La Sapienza

Film 2014 | Drammatico, 105 min.

Regia di Eugène Green. Un film con Fabrizio Rongione, Christelle Prot, Ludovico Succio, Arianna Nastro, Hervé Compagne. Cast completo Genere Drammatico, - Francia, Italia, 2014, durata 105 minuti. Uscita cinema lunedì 24 novembre 2014 distribuito da La Sarraz Pictures. - MYmonetro 2,88 su 2 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi La Sapienza tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.



Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.


oppure

Accedi o registrati per aggiungere il film tra i tuoi preferiti.

Un architetto perso tra la passione artistica e i sentimenti.

Consigliato sì!
2,88/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA N.D.
PUBBLICO 1,75
CONSIGLIATO SÌ
Scheda Home
News
Critica
Premi
Cinema
Trailer in italiano

Impostazioni dei sottotitoli

Posticipa di 0.1s
Anticipa di 0.1s
Sposta verticalmente
Sposta orizzontalmente
Grandezza font
Colore del testo
Colore dello sfondo
0:00
/
0:00
Caricamento annuncio in corso
Il percorso della luce come cura delle paure dell'esistenza, guidato dall'architettura barocca.
Recensione di Emanuele Sacchi
domenica 10 agosto 2014
Recensione di Emanuele Sacchi
domenica 10 agosto 2014

Alexandre Schmidt è un architetto di fama internazionale, sfiduciato verso la sua professione e incapace di comunicare con la moglie e psicologa Aliénor. L'incontro a Stresa della coppia con i giovani Gerardo e Lavinia, fratello e sorella, porterà a un ripensamento delle loro vite e a una nuova iniezione di fiducia.
C'è ancora qualcuno che crede al potere salvifico o terapeutico del cinema, c'è ancora qualcuno che crede nel ruolo prioritario e pedagogico del cinema. Qualcuno come Eugène Green, che appartiene alla schiatta dei Rossellini e dei de Oliveira, che professa un cinema che non si vergogna della sua antistoricità, palesandone invece l'assoluta contemporaneità attraverso insegnamenti e suggerimenti ispirati che non conoscono età. O per meglio dire illuminazioni, visto il ruolo che la luce riveste nell'ultimo lavoro di Green, in cui è centrale quanto lo è nel cinema stesso.
La lezione può essere appresa dal maestro e insegnata dall'allievo, in un ribaltamento di ruoli degno di un dialogo socratico sulle mancanze del razionalismo esasperato e sull'imprevedibilità del talento, quando questo è guidato dalla spiritualità. Alexandre e Gerardo come Bernini e Borromini, depositari di stili architettonici antitetici come le loro interpretazioni dell'esistenza, protagonisti di un susseguirsi di opposti che genera la più insperata delle osmosi creative. Una lectio moralis che Eugène Green conduce ricorrendo alle tecniche care al suo cinema: piani fissi, gesti ieratici, primissimi piani con attori che parlano rivolgendosi alla camera, inquadrature pittoriche (tra cui spicca il trittico dei severi esaminatori del progetto di Alexandre).
Per poi lasciarsi andare all'esame accurato delle architetture del Borromini, alla sua ascesa inarrestabile verso l'assoluto, in cui trascinare lo spettatore più attento e complice dell'operazione in atto. Un percorso verso la sapienza, inesorabilmente e inevitabilmente guidato dall'amore, che restituisce speranza in un'idea di cinema che non teme l'anacronismo e che rivendica la sua atemporalità.

Sei d'accordo con Emanuele Sacchi?
a cura della redazione

Le riprese si terranno a Bissone, Stresa, Torino e Roma.

PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 13 agosto 2018
Fabio

Ci sono film che meritano di essere visti solo per un' inquadratura o una frase. Così sanno ripagare la pazienza che ti richiedono: chi ama il cinema lo sa' bene. Così questo film verrà facilmente dimenticato dai più; è comprensibile: si dimentica tutto. Personalmente ricorderò la scena del protagonista che traccia un parallelo tra le personalità [...] Vai alla recensione »

domenica 15 febbraio 2015
Alex2044

Non convenzionale ma probabilmente è un film da festival e da addetti ai lavori . Non condivido la scelta di non far recitare gli attori mi pare un inutile snobismo . La storia è poco coinvolgente tuttavia non mi sono annoiato ma l'entusiasmo è una altra cosa .

sabato 25 febbraio 2017
g_andrini

I primi piani sono molto particolari, con gli attori che sembrano a volte non recitare, ma è una scelta registica. Il film è parlato al 60% in francese però mi è risultato non noioso, si impara molto ascoltando altre lingue poco comprese.

giovedì 4 dicembre 2014
Giovanni Zen

Luoghi, architetture, colori veramente molto belli! Forse unica nota positiva di questo film. Recitazione oscena! (la porta di casa mia sarebbe riuscita a fare meglio). Primi piani senza alcun minimo senso. Movimenti e dialoghi innaturali e del tutto irrealistici. Ritmo lentissimo con silenzi ingiustificati. Ma la vera domanda è: come fa ad aver avuto 4 stelle! Siamo a livelli del recente Interstellar? [...] Vai alla recensione »

giovedì 4 dicembre 2014
Giovanni Zen

Architetture, colori, luoghi molto belli! Unica nota positiva di questo film. Ritmo lentissimo con silenzi interminabili e ingiustificati. Dialoghi poco naturali e recitazione pessima. Mi stupoisco delle 4 stelle. Fortemente sconsigliato

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2020 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati