Truth - Il prezzo della verità

Acquista su Ibs.it   Soundtrack Truth - Il prezzo della verità   Dvd Truth - Il prezzo della verità   Blu-Ray Truth - Il prezzo della verità  
Un film di James Vanderbilt. Con Cate Blanchett, Robert Redford, Elisabeth Moss, Topher Grace, Dennis Quaid.
continua»
Titolo originale Truth. Biografico, Ratings: Kids+13, durata 121 min. - USA, Australia 2015. - Lucky Red uscita giovedì 17 marzo 2016. MYMONETRO Truth - Il prezzo della verità * * * - - valutazione media: 3,15 su 22 recensioni di critica, pubblico e dizionari. Acquista »
   
   
   
samanta lunedì 24 settembre 2018
il prezzo dell'ipocrisia Valutazione 2 stelle su cinque
83%
No
17%

Il film è del 2015 e si riferisce ad una vicenda del 1968, con cui  cerca di mascherare una fake news come un'eroica azione giornalistica la quale è nient'altro che il metodo tipico del c.d. politically correct.
La trama rispecchia un fatto reale, una équipe della CBS (Trasmissione "60 Minutes")  nel settembre 2004 in piena campagna elettorale presidenziale Bush- Kerry ripesca un fatto risalente al 1968, l'autrice dello scoop è Mary Maps (Cate Blanchett) l'anchor man della trasmissione è Dan Rather (Robert Redford) famoso giornalista. Secondo questa notizia Bush si sarebbe fatto raccomandare nella Guardia Nazionale Aerea per evitare il Vietnam e venne arruolato come aspirante pilota per 6 anni, inoltre per una anno nel 1973 di fatto non avrebbe fatto nulla dedicandosi ai suoi affari con la complicità dei superiori, il che sarebbe provato da alcune lettere. [+]

[+] lascia un commento a samanta »
d'accordo?
elgatoloco sabato 22 settembre 2018
francamente marginale Valutazione 0 stelle su cinque
0%
No
0%

"Truth"(2015, di James Vanderbilt, regia, come anche soggetto e sceneggiatura)si incentra sulla volontà della CBS di dimostrare che l'allora(10 anni prima, 2005) presidente USA  George BUSH non era stato in Vietnam ma nella"Guardia Nazionale"per "scampare"alla guerra. Ora, francamente , si tratta di un episodio che interessa al massimo gli States, non tutto il mondo; è la solita morale"WASP"vigente negli States per cui la cosa più grave è la menzogna: nobile, ma spesso inconcludente, comunque una questione che non interessa tutto il mondo, a dire la(mi scuso per il gioco di parole, su"Truth")verità. [+]

[+] lascia un commento a elgatoloco »
d'accordo?
onufrio giovedì 20 aprile 2017
la verità ti fa male, lo so Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
100%

A pochi mesi dalle elezioni americane che vede impegnato il Presidente in carica Bush a riconfermarsi al potere degli Stati Uniti d'America, il network televisivo CBS manda in onda una sorta di documentario investigativo sulle origini militari di Bush ai tempi della guerra in Vietnam. Il servizio, che suscita scalpore, è meticolosamente curato dalla giornalista Mary Mapes (C.Blanchett) in collaborazione con un gruppo affiatato di colleghi fra cui spicca il veterano Dan Rather (R.Redford) storico conduttore del programma. Allo scalpore iniziale susseguono polemiche sull'autenticità di alcune fonti, inizia così una complessa battaglia linguistica e legale che porterà i conti da pagare per un salato "prezzo della verità". [+]

[+] lascia un commento a onufrio »
d'accordo?
bertold sabato 27 agosto 2016
informazione e libertà Valutazione 3 stelle su cinque
100%
No
0%

C’è un filone del cinema americano che potremmo definire “catartico”. Vengono sul grande schermo con indulgente ammiccante censura i vizi e difetti culturali, politici e sociali della Grande Nazione. I grandi valori fondanti della società si incarnano nel cittadino qualunque, che da solo od in piccola compagnia si contrappone al Golia del Potere, o peggio ancora dei Poteri Forti tra loro complici e connessi. Per decenni queste vicende cinematografiche si concludevano in una sorta di logica inversa rispetto alla realtà quotidiana e Davide sconfiggeva Golia o, ad andar male, ne usciva con l’onore delle armi.Nel tempo non è stato più così. Senza volere assolutizzare, un momento determinante è stata certamente la vicenda della guerra in Vietnam. [+]

[+] lascia un commento a bertold »
d'accordo?
pier delmonte martedì 12 luglio 2016
genere giornalistico? allora io mi guardo moore Valutazione 1 stelle su cinque
20%
No
80%

Mi sembra che negli anni di questa storia esce Fahrenheit di Moore, insomma Moore non e’ proprio un caro amico di Bush, e allora questa storia della cbs non mi ha entusiasmato, il film lungo tra un bicchiere e un volo convince poco. Noiosi pure i protagonisti.

[+] lascia un commento a pier delmonte »
d'accordo?
liuk! mercoledì 25 maggio 2016
this is usa Valutazione 4 stelle su cinque
100%
No
0%

Un bellissimo film, non c'è dubbio. Un pezzo di giornalismo messo a tacere dai poteri politici, un intero staff di professionisti castigato da Bush viene qui riabilitato facendo riflettere gli spettatori su quanto incida la politica sulla "verità". Purtroppo non è così solo negli Stati Uniti e noi lo sappiamo bene. La Blanchett è come sempre strepitosa, forse la miglior attrice in circolazione, ma tutto il cast è degno di nota, anche quel vecchio lupo di mare di Robert Redford che proprio non ne vuol sapere di andare in pensione. Pellicola da non perdere.

[+] lascia un commento a liuk! »
d'accordo?
alex2044 giovedì 31 marzo 2016
tutto è probabile , ma qualche certezza no ? Valutazione 2 stelle su cinque
100%
No
0%

Mi aspettavo di più . Non si può dire che il film sia brutto ma non decolla mai , insomma manca totalmente di pathos . Anche gli attori hanno fatto di meglio . Cate Blanchett spesso prima brava e poi bella , qui è prima bella poi bravina  . Robert Redford fa Robert Redford . Forse l'età non l'aiuta e lui alla fine ci mostra soltanto l'ottima persona che è nella vita reale . Il film poi è un elenco di probabilità . L'inchiesta di cui tratta è condotta con molto coraggio e partecipazione ma anche con qualche eccessiva approssimazione . Ed anche se uno è portato a credere che l'assunto che viene proposto , che Bush abbia fatto il furbo , sia plausibile o perfino certo , il film fa molto poco per confermarlo nella sua opinione . [+]

[+] lascia un commento a alex2044 »
d'accordo?
catcarlo giovedì 31 marzo 2016
la verità, forse Valutazione 3 stelle su cinque
67%
No
33%

Nell’anno dell’Oscar a ‘Il caso Spotlight’ esce l’opera prima di James Vanderbilt che, ‘dramma redazionale’ come il film di Tom McCarthy, è forse meno interessante dal punto di vista cinematografico, ma intriga in misura probabilmente maggiore lasciando lo spettatore a chiedersi dove stia sul serio quella verità che la intitola in originale. Vanderbilt preferisce andare sul sicuro e mette per immagini, oltre che scriverla, una sceneggiatura che rispetta i canoni del genere, ma che procede con il giusto ritmo per tenere avvinta l’attenzione lungo quasi tutte le due ore di durata, appesantendosi di qualche ripetizione solo nel segmento finale. [+]

[+] lascia un commento a catcarlo »
d'accordo?
vincenzo ambriola sabato 26 marzo 2016
il destino di chi comanda Valutazione 3 stelle su cinque
0%
No
100%

Nel 2004 una giornalista della CBS (Mary Mapes) organizza una squadra per scoprire la verità su un episodio del giovane G. W. Bush, a quel tempo presidente degli Stati Uniti. Dan Rather le da fiducia e mette in onda una puntata di "60 minuti" in cui ricostruisce la vicenda, basata in gran parte su copie di vecchi documenti. Anziché essere il grande scoop è solo l'inizio di un inarrestabile processo mediatico sulla veridicità delle accuse al presidente, che si concluderà con l'addio al giornalismo di Dan Rather e al licenziamento di Mary Mapes. Film discontinuo, oscillante tra il giornalismo militante, alla ricerca di fonti attendibili, di incastri tra avvenimenti e documenti, sempre in volo da una parte all'altra della nazione, e la vita privata di una giornalista con i suoi problemi familiari, più o meno risolti. [+]

[+] lascia un commento a vincenzo ambriola »
d'accordo?
nanni giovedì 24 marzo 2016
truth, il prezzo della verità Valutazione 3 stelle su cinque
60%
No
40%

OGGI. Siamo in piena corsa per le presidenziali americane dell'8 novembre prossimo. Solo pochi mesi fa Jeb Bush, (fratello di George), era il candidato di punta dei Repubblicani. IERI. "Truth, il prezzo della verità ci narra come durante le presidenziali del 2004 la redazione di 60 minutes rivelò al paese che l'allora candidato George Bush, poi presidente degli Stati Uniti d'America, grazie a solidissime raccomandazioni, all'età di 20 anni imboscandosi nella Guardia nazionale dell'Aeronautica evitò di finire a fare la guerra vera in Vietnam. Il lavoro della redazione fu allora messo sotto la lente d'ingrandimento da una commissione che valutò inaccettabile lo stile deontologico dei giornalisti e sanzionandolo con l'oblio dall'etere divenne metafora rivelatrice di tutte le differenze tra le due anime più significative del paese in lotta per la giuda della nazione più potente del pianeta. [+]

[+] lascia un commento a nanni »
d'accordo?
pagina: 1 2 »
Truth - Il prezzo della verità | Indice

Recensioni & Opinionisti Articoli & News Multimedia Shop & Showtime
MYmovies
Paola Casella
Pubblico (per gradimento)
  1° | samanta
  2° | nanni
  3° | giulio vivoli
  4° | gaiart
  5° | bertold
  6° | catcarlo
  7° | elgatoloco
  8° | rongiu
  9° | onufrio
10° | lbavassano
11° | flyanto
12° | vincenzo ambriola
Immagini
1 | 2 | 3 | 4 | 5 |
Link esterni
Sito ufficiale
prossimamente al cinema Film al cinema Novità in dvd Film in tv
Altri film » Altri film » Altri film » Altri film »
home | cinema | database | film | uscite | dvd | tv | box office | prossimamente | colonne sonore | Accedi | trailer | TROVASTREAMING |
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies® // Mo-Net All rights reserved. P.IVA: 05056400483 - Licenza Siae n. 2792/I/2742 - credits | contatti | redazione@mymovies.it
Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso
pubblicità