Il buco

Film 2019 | Horror, Fantascienza 94 min.

Titolo originaleEl Hoyo
Titolo internazionaleThe Platform
Anno2019
GenereHorror, Fantascienza
ProduzioneSpagna
Durata94 minuti
Regia diGalder Gaztelu-Urrutia
AttoriEmilio Buale, Zorion Eguileor, Eric Goode, Alexandra Masangkay, Ivan Massagué Antonia San Juan.
TagDa vedere 2019
MYmonetro 3,53 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Galder Gaztelu-Urrutia. Un film Da vedere 2019 con Emilio Buale, Zorion Eguileor, Eric Goode, Alexandra Masangkay, Ivan Massagué. Cast completo Titolo originale: El Hoyo. Titolo internazionale: The Platform. Genere Horror, Fantascienza - Spagna, 2019, durata 94 minuti. - MYmonetro 3,53 su 15 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Il buco tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

In un futuro distopico gli uomini sono costretti alla prigionia ed alla fame. Il film ha ottenuto 3 candidature e vinto un premio ai Goya,

Consigliato sì!
3,53/5
MYMOVIES N.D.
CRITICA 3,27
PUBBLICO 3,78
CONSIGLIATO SÌ
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Un futuro spaventoso.
a cura della redazione
mercoledì 6 novembre 2019
a cura della redazione
mercoledì 6 novembre 2019

In una futura distopia, i prigionieri alloggiati in celle accatastate verticalmente guardano affamati mentre il cibo scende dall'alto, alimentando i livelli superiori, ma lasciando quelli sotto famelici.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
venerdì 27 marzo 2020
FB

Si chiama solidarietà spontanea, il meccanismo che dovrebbe sottostare e rendere possibile la convivenza nella Fossa, per il quale basterebbe consumare la razione di cibo corrispondente al proprio fabbisogno, in altri termini razionalizzare il cibo, per far sì che tutti gli abitanti del palazzo abbiano la possibilità di sopravvivere. Questo, almeno, negli schemi dell’amministrazione; la realtà è che [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 maggio 2020
Felicity

Invettiva sulla disuguaglianza e l’egoismo umano travestita da thriller sci-fi, il concept stesso alla base di questo film low budget è una grande metafora della scarsità di risorse e della guerra di classe. Si tratta di un modo particolarmente ispirato e di genere per entrare nel vivo della politica di classe e di come nascano risentimenti tra i diversi strati della società [...] Vai alla recensione »

venerdì 3 aprile 2020
Mongo95

Nel variegato panorama contemporaneo del cinema impegnato di denuncia sociale (da Parasite a Joker), la pellicola di Gaztelu-Urrutia offre spunti di riflessione inediti, interpretazioni di una prospettiva di svolta religiosa alle storture della civiltà capitalista. Il contesto è il classico, indeterminato presente distopico, rappresentato dal microcosmo della Fossa, prigione anonima [...] Vai alla recensione »

sabato 27 giugno 2020
Daniele Fanin

In una distopia senza tempo e senza luogo, come senza tempo e luogo e’ la ferinita’ umana verso i propri simili, una torre con centinaia di piani viene adibita a prigione, dove si finisce per punizione o, in qualche caso, per scelta, come accade al protagonista Goreng ed all’ex-amministratrice Imoguiri.La struttura, definita un centro di autogestione verticale, consiste di una cella per piano, il primo [...] Vai alla recensione »

domenica 19 aprile 2020
Onufrio

Un messaggio critico e severo alla nostra società, accecata dalla brama di potere. Un viaggio all'interno dei gironi infernali alla ricerca di una salvezza, un messaggio di speranza che vada oltre le angustie e le cattiverie subite e commesse dal genere umano. Un Horror claustrofobico, forte e al tempo stesso riflessivo. Una spruzzata di novità nel panorama cinematografico attuale. [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 aprile 2020
no_data

Il primo titolo che mi è venuto alla mente mentre guardavo questo film cercando di comprenderne il significato è stato ''Circle'' di Haaron Ann e Mario Miscione. Non per la trama o l'ambientazione completamente diverse, ma perchè tentano di rappresentare il comportamento dell'uomo messo in situazioni estreme di vita o di morte. Le scelte che il personaggio compie sono ogni volta per il suo bene o per [...] Vai alla recensione »

venerdì 24 aprile 2020
no_data

Il primo titolo che mi è venuto alla mente mentre guardavo questo film cercando di comprenderne il significato è stato ''Circle'' di Haaron Ann e Mario Miscione. Non per la trama o l'ambientazione completamente diverse, ma perchè tentano di rappresentare il comportamento dell'uomo messo in situazioni estreme di vita o di morte.

Frasi
Se tutti mangiassero solo quello di cui hanno bisogno, il cibo arriverebbe anche a quelli più in basso.
Una frase di Imoguiri (Antonia San Juan)
dal film Il buco - a cura di Marco Polimene
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
sabato 30 novembre 2019
Enrico Azzano
Quinlan

Un giorno Goreng si sveglia, con il futuro collega Trimagasi, al trentatreesimo piano di una prigione, attraversata da una piattaforma discendente che trasporta i resti dei pasti dei detenuti dei piani superiori. Trimagasi conosce le regole di questo luogo misterioso: due persone per piano e un numero sconosciuto di reclusi. Se sali di piano sopravvivi, ma se pensi troppo scenderai di nuovo.

venerdì 10 aprile 2020
Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Il quarantenne Goreng (Ivan Massagué) si sveglia al trentatreesimo piano di una prigione brutale e brutalista, Il Buco, attraversata da una Piattaforma discendente che trasporta un lauto banchetto destinato a consumarsi progressivamente. Due detenuti per cella che cambiano livello ogni mese con assoluta casualità, i residenti ai piani superiori gozzovigliano, quelli ai piani inferiori trovano solo [...] Vai alla recensione »

mercoledì 8 aprile 2020
Simone Martinelli
Nocturno

La fantascienza sarà sempre il genere migliore per mandare un messaggio chiaro e fortemente politico allo spettatore. Lo sanno bene Bong Joon-ho e Vincenzo Natali, che con i loro Snowpiercer e The Cube, hanno avuto il coraggio di mettere in scena uno spettacolo avvincente, ma sempre più attuale. Un mezzo di cui si servivano anche John Carpenter e David Cronenberg, ma è anche vero che, con il passare [...] Vai alla recensione »

domenica 5 aprile 2020
Fabio Ferzetti
L'Espresso

«Ci sono solo tre tipi di persone. Quelli di sopra. Quelli di sotto. E quelli che cadono». Nel film più sorprendente (e inquietante) reperibile su Netflix, tutto è oscuro e insieme perfettamente chiaro anche se nulla ha un perché. Nel breve prologo, le sole immagini luminose del film, uno chef si aggira tra pietanze sontuose in una grande cucina. Il resto è tenebra, privazione e sopraffazione.

venerdì 3 aprile 2020
David Ehrlich
IndieWire

Il buco non è un film sottile, ma siamo in tempi poco adatti alle raffinatezze e forse la cosa più allarmante di questa cupa allegoria spagnola sulla verticalità del capitalismo è che quasi non sembra un'allegoria. Da qualche parte, in un futuro molto prossimo, centinaia di persone sono recluse in una sorta di carcere verticale che ha più piani di quanti i detenuti possano immaginare.

venerdì 3 aprile 2020
Katia Dell'Eva
Cineforum

Che "sotto il sole" ci sia ben poco di nuovo, lo dimostra il fatto che, nel tentativo di descrivere in concetti lapidari Il buco, vengano in mente due locuzioni latine tra le più note e trite: "Homo homini lupus" (letteralmente, l'uomo è lupo per l'uomo), da Plauto a Hobbes sintesi di come l'essere umano sia fondamentalmente egoista, mosso quasi esclusivamente dall'istinto di sopravvivenza e dall'interesse [...] Vai alla recensione »

martedì 31 marzo 2020
Giulio Sangiorgio
Film TV

Le regole del gioco? Un grattacielo di 200 piani. Due persone per piano. Ogni mese, al risveglio, un cambio di livello. Casuale: non c'è merito che tenga. C'è però una piattaforma che, attraverso il buco intorno a cui è costruito ogni piano, scende dall'alto del cielo, il livello 0, sino agli inferi, con una tavola imbandita che viene via via depredata dagli ospiti, dall'1 al 200 e oltre.

lunedì 30 marzo 2020
Jasmine Luna Laudato
Cinemonitor.it

"Il buco", film spagnolo distribuito da Netflix, fa sfoggio di scene di forte impatto, destinate a suscitare disgusto nello spettatore, tale da non renderlo adatto a tutti. L'ambientazione del film diretto da Galder Gaztelu-Urrutia è tutta nella "fossa", luogo di reclusione verticale, composto da numerosi livelli, ognuno dei quali con due "ospiti". Le motivazioni che costringono i personaggi a rimanere [...] Vai alla recensione »

lunedì 30 marzo 2020
Valerio Sammarco
La Rivista del Cinematografo

Il risveglio di Goreng non è dei migliori. Su una branda in una cella e in coabitazione con un anziano a dir poco ambiguo. Un piccolo lavabo e un minuscolo gabinetto l'unico arredamento presente. A dividere i due prigionieri, al centro della stanza, un enorme buco. È l'incipit di El hoyo (Il buco, appunto), opera prima dello spagnolo Galder Gaztelu-Urrutia, a metà strada tra l'horror e la fantascienza [...] Vai alla recensione »

sabato 21 marzo 2020
Serena Nannelli
Il Giornale

E' uscito sulla piattaforma Netflix un film, "Il Buco" (titolo originale "The Platform"), un'opera illuminante nella sua universalità ma che può essere troppo disturbante da vedere in un periodo come questo. Goreng (Ivan Massagué) si sveglia in un luogo che somiglia a un carcere verticale, in cui ogni piano è costituito da una cella abitata da due persone.

lunedì 2 dicembre 2019
Davide Di Giorgio
Duels.it

La dimensione è quella del film-performance, basato su un assunto tanto semplice quanto potente: ci sono due persone rinchiuse in un'avveniristica prigione a cerchi, una struttura che discende sempre più nella terra. Il cibo invece è trasportato a intervalli regolari da una piattaforma che procede dall'alto verso il basso. Naturalmente chi sta più in alto ha maggiore possibilità di sfamarsi rispetto [...] Vai alla recensione »

giovedì 28 novembre 2019
Davide Turrini
Il Fatto Quotidiano

Lustratevi gli occhi. In Concorso al 37esimo Torino Film Festival arriva il film che fa saltare il banco. S'intitola El Hoyo/The platform ed è un horror sci-fi opera prima dello spagnolo Galder Gatzelo-Urrubia, finito già sul listino Netflix. Uno di quei film che dopo averlo visto avrete un po' meno voglia di abbuffarvi di cibo e, si spera, di solidarizzare un po' di più con chi ha meno possibilità [...] Vai alla recensione »

mercoledì 27 novembre 2019
Adriano De Grandis
Il Gazzettino

Un uomo si sveglia chiuso dentro una costruzione verticale, con un baratro nel mezzo e un numero enorme di piani. Un uomo gli spiega che dovrà nutrirsi, attraverso una tavola imbandita-ascensore, con quello che resta man mano dai piani superiori; e così faranno anche quelli che sono rinchiusi più sotto. Un horror claustro-metaforico che richiama "The cube", sostituendo il fascino e il mistero con la [...] Vai alla recensione »

NEWS
NETFLIX
lunedì 6 aprile 2020
 

Regia di Galder Gaztelu-Urrutia. Un film con Emilio Buale, Zorion Eguileor, Eric Goode, Alexandra Masangkay, Ivan Massagué. Ora disponibile su Netflix.  Guarda il trailer »

winner
migliori eff. speciali
Goya
2020
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati