The Neon Demon

Film 2016 | Horror V.M. 14 110 min.

Titolo originaleThe Neon Demon
Anno2016
GenereHorror
ProduzioneUSA, Francia, Danimarca
Durata110 minuti
Regia diNicolas Winding Refn
AttoriElle Fanning, Karl Glusman, Jena Malone, Bella Heathcote, Abbey Lee, Christina Hendricks Keanu Reeves, Desmond Harrington, Alessandro Nivola, Jamie Clayton, Charles Baker, Cameron Brinkman, Taylor Marie Hill, Chris Muto.
Uscitamercoledì 8 giugno 2016
DistribuzioneKoch Media
RatingConsigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14
MYmonetro 2,43 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Nicolas Winding Refn. Un film con Elle Fanning, Karl Glusman, Jena Malone, Bella Heathcote, Abbey Lee, Christina Hendricks. Cast completo Titolo originale: The Neon Demon. Genere Horror - USA, Francia, Danimarca, 2016, durata 110 minuti. Uscita cinema mercoledì 8 giugno 2016 distribuito da Koch Media. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: V.M. 14 - MYmonetro 2,43 su 32 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi The Neon Demon tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Dal regista di Drive e Solo Dio perdona, un film originale che unisce il dramma all'horror. In Italia al Box Office The Neon Demon ha incassato 115 mila euro .

The Neon Demon è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,43/5
MYMOVIES 2,00
CRITICA 2,33
PUBBLICO 2,96
CONSIGLIATO NÌ
Attraverso un'estetica da video-installazione, Refn gira un film sulla bellezza rimanendone però talmente ammaliato da annegarci dentro.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 20 maggio 2016
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 20 maggio 2016

Jesse è una sedicenne che dalla Georgia raggiunge Los Angeles per tentare la carriera di modella. La sua bellezza e la sua innocenza si fanno immediatamente notare suscitando l'attenzione di colleghe ben più navigate (Gigi e Sarah) le quali si avvalgono di Ruby, una truccatrice che le si presenta come amica, per attrarla in un gioco che per lei si farà sempre più pericoloso.
Capita a volte che dinanzi a registi che tornano periodicamente ad affrontare i temi che stanno loro più a cuore ci si trovi a chiedersi se non sarebbe giunto per loro il momento di cambiare registro. Questo non è sicuramente un rimprovero che si possa rivolgere a NWR (come ora ama presentarsi sullo schermo il regista con una grafica che ricorda quella di Yves Saint Laurent). Refn è colui che si era costruito una fama come narratore di storie dure e violente che avevano come protagonisti uomini la cui esistenza veniva portata a confrontarsi con un mondo in cui la redenzione totale era impossibile. Lo troviamo ora intento a sperimentare la strada dell'horror cercando, come afferma, di girare un "horror senza horror". Così come dichiara di essere sempre stato attratto dall'idea di fare un film sulla bellezza.
Il problema nasce dal fatto che ora quel film lo ha girato ma ne è stato così ammaliato dal finire (novello Narciso) con l'annegarci dentro. Perché l'estetica da video installazione che ne permea quasi ogni inquadratura a partire dalla prima gli impedisce di accorgersi che sta solo assemblando modalità di sguardo che altri in precedenza avevano elaborato con ben altro spessore e profondità. Tanto per non fare nomi è sufficiente citare Brian De Palma e David Lynch come tracce visive ricorrenti. Ciò che però maggiormente infastidisce non è tanto la ricerca di un estetismo e di simbolismi spesso fini a se stessi quanto piuttosto la misoginia che sottende l'intero evolversi della vicenda che (va sottolineato) Refn ha girato in ordine cronologico, concedendosi quindi la possibilità di apportare quotidiane variazioni alla sceneggiatura. In questo sta la possibilità di salvezza per Mary Laws e Polly Stenham che quella sceneggiatura l'hanno scritta con lui. Perché altrimenti resterebbe la domanda su come due donne abbiano potuto concepire una storia così profondamente innervata da una disaffezione così profonda nei confronti delle appartenenti al proprio sesso.
Se gli uomini dei primi film non si vedevano concedere la possibilità di una redenzione, qui si è dinanzi a una negatività priva di qualsiasi complessità tanto che la strega di Biancaneve, che chiedeva allo specchio chi fosse la più bella del reame, farebbe, nei confronti di Ruby, Gigi e Sarah, la figura della dilettante sprovveduta. La stessa Jesse finisce con il farsi attrarre da un mondo che NWR descrive come demoniaco ma che gli ha offerto (si leggano in proposito i titoli di coda) la più ampia collaborazione. Misteri del marketing.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
THE NEON DEMON
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99 €16,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
giovedì 9 giugno 2016
no_data

Per alcuni aspetti The Neon Demon rimanda a Fear X ma è sul piano meramente qualitativo che il nuovo film di Refn appare un passo indietro, specie se si prende in considerazione quale sia l'equilibrio perfetto tra immagine/scrittura e la capacità di eludere ogni prevedibilità attraverso scarti narrativi che si apprezzano in Bronson, Drive e in Only God Forgives.

giovedì 9 giugno 2016
iCardi22

Parto con una premessa: ma chi ci hanno mandato a Cannes a fare i giudici?  Refn è sicuramente conosciuto per la sua principale caratteristica di dividere il pubblico, come da lui stesso affermato se non riuscisse in questo vorrebbe dire che il film non è riuscito. Secondo il mio modesto parere, il cinema deve suscitare emozioni, e se questo film lo si valuta sotto questo punto [...] Vai alla recensione »

martedì 14 giugno 2016
marzo1995

Il film è molto lento, sicuramente non adatto al grande pubblico, proprio a causa del suo più grande pregio: l'ossessiva ricerca in ogni inquadratura di esprimere la Bellezza. Quasi tutti i fotogrammi del film potrebbero essere esposti in mostre fotografiche, grazie a un superbo lavoro del regista (e proprio per questo le inquadrature durano svariati secondi, per permettere di cogliere la bellezza [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 giugno 2016
khaleb83

Refn è un provocatore, e per questo attira critiche e controversie come pochi. Ma prima che un provocatore è un regista, e quindi bisogna parlare dei suoi film per valutarli, non di quel che vi aleggia attorno. Tanto per cominciare classificare The Neon Demon come un film dell'orrore è a dir poco sbagliato, per quanto la pellicola giochi molto con le atmosfere che ne sono [...] Vai alla recensione »

venerdì 10 giugno 2016
alberto.bellini

"Morte a Videodrome. Gloria e vita alla nuova carne". La storica citazione del capolavoro firmato David Cronenberg, non è poi così errata e fuori dal proprio contesto, quanto lo farebbe pensare l'opera in questione e, sopratutto la mente dietro al tutto. Tra tossicodipendenti, guerrieri irascibili, stuntman innamorati, poliziotti in pensione - dalle metodiche discutibili [...] Vai alla recensione »

sabato 25 marzo 2017
andrej

Thriller-horror discontinuo, ibrido e frastornante, il film parte discretamente ma dopo la prima ora si fa sempre piu’ confuso e bizzarro, passando da minuti di pura noia (come nella lunghissima, per nulla bella e totalmente superflua scena della sfilata, durante poco meno di 5 minuti e che si sarebbe potuta tranquillamente tagliare per intero, con gran beneficio della pellicola) a bruschi cambiamenti [...] Vai alla recensione »

lunedì 3 ottobre 2016
gianleo67

Appena arrivata a Los Angeles per intraprendere la carriera di modella, la giovane Jesse viene ingaggiata da un famoso guru della moda, entrando nelle mire di tre inquietanti colleghe morbosamente attratte dall'ideale di candore e di bellezza che la ragazza sembra incarnare.  Oggetto un pò misterioso di una disinvolta ambizione festivaliera, questa ennesima riproposizione del [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 giugno 2016
biso 93

N.W REFN si dimostra un autore molto interessante, continuando quel tipo di cinema che aveva proposto con Solo Dio Perdona. Dove pero' quest'ultimo peccava di una trama eccessivamente banale, composta di messaggi e contesti difficili da interpretare e soprattutto cogliere, The Neon Demon invece trasmette i suoi concetti in modo diretto e arrogante, sfruttando a pieno le immagini ultra ricercate, [...] Vai alla recensione »

giovedì 15 settembre 2016
Sickboy

L'eterea Jesse è una giovanissima ragazza con il sogno della moda. A tale scopo, si reca a Los Angeles e riesce a farsi reclutare da un magnate del settore. Sotto la guida dell'ambigua truccatrice Ruby, fra luci psichedeliche, flash e set fotografici, la ragazza scoprirà a sue spese quali famelici demoni accende la sua diafana bellezza e la sua virginea innocenza.

venerdì 15 luglio 2016
Francesco2

 Jesse è come il protagonista di "Drive": è eterea, seppure in un senso completamente diverso;  Al tassista del film citato, probabilmente, nessuno avrebbe voluto assomigliare. E' solo, ai  margini, tanto che alla fine sceglie la strada -anche letteralmente, forse- di un "non eroe "solo. ,  Jesse, invece, è un 'eroina, [...] Vai alla recensione »

giovedì 23 giugno 2016
Stefano Pariani

Ci aveva stupiti con “Bronson” (2008), che lanciò il talento di Tom Hardy, e folgorati con “Drive” (2011), indimenticabile l’interpretazione di Ryan Gosling. Nicolas Winding Refn lo abbiamo atteso per le prove successive con aspettative alte e giustamente motivate ed è arrivato “Solo Dio perdona” (2013), deludendo tuttavia i più. Confuso, ambizioso, autocompiaciuto.

lunedì 13 giugno 2016
Flyanto

Ogni qual volta che esce nelle sale cinematografiche un'opera di Nicolas Winding Refn si solleva subito un gran parlare o, comunque, della polemica per l'originalità e la spregiudicatezza del suo modo di fare cinema. E puntualmente così è avvenuto quest'anno  all'ultimo Festival del Cinema a Cannes con la presentazione del suo ultimo film "The Neon [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 giugno 2016
Giulio N.

"La bellezza è tutto" ecco la frase, che nel film viene pronunciata dallo stilista, nella quale si potrebbe riassumere il film del regista danese Nicolas Winding Refn. Questa affermazione potrebbe avere una doppia valenza. Nella prima sicuramente ci fa pensare alla nostra seducente protagonista, una giovane sedicenne orfana di nome Jesse che decide di trasferirsi a Los Angeles per conquistare le passerelle [...] Vai alla recensione »

giovedì 29 giugno 2017
Pietro Viola

Senza la Bellezza, scriveva Dostoevskij, l'umanità è perduta. Ciò che sgomenta maggiormente di questo film algido, perfetto nelle forme, ammaliante e repellente ad un tempo, è la precisione con cui racconta la più grande tragedia della contemporaneità: la perdita della capacità di tollerare la bellezza, la spinta consumistica ad appropriarsene, a [...] Vai alla recensione »

mercoledì 15 giugno 2016
no_data

Solo merito per quei registi che li riconosci ad ogni singolo fotogramma, che sono rassicuranti tanto quanto prevedibili. Si chiama Stile, dicono. E la versione degenerata dello stile si chiama Marchio, dico. NFR, piazzato sotto al titolo The Neon Demon (lo si cita solo per completezza d’informazione), dà lo stesso esito degli abiti esposti nella vetrina di un negozio: sai già che quello che vedi è [...] Vai alla recensione »

martedì 14 giugno 2016
elpiezo

Visionario e conturbante, si narrano le traversie di una giovane modella alle prese con le attenzioni e le invidie del seducente mondo della moda. Una pellicola dalla patina cupa e surreale, una storia torbida che si perde nell'ossessiva ricerca della percezione estetica, un insieme di sequenze controverse che si smarriscono in un vortice di sottogeneri stroncati sul nascere da un ritmo così tedioso [...] Vai alla recensione »

giovedì 9 giugno 2016
anamorfo

Condivido il giudizio, pessimo, sul film. Non condivido lo stupore per tanta condivisa misoginia e non mi illudo affatto che le sceneggiatrici, perché donne, non ne siano colpevoli. Anzi. Lo stesso mi sembra ingenuo lo stupore per il marketing sotteso. Il modo della moda vive di negatività e ne fa uso da sempre. Il film da questo punto di vista è del tutto COMPLICE di quanto vorrebbe [...] Vai alla recensione »

martedì 14 giugno 2016
a r i e s s n a c

 Non mi sono informato particolarmente su questa pellicola e come amante di refn avevo paura di restare deluso, cosa che non è successa.questo film segna un'ulteriore evoluzione di refn che si è ispirato ad Argento, Lynch, Brian de Palma per dare la sua personale idea del mondo della moda attraverso immagini simboliche, disturbanti ma al tempo stesso di una bellezza unica

martedì 14 giugno 2016
Light2342

Refn provoca, divide il pubblico (che poi è il suo obiettivo). Il film riesce, impossibile staccare gli occhi dallo schermo, delle immagini meravigliose. Semplicemente bellissimo.

venerdì 3 febbraio 2017
ruttoman

Tempo perso in tutto e per tutto,sto film non vale manco la pellicola su cui e' stato impresso,una noia mortale una trama che manco il gabibbo poteva scriverla,insomma il nulla assoluto!!!

venerdì 2 dicembre 2016
dian71cinema

SCRIVO QUESTA OPINIONE UN PO' A FATICA.. E ONESTAMENTE A DISTANZA DI QUASI UN MESE DALLA VISIONE.. IL FILM NEL COMPLESSO E' "TECNICAMENTE" BELLO.. LE ATMOSFERE AMBIENTALI.. LA FOTOGRAFIA.. COLONNE SONORE E SAPIENTE USO DEL CONTRASTO DI LUCI MISTO A CAPACITA' NELL'USO DELLA TELECAMERA.. BELLISSIME DONNE (CAPACI ANCHE DI MOSTRARE SUFFICIENTI ORE A CORSI DI RECITAZIONE.

domenica 30 ottobre 2016
cucuman

una cagata pazzesca, ah, però, chiedo scuna alle cagate (----------------------------------- *)

martedì 12 settembre 2017
Andrea Zaratti

Volevo leggere la trama, invece ho letto una recensione / giudizio scusatemi ma potreste fare distinzioni tra Recenzioni e Trame  perche altrimenti si finisce col essere tuttuno....

sabato 19 novembre 2016
Kyotrix

Film visionaro artistico, orrendo per la maggior parte della gente, guardatelo solo se vi piace il genere.

domenica 23 ottobre 2016
Super2davide

Bel film diretto magistralmente da Refn.

domenica 23 ottobre 2016
Super2davide

Ottimo film, bravi attori, bella fotografia e magnifici costumi.

mercoledì 27 luglio 2016
ralphscott

Non ricordo di aver mai visto nulla del genere,nel Genere. Esteticamente quest'opera è di valore assoluto,laddove immagini e musica sono di abbacinante accuratezza,onanistica ricerca del bello. A restare due passi indietro è,quasi inevitabilmente,il coinvolgimento. Il film è freddo e distante,poco commestibile,ma resta un opera d'arte per forme,colori,luci ed ombre. [...] Vai alla recensione »

FOCUS
FOCUS
domenica 12 giugno 2016
Roy Menarini

Tra cinema e moda i frequenti rapporti sono giustificati non solo dalla condivisione di uno spirito rappresentativo e trasformativo nei confronti della società e dell'individuo, ma anche dalla similitudine delle due industrie creative. Esse - legate anche da una storia di resistenze da parte delle élite culturali rispetto al loro statuto artistico - trovano nell'innovazione culturale e nell'ispirazione sulle identità un ruolo fondamentale, nel Novecento e ancora oggi.

The Neon Demon è un film sulla moda? Difficile dirlo. Certamente è ambientato nel mondo delle modelle e della fotografia di moda di Los Angeles, e dunque - che Nicolas Winding Refn lo voglia o meno - dobbiamo osservare il suo film anche da questo punto di vista.

La moda del resto trova nel cinema, e oggi sempre di più, un repertorio impareggiabile di ispirazione. Basti pensare al mondo di Wes Anderson, cineasta che meglio di tutti sembra declinare in questi anni una relazione densa e produttiva con le fashion house e con la storia della moda e del design. Interessa forse di più a Refn quel rapporto tra icona, corpo e abito, capace di trascinare con sé forme carismatiche di estetica cinematografica. Dal ricorso al modello neorealista per le campagne "siciliane" di Dolce & Gabbana alle collezioni di Jean Paul Gaultier, Valentino e Alexander McQueen ispirate a Il cigno nero di Darren Aronofsky (il film contro cui The Neon Demon sembra ingaggiare una propria lotta personale), fino a quelle di Thom Browne chiaramente influenzate dalla saga di Hunger Games, gli ultimi anni hanno visto moltiplicarsi le occorrenze - e non parliamo ovviamente di tutta la produzione "a margine", più o meno direttamente gestita dalle case cinematografiche: t-shirt, accessori, gadget, abiti per bambini e così via, legata per lo più ai blockbuster.

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Epifenomeno della purezza fìsica tra le armi letali del professionismo delle top model e dell'entourage pompato di agenti e fotografi, l'innocente sedicenne Jesse (una Fanning-Alice) si lascia conquistare dal potere che un perverso senso della perfezione le riconosce e desidera vampirizzare. Atmosfera lugubre, battute sentenziose tra il sublime e la stupidaggine, e il morboso amore narcisista di NWR [...] Vai alla recensione »

Alessandra Levantesi
La Stampa

Spaccato del mondo privo di anima della moda, ritratto di una società ossessionata dal culto della bellezza, The Neon Demon di Nicolas W. Refn dovrebbe esprimere sdegno morale; e, del resto, immaginare la Los Angeles della fashion come un microcosmo popolato di vampiri e cannibali rappresenta una condanna in sè. In realtà il film non sferra l'emozionale pugno allo stomaco che vorrebbe, e tuttavia come [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

A Cannes l'hanno fischiato. Male, malissimo. Perché il regista danese Nicolas Winding Refn, un rebus già nel nome, ha fatto un capolavoro. Di umorismo, purtroppo per lui involontario. A Los Angeles una slavata sedicenne vuole diventare top model. Finisce al laccio di una truccatrice lesbica, che, respinta, si consola all'obitorio a cavalcioni di una defunta.

NEWS
GALLERY
sabato 21 maggio 2016
 

Si avvia alla conclusione il Festival di Cannes, che ieri ha visto sfilare sul Montée des Marches due registi molto attesi che però non si sono rivelati all'altezza delle aspettative della critica. Il danese Nicolas Winding Refn (Drive, Solo Dio perdona) [...]

CANNES FILM FESTIVAL
venerdì 20 maggio 2016
 

L'accoglienza all'atteso The Neon Demon di Nicolas Winding Refn è stata quasi horror. Buuu, fischi, e forti proteste e quasi nessun applauso. Ma lui replica in conferenza stampa: ''mi interessa il processo creativo più che il risultato.

POSTER
venerdì 13 maggio 2016
 

Diretto dal danese Nicolas Winding Refn, The Neon Demon è un horror che ha come protagoniste un gruppo di giovani modelle ossessionate dal culto della bellezza. Al cinema dal prossimo 8 giugno, The Neon Demon sarà presentato in Concorso al Festival [...]

TRAILER
venerdì 15 aprile 2016
 

Un gruppo di supermodelle arriva a mezzi estremi per mantenere il proprio aspetto esteriore, ovvero vudu e cannibalismo. In particolare, la storia segue le vicende di una modella che si trasferisce a Los Angeles, dove la sua giovinezza e vitalità vengono [...]

CANNES FILM FESTIVAL
giovedì 14 aprile 2016
 

È stata annunciata oggi la selezione di film che parteciperanno alla 69esima edizione del Festival di Cannes (11-22 maggio). Ad affiancare il già annunciato Café Society di Woody Allen (in apertura fuori concorso) ci saranno altri tre titoli americani: [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati