Dark Places - Nei luoghi oscuri

Film 2015 | Thriller +13 113 min.

Regia di Gilles Paquet-Brenner. Un film con Charlize Theron, Nicholas Hoult, Christina Hendricks, Chloë Grace Moretz, Tye Sheridan. Cast completo Titolo originale: Dark Places. Genere Thriller - Francia, 2015, durata 113 minuti. Uscita cinema giovedì 22 ottobre 2015 distribuito da M2 Pictures. Consigli per la visione di bambini e ragazzi: +13 - MYmonetro 2,69 su 17 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Dark Places - Nei luoghi oscuri tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Libby sopravvive al massacro della sua famiglia e testimonia contro l'assassino, suo fratello. 25 anni dopo un gruppo ossessionato dalla risoluzione di casi famosi, si confronta con la donna sul crimine. In Italia al Box Office Dark Places - Nei luoghi oscuri ha incassato 126 mila euro .

Dark Places - Nei luoghi oscuri è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD e Blu-Ray su IBS.it. Compralo subito

Consigliato nì!
2,69/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,25
PUBBLICO 2,83
CONSIGLIATO NÌ
Un road movie quasi videoludico in cui ogni schema ha una caratterizzazione e un mostro non da combattere ma da accettare.
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 21 ottobre 2015
Recensione di Gabriele Niola
mercoledì 21 ottobre 2015

La famiglia Day è stata massacrata ormai molti anni fa. Per quel crimine la sorella più piccola è stata il testimone fondamentale utile a condannare il fratello maggiore. Dopo diversi decenni la non più piccola Libby è una donna mai realizzata, che per molto tempo ha vissuto con i soldi che elemosinava al paese, chiedendo pubblicamente donazioni in quanto "orfana", e che ormai stanno finendo. Un gruppo di appassionati di casi di cronaca irrisolti la contatta e si offre di corrisponderle un compenso per sottoporsi ad alcune domande. La cattiveria con cui si ritrova accusata da loro di aver incastrato il fratello smuove qualcosa nel suo animo cinico e lentamente la porta a voler approfondire cosa accade, sempre più consapevole di aver accusato qualcuno senza realmente essersi resa conto degli eventi.
Dark Places in nessun momento cerca di mascherare la sua provenienza letteraria (il libro "Nei luoghi oscuri" di Gillian Flyn, stessa autrice di "L'amore bugiardo" da cui è stato tratto Gone Girl). Il film si dipana con il medesimo passo di un romanzo, raccontando in parallelo la storia che si svolge nel presente e quella che si svolge nel passato, lasciando così che ci siano due centri emotivi, quello dell'intreccio di ieri e quello dell'intreccio di oggi. È sempre chiaro che dal primo deriva il secondo ma anche che quell'evento sanguinoso che ha cambiato tutto è solo un pretesto, utile ad indagare i movimenti di questi personaggi e soprattutto a stupire. La soluzione, le motivazioni e la maniera in cui si arriverà a scoprire cosa sia successo giocano infatti in un terreno che sta tra Cormac McCarthy e l'ingiustizia dei fratelli Coen. Eppure Gilles Paquet-Brenner sceglie di non somigliare a nessuno.
Al regista francese, nel momento di mettere in film e quindi comprimere questa trama, non è interessato l'elemento prettamente narrativo, sbrigato con diligenza ma senza particolare impegno. La storia è chiara e ben esposta, perché lo spazio che Paquet-Brenner ha ritagliato per sè è quello realmente filmico, quello delle immagini. Se Dark Places fosse solo composto dal racconto degli eventi saremmo di fronte ad un adattamento di pregevole fattura e ad un buon thriller, per fortuna Paquet-Brenner cerca di andare oltre e mentre il passato sbriga le incombenze più pressanti (raccontare i perché e i per come), il presente annega il volto della vera protagonista in un mare di disperazione.
Non sarà mai l'esito della ricerca della protagonista il vero apice emotivo della storia. Quello lo scopriamo nei flashback e ci viene mostrato e raccontato con dovizia di dettagli. L'apice semmai sta nella maniera in cui dentro Charlize Theron, sempre in jeans e cappello da baseball, si fa strada la consapevolezza di aver intrapreso un percorso di purificazione che fa rima con abisso. Più scende in basso nella scoperta di tutto ciò che aveva nascosto a se stessa più non può smettere. È la forza di volontà di una persona nel proseguire in un martirio di scoperte il centro reale attorno a cui ruota il film.
Non è certo la prima volta che assistiamo ad una presa di coscienza da parte di personaggi che indagano il proprio torbido passato. Eppure, la maniera in cui Dark Places si muove in ambienti malsani e nella morbosità generale (elemento dato per acquisito che mai viene messo in dubbio eppure è sempre presente) coglie lo stesso la forza del cinema. Il racconto per immagini di come Libby Day un giorno decise che sarebbe uscita dalla sua disperazione scoprendo le verità sulla tragedia che colpì la sua famiglia, è un'odissea di posti infernali, un road movie quasi videoludico in cui ogni schema ha una caratterizzazione e un mostro non da combattere ma da accettare. Di passaggio in passaggio, di incontro in incontro Libby si avvicina alla verità ma non ci interessa (tanto ci sono i flashback a mostrarcela), quello che ci interessa sempre di più è come quel volto arrabiato che Charlize Theron sfoggia dalla prima inquadratura sia costretto a resistere alla sua apocalisse personale e Dark Places, quest'inferno ha realmente capito come dipingerlo.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Sopravvissuta alla strage della sua famiglia - per la quale è stato condannato, grazie alla sua testimonianza, il fratello maggiore, all'epoca ragazzino e da anni chiuso nel braccio della morte - Libby, tosta e fragilissima, cattiva per forza, vive alla giornata, sfruttando la tragedia del passato per la sopravvivenza economica. Fino a quando si fa mettere in mezzo da un gruppo di sostenitori dell'innocenza del fratello che, a suon di bigliettoni, la convincono a incontrarlo. Il castello di sicurezze che ha creato crolla rapidamente e Libby fa i conti col passato. Dal libro di Gillian Flynn (2009), il francese Paquet-Brenner cava un avvincente psico-thriller che è anche uno sguardo - non approfondito ma efficace - sulla grave crisi economica degli agricoltori nel Midwest di quegli anni, contesto rurale di profonda e gretta ignoranza, nel quale le sette di fanatici religiosi trovarono fertile terreno. Meno interessanti e meno ben definiti, quindi meno comprensibili, i rapporti psico-affettivi all'interno della famiglia, meglio descritti dalla Gillian.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO
DARK PLACES - NEI LUOGHI OSCURI
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
CHILI
-
-
iTunes
-
-
-
-

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 26 ottobre 2015
Ashtray_Bliss

Dark places-Nei luoghi oscuri e' un thriller solido e ben strutturato, e ancora una volta la pellicola deve ringraziare la letteratura, ma precisamente la penna di quella fantastica autrice, Flynn, che riesce a dipingere personaggi, situazioni, emozioni e luoghi in manera caparbia, complessa e per nulla scontata. Il regista francese fa bene dunque a prendere il soggetto principale del libro, snellirlo, [...] Vai alla recensione »

lunedì 26 ottobre 2015
Flaw54

Credevo di trovarmi in un film di stanisti e di violenza con sfumature horror e invece ecco un ottimo thriller sostenuto da una sceneggiatura  intelligente e da una perfetta recitazione. I drammi e le scelte interiori superano la tragicità del fatto e il personaggio  di Lybbi è reso perfettamente da una Charlize Theron androgina e problematica che come al solito non esita a [...] Vai alla recensione »

sabato 26 settembre 2015
Peer Gynt

Libby Day è una trentenne che non ha mai lavorato in vita sua, visto che è vissuta di rendita sulla tragedia che ha devastato la sua famiglia: quando aveva solo sette anni sua madre e le sue due sorelle sono state uccise. Della strage è stato considerato responsabile suo fratello Ben, che da allora è rinchiuso in carcere.

lunedì 22 gennaio 2018
elgatoloco

ln QUesto"Dark Places"di Gilles Paquet-Brenner(2015), evidentemente tratto da un testo letterario(di Gillian Flyn), è un film in qualche modo in bilico thriller"noir", il film drammatico e la documentazione sociologica, trattando di un ambiente familiare e sociale "degradato", per usare un eufemismo.Continuuamente in bilico tra presente e passato(ricostruzione del"p [...] Vai alla recensione »

mercoledì 23 novembre 2016
elgatoloco

Questo"Dark Places"di Gilles Paquet-Brenner è un film in qualche modo"sospeso", in quanto non si decide a imboccare una strada o l'altra; rimane quasi in una sorta di"limbo-angiporto"passando continuamente dal passato al presente e viceversa, mostra-non mostra, fa intuire ma poi quasi si ritira. Non è un giudizio particolarmente positivo, il mio, non [...] Vai alla recensione »

sabato 26 dicembre 2015
Pedu72

Come si può pensare di avere tra le mani un degno soggetto quando il nucleo principale della storia è palesemente assurdo se non ridicolo? Non si vuole togliere all'eventuale spettatore (vivamente consigliato di rivolgersi altrove...) il gusto della suspence (per così dire...) e quindi non andremo oltre nell'illustrazione della nostra tesi.

domenica 18 ottobre 2015
gianleo67

Contattata da una Associazione di investigatori dilettanti col pallino per i cold case, la giovane e inconcludente Libby Day dovrà disseppellire i dolorosi ricordi della sua infanzia ed aiutarli a scagionare il fratello, già condannato come unico responsabile del massacro della madre e delle sorelle e di cui lei è stata l'unica sopravvissuta.

mercoledì 1 febbraio 2017
toty bottalla

Libby è la superstite di un massacro familiare in cui crede, testimoniandolo, che il responsabile sia il fratello Ben per questo in prigione da 28 anni, alcuni investigatori appassionati aiuteranno Libby e Ben a far affiorare la verità...Produzione francese sorprendente per un thriller dalla storia intensa che prevede una visione attenta e impegnativa, un racconto mediante continui flashback [...] Vai alla recensione »

mercoledì 25 gennaio 2017
carrone

francamente ,mi aspettavo il classico film thriller americano tutto ritmo con continui colpi di scena.invece il risultato e un prodotto fiacco e noioso. charlize theron completamente fuori dalla parte con quel ridicolo berretto a visiera con annesso sguardo spiritato.dopo dieci minuti viene voglia di andare  a letto.cosa che ho fatto ......banale

domenica 25 ottobre 2015
davidino.k.b.

giallo che tiene fino alla fine. Bravi gli attori. Non eccezionale,.  ma pur sempre un buon thriller........

domenica 6 marzo 2016
Kyotrix

A me è piaciuto. Conitnuavo a farmi teorie su cosa fose accaduto, fino al finale. Consigliato ( ritmi lenti )

mercoledì 25 gennaio 2017
carrone

film mediocre senza ne capo ne coda,charlize theron fuori ruolo.viene voglia di spegnere il televisore e andare a dormire . cosa che ho fatto .....deludente

Frasi
"Mia madre mi ha permesso di avere una vita utile"
Libby Day (Charlize Theron)
dal film Dark Places - Nei luoghi oscuri
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Roberto Nepoti
La Repubblica

Adattamento di un romanzo di Gillian Flynn (Gone girl ), la prima produzione americana del francese Gilles Paquet-Brenner condivide le atmosfere e la struttura del film diretto da David Fincher: un'alternanza di presente e flashback alla ricerca di una verità nascosta. Quando aveva otto anni Libby Day ha visto massacrare sotto i suoi occhi la madre e le sorelle, nella cittadina rurale del Kansas dove [...] Vai alla recensione »

Alberto Crespi
L'Unità

Libby è l'unica sopravvissuta al massacro della sua famiglia: massacro del quale, grazie alla sua testimonianza, è stato incolpato il fratello. A distanza di anni, Libby si ritrova - anche per bisogno di denaro - a partecipare alle riunioni di un «Kill Club» morbosamente interessato alla sua vicenda. Thriller psicologico che indaga non tanto sui crimini, quanto sul fascino che i crimini più efferati [...] Vai alla recensione »

Maurizio Acerbi
Il Giornale

La piccola Libby è l'unica scampata ad un massacro domestico, per il quale è accusato suo fratello maggiore. Trent'anni dopo, la ritroviamo donna dura e solitaria, costretta a riaffrontare il passato quando uno strampalato club di appassionati di cronaca nera le offre dei soldi per dare un volto al vero killer. La povera Charlize Theron ce la mette tutta per star seria davanti agli improbabili personaggi [...] Vai alla recensione »

Silvio Danese
Quotidiano Nazionale

Thriller modello "la realtà non è quella che sembra", ma si tratta di realtà soggettiva, e Libby, la ragazzina che crede che il fratello, in carcere, decenni prima ha ucciso tutta la famiglia, da donna adulta, spiantata, è costretta a fare i conti con il passato, quando un curioso gruppo di analisi di fatti cruenti di cronaca le propone un'altra verità.

NEWS
LIBRI
martedì 20 ottobre 2015
 

Libby non è una ragazza di buon carattere, non lo è mai stata. C'è qualcosa di cinico e meschino in lei, una sorta di lato oscuro di cui lei stessa ammette l'esistenza e con cui è costretta a fare i conti.

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati