Tonino de Bernardi - Un tempo, un Incontro

Film 2021 | Documentario 52 min.

Anno2021
GenereDocumentario
ProduzioneItalia
Durata52 minuti
Regia diDaniele Segre
MYmonetro Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Regia di Daniele Segre. Un film Genere Documentario - Italia, 2021, durata 52 minuti. Valutazione: 3,00 Stelle, sulla base di 1 recensione.

Condividi

Aggiungi Tonino de Bernardi - Un tempo, un Incontro tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un confronto con la forza creativa di un grande artista.

Consigliato assolutamente no!
n.d.
MYMOVIES 3,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
Critica
Premi
Cinema
Trailer
Un documentario affettuoso che diventa gioco di obiettivi tra due registi .
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 11 settembre 2021
Recensione di Raffaella Giancristofaro
sabato 11 settembre 2021

Una vita ad occhi aperti, gettata nel presente, con le mani sempre sulla macchina da presa e gli occhi sul visore. Spesso sorridendo, come un adulto che torna bambino nel fare quello che ama. Tonino De Bernardi, classe 1937, autodidatta della settima arte, pioniere dell'underground, tra gli animatori della Cooperativa Cinema Indipendente, in seguito alla folgorazione per la sperimentazione del New American Cinema e del Living Theatre. Dal 1967 a oggi ha girato ininterrottamente, autoproducendosi, quasi un film all'anno (ma il vero numero non lo conosce nemmeno lui) "con tutti i mezzi", dall'8 millimetri muto al sonoro, fino al 16 e al 35, per poi convertirsi entusiasticamente al video digitale, estremamente più economico.

Il suo è cinema low low budget, nomade, estemporaneo, spesso familiare. Sempre avvertito come una necessità: "io avevo proprio bisogno, nella mia vita, di aiutarmi a vivere. E il cinema mi ha aiutato". In un certo momento anche la Mostra di Venezia lo ha vezzeggiato, invitando Appassionate (in concorso nel 1999) e Rosatigre l'anno dopo (in Nuovi Territori).

In coincidenza con il quarantesimo anniversario della sua casa di produzione I cammelli, il torinese Daniele Segre (1952), a sua volta alfiere del cinema indipendente italiano, coglie l'occasione di una sua visita e filma l'amico di Chivasso De Bernardi in una candida confessione, che ne rivela il tratto giocoso, anarchico.

Ma il gioco è reciproco, perché l'ex maestro che ha impegnato la sua liquidazione per poter realizzare i propri film riprende Segre con la sua Canon da cui non si separa mai. Sfilano alcuni estratti (A Patrizia, Dei, Come ladro, Il sogno dell'India, Piccoli orrori, soprattutto Médée miracle, Elettra) che danno un saggio della sua poetica della spontaneità e di un cinema di prossimità, dandola per già nota.

Il risultato è un documento affettuoso, che con coerente semplicità ne assevera l'originalità delle pratiche, un invito da seguire per approfondirne il percorso unico, tutto ai margini e controcorrente. Il sottotitolo riprende una frase diffusa nell'ambito delle sale da tè e del teatro giapponesi, tatuata sul corpo di un operatore del film.

NEWS
MOSTRA DI VENEZIA
sabato 11 settembre 2021
Raffaella Giancristofaro

Un (auto)ritratto in forma di confessione del decano dell’underground italiano. Alle GdA e in streaming fino al 13 settembre. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2021 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati