E venne il giorno

Film 2008 | Fantascienza 91 min.

Regia di M. Night Shyamalan. Un film con Mark Wahlberg, Zooey Deschanel, John Leguizamo, Betty Buckley, Frank Collison. Cast completo Titolo originale: The Happening. Genere Fantascienza - USA, India, 2008, durata 91 minuti. Uscita cinema giovedì 12 giugno 2008 distribuito da 20th Century Fox. - MYmonetro 2,84 su 440 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi
E venne il giorno
tra i tuoi film preferiti.




oppure

Una famiglia cerca di sfuggire a una catastrofe naturale che potrebbe rappresentare una minaccia per l'intera umanità. In Italia al Box Office E venne il giorno ha incassato nelle prime 6 settimane di programmazione 2,4 milioni di euro e 1,2 milioni di euro nel primo weekend.

E venne il giorno è disponibile a Noleggio e in Digital Download su TROVASTREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
2,84/5
MYMOVIES 3,50
CRITICA 2,40
PUBBLICO 2,71
CONSIGLIATO SÌ
L'uomo delle favole gira un film potente che mette a nudo la solitudine e la paura degli uomini.
Recensione di Marzia Gandolfi
Recensione di Marzia Gandolfi

C'è qualcosa nell'aria. Qualcosa di impalpabile e indefinito. Un respiro e si spegne l'istinto di sopravvivenza dell'uomo. In città, sui marciapiedi, nei parchi, sulle strade, la gente si toglie la vita: precipitando da un'impalcatura, sparando un colpo di pistola, pugnalandosi con un fermaglio, lanciandosi sotto un'automobile. Elliot Moore, insegnante di scienze in un liceo di Philadelphia, è deciso ad allontanarsi dalla città per trovare rifugio nella campagna della Pennsylvania insieme a una coppia di amici e alla moglie Alma, una giovane donna in piena crisi esistenziale. Ma nessun luogo appare sicuro e i fuggiaschi restano vulnerabili davanti alla minaccia della natura. Com'è iniziato tutto questo e quando finirà?
Come Hitchcock, Mr. Night Shyamalan si nasconde nei suoi film, come nel cinema di Hitchcock un personaggio normale è alle prese con lo straordinario, soltanto che per il regista (indiano)americano, lo straordinario può essere soprannaturale e declinabile: il paranormale per Il sesto senso, il fantastico per Signs, il fumetto per Unbreakable - Il predestinato, il fantasy per Lady in the water. Di volta in volta i suoi protagonisti si sono scoperti morti, invulnerabili, onnipotenti, fuori tempo e affabulatori.
Di film in film Shyamalan ha tracciato un sentiero personale e inedito con uno stile preciso e qualche ossessione: quella per l'acqua, gli incidenti stradali e le cantine, quella per la colonna sonora potente (James Newton Howard adoperato come Hitchcock adoperava Bernard Hermann), per la morbosa costruzione della suspence e per l'architettura narrativa, una trappola che scatta alla fine del racconto puntando sulla distrazione dello spettatore.
E venne il giorno è tutto questo e molto altro ancora. È un film misterioso e perturbante, saturo di colori freddi, carico di tensione sonora e atmosfere livide. Dentro un clima diffuso di inquietudine, Shyamalan esaspera quella forma di allarme emotivo che si ritrova in ogni sua opera e che anche questa volta prende corpo nei personaggi, immersi in un rammarico che li ha separati da un affetto assoluto e cruciale. Padrone "favoloso" di atmosfere, attori e tecniche di gestione della tensione, Shyamalan pone l'accento su un individuo, il professore malinconico e devoto (alla moglie) di Mark Wahlberg, che compie un percorso di emancipazione dentro un mondo che diventa improvvisamente un'entità estranea e ostile. Contro l'ipotesi comunitaria, che quando è introdotta si distingue per un carattere negativo e privativo (Signs e The village), il regista delle favole oppone un soggetto mosso dall'impulso di fare corpo a sé. Così il protagonista di E venne il giorno si allontana dalle masse, dal gruppo e dalle persone, per costituire con la moglie e la piccola Jess, orfana dei genitori, un'altra embrionale società in cui ritrovare quello che si è perso (un'illuminata età dell'oro dove gli esseri umani e le creature vivevano in pace) e condividere un dono (l'amore). Se Lady in the water è un film metalinguistico, sull'arte di raccontare storie e sul bisogno ancestrale di farlo, E venne il giorno è costruito sul modello tradizionale del racconto fantastico ottocentesco. Lo spettatore è tenuto per buona parte del racconto in uno stato di accorta indefinibilità, tutto quello che di anormale e di incomprensibile si verifica nel mondo degli uomini è l'effetto di un causa sovrannaturale, irrazionale e scientificamente inverificabile. Il "meraviglioso" è dato proprio dallo stato di sospensione che quella indefinibilità genera nella narrazione stessa.
E venne il giorno è un film potente che mette a nudo la solitudine e la paura degli uomini, una distesa di esseri inermi e indifesi in cerca di protezione. Forse è questo il senso del cinema di Mr. Night. L'uomo delle favole che ha la notte nel nome.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
E VENNE IL GIORNO
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD HD+ SD HD HD+
Rakuten tv
-
-
Infinity
-
-
-
-
-
CHILI
-
-
-
-
iTunes
-
-
-
-
-
-
TIMVISION
Google Play
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
mercoledì 23 febbraio 2011
Fabian T.

Risulta alquanto strano leggere i commenti entusiasti della critica per un film di sicuro affascinante ma contenutisticamente deludente. Fatti salvi l'ambientazione, la lodevole recitazione, il montaggio e la competente regia, ciò che manca è proprio l'impegno creativo di escogitare una soluzione narrativa coerente e necessaria.

domenica 30 gennaio 2011
ultimoboyscout

Ricco di suspence, gelido come pochi altri, questo film ci narra della scorporazione dell'umanità dal mondo in cui vive, puntando in particolare l'occhio su un solo uomo, un bravissimo Mark Wahlberg che regge sulle proprie spalle quasi per intero il peso della storia. Ennesimo film catastrofico o simile in cui la paura e il sentirsi indifesi e piccoli rispetto all'ignoto la [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 agosto 2012
Treppo

Cos'è un'opera d'arte? sarebbe interessante chiederlo a Jack London o Van Gogh, morti poveri e incompresi. L'arte semplicemente non esiste, ed è una, nessuna, centomila, come direbbe Pirandello. Dipende troppo dalle mode e dalle speculazioni. E pare gridare questo la tecnica e la forma di questo film, icona più unica che rara nel suo genere, opera che nasce [...] Vai alla recensione »

venerdì 26 maggio 2017
Cipolla Profumata

Interessante fino a un certo punto,poi decisamente mediocre. Il concetto che la natura,oggettiva padrona del mondo,maturi un profondo senso di vendetta contro i propri ospiti ci sta alla grande. Quante volte e quante volte l'uomo ha infatti devastato e torturato il proprio pianeta? E quante volte lo farà ancora? Giusto dunque che l'aria che respiriamo si trasformi in vento carnefice. Meno [...] Vai alla recensione »

mercoledì 21 dicembre 2016
dian71cinema

QUESTO LAVORO (HO VISTO SOLTANTO IL SESTO SENSO DI QUESTO REGISTA) L'HO VISIONATO E GIUDICATO SENZA FARMI INFLUENZARE NE' DAL NOME.. NE' DAL SUO PASSATO DI AUTORE. LO GIUDICO PER TRE STELLE.. NON TANTO PER LA MANIFESTAZIONE ESPRESSA NELLA SCENEGGIATURA.. CHE A MIO GIUDIZIO E' COMUNQUE DISCRETA.. SIA NELLA TECNICA .SIA NELL'INTERPRETAZIONE GENERALE DEL CAST (UN PO' MENO QUELLA [...] Vai alla recensione »

mercoledì 9 febbraio 2011
tommaso82

ma perchè questo shymalan si ostina a fare cinema? un film senza capo ne coda così come the village e the signs Mediocre all'ennesima potenza  altamente sconsigliato!!

giovedì 25 febbraio 2010
Ace87

Nei film di Shyamalan, regista che ha talento sovrannaturale nel raccontare vere e proprie favole terrorizzanti tramite la cinepresa, sono presenti elementi fondamentali ai quali bisogna ricondurvi tutto quello che si può analizzare durante la visione. Essi sono in primo luogo la Paura, forza dai poteri inimmaginabili, poi la Fede, od in senso più largo la Fiducia, una delle risposte dell’uomo assieme [...] Vai alla recensione »

domenica 14 giugno 2009
Fluturnenia

Non sapevo cosa dire riguardo questo film ma poi ho letto la recensione del sito e prendendo spunto dalle frasi in essa contenute ho trovato il giusto argomento da trattare. Cito testualmente: E venne il giorno è "saturo di colori freddi, carico di tensione sonora e atmosfere livide", ma dove??? Colori luminosi, tonalità di giallo dappertutto in ogni scena ogni inquadratura, fotografia opaca (che nn [...] Vai alla recensione »

giovedì 30 settembre 2010
giugy3000

...E venne il giorno della resa dei conti.Natura contro uomo. Paesaggio contro città.Una guerra tutt'altro che pacifica o tantomeno sussurata fra le righe; piuttosto una vera e proprio lotta all'ultimo sangue, più potente di mille eserciti, più spietata di mille combattimenti e governata da una logica esattamente rovesciata: la natura non ci uccide, ci porta ad ucciderci.

giovedì 4 agosto 2011
maurizio frizziero

La frase "Un atto della natura che non capiremo mai abbastanza" viene pronunciata due volte, all'inizio e alla fine del film. Forse anche l'intero film non è stato capito a sufficienza, forse i 2012 o The Island la fanno da padrone, gli effetti speciali vincono i confronti con film ridotti all'essenziale come questo, forse il pubblico è diviso in caste e ciascuna [...] Vai alla recensione »

giovedì 17 settembre 2009
Giorgio

Pur essendo lodevole l'iniziativa di fare un film ispirato alla fantascenza anni 50 l'ho trovato troppo incompleto e spesso incomprensibile. concordo col voto 6+

martedì 7 febbraio 2017
BRACCHETTO58

NON HO MOLTO DA DIRE. MA PER CHI AMA LA FANTASCIENZA è MEGLIO VEDERSI UNA PARTITA DI CALCIO. PESSIMA, MA VERAMENTE  PESSIMA INTERPRETRAZIONE DI TUTTI GLI ATTORI. MEGLIO UN NOSTRO FILM CINEPANETTONE. AI  SUOI TEMPI FANTOZZI AVREBBE DETTO "UNA CAGATA PAZZESCA!", E IL FINALE è DECISAMENTE PEGGIORE DE "LA CORAZZATA POTEMKYN".

venerdì 14 marzo 2014
toty bottalla

Il film di shyalaman è un incubo catastrofico isterico votato ad impressionare pubblico particolarmente ansioso, dal punto di vista fantascientifico è un lavoro banale privo di idee originali con un cast poco credibile e una sceneggiatura melensa la cui visione non desta mai emozioni da ricordare. Saluti.

venerdì 17 agosto 2012
alien46

E' un film che parte benissimo ma appena girata la curva, non resta niente. Nulla rimane segreto, la trama è una pietra al collo e almeno verso la fine si spera in un cambio di direzione imprevisto, invece finisce nell'abisso dell'indifferenza piu totale dello spettatore. Banale!

domenica 30 agosto 2009
marco.g

senza dubbio è un film particolare. Personalmente non mi ritengo in grado di svelare il mistero di Shyamalan (genio o brocco?) ma una cosa di questo film va detta: le scene in cui si arrestano ad ascoltare il rumore del vento sono di gran classe. Sottili, eteree... personalmente le ritengo una perla. Come suo solito poi, le scene di orrore improvviso sono magistrali.

sabato 9 luglio 2016
Cipolla Profumata

Venne il giorno, non si sa bene di cosa,ma venne. Un po di sana tensione ci sarebbe pure,purtroppo si perde in questa storia piuttosto aleatoria della tossina "del vento". La cosa più triste è che miete vittime se si è in gruppo,magari se siamo in due o tre e non ci stringiamo la mano ci risparmia,per carità di Dio,che immensa scemenza.

domenica 1 novembre 2015
andre89LOST

Datemi retta.. non perdete tempo con questo inutile film.. ah come sono lontani i tempi di the village e del sesto senso.. voto: 4

domenica 23 dicembre 2012
KRIS83

mancanza di idee,banale...povero... una vera delusione!

domenica 1 aprile 2012
KillBillvol2

Questo non è un film catastrofico, anche se può sembrare. E' un film strano, bello, potente, ansiogeno, di tensione, ed è l'effettiva rivincia dell'indiano M. Night Shyamalan, dopo film poco riusciti, come Signs o Unbreakable, che, anche se entrambi riuscivano a tenere alta la tensione, non riuscivano invece a stupire, a prendere dall'inizio alla fine, e ti lasciavano [...] Vai alla recensione »

domenica 14 febbraio 2010
masterprogect

Decisamente non un film che si lascia vedere tutto d'un fiato... una trama interessante, un messaggio importante, scene talvolta forti per un film del genere..ma alla fine che genere è?? Horror?? Fantahorror?? Fantascienza ?? Sicuramente a metà tra questi due generi ed il rischio è di scontentare gli appassionati dell'uno o dell'altro genere.

martedì 11 agosto 2009
rubenvilla91

Ma qual'è lo scopo di questo film? All'inizio gli scenari sembrano predisporre un film dove i protagonisti cercano in tutti i modi una via per fermare questa catastrofe, ma poi niente da fare: i personaggi muoiono(mi riferisco all'esperto di botanica, l'unico a mio avviso che poteva essere in grado di spiegare il fatto), nessuna speranza, soltanto un finale dove non si capisce il motivo dell'evento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 29 luglio 2009
06liuk

ottimo film ottimi effetti speciali mark wahlberg 6 un grande a fare i film ma permè lo dovevano fare di almeno 2 ore e mezza non di 1 ora e mezza

domenica 6 ottobre 2013
Jayan

E' forse il miglior film di M. Night Shyamalan. E' riuscito, con trovate geniali, inquadrature degli attori che guardano qualcosa di indefinito che è lì ma non si riesce a decifrare e conoscere, a incutere panico e suspense negli spettatori. Una tossina liberata forse dalle piante che si sentono minacciate dagli esseri umani (ma questo si comprende solo nella seconda parte del [...] Vai alla recensione »

domenica 2 dicembre 2012
tiamaster

Per quanto abbia realizzato film molto interessanti come "il sesto senso", Shyamalan è sempre stato un regista piuttosto sopravvalutato. E questo film (insieme a "l'ultimo dominatore del'aria") ne è la prova. L' idea di base (un "qualcosa",un "virus" che fà suicidare le persone senza spiegazione) potrebbe essere molto più potente e disturbante se si distaccasse dal solito messaggio ecologista trito [...] Vai alla recensione »

domenica 12 febbraio 2012
paride86

Un'idea molto interessante quella da cui parte "E venne il giorno": come al solito Shyamalan si conferma un regista originale e inventivo. Purtroppo, però, questo film risulta monocorde e privo della giusta atmosfera che si addice ad una storia simile. Gli attori, poi, non aiutano: a parte Mark Whalberg, nessuno riesce a rendere partecipe lo spettatore.

sabato 20 agosto 2011
ALEXLABY

A sinistra della stella metto un segno meno. Voto sotto zero per uno dei più insignificanti pseudo-film mai visti.

lunedì 11 aprile 2011
peppe97

L'intoppo del film,a mio parere,sta nella velocità dello sviluppo dei fatti. In 90 minuti circa,il regista ha racchiuso molte scene che si susseguono in modo cronologico corretto ma un pò rapido,che rende la vita difficile allo spettatore. Comunque,il cast ha saputo ben sfruttare gli aspetti fantascientifici,mutandoli a volte in caratteristiche tipiche del film dell'orrore.

mercoledì 3 febbraio 2010
andreabarella

no dai obbiettivamente l'idea del film è anche passabile ma la sua costruzione è a dir poco mediocre manca tutto e gli attori sono impalpabili...... non amo il genere catastrofico ma immagino la delusione per gli amanti di genere..... evitare

martedì 29 dicembre 2009
Sandoval1964

Mi dispiace per chi ha visto il film e ha pagato il biglietto. Il film è pessimo, gli attori sono tutti di serie B. La trama è molto sconclusionata. Prima di invitare il pubblico "Pagante" al cinema, bisognerebbe far vedere i film a gente esperta, io mi offro per far ciò. Sia i soldi che il tempo costano molto cari per investirli in stupidagini. Grazie.

venerdì 13 novembre 2009
Hal10000

Chi cerca chiasso e inseguimenti non apprezzerà questo film, tutto giocato sull'angoscia e sulla disperazione. Originalissimo, ben fatto, repellente per lo spettatore che non ha voglia di usare il cervello. Unica pecca la recitazione non proprio eccelsa, però bisogna dire che tutto il film è permeato dello stesso disagio di fondo, e le espressioni seppure statiche non stonano con le vicende.

martedì 15 settembre 2009
donato 1964

Film interpretato da attori noti e non con una trama inverosimile e/o utopica.Certamente il pubblico dopo aver visto il sesto senso,meraviglioso film dell' occulto e sicuramente di altro genere ma apprezzato a livello mondiele ne sara' rimasto alquanto deluso.La trama e' mediocre,come la storia e l'interpretazione globale.Complessivamente film piu' che discreto.Voto 6+

giovedì 12 settembre 2013
aldolg

 Niente da dire Shyamalan ci sa fare e forse non lo lasciano fare a sufficienza. Tema attualissimo e sufficientemente realistico. Quel giorno è forse maledettamente più vicino di quanto si possa immaginare. Da vedere. Tematica: FUTURO

lunedì 2 novembre 2015
Barolo

Film assolutamente valido,sia sul piano delle idee che di quello visivo.Può non piacere,leggo molte recensioni negative,ma non si può dire che non sia originale e inquietante.Il paragone con il sesto senso è improponibile,sono generi completamente diversi,solo il regista è lo stesso. i temi toccati sono tanti e intriganti,il rapporto uomo-natura,la solitudine umana,il mistero [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 agosto 2012
adware11

uno dei film piu belli che abbia mai visto;pero essendo il mio genere preferito sono molto "generoso" nel votarlo 

sabato 7 agosto 2010
G2i3o4

Bel film che a tratti mette angoscia. Lo definirei horror...

giovedì 13 maggio 2010
mirror

un film per riflettere. Anche con pochi mezzi Shyamalan riesce a creare un gran bel film. Da non perdere

lunedì 2 novembre 2009
Jarkaruus

Il solo pensiero mi fa tremare. L' idea del film e' tremendamente geniale ed assurdamente realizzabile. Basti pensare che i coralli fanno la medesima cosa sul fondo del mare. Tossine per allontanare eventuali minacce. Sfruttare un veicolo ( il vento ) per difendere se stessi, esseri immobili. Non tutti possono apprezzare questo film. Non coloro che, non conoscendo appieno le piante, non conoscono la [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2009
rafiki_

Per chi conosce Shyamalan gli ingredienti principali sono gli stessi : mistero, azione lenta, angoscia,inquietudine. E funzionano nuovamente alla grande anche in questo (oserei dire) ambiental- thriller. La trama di per se funziona bene e mette a nudo uno dei temi piu' scottanti del millenio: Il cambiamento climatico, da un punto di vista nettamente piu' oscuro.

lunedì 29 marzo 2010
C. Nyby

C'è un record in questo film. Il minor tempo necessario per deludere lo spettatore. Dopo due minuti, la scena dello spillone spinge già a buttare il blu-ray dietro qualche libro e a dimenticarsi della sua esistenza. Io avevo visto "The lady in the water" e contrariamente a quanto universalmente detto da tutti, qualcosa l'avevo salvata del film, ma qui io, che [...] Vai alla recensione »

martedì 1 settembre 2009
titti1977

non buttate via tempo e denaro a prendere sto film

domenica 15 novembre 2009
Viper_xxL

ottimo da quello che ho capito ilcontinuo sara in francia

venerdì 1 ottobre 2010
SimoBirilli

Un film che nella sua semplicità e linearità riesce a creare quella tensione e ansia che ti tiene attaccato allo schermo. Bravo il regista, non si smentisce nel suo genere.

mercoledì 9 dicembre 2009
emanuele89

checchè se ne dica questo è un buon film. Decisamente SOPRA LE RIGHE rispetto a tanti altri filmetti. La parte della casa con la vecchia è davvero eccezzionale, poi zooey deschanel è una grande attrice a mio parere. I film non si possono solo criticare impariamo ad apprezzarli

mercoledì 3 novembre 2010
Boyraro

E' Un film davvero particolare, c'è chi l'ha definito horror, ma non lo è!E' Sicuramente Strano, Ma Particolare nel Suo Genere.

venerdì 8 maggio 2009
taniamarina

Night è un vero disastro, nulla da aggiungere. Tranne per l'idea di base davvero interessante, ma sviluppata con un taglio horror becero, trito e ritrito e con citazioni mediocri alle opere del nostro Dario Argento. I dialoghi finali come pure le situazioni che dovrebbero risolvere una trama pressoché inesistente, sono semplicemente pietosi. Fa davvero male ammettere che il sesto senso è stato il suo [...] Vai alla recensione »

Frasi
Sembra che stia per accadère qualcosa…
Una frase di Elliot Moore (Mark Wahlberg)
dal film E venne il giorno - a cura di roberto
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

È arduo giudicare un film come «E venne il giorno», perché le identiche considerazioni possono servire all'accusa e alla difesa. Del resto dopo l'unanimità riscossa col folgorante esordio del '99 («Il sesto senso»), il trentottenne indiano-americano M. Night Shyamalan non ha fatto altro che spaccare il pubblico: basta curiosare nei vortici del web per cogliere gli sfoghi di estimatori e spregiatori [...] Vai alla recensione »

Paolo Mereghetti
Il Corriere della Sera

Il vento che agita le foglie degli alberi e trasmette un inquietante senso di insicurezza a chi se ne fa sorprendere era già stato tra i «protagonisti» di The Village, il penultimo film di M. Night Shyamalan. Adesso torna in E venne il giorno a mettere in crisi le certezze dell' umanità, ma questa volta l' effetto è molto meno efficace e l' abbraccio della morte che sembra avanzare con il soffio che [...] Vai alla recensione »

Giulia D'Agnolo Vallan
Ciak

I migliori film di M. Night Shyamalan sembrano degli incantesimi. Nei suoi momenti più riusciti, E venne il giorno funziona nello stesso spazio sospeso, tra horror e meraviglia, tra favola e realtà. L'attacco è uno dei più forti che il regista indiano trapiantato a Philadelphia abbia mai ideato: una serie di suicidi improvvisi e inspiegabili nel tran tran idilliaco di Central Park.

Alessio Guzzano
City

A Central Park, una ragazza si trafigge la gola con lo chignon. Operai che si lasciano cadere dalle impalcature. Chiunque trovi una pistola si suicida. Quale virus (terrorista?!) annienta l'istinto di conservazione degli abitanti della costa est degli States? Cosa ha invertito le leggi di natura? Forse Madre Natura stessa reagisce alla minaccia umana? M.

Maurizio Porro
Il Corriere della Sera

Night M. Shyamalan non è un regista che si muove per temi di poco conto, quindi si tratta di penetrare il sesto senso dei departed o, come qui, di capire come mai un certo giorno gli uomini del Nord Est degli States decidano di suicidarsi in massa. Forse è colpa delle piante che si ribellano ai torti, forse i batteri, forse la chimica ecologica, l' anarchia della funzione clorofilliana, chissà.

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Ancora minacce, ancora apocalissi. Nella stagione 2007-2008 il mondo è già finito e ricominciato 3 volte: in Cloverfield, in Io sono leggenda e in Cecità, il film da Saramago che ha aperto Cannes. Ora tocca al regista del Sesto senso (e di Signs e The Village), minimalista dell'orrore capace di rendere minacciosi i luoghi e gli eventi più quotidiani.

Natalino Bruzzone
Il Secolo XIX

Slittamenti progressivi e geniali di una paura che dall'ordinario dell'oggetto quotidiano passa allo straordinario del suo effetto letale: dal bicchiere e dalla forbici di Hitchcock agli alberi e all'erba di M. Night Shyamalan. Lo stormir di fronda è il motore d'angoscia di "E venne il giorno": non un apologo ma ancora, come "Il sesto senso", "Unbreakable", "Signs", "The Village" e "Lady in the Water", [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Alle 8.30 di una mattina qualsiasi al Central Park di New York si verifica un fatto strano e terribile. Mentre i passanti si fermano di colpo e rimangono immobili come statue, qualcuno comincia a camminare all'indietro e all'improvviso una ragazza seduta su una panchina si trafigge la gola con lo spillone dei capelli. Poco dopo, ancora a Manhattan, si vedono gli operai di un cantiere edilizio gettarsi [...] Vai alla recensione »

Maurizio Cabona
Il Giornale

Dopo La notte dei morti viventi di George Romero, E venne il giorno di M. Night Shyamalan, titolo né fedele, né suggestivo al posto dell'originale The Happening (L'evento). Clima di terrore e sfondo rurale sono analoghi nei due film; invece che morti viventi, ora appaiono vivi suicidanti, ma tutto accade in 24 ore e la causa dei suicidi di massa è indicata solo da ipotesi, sempre come accadeva quarant'anni [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Nelle intenzioni di M.Night Shyamalan E venne il giorno doveva essere un B-movie, lo ha detto lui, lo hanno ripetuto molte recensioni sui giornali americani: c'è la catastrofe, forse un attacco di terroristi, ciò che sono diventati oggi gli alieni di un tempo, sempre senza volto e senza identità tangibile, ci sono gli ammiccamenti alla scienza, il protagonista, Elliot Moore (Mark Wahlberg), insegna [...] Vai alla recensione »

Manohla Dargis
The New York Times

The knives had been out and sharpened long before M. Night Shyamalan's latest movie, “The Happening,” opened on Friday. A fine craftsman with aspirations to the canon, this would-be auteur has, in the last few years, experienced a sensational fall from critical and commercial grace, partly through his own doing — by making bad movies and then, even after those movies failed, by continuing to feed his [...] Vai alla recensione »

Carina Chocano
The Los Angeles Times

As world-ending scenarios go, M. Night Shyamalan favors the whimper over the bang. In "The Happening," his latest elegant but failed creep-fest, some mysterious force causes people to freeze, and then resourcefully do themselves in by whatever means at hand. The action begins in New York City, where diversity and sheer population density immediately yield an impressive array of creative suicides within [...] Vai alla recensione »

Giona A. Nazzaro
Film TV

La parabola descritta dal cinema di M. Night Shyamalan è esemplare. Un libro americano dei morti che si riflette nello specchio scuro del (dis)farsi di una comunità. Cineasta attratto dalla wilderness e dall’agorafobia, Shyamalan è uno studioso del rapporto tra soggetto e paesaggio, l’equazione che fonda il discorso sulla civilization. Sin da Il sesto senso, la comunità statunitense è sempre stata [...] Vai alla recensione »

Pierluigi Ronchetti
ItaliaOggi

Se siete stati choccati da Il sesto senso, se siete stati coinvolti da Signs, rimarrete probabilmente delusi assistendo alla proiezione dell’ultimo film di questo straordinario regista indiano. Straordinario per la capacità di creare e gestire atmosfere irreali, vestite in questo caso di colori freddi, sottolineate da musiche enfatiche e stranianti.

Dario Zonta
L'Unità

L'inizio di E venne il giorno di M. Night Shyamalan sembra «copiato» da un episodio di Ai confini della realtà, serie televisiva americana anni sessanta che fondò il genere delle piccole e misteriose apocalissi. Non a caso alla scrittura della serie vi partecipò Richard Matheson, maestro del genere, autore di Io sono leggenda, primo romanzo «degli zombie» (George A.

Thomas Sotinel
Le Monde

"Phénomènes" : terreur dans les bois de Pennsylvanie Il existe deux bandes-annonces de Phénomènes, que l'on peut voir sur Internet. L'une, destinée au public familial, montre une horde d'Américains ordinaires perdue au fin fond de la Pennsylvanie, en proie à des dangers mystérieux. L'autre, interdite aux moins de 17 ans, collectionne des situations sanguinolentes - défenestrations, pendaisons, suicides. [...] Vai alla recensione »

Claudio Carabba
Corriere della Sera Magazine

C'è qualcosa di strano nell'aria di Central Park. D'un tratto í passanti si bloccano e cominciano a ripetere le stesse parole. Con mosse lente una ragazza si sfila lo spillone dai capelli e se lo caccia in gola: è l'inizio di una devastante mattanza. Una sconosciuta virus (terrorista?) spinge il popolo di New York a suicidarsi: l'allucinante infezione si propagherà.

Filippo Mazzarella
ViviMilano

Epidemia di suicidi negli Usa. Terrorismo chimico? No, tossine vegetali. La Terra (o Dio) ci avvisano. Modello: la SF anni '50. Sottinteso: l'11/9. Clima tra «Ultracorpi» e Romero. Ma il regista non è un fanta-autore bensì un maestro del mélo apocalittico teologico estenuato. Basta saperlo. BELLO - PER CREDENTI Da ViviMilano, giugno 2008

Boris Sollazzo
DNews

Vedo la gente scema. È il tormentone principe dei finti trailer di Mai dire martedì, è uno dei cult di Maccio Capotonda, Ennio Annio e Bruno Liegi baston liegi, è Il sesto scemo. Chissà cosa direbbe M. Night Shyamalan guardando il suo capolavoro parodiato senza pietà. Probabilmente apprezzerebbe, o forse avrebbe la stessa reazione che ha avuto chi scrive quando ha visto E venne il giorno.

NEWS
RUBRICHE
lunedì 16 giugno 2008
Andrea Chirichelli

E venne il giorno... del crollo degli incassi. Weekend magrissimo per gli esercenti. Nemmeno i nuvoloni portano la gente al cinema e così l'unico film a superare la soglia del milione di euro è l'ultima opera di Shyamalan, che ottiene senza fatica il [...]

RUBRICHE
venerdì 13 giugno 2008
Chiara Renda

Autori "quasi" americani Questa settimana di metà giugno, in attesa de L'incredibile Hulk e delle prime pellicole estive, le numerose uscite si distribuiscono tra giovedì e venerdì. E venne il giorno, il nuovo, tanto atteso thriller ambientalista del [...]

NEWS
martedì 27 maggio 2008
Tirza Bonifazi Tognazzi

La natura, questa sconosciuta Ad accendere la lampadina (ergonomica) della mente di M. Night Shyamalan è stata una serie di eventi più o meno spaventevoli che stanno accadendo nel mondo, a partire dalla scomparsa delle api in America.

NEWS
mercoledì 21 maggio 2008
Edoardo Becattini

Apocalisse d'estate La fine è vicina. Molto vicina. Secondo il regista de Il sesto senso e The Village, M. Night Shyamalan, arriverà precisamente di venerdì 13 (e quando, altrimenti?) e riguarderà una neurotossina emessa dalle piante che ci spingerà [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati