The Unsaid - Sotto silenzio

Acquista su Ibs.it   Dvd The Unsaid - Sotto silenzio  
Un film di Tom McLoughlin. Con Andy Garcia, Teri Polo, Vincent Kartheiser, Linda Cardellini, Samuel Bottoms.
continua»
Titolo originale The Unsaid. Thriller, durata 100 min. - USA, Canada 2001. MYMONETRO The Unsaid - Sotto silenzio * * 1/2 - - valutazione media: 2,88 su 20 recensioni di critica, pubblico e dizionari.
Consigliato sì!
2,88/5
MYMONETRO®
Indice di gradimento medio del film tra pubblico, critica e dizionari + rapporto incassi/sale (n.d.)
 dizionari * * - - -
 critican.d.
 pubblico * * * - -
   
   
   
Andy Garcia è uno psichiatra la cui vita è stata distrutta dal suicidio del figlio.
Richiedi il passaggio in TV di questo film
Chiudi Cast Scrivi Trailer
primo piano
Quando il male è molto giovane
Giancarlo Zappoli     * * * - -

Michael Hunter è uno psichiatra la cui vita è stata distrutta dal suicidio del figlio. Ha divorziato e si disinteressa della figlia. Uno dei suoi pazienti gli ricorda il figlio. È un ragazzo che sembra a posto ma nasconde un passato carico di problemi (è rimasto orfano in modo tragico). Michael deve decidere sul suo futuro, ma rischia di vedere compromesso il proprio presente dato che viene coinvolto in una catena di omicidi. Come al solito, quando dietro alla macchina da presa e sul set ci sono professionisti solidi, la storia è già nota ma la macchina funziona. Andy Garcia interpreta un ruolo intenso, ma va tenuto d'occhio il giovane adolescente che cerca di trascinarlo con sé nell'inferno della violenza. Vincent Kartheiser è ormai abbonato a ruoli come questo. È stato omicida in Delitto + castigo a Suburbia, spacciatore in Another Day in Paradise e adoratore del demonio in Ricky Six. Rischia di non venirne più fuori. Bisognerà che qualcuno gli racconti la biografia di Anthony Perkins. Finché è in tempo.

Stampa in PDF

Premi e nomination The Unsaid - Sotto silenzio MYmovies
il MORANDINI
Sei d'accordo con la recensione di Giancarlo Zappoli?

Sì, sono d'accordo No, non sono d'accordo
70%
No
30%
Scrivi la tua recensione
Leggi i commenti del pubblico
* * * - -

Se volete piangere e rabbrividire......

martedì 9 ottobre 2001 di Diletta

Tra uno psicologo e suo figlio vi e` un grande ostacolo di incomunicabilita`,l`uomo vede suo figlio sempre piu` distante, e la porta che il figlio gli sbatte in faccia non e` altro che la rappresentazione di questo muro di assoluto silenzio. Dopo il suicidio del figlio il nostro protagonista si prendera` cura di un ragazzo che in tenera eta` ha visto suo padre barbaramente uccidere sua madre. Lo psicologo ha il compito di scoprire come determinati atteggiamenti del ragazzo possono essere condizionati continua »

* * * * -

Nessuno di più adatto di vincent kartheiser...

martedì 19 febbraio 2002 di Miss. X

Lo psicologo Michael Hunter, dopo il suicidio del figlio Kyle,si è ritirato dalla vita pubblica ma una sua ex-studentessa dopo qualke anno gli chiede di occuparsi del caso di Tommy. Lo psicologo prende a cuore il caso, anche troppo, e in alcuni momenti Tommy assomiglia in modo sinistro a Kyle. Lo credereste mai?La figlia adolescente dello psicologo, Shelley,si innnamora di Tommy che considera diverso da tutti gli altri... ma non sa ancora quanto...!Problema:i due protagonisti sono ben motivati ma continua »

Non ci sono ancora frasi celebri per questo film. Fai clic qui per aggiungere una frase del film The Unsaid - Sotto silenzio adesso. »
Shop

di Paolo Boschi Scanner

Da un film di genere è lecito richiedere una buona dose di suspense, colpi ad effetto piazzati al momento giusto e, nel caso di un thriller psicologico come The unsaid - Sotto silenzio, una tortuosità capace di sciogliersi credibilmente nel finale. Il film di Tom McLoughlin, già autore di A volte ritornano, mantiene tutte le attese, in più coinvolge lo spettatore con modalità affatto banali, anzi spesso scomode e sgradevoli per la morale comune, ma dotate di un realistico retrogusto: The unsaid spiazza ed urta in continuazione svelando, oltre che le anomalie del sistema, le afasie individuali. »

di Lietta Tornabuoni La Stampa

La premessa, ha osservato Alessandra Levantesi, somiglia in modo curioso a La stanza del figlio di Nanni Moretti: c’è uno psicoanalista sposato, padre di due figli adolescenti; c’è il figlio maschio che muore (per suicidio, non per incidente) e il padre che abbandona la professione; però in questo film la famiglia si dissolve nel divorzio e lo psicoanalista rimane solo. Resta il tema del rimorso incancellabile e tale da determinare le nostre azioni, si aggiunge un giovane antagonista allarmante: ma in uno stile piatto di impronta televisiva, con personaggi banali dal comportamento molto poco credibile. »

di Alessandra Levantesi La Stampa

Come in La stanza del figlio, il protagonista di The Unsaid è uno psicoanalista sposato e con due figli adolescenti, un maschio e una femmina; e come nel bel film di Nanni Moretti il ragazzo muore, ma nel mediocre thriller di Tom McLoughlin non si tratta di un incidente, bensì di un suicidio. Tre anni dopo il fatale evento, ritroviamo Michael Hunter con una gran barba che tiene una dotta conferenza universitaria. Veniamo a sapere che nel frattempo ha smesso di esercitare, che è divorziato e che la figlia Shelly vive con la mamma: ritenendolo responsabile della tragedia, le due donne lo tengono a distanza e in realtà lui stesso se n'é assunto in qualche modo la colpa. »

The Unsaid - Sotto silenzio | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | diletta
  2° | miss. x
Rassegna stampa
Paolo Boschi
Shop
DVD
Prossimamente al cinema Oggi al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2014 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità