Stampa

Sorta di Cyrano al femminile della periferia romana, la disabile Cristiana Capotondi si trova a intrattenere una corrispondenza sentimentale con Filippo Nigro, detenuto di Regina Coeli, per conto dell'amica Nicoletta Romanoff, che presto si stanca del gioco. Mentre sono Cristiana e Filippo, lei affetta da distrofia muscolare, lui condannato a 30 anni, a finire innamorati dopo essersi aperti i cuori con tutta la sincerità della loro disperazione. Scritto e diretto da Lazotti ispirandosi a una storia vera, Dalla vita in poi non sviluppa in modo adeguato lo spunto narrativo, così come non riesce a trovare il giusto punto di equilibrio fra scene di alleggerimento e registro drammatico. »

Non sta in piedi quell'amore proletario

di Massimo Bertarelli Il Giornale

Pretenzioso dramma sociale scritto e diretto dal giovane Gianfrancesco Lazotti, una malinconica storia d'amore girata con pochi mezzi e scarso rispetto per la verosimiglianza. A Roma l'estetista Rosalba (Nicoletta Romanoff), cotta del detenuto omicida Danilo (Filippo Nigro), condannato a trent'anni, incarica l'amica in carrozzella Katia (Cristiana Capotondi) di scrivergli al suo posto. Facendo nascere così un nuovo amore. Tra le tante domande irrisolte, come fa Katia, senza padre né redditi e co »

Lettere dal carcere, con amore

di Francesco Alò Il Messaggero

Katia (Cristiana Capotondi) si innamora di Danilo (Filippo Nigro) scrivendogli delle lettere in carcere per conto dell'amica coatta Rosalba (Nicoletta Romanoff). E se i due si sposassero? Lei è sulla sedia a rotelle causa distrofia muscolare, lui sconta trent'anni per omicidio volontario. Esperimento ardito Dalla vita in poi: drammone d'amore sottoproletario (ma la Capotondi sembra sempre una principessina so-tutto-io; ragazza di borgata? Ma fateci il piacere!) mischiato a commedia sentimentale a lieto fine concretizzato dallo slogan: «Se stai in un tunnel e non hai via d'uscita, arredalo». »

Dalla vita in poi | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | 7 | 8 | 9 | 10 | 11 | 12 | 13 | 14 | 15 | 16 | 17 |
Link esterni
Sito ufficiale
Uscita nelle sale
venerdì 19 novembre 2010
prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2016 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità