Una giornata particolare

Acquista su Ibs.it   Dvd Una giornata particolare   Blu-Ray Una giornata particolare  
Un film di Ettore Scola. Con Sophia Loren, Marcello Mastroianni, John Vernon, Alessandra Mussolini, Françoise Berd.
continua»
Drammatico, durata 105 min. - Italia 1977. MYMONETRO Una giornata particolare * * * * - valutazione media: 4,08 su 33 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
tauosre lunedì 15 gennaio 2007
un capolavoro Valutazione 5 stelle su cinque
97%
No
3%

Questo è in assoluto uno dei più bei film della storia del cinema italiano! Una bellissima regia per una trama profonda, toccante, commovente, immensamente vera, spogliata di ogni forma di bigotteria ed ipocrisia. Durante il periodo fascista, una donna trascurata da un marito ignorante, vuoto e volgare si innamora di un vicino di casa ex giornalista che però poi scopre essere omosessuale. Sophia Loren è bravissima, intensissima, calata alla perfezione in una parte che sembra sentire fin nel midollo delle ossa; Mastroianni è ugualmente bravo, convincente, pieno di fascino e di espressività. Come al solito, i due formano una coppia perfetta. Il film mette in luce la crudeltà dei pregiudizi, la superficialità dei luoghi comuni, la sofferenza del sentirsi diversi, incompresi, abbandonati; lo fa con grande partecipazione emotiva, mettendo in luce i sentimenti più veri, la forza di due diverse disperazioni che si incontrano, si fondono in un'unica disperazione che è però intrisa di amore, di comprensione, di piacere e di speranza. [+]

[+] lascia un commento a tauosre »
d'accordo?
andrea sabato 2 giugno 2001
il duce visto attraverso un camp ed un'ignorantella perbene 3 Valutazione 4 stelle su cinque
92%
No
8%

La forza espressiva dei primissimi piani dei due mentre piegano un lenzuolo nella sequenza sulla terrazza così come quella del campo medio ravvicinato e in controluce dei due vicinissimi (sempre nella stessa sequenza) con due lenzuoli stesi all’aria (che come una sorta di “cornice interna” ai due lati dell’inquadratura definiscono i contorni della stessa in modo ancor più “stringente”) permette a Scola di imprimere nella mente dello spettatore immagini indelebili, che rimangono per sempre “incorniciate” nella memoria. Difficilmente dimenticabili anche un primissimo della Loren nell’appartamento di Mastroianni negli ultimi momenti insieme, il cui viso appare come incorniciato dagli stipiti di una porta e che sembra materializzare visivamente le pressioni a cui è stato sottoposto il suo povero cervello di « ignorantella perbene » (così la definisce, nel suo sfogo liberatorio, Mastroianni) nelle ultime ore ed il successivo campo medio, anch’esso ravvicinato, dei due divisi e incorniciati dal pezzetto di muro presente tra due porte. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
andrea sabato 2 giugno 2001
il duce visto attraverso un camp ed un'ignorantella perbene 1 Valutazione 4 stelle su cinque
87%
No
13%

Rispettando le tre unità aristoteliche Scola dirige la Loren e Mastroianni (per la dodicesima volta insieme) nell’interpretazione più grande realizzata dalla celebre coppia assieme a “Matrimonio all’italiana” di De Sica. Il viraggio seppia della fotografia di De Santis che rende sbattuto in particolare il viso della Loren (di una bellezza “sfolgorantemente sfiorita”) oltre a quello altrettanto meravigliosamente vissuto di Mastroianni tende a creare un contrasto efficacissimo con le altisonanti e marziali emissioni radio dell’E.I.A.R. che si diffondono dal cortile e raggiungono i protagonisti ovunque. Affascinante è la capacità del film di rendere centrale più che la storica visita del Fuhrer a Mussolini l’incontro tra altri due “binari” che improvvisamente s’intersecano dopo aver proceduto/vissuto paralleli per due mesi a poche decine di metri di distanza. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
andrea sabato 2 giugno 2001
il duce visto attraverso un camp ed un'ignorantella perbene 2 Valutazione 4 stelle su cinque
70%
No
30%

come ad inquadrare meglio la Solitudine del personaggio ed, al tempo stesso, allontanarsene pudicamente come dimostra il fatto che la m.d.p. conclude il suo movimento “nascondendosi” in una stanza attigua, in una sequenza anch’essa ossessionantemente dominata dal sottofondo radiofonico diffuso dall’E.I.A.R. Il carattere punitivo delle gravose tasse fasciste sugli scapoli suggerisce a Mastroianni un’altra memorabile battuta: « (“tassano più pesantemente noi scapoli”) Come se la solitudine fosse una ricchezza » che rivela in modo profondo la distorsione dei ruoli sociali operata dal regime che porta il Duce a tassare, a additare al pubblico disprezzo, a “violentare” il naturale corso delle cose. [+]

[+] lascia un commento a andrea »
d'accordo?
luigi chierico sabato 20 settembre 2014
irripetibile Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Bastano soltanto tre personaggi, tre figure, tre attori a fare di un grande un film, un film particolare, soprattutto se alla regia,dietro la macchina da presa, c’è Ettore Scola. Tre personaggi a rappresentare i milioni di Italiani del giorno della visita del Fuhrer a Roma, ricevuto dal Duce con tutti gli onori. Dietro il Fuhrer ed il Duce si nascondono i noti nomi dei due che hanno avuto la pretesa di cambiare il mondo, contro ogni legge storica ed umana: Adolf Hitler e Benito Mussolini. Siamo nel 1938 alla vigilia della Guerra lampo (blitzkrieg) e tutti volenti o nolenti osannano. Roma a stento contiene la folla presente e le forze armate delle due nazioni venute a dar prova di forza obbedienza ed efficiente organizzazione. [+]

[+] lascia un commento a luigi chierico »
d'accordo?
greyhound lunedì 29 ottobre 2012
quando un raggio di sole squarcia il buio Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

Ciclicamente i giornali ci propongono una lista di pellicole cinematografiche da salvare da fantomatici cataclismi oppure graduatore dei migliori film a partire dai Fratelli Lumiere in avanti. Una giornata particolare di Ettore Scola riuscirebbe, indubbiamente, ad essere inclusa in tali gruppi.
La vicenda narrata è apparentemente molto semplice sia nella trama che nell'ambientazione. Quest'ultima, piuttosto statica, ha come soggetto un palazzo romano non particolarmente distinguibile tra tutti gli altri, se non che al suo interno si svolgerà l'incontro tra i due protagonisti della storia. A rendere la viceda ulteriormente intimista vi è il fatto che l'edificio rimarrà pressoché vuoto durante il corso della giornata, in virtù della visita a Roma di Hitler e della conseguente festa nazionale introdotta dal regime fascista. [+]

[+] lascia un commento a greyhound »
d'accordo?
joker 91 mercoledì 9 febbraio 2011
un capolavoro Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

l'animo dell'essere umano in tutte le sue problematiche è presente in questa pellicola maestosa di uno dei massimi registi italiani ovvero il grandissimo ETTORE SCOLA, il cast è composta dall'attore italiano ed attrice italiana più grandi di tutti i tempi ed la delicatezza del personaggio di Mastroianni gli regala un altra nomination all'oscar,sui giorni dell'unione della germania di hithler e dell'italia di mussolini troviamo una bellissima storia tra due persone diverse che si avvicinano e solo per un giorno si comparano a vicenda riflettendo sulle proplematiche che contengono e che tutti gli esseri umani nel bene e nel male con l'esperienza della vita aquisiscono. [+]

[+] lascia un commento a joker 91 »
d'accordo?
luigi chierico domenica 8 maggio 2016
da ricordare Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

E’il 6 maggio del 1938.Un documentario storico,memorabile e ben fatto precede per qualche minuto il film bellissimo, toccante,che non è l’apoteosi della guerra ma dell’amore inteso nel suo più vasto concetto.In un modestissimo appartamento vivono Emanuele ed Antonietta con i loro 6 figli ed una gracula religiosa,una famiglia perfetta,osservante della disciplina pretesa dal fascismo che attende da loro un settimo figlio!un’uccello in gabbia che tenta di volar via,in cerca della libertà . l grande stabile,ripreso ottimamente dall’attento regista Ettore Scola,abita Gabriele,un modesto impiegato radiocronista dell’ EIAR,licenziato ed in attesa di essere inviato al confino.La colpa?è un omosessuale in una nazione in cui è d’obbligo essere maschi con la M di Mussolini!La sua tendenza è pericolosa per il futuro dell’Italia come della Germania,questi elementi vanno uccisi ordinerà Hitler che non ha mai avuto un figlio:ironia della sorte? Anche Gabriele ha diritto d’amare e per questo ha una pistola sul suo tavolo ;“stavo per commettere una fesseria,è così che si dice”confessa al suo compagno. [+]

[+] lascia un commento a luigi chierico »
d'accordo?
minnie mercoledì 25 marzo 2015
un film sempre attuale Valutazione 5 stelle su cinque
100%
No
0%

bari, mercoledì 25 marzo 2015 - Qual è il segreto dei grandi romanzi? come pure dei grandi film? L'ha sottolineato Ettore Scola nella lezione magistrale che ha tenuto martedì 24 marzo alla sesta edizione del Bifest, in corso in questi giorni a Bari, con un parterre di ospiti degno degli Oscar. Il segreto è che sono sempre attuali e che poi possono essere riconsiderati a seconda dei momenti della vita in cui li si rivede. Prendiamo questo film, che ormai sta per raggiungere i suoi primi 40 anni: "Volevo fare un film, oltre che sulla particolare giornata di un incontro sciagurato dal punto di vista storico, per denunciare la condizione degli omosessuali e la condizione della donna". [+]

[+] lascia un commento a minnie »
d'accordo?
filippo catani martedì 21 giugno 2011
l'incontro di due disperazioni Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Roma. Ultimo giorno della visita di Hitler in città. Una classica madre italiana (casalinga e con prole numerosa) incontra il vicino di casa. Non ci sarebbe niente di strano se egli non fosse un annunciatore radio omosessuale in odore di confino. Il film è forte e toccante e mostra la disperazione di due personaggi in un periodo storico più che disperato che sta marciando dritto verso la Seconda Guerra Mondiale. La disperazione della casalinga Loren perchè alla fine è diventata una semplice "macchina" per fare ed allevare i figli insieme al marito che ostenta con orgoglio l'appartenenza al fascismo. L'annunciatore Mastroianni vede non solo naufragare l'Italia condannata alla deriva hitleriana ma vive il dramma di non vivere la libertà di espressione e di amare chi più lo aggrada. [+]

[+] lascia un commento a filippo catani »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Una giornata particolare | Indice

Recensioni & Opinionisti Premi
Multimedia Shop & Showtime
Pubblico (per gradimento)
  1° | tauosre
  2° | andrea
  3° | andrea
  4° | andrea
  5° | greyhound
  6° | joker 91
  7° | luigi chierico
  8° | luigi chierico
  9° | minnie
10° | filippo catani
11° | giorpost
12° | giorgio76
13° | mariaflavia
14° | angelo umana
15° | renato c.
16° | frenky23
Premio Oscar (2)
Nastri d'Argento (10)
Golden Globes (3)
David di Donatello (4)


Articoli & News
Immagini
1 | 2 |
Shop
DVD
Scheda | Cast | News | Trailer | Poster | Foto | Frasi | Rassegna Stampa | Pubblico | Forum | Shop |
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | MYmovies Club | trailer | download film | mygames |
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
XHTML | CSS | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità