Dau. Natasha

Film 2020 | Drammatico, +13 135 min.

Titolo originaleDAU. Natasha
Anno2020
GenereDrammatico,
ProduzioneGermania, Ucraina, Gran Bretagna, Russia
Durata135 minuti
Regia diIlya Khrzhanovskiy, Jekaterina Oertel
AttoriNatalia Berezhnaya, Olga Shkabarnya, Vladimir Azhippo, Alexei Blinov, Luc Bigé Alexandr Bozhik, Anatoliy Sidko, Raisa Voloshchuk, Valery Andreev.
Uscitagiovedì 26 agosto 2021
TagDa vedere 2020
DistribuzioneTeodora Film
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: +13
MYmonetro 3,07 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Ilya Khrzhanovskiy, Jekaterina Oertel. Un film Da vedere 2020 con Natalia Berezhnaya, Olga Shkabarnya, Vladimir Azhippo, Alexei Blinov, Luc Bigé. Cast completo Titolo originale: DAU. Natasha. Genere Drammatico, - Germania, Ucraina, Gran Bretagna, Russia, 2020, durata 135 minuti. Uscita cinema giovedì 26 agosto 2021 distribuito da Teodora Film. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 3,07 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Dau. Natasha tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Ultimo aggiornamento martedì 10 agosto 2021

Una donna si trova a dover affrontare la polizia sovietica. Il film ha ottenuto 1 candidatura agli European Film Awards, In Italia al Box Office Dau. Natasha ha incassato nelle prime 4 settimane di programmazione 8,3 mila euro e 2 mila euro nel primo weekend.

Consigliato sì!
3,07/5
MYMOVIES 2,50
CRITICA 3,64
PUBBLICO
CONSIGLIATO SÌ
Un'operazione fortemente voluta dai realizzatori ma fallimentare sul piano dell'efficacia comunicativa.
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 27 febbraio 2020
Recensione di Giancarlo Zappoli
giovedì 27 febbraio 2020

Unione Sovietica anni '50. Natasha e Olga lavorano nella mensa di un Istituto di ricerca segreto. La mensa è il luogo da cui tutti finiscono per passare, compresi gli scienziati. Con uno di essi , il francese Luc Bigé, la donna ha un rapporto sessuale in un momento in cui è decisamente ubriaco. I servizi segreti lo verranno a sapere e Natasha verrà umiliata e forzata a divenire una spia.

Curato da Ilya Khrzhanovskiy e Jekaterina Oertel, il progetto DAU in Ucraina ha raccolto per anni volontari disposti a simulare quotidianamente la vita come la si viveva nell'URSS degli anni duri dello stalinismo.

È in questo particolarissimo contesto che è stato girato il film, utilizzando materiale che sullo schermo digitale risulta di bassa qualità e camere a mano costantemente oscillanti ma apparentemente prive delle motivazioni che il Dogma vontrieriano si era coscientemente date.

Le due protagoniste non sono attrici ma sostengono performance decisamente non facili (ivi compresa, per Natasha, una lunga sequenza hard). Ci si accorge però, nello scorrere dei 135 minuti, che gli autori si sono innamorati dello straripante girato e quando sono giunti al montaggio hanno sacrificato moltissimo ma non tutto quanto era necessario. Perché la sceneggiatura ruota troppo a lungo su se stessa prima di arrivare alla svolta qualificante dell'interrogatorio in cui aguzzino e vittima giocano una partita che passa dalla violenza alla partita psicologica a scacchi.

Ci si trova così dinanzi a un'operazione che è stata senz'altro importante e motivata per chi l'ha realizzata ma finisce per fallire come efficacia comunicativa. A meno di aver letto le ampie note esplicative che accompagnato la proiezione. Ma il cinema in quanto tale dovrebbe saper 'parlare', va ogni volta ribadito, senza note a piè di pagina.

FOCUS
FOCUS
venerdì 27 agosto 2021
Pedro Armocida

Ogni tanto il cinema ci regala dei meravigliosi progetti bigger than life. Pensiamo a Jean-Pierre Léaud cresciuto, letteralmente, nei panni di Antoine Doinel in cinque film di François Truffaut oppure a Ellar Coltrane filmato da Richard Linklater, per dodici anni, in Boyhood. Sono esperimenti che hanno alzato l’asticella del gioco – nel doppio significato, anche di “recitare”, dell’inglese “play” – dell’identificazione tra arte e vita.

In qualche modo anche Dau, il progetto nato nel 2009 dalla mente del giovane regista russo Ilya Khrzhanovskiy, oggi 46enne, che voleva girare un biopic sul premio Nobel della fisica Lev Landau (1908-1968) detto Dau, rientra in questa prospettiva utopica di far coincidere il tempo della vita degli attori con quello delle riprese. Così il regista, grazie ai finanziamenti del magnate delle telecomunicazioni antiputiano Sergey Adonyev, decide di stravolgere il progetto costruendo negli studi di Charkiv, in Ucraina, una mastodontica replica del vero istituto di ricerca diretto da Landau. Per tre anni di riprese 400 attori non professionisti hanno vissuto sul set come se fosse l’Unione sovietica negli anni dal 1938 al 1968, adeguando via via i costumi, le pettinature, le confezioni degli alimenti…

Dalle 700 ore di girato in 35mm, il direttore della fotografia è Jürgen Jürges che ha lavorato con Fassbinder, Wenders e Haneke, sono nati o nasceranno, la post-produzione è ancora in corso, serie tv, documentari e 14 film resi disponibili on line a pagamento (https://www.dau.com/en). Due film hanno partecipato alla Berlinale del 2020, DAU.Natasha, in concorso, e DAU.Degeneration, mentre l'intero progetto, opera totale in forma di installazione immersiva, è stato presentato nel 2019 a Parigi con il pubblico chiamato a vivere l'esperienza totalitaria del totalitarismo.

Ed è un po’ questo il punto di arrivo di DAU.Natasha che esce ora nei nostri cinema distribuito da Teodora. Ossia la messa in scena della dittatura attraverso la dittatura della macchina da presa che pedina la protagonista Natasha, interpretata da Natalia Berezhnaya, una cameriera nella mensa dell’istituto DAU senza più una vita privata. Una notte riesce a vivere un momento liberatorio sessuale, ripreso dai registi (il film è girato a quattro mani con Jekaterina Oertel) senza filtri nella sua più totale naturalezza, con uno scienziato francese. L’amore con uno straniero però le costerà caro e un ufficiale del Kgb le farà rivivere quell’atto sotto forma di tortura in alcune sequenze quasi insostenibili per lo spettatore che hanno anche scatenato una lettera aperta critica, ma pretestuosa, di un gruppo di giornaliste russe al direttore della Berlinale Carlo Chatrian rilanciata da Variety.

Il metodo Stanislavskij portato alle estreme conseguenze? Un «Truman Show stalinista» come ha scritto il Guardian? In realtà DAU.Natasha è un minuzioso lavoro di messa in scena della Storia attraverso un canovaccio a cui gli stessi interpreti hanno collaborato.

C’è anche un incredibile lavoro sul suono, ad esempio il rumore dei bicchieri – la vodka è quasi un personaggio del film –, che riesce a trasportare lo spettatore ‘veramente' in quelle stanze claustrofobiche. Come gli attori-non attori chiamati a (ri)vivere, sulla propria pelle, la storia del loro paese spinti da uno dei registi della nuova leva che era solo un preadolescente all’epoca della fine dell’URSS.

La forma violenta con cui viene rimessa in scena quella violenza è filologica, mai gratuita. E, per una volta, necessaria.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
venerdì 27 agosto 2021
Peter Bradshaw
The Guardian

Da un certo punto di vista, Dau. Natasha è un resoconto brutale, crudo e repellente della vita di una donna (inventata) che lavora nella mensa di un istituto di ricerca scientifico a Mosca, nella Russia di Stalin, diretto dal fisico teorico Lev Landau (soprannominato "Dau"). Ci vengono mostrati i rapporti di Natasha con la sua collega Olga e anche quello che succede nella Stanza 101, in tutto il suo [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 agosto 2021
Eugenio Renzi
Il Manifesto

Proviamo per un attimo a parlare di Dau, Natasha come se si trattasse di un film come un altro e non del capitolo cinematografico di un' opera titanica, labirintica e in tutti i sensi mostruosa. In una cittadella della ricerca sovietica, sul finire dell' epoca stalinista, una donna di mezza età di nome Natasha lavora alla mensa dove ogni giorno si accalcano ricercatori, scenziati e membri del Kgb. Vai alla recensione »

giovedì 26 agosto 2021
Fulvia Caprara
La Stampa

Il regista Ilya Khrzhanovskiy, che ha diretto e scritto Dau. Natasha con Jekaterina Oertel, ha dichiarato di considerare eroi gli attori che hanno preso parte al progetto. Un esperimento unico, provocatorio e disturbante, che ricrea, in una sorta di «Grande Fratello» storico, il clima di delazione e paura della vita in Urss tra il 1938 e il 1968. Al centro dell' universo parallelo stalinista si muove [...] Vai alla recensione »

giovedì 26 agosto 2021
Alessandra De Luca
Avvenire

Negli anni Cinquanta due donne, Natasha e Olga, lavorano nella taverna di un centro di ricerca scientifico sovietico frequentato da impiegati stranieri e luminari del settore. Quando la prima, la più matura delle due, ha una relazione con uno scienziato francese, i servizi segreti intervengono in maniera brutale sottoponendo Natasha a terribili umiliazioni.

martedì 24 agosto 2021
Tonino De Pace
Duels.it

Si resta perplessi dopo la visione di DAU. Natasha. Perplessità non significa distanza, né vicinanza con il film, non significa, in altre parole, che il film non abbia colpito nel segno o che lo abbia fatto suscitando quindi delusione o entusiasmo. La perplessità è uno stato d'animo attraverso il quale si prova a riflettere e quindi a ragionare su ciò che si è visto e ascoltato per potere trasferire, [...] Vai alla recensione »

martedì 24 agosto 2021
Giulio Sangiorgio
Film TV

Sia lodata Teodora Film. Per la scelta di distribuire in sala questo primo capitolo di DAU. Uno dei progetti maggiormente ambiziosi della storia del cinema. E dell'arte contemporanea. Numeri: una mostra monstre a Parigi, 15 film, sei serie previste. 700 ore di girato (poche, ponderate, stampate su pellicola 35 mm dalle luci di Jürgen Jürges, che muove la camera con retorica realista, documentaria, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 aprile 2020
Giona A. Nazzaro
Rumore

Più che un film, un'esperienza limite che si è abbattuta sul pubblico della Berlinale con la potenza di un maglio. Emanazione ed estensione del progetto Dau, una sorta di Truman Show dell'arte contemporanea nel quale si tenta di ricreare le condizioni di un lontano esperimento tentato in una base sovietica e che ha visto interpreti e autori vivere in condizioni totalitarie", il film è probabilmente [...] Vai alla recensione »

sabato 29 febbraio 2020
Alessandro Uccelli
Cineforum

Bastano pochi minuti di Les Irradiés, perché nella mente spunti l'etichetta del film-saggio. Una forma che, per antonomasia, rimanda a sua volta a Chris Marker. Del resto il film di Rithy Panh, altro non è che questo: una lunga, efficace e dolorosa dissertazione sul male, sulla morte, sulla disumanità e, di conseguenza, sui suoi opposti, la vita e l'umanità.

venerdì 28 febbraio 2020
Simone Porrovecchio
La Rivista del Cinematografo

È stato girato nel corso di tre anni, senza sceneggiatura e con attori non professionisti. Alla fine ci si chiede se DAU. Natasha non sia il vero scandalo di questa Berlinale. Il film del regista russo Iljá Chrschanowski, realizzato con la collega Jekaterina Oertel, è stato preceduto da gossip ed eccitazione. C'è una scena in DAU: Natasha in cui a una donna nuda e legata viene inserito un oggetto [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Aldo Spiniello
Sentieri Selvaggi

DAU. Titolo in codice di un progetto sperimentale o acronimo di un altro terribile servizio segreto? Nei fatti, si tratta delle ultime tre lettere del cognome del fisico sovietico Lev Landau, premio Nobel nel 1962 e morto nel 1968 per le conseguenze di un incidente stradale. Ilya Khrzhanovskiy parte dall'idea di un biopic sullo scienziato. Ma poi cominciato a coltivare ben altra ambizione, il sogno [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Gherardo Ugolini
Close-up

Scene di vita quotidiana nell'inferno dell'Unione Sovietica al tempo del comunismo staliniano. È questo lo sfondo storico-sociale rievocato da DAU.Natasha di Ilya Khrzhanovskiy, film passato in concorso alla Berlinale, con contorno di polemiche e scandali (è stato censurato in Russia per alcune scene che «propagano pornografia»). La vita quotidiano che vi viene raccontata è per la precisione quella [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Eddie Bertozzi
Film TV

Natasha fa la cameriera in un istituto di ricerca segreto in URSS. Discute e litiga di vita e d'amore con una collega, diventa l'amante di uno scienziato straniero, viene brutalmente interrogata da un agente dei servizi segreti. La prima scheggia ad emergere dall'universo DAU, mostruosa simulazione su grande scala del totalitarismo sovietico, è un tuffo alla cieca negli abissi dell'umano, fra gli oscuri [...] Vai alla recensione »

giovedì 27 febbraio 2020
Raffaele Meale
Quinlan

Natasha e Olga lavorano nella mensa di un istituto di ricerca sovietico segreto. Questo è il cuore pulsante dell'universo DAU, tutti entrano qui: impiegati dell'istituto, scienziati e ospiti stranieri, come Luc Bigé. Natasha inizia una relazione con lui, ma non prima che lei e Olga parlino a lungo dell'amore, il che li mette a dura prova. Nella sua vasca da bagno e durante i giochi di bevute gioviali, [...] Vai alla recensione »

mercoledì 26 febbraio 2020
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Natasha lavora come cameriera all'Istituto di Ricerca del Soviet. Trascorre il tempo picchiandosi con la collega, mangiando, bevendo, facendo sesso pericolosamente con stranieri e rischia di essere incarcerata. Segmento di un progetto più ambizioso e interminabile, questo film di circa due ore e mezza è un autentico festival gratuito della violenza, claustrofobico e insostenibile, che manifesta un [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
venerdì 6 agosto 2021
 

Una donna si trova a dover affrontare la polizia sovietica. Vai all'articolo »

BERLINALE
giovedì 27 febbraio 2020
Giancarlo Zappoli

Un progetto fortemente voluto dai realizzatori. In Concorso alla Berlinale 2020. Vai all'articolo »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2022 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati