Si alza il vento

Film 2013 | Animazione 126 min.

Regia di Hayao Miyazaki. Un film Da vedere 2013 con Hideaki Anno, Jun Kunimura, Mirai Shida, Shinobu Ohtake, Hidetoshi Nishijima. Cast completo Titolo originale: Kaze Tachinu. Genere Animazione - Giappone, 2013, durata 126 minuti. Uscita cinema sabato 13 settembre 2014 distribuito da Lucky Red. - MYmonetro 3,94 su 33 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Si alza il vento tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Un giovane ragazzo miope diventa uno dei migliori ingegneri aeronautici del mondo. Il film ha ottenuto 1 candidatura a Premi Oscar e 1 candidatura a Golden Globes. In Italia al Box Office Si alza il vento ha incassato 522 mila euro .

Consigliato assolutamente sì!
3,94/5
MYMOVIES 4,00
CRITICA 3,88
PUBBLICO 3,89
ASSOLUTAMENTE SÌ
Il film più personale del maestro mostra il personaggio maschile più bello della sua filmografia.
Recensione di Gabriele Niola
domenica 1 settembre 2013
Recensione di Gabriele Niola
domenica 1 settembre 2013

Jiro Horikoshi, si presenta al pubblico in sogno, a bordo di un aereo di fantasia in un idillio minacciato da un bombardiere, è un ragazzo con la passione degli aeroplani che nelle sue proiezioni oniriche incontra il proprio idolo, il conte Caproni, grande progettista italiano, a cui confida di voler diventare anch'egli progettista. Durante l'università assisterà al terribile terremoto del '22 e poi troverà lavoro alla Mitsubishi. Studiando la più avanzata tecnologia tedesca cercherà di mettere a punto qualcosa di ancora più innovativo, in grado non solo di colmare il gap che separa il Giappone dagli altri paesi ma anche di superarli. In questi viaggi incontrerà l'amore della sua vita, la donna che lo accompagnerà nel processo creativo.
Nonostante siano evidenti i temi che da sempre dominano il suo cinema è una trama insolita, impegnativa e coraggiosissima quella che Hayao Miyazaki imbastisce nel suo decimo lungometraggio, un biopic sul grande progettista di aerei che diede vita ai rivoluzionari modelli Mitsubishi A6M Zero, tristemente noti per essere stati utilizzati dai kamikaze durante la seconda guerra mondiale. Un film il cui linguaggio e la cui grammatica audiovisiva ricordano più la messa in scena dal vivo che quella animata.
Le contraddizioni non sono certo una novità nel cinema del regista che ha superato il concetto di buono e cattivo, che ama i motori ma è un fervente ecologista e che adora gli aerei da guerra pur inneggiando alla pace, ma stavolta le affronta di petto. The Wind Rises mostra che le contraddizioni non sono barriere ed è possibile al tempo stesso amare e odiare. La sua forza è farlo senza usare le parole ma con la forma di uno straordinario cartone di due ore, un film-fiume che racconta attraverso un uomo l'epica di una nazione e del suo spirito, la sua dignità, la sua etica del lavoro, in un tour de force che segna il ritorno del maestro a una produzione per nulla pigra o ripiegata sui soliti topoi, lontana dai grandi capolavori del passato e audace.
C'è un'evidente identificazione tra il progettista di aerei e il disegnatore, il creatore di macchine e il creatore di sogni, un binomio che in Miyazaki, figlio di un ingegnere aereo, è particolarmente forte (spesso nei suoi cartoni vediamo meccanismi o veicoli volanti da lui inventati) e che trova momenti di rara bellezza nel sogno di Jiro e del conte Caproni (avendo le stesse aspirazioni i due si incontrano sempre nei medesimi sogni) ma forse anche dell'autore, di poter camminare liberamente sugli aerei mentre sono in volo. Jiro Horikoshi, è probabilmente il miglior personaggio maschile mai scritto dal regista, e non a caso appare come un alter ego di Miyazaki (a doppiarlo in originale è Hideaki Anno, l'autore di Neon Genesis Evangelion), amante del volo ma schifato dalla guerra, sostenitore del fatto che gli aerei non debbano avere mitragliatrici ma autore dei modelli poi affidati ai kamikaze, un uomo che sogna un bombardiere caricato con famiglie invece che armi.
Eppure è quando nella seconda parte The Wind Rises scivola dolcemente nel melò che il maestro dà il meglio, con una storia d'amore lieve e commovente come suo solito ma anche più matura che in passato (per la prima volta si vede un bacio francese e addirittura si suggerisce un atto sessuale). Quando la linea sentimentale accelera, tutto il film sembra volare ancora più in alto, specie nella maniera in cui la realtà è trasfigurata dalle visioni di Jiro, l'espediente con il quale Miyazaki sceglie di raccontare il processo creativo attraverso il sogno, il crescere di un'idea alimentata dalla passione, un misto di abnegazione e fantasia, intuizione e fatica.
Miyazaki torna a descrivere le emozioni più elevate, a raccontare lo splendore di essere vivi in questo pianeta, unito all'esigenza di continuare a vivere nonostante tutto (alla fine in un trionfo di linguaggio filmico non ci sarà nemmeno bisogno di dirlo basterà l'alzarsi del vento a scatenare l'emozione nel pubblico), utilizzando uno stile che rifiuta il tratto grosso e si ostina a dimostrare come si possano toccare le corde più profonde e stimolare gli stordimenti emotivi più vertiginosi attraverso lo stile più delicato e sottile possibile.

Sei d'accordo con Gabriele Niola?

SI ALZA IL VENTO disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99 €12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
lunedì 15 settembre 2014
Ilaria Pasqua

Volerò lontana dalle polemiche che hanno girato intorno a questo film e lo vedrò solo con i miei occhi.   Questa è la storia di un sognatore. Un sognatore che farà di tutto per inseguire il suo sogno, lavorando duramente, senza nessun tentennamento, spinto solo dalla cieca passione. È un giovane brillante, è un visionario.

sabato 13 settembre 2014
laurence316

Sono passati 5 anni da Ponyo sulla scogliera, 5 anni in cui l'attesa per la nuova opera del Maestro è aumentata di mese in mese, finché alla Mostra del Cinema di Venezia dell'anno scorso non è arrivato addirittura l'annuncio del ritiro, cosa che fa di Si alza il vento una sorta di testamento artistico, l'ultima parola sulla settima arte, e sull'animazione in [...] Vai alla recensione »

martedì 16 settembre 2014
Cristina T. Chiochia

"L'arco di durata di una vita creativa è di un decennio" , così come un novello Virgilio , il personaggio disegnato italianissimo dell’Ingegner Caproni (personaggio realmente esistito) parla al protagonista ( anche lui realmente esistito )Hiro Horikoshi che diventerà Ingegnere , del colorato film di animazione Si alza il vento, tratto dal un fumetto giapponese [...] Vai alla recensione »

giovedì 31 luglio 2014
Paolo Salvaro

Ci sono registi destinati ad entrare nella leggenda.  Hayao Miyazaki è uno di questi.   La sua filmografia è di un livello talmente maestoso che qualunque regista, anche maestri come Fellini, Hitchcock e Bergman, potrebbe guardarla con un moto di invidia.   Fin dalla fine degli anni '70 con Lupin prima e Nausicaa poi,  il regista nipponico in tandem con il fido [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 settembre 2013
MiroForti

Cinque anni separano Ponyo sulla scogliera da The Wind Rises, e a ogni ritorno di Hayao Miyazaki ci sono immagini, colori e personaggi che ritornano alla mente, che emergono agli occhi di ognuno, e ognuno li ricorda con intima confidenza, gusta le emozioni che rappresentano. È questo un piacere che accompagna l’ultimissima attesa prima della nuova opera, e che ha accompagnato anche Kaze [...] Vai alla recensione »

lunedì 18 agosto 2014
juanmilanis12

Ennesimo capolavoro del maestro Miyazaki che con il suo ultimo film "Wind rises" incanta ancora una volta i suoi fan.Il film da un punto di vista tecnico è perfetto e nel suo aspetto scenografico è incastonato di perle di saggezza di grande effetto.E' la immortale storia d'amore tra l'ingegnere Jiro e Nahoko,i quali si sono conosciuti grazie a soffio di vento e del destino.

giovedì 18 settembre 2014
Paolo Bisi

Jiro Hirokoshi è un ragazzo giapponese con l'immensa passione per gli aeroplani: la sua speranza è quella di diventare pilota, ma una forte miopia glielo impedisce. Dopo aver consultato una rivista d'aviazione, gli appare ogni notte, nei suoi sogni, il conte Caproni, grande progettista italiano, il quale lo convince che progettare e disegnare aerei è ancora più emozionant [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 settembre 2014
veritasxxx

Le case distributrici non hanno perso l'occasione di speculare sull'ultimo film di Miyazaki, sapendo che i veri appassionati del maestro giapponese lo avrebbero visto per qualsiasi prezzo. E allora perchè non aumentare il biglietto a 10 euro senza sconti neanche per i neonati? Nonostante la vergognosa operazione commerciale ho accettato il ricatto e mi sono seduto in seconda fila visto che la sala [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 settembre 2014
Mcmurphy92

Kaze Tachinu  è un capolavoro immenso,con questa pellicola ha firmato la fine della sua strabiliante carriera cinematografica andondosene con uno dei suoi film  più  maturi e sensazionali della storia dell animmazione. Jiro Horikoshi  è il miglior personaggio maschile dell animazione di Miyazaki.,dotato di sentimenti purissimi e benevolenza per il prossimo,ogni [...] Vai alla recensione »

mercoledì 17 dicembre 2014
catcarlo

L’annuncio del ritiro dopo l’uscita de ‘La principessa Mononoke’ fu clamorosamente smentito da ‘La città incantata’, ma questa volta le parole di Miyazaki vanno con ogni verosimiglianza prese sul serio: la ferale notizia risulta infatti confermata dalla visione di quest’ultima opera che più di uno, a ragione, ha avvicinato a ‘8 ½’. [...] Vai alla recensione »

domenica 19 luglio 2015
M.Barenghi

Per fortuna ci sta ripensando, il grande Miyazaki, sull'intenzione di interrompere la carriera artistica con questo ultimo film, cje è in realtà un grande omaggio alla vita, al sogno, al volo (tema privilegiato dell'A.), all'amore, ed anche al nostro conte G.Caproni. Jiro Hirikoshi, che nella storia reale diventerà il progettista degli aerei Mitsubishi sui quali centinaia di giovani giapponesi troveranno [...] Vai alla recensione »

giovedì 14 maggio 2015
jackiechan90

Non si può vedere questo film né giudicarlo in quanto tale senza considerare il fatto che fin da subito, prima della sua uscita in sala, si sapeva che sarebbe stato l'ultimo film del Maestro dell'animazione giapponese, fattore che ha influenzato in maniera decisamente notevole la sua ricezione da parte del pubblico. C'è, dall'inizio alla fine della storia, un evidente [...] Vai alla recensione »

venerdì 13 marzo 2015
Sabrina Lanzillotti

 Ci troviamo nel Giappone del 1918 e Jirō Horikoshi, un ragazzino di provincia affetto da una grave miopia, sogna di diventare un progettista d’aerei come Giovanni Battista Caproni, il famoso ingegnere aeronautico italiano, con il quale il protagonista ha modo di confrontarsi durante i suoi sogni. Un giorno, nel ’22, mentre si trova su un treno diretto a Tokyo conosce Nahoko, [...] Vai alla recensione »

domenica 21 settembre 2014
KingLC

Mai così lento, mai così bello, mai così emozionante. Poche parole possono descrivere ciò che rappresenta questo film per un appassionato del Ghibli e del maestro Miyazaki. La trama non sto qui a raccontarla, non è quello il punto focale della mia recensione. Ma le emozioni...quelle sì.  Si alza il vento, non vi poteva essere miglior titolo per [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 settembre 2014
sonic123

Si alza il vento è la degna fine di una validissima carriera nel sengno dell'animazione 2D, Miyazaki condensa in un film che sa passare dall'ironico al romantico, dallo storico all'onirico, dalla storia del singolo alla storia della nazione, nonché del mondo! Miyazaki decide di affrontare l'ultima fatica abbandonando ogni forma di esseri magici, creature mitologiche e [...] Vai alla recensione »

domenica 14 settembre 2014
Bilo1983

Troppa gente che commenta che vede in Miyazaki un maestro dell'animazione(cio che è in realta),ma bisogna anche essere obbiettivi nel film in se e su quanto sia bello in realtà.Visivamente il film è splendido con animazioni splendide e scenari increbili che ti fanno volare con la fantasia,ma il film è lentissimo e senza anima,i personaggi alla fine sono in balia di [...] Vai alla recensione »

giovedì 18 settembre 2014
non-nobis-domine

Non mi è piaciuto. soprattutto per l'indulgenza con cui il buon vecchio Miyazaki (accanito fumatore, stando alle voci che girano) fa l'apologia del suo vizio.. in un film (anche) per bambini. A nessun altro ha dato fastidio la frequenza con cui si vedono scene in cui il protagonista fuma? Be' a me sì. E non si cerchi di spacciarla per "fedeltà storica".

martedì 3 settembre 2013
Peer Gynt

Incastonato fra due scene oniriche, l'ultimo Miyazaki racconta la vita di un ragazzo che, malgrado gli ostacoli che incontra, realizza il suo sogno di volare nel vento. Progetta aerei e si incontra nei vividi sogni che costellano il film con l'ingegnere italiano alla cui opera si ispira. E' un film raccontato con uno stile che ricorda le pellicole con attori, fatto di personaggi interiorizzati [...] Vai alla recensione »

giovedì 16 ottobre 2014
Flaviomarco

Ho letto nella biografia di Miyazaki che è figlio di un ingegnere che progettava aerei. Sembra quindi che questo film sia un riferimento autobiografico centrato sulla figura del padre. Per il resto, che dire? Disegni splendidi, maestosi, di livello artistico elevatissimo per realizzare un'autentica poesia narrativa. Il capolavoro del maestro dei capolavori.

martedì 16 settembre 2014
jacopo b98

È la storia della vita del celebre progettista di aerei Jirō Horikoshi, dall’infanzia in cui sognava di diventare progettista, alle sue prime invenzioni, alla vita privata, ai segreti sogni notturni, ai viaggi in giro per il mondo e alla costruzione di un aereo che in Guerra diventerà un celeberrimo strumento di morte. Quando Miyazaki ha presentato a Venezia 70 questo suo lavoro [...] Vai alla recensione »

sabato 13 settembre 2014
pressa catozzo

Che dire? Una poesia. Bello da sognare.

martedì 17 gennaio 2017
g_andrini

I colori sono sgargianti, frutto di ricercatezza. La storia in sé è un po' superata secondo i canoni moderni ma si lascia apprezzare.

venerdì 3 luglio 2015
zeruel97

Non può certo essere considerato un capolavoro come altri film dello stesso miyazaki (vedi il mio vicino totoro o la città incantata) ma sicuramente la giusta e probabile conclusione di carriera del re dell'animazione nipponica è ottima.  Miyazaki  porta sul grande schermo  la vita di un progettista giapponese di aerei da guerra diviso tra il lavoro frenetico [...] Vai alla recensione »

martedì 16 settembre 2014
laseomante

Ognuno di noi, a modo suo, sta cercando di volare Cambiano gli strumenti ma soprattutto le idee: ognuno cerca la sua rotta sopra le nuvole. Quando prendi il volo non sai se tornerai ma non per questo puoi rimanere fermo, scegliere di non partire. Jiro e Nahoko hanno volato e grazie a Miyazaki continueranno a farlo ancora, ogni volta che il vento si alzerà.

giovedì 25 dicembre 2014
Kyotrix

Questo film potrà essere anche una perla, ma durante la visione ho sbadigliato parecchio ( adoro tutti gli altri film di Miyazaki ). A differenza degli altri suoi film, sicuramente non avrò voglia di rivederlo in futuro.

lunedì 15 settembre 2014
movielena

Appassionata dei film d'animazione dello studio Ghibli e in particolare di quelli firmati dal maestro Miyazaki, sono andata al cinema convinta di non dovermi assolutamente perdere l'ultimo (purtroppo) film del grande regista giapponese... Ho ricevuto solo un'immensa delusione... Film molto noioso che si occupa poco dei personaggi e dei loro sentimenti, incentrato sull'ingegneria aerea [...] Vai alla recensione »

giovedì 25 settembre 2014
Kyototemple

Mi costa molto scrivere un commento negativo su un regista che amo e che ho amato in tutti i suoi film, ma in questa che è stata l'ultima (purtroppo) sua creazione mancava il miyazaki della città incantata e dei film storici. C'era troppo realismo e poca magia; mancava la strega delle lande, mancava Calcifer nelle vesti di fuoco, mancava totoro con il suo sorriso gigante nascosto [...] Vai alla recensione »

lunedì 15 settembre 2014
effepi

Pensare una storia di adulti e disegnarla non è un buon approccio per fare animazione. Manca tutto, dalla metafora, al nemico, al finale positivo. Sconsigliato.

Frasi
"Le vent se lève, il faut tenter de vivre"
Jirô Horikoshi (voce nella versione originale) (Hideaki Anno)
dal film Si alza il vento - a cura di Martina
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Luca Raffaelli
La Repubblica

I fan del maestro Hayao Miyazaki lo attendono da più di un anno, da quando, nel luglio dell'anno scorso, Si alza il vento uscì in Giappone sollevando entusiasmi ma anche critiche e polemiche. Domani è il grande giorno per gli appassionati del cinema di questo fuoriclasse dell'animazione: il suo - dichiarato - ultimo lungometraggio uscirà ma sarà nelle sale solamente per quattro giorni, fino a martedi [...] Vai alla recensione »

Cristina Piccino
Il Manifesto

Si alza il vento, col titolo che si ispira a una poesia di Paul Valèry - «Si alza il vento, dobbiamo vivere!» come si ripete spesso il protagonista - è permeato da un sentimento di dolorosa malinconia, vi soffia con dolcezza il sentimento della morte che fa parte della vita, dei sogni, degli amori, delle cose piccole e importanti che si intrecciano a quelle grandissime a volte fuori di noi.

Bernardino Marinoni
La Provincia di Como

Hayao Miyazaki, il maestro del cinema d'animazione giapponese, un anno fa aveva dichiarato che "Si alza il vento" sarebbe stato il suo ultimo film ed è di queste settimane l'indiscrezione che il leggendario Studio Ghiblj, di cui il regista è fondatore, potrebbe cessare l'attività produttiva. Dunque "Si alza il vento" va inteso come testamento artistico, forse addirittura di una scuola dell'animazione [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Dal racconto di Tatsuo Hori, dal manga dello stesso regista, Si alza il vento (Kaze Tachinu) è l'ultimo film di Hayao Miyazaki, il maestro nipponico dell'animazione. Conclude la carriera - bello se dovesse smentirci - con il suo film più cupo, dolente e ambiguo, che torna al sisma del Kanto del 1923 ed evoca crisi internazionale e il trauma di Fukushima: protagonista, il brillante ingegnere aeronautico [...] Vai alla recensione »

NEWS
NEWS
lunedì 2 settembre 2013
Annalice Furfari

The Wind Rises, presentato ieri in concorso al Festival di Venezia, sarà l'ultimo film diretto da Hayao Miyazaki. La notizia è piombata come un fulmine a ciel sereno su una Mostra in fibrillazione per il ritorno, dopo cinque anni di attesa, del maestro [...]

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati