Song 'e Napule

Film 2013 | Commedia 114 min.

Regia di Marco Manetti, Antonio Manetti. Un film Da vedere 2013 con Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Carlo Buccirosso. Cast completo Genere Commedia - Italia, 2013, durata 114 minuti. Uscita cinema giovedì 17 aprile 2014 distribuito da Microcinema. - MYmonetro 3,19 su 34 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Song 'e Napule tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Paco è un pianista disoccupato che diventa un agente della polizia e cerca di scoprire cosa si nasconde dietro a un gruppo neomelodico napoletano. Il film ha ottenuto 6 candidature e vinto 4 Nastri d'Argento, 3 candidature e vinto 2 David di Donatello. In Italia al Box Office Song 'e Napule ha incassato nelle prime 11 settimane di programmazione 635 mila euro e 90,2 mila euro nel primo weekend.

Song 'e Napule è disponibile a Noleggio e in Digital Download
su TROVA STREAMING e in DVD su IBS.it. Compralo subito

Consigliato sì!
3,19/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 3,10
PUBBLICO 3,46
CONSIGLIATO SÌ
Aggiornando il poliziesco all'attuale condizione socio-culturale e ammiccando al genere, Manetti firmano una sceneggiatura esilarante.
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 12 novembre 2013
Recensione di Marzia Gandolfi
martedì 12 novembre 2013

Paco Stillo è un pianista disoccupato che la madre ha raccomandato al Questore Vitali. Inabile ma arruolato, Paco viene assegnato alla scrivania e al deposito giudiziario. Scoperti per caso la sua attitudine alla musica e il suo talento per il pianoforte, Paco passa in prima linea partecipando suo malgrado a una delicata operazione di polizia finalizzata a catturare Ciro Serracane, temibile e temuto killer della camorra. Saputo del recente matrimonio della figlia del boss di Somma Vesuviana, a cui Serracane presenzierà, il commissario Cammarota ordina all'agente Stillo di infiltrarsi nel gruppo musicale di Lollo Love, celebre cantante neomelodico napoletano, assoldato dal boss per allietare le nozze della robusta sposa. Abbigliato come un coatto e costretto a suonare l'inascoltabile, Paco affronterà con poco entusiasmo ma grande professionalità entrambi i ruoli.
Ancora una volta lo spunto narrativo dei Manetti Bros è folgorante e prende corpo dall'esperienza dei propri attori. Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Paolo Sassanelli, Carlo Buccirosso e Peppe Servillo, installati nel cinema dei fratelli romani, ne incarnano l'essenza e la influenzano. Ma non si esauriscono nel cast i meriti di Song'e Napule, che umilia la camorra e ammira la polizia proprio come in un poliziottesco italiano degli anni Settanta. Del genere, che scalzò gli 'spaghetti western' e sbancò il botteghino condividendo la sala con la commediaccia erotica, Song'e Napule desume il commissario dal pugno di ferro, le figure caratteriali tipiche, la rappresentazione cupa degli ambienti criminali, l'esplosione improvvisa di una violenza cieca e sanguinaria, l'aspetto comico grottesco, l'accompagnamento musicale incalzante e l'immancabile inseguimento a bordo di un Alfa Romeo.
Ammiccando al genere i fratelli romani finiscono per praticarlo e praticare le sue dinamiche con ironia, la stessa con cui frequentano da anni la dimensione parallela del cinema, quella di efficaci pellicole di serie B con cui hanno saputo convogliare gli umori e la paura del Paese. Aggiornando il poliziesco all'attuale condizione socio-culturale, i Manetti firmano una sceneggiatura esilarante che precipitano in una Napoli governata dalla malavita, refrattaria alla raccolta differenziata e soggiogata dal neomelodico e dal suo (in)credibile rappresentante, Lollo Love. A interpretare alla perfezione l'idea del personaggio e la soluzione stilistica che sta dietro al personaggio è Giampaolo Morelli, autore pure del soggetto. Soggetto che insieme ai poliziotti affranca e riabilita i cantanti neomelodici napoletani, smentendo l'idea che dietro a questa 'industria del trash' ci sia la camorra. Lollo, come Nino D'Angelo o Gigi D'Alessio, sogna Sanremo e la scena nazionale ma un imprenditore famelico, che ne amministra le prestazioni, lo costringe dentro i confini della città. A mancargli forse è la presentabilità e l'aspirazione che gli fornirà l'agente diplomato al conservatorio di Alessandro Roja. Perché la neomelodia napoletana nella commedia poliziesca dei Manetti è "cosa sacra e seria da salvar" e con cui salvare un poliziotto infiltrato dal 'cuoricino d'oro'.
Esplorata senza (pre)giudizio, arrangiata dagli Avion Travel, eseguita a microfono da Morelli e sprofondata nella città del sole, che non smette di parlare di amore, qualche volta disperato qualche altra avverato, la canzone neomelodica contempla le lacrime e la realtà, abbandonandosi impudicamente alla nostalgia o al ricordo di un desiderio. Allo stesso modo il film dei Manetti recupera la flagranza del cinema artigianale, reclama un cinema della materia e divulga il genere, fregandosene delle griglie estetiche dominanti e approfondendo comportamenti collettivi (e localistici) che non ci pensano proprio a stare al loro posto, sognando una serata su Rai Uno. Concludendo, la polizia ringrazia e i neomelodici pure.

Sei d'accordo con Marzia Gandolfi?
SONG 'E NAPULE
in streaming
NOLEGGIA
streaming
ACQUISTA
download
SD HD SD HD
Rakuten tv
TIMVISION
-
-
-
CHILI
iTunes
-
-
-
-
Google Play

Anche su supporto fisico su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 4 maggio 2014
Ruger357MgM

A vedere i videoclip dei neo melodici,inneggianti ai "latitante" ,al " mio amico camorrista", sembra di vivere in una bolla,la bolla dei fiancheggiatori della malavita,che devasta e squalifica tutto il popolo partenopeo.Per fortuna ci sono i Manetti Brothers, con una cast di attori affiatato e capace,che surfando con leggerezza sullo squallore della realtà confezionano un prodotto "low cost" vivace [...] Vai alla recensione »

venerdì 29 maggio 2015
Beppe Baiocchi

Paco Stillo, poliziotto raccomandato (con rammarico), pianista da conservatorio, napoletano con genitori napoletani ma critico verso la città e la napoletanità in generale, verrà tolto dal suo lavoro di scrivania per scovare un violento e feroce latitante.Ciro Serracane, detto "o' fantasma" Per fare questo Paco dovrà infiltrarsi nel gruppo del neomelodico Lollo [...] Vai alla recensione »

sabato 19 aprile 2014
Melvin II

    “Song ‘E Napule” è un film dei Manetti Brothers, scritto da Michelangelo La Neve,Giampaolo Morelli, Manetti Bros, prodotto da Luciano Lea e Dania Martino per Devon Cinematografica con Rai cinema.Con Alessandro Roja, Giampaolo Morelli, Serena Rossi, Paolo Sassanelli, Peppe Servillo e Carlo Buccirosso. Il film è stato presentato lo scorso anno [...] Vai alla recensione »

domenica 11 maggio 2014
pepito1948

I fratelli Manetti compongono un personale mosaico della napoletanità, attingendo in parte al filone italo-poliziesco, ormai divenuto multietnico, in parte alla cinematografia ruspante ed asciutta di “Into Paradiso” e dintorni;  la risultante rivela forse una più contenuta tinta grottesca, una più marcata tendenza al rosso rispetto al rosa, ma resta il sapore speziato [...] Vai alla recensione »

martedì 11 luglio 2017
Portiere Volante

Ottimo prodotto dei Manetti Brothers. Il pezzo forte è Morelli nei panni di Lollo Love,cantante neomelodico che trascorre gran parte della giornata rispondendo alle sue numerose fans tramite cellulare,cantando serenate al chiaro di luna e mostrando tutto il suo talento a feste e matrimoni. Proprio per questa sua attività,si ritroverà invischiato in un'operazione di polizia [...] Vai alla recensione »

venerdì 9 maggio 2014
Flyanto

 Film interamente ambientato a Napoli dove un pianista regolarmente diplomato al Conservatorio, non riuscendo a trovare lavoro, viene assunto nel corpo di Polizia. Proprio per il fatto che egli sa ben leggere la musica viene dai suoi superiori incaricato di prendere parte ad un'operazione alquanto complessa e, forse, anche pericolosa al fine di arrestare un potente boss della camorra locale, [...] Vai alla recensione »

martedì 13 ottobre 2015
ale_coly

Un film che, per i parametri italiani, è davvero tanta roba. Recitazione ottima, regia ricercata e sceneggiatura interessante. La trama coinvolge dall'inizio alla fine ed è facile affezionarsi ai personaggi. Forse il finale è un po' troppo rocambolesco e romanzato, però non lede più di tanto una pellicola davvero ben riuscita.

lunedì 22 maggio 2017
Giorpost

Paco è un poliziotto in naftalina, di quelli che non hanno mai preso una pistola in mano e destinato alla carriera d'ufficio; inoltre è un napoletano atipico, poco incline al perseguimento delle tradizioni socio-culturali della sua città natale, introverso e dai gusti particolari. Un giorno gli viene assegnato un delicato compito: essendo diplomato al conservatorio (è [...] Vai alla recensione »

domenica 21 maggio 2017
florentin

Che palle però uno si dice questi film sulla...napoletanità bianca o nera che dir si voglia, da camorra (sempre coi RayBan e le Porsche-un guappo in Panda mai...anche se la Polizia con la Giulia Super...questa non l'ho capita), o da ragazzi per bene, che palle. Sono tragici, eccessivi, melodrammatici. L'amore, l'amore, l'amore.

mercoledì 25 novembre 2015
enzo70

I Manetti brothers si confermano autori intelligenti e coraggiosi, perché un film così spudoratamente sopra le righe e al tempo stesso così equilibrato è degno di nota. Paco Stillo è un ragazzo napoletano che di napoletano ha pochissimo, almeno secondo gli stereotipi, ama le regole, ha studiato al conservatorio, parla in napoletano. Lillo, cantante neolodico, e la sua band, invece, hanno tutte le caratteris [...] Vai alla recensione »

martedì 20 maggio 2014
pressa catozzo

Tra ottimo e capolavoro. Fotografia sanguigna, montaggio veloce musiche e quantaltro di alto livello. Solo Napule ce a po fa . Del crimine bestiale una parodia e Napoli non è una fogna ma una città con i suoi pro e i suoi contro. Il cinema e questi due fratelli hanno realizzato una opera denuncia che solo un attento spettatore senza pregiudizi ne apprezza le qualità.

lunedì 21 aprile 2014
Anto31

Vedendo stasera il film dei Manetti Bros mi sono molto divertita.Film coerente,senza stereotipi,intelligente.Bravissimi gli attori,bello il soggetto.Film nuovo,interessante,non volgare,non fintamente serioso.Direi in alcuni tratti anche commovente.Pensare che non stavo andando a vederlo.....Lo consiglio caldamente. A presto Antonella

venerdì 18 aprile 2014
Cinemalov22

Perfetto mix di azione e commedia, risate assicurate!

martedì 19 novembre 2013
EnzoDeFranchi

Ogni anno vado al festival del cinema di Roma sperando di vedere qualcosa di godibile. Quest'anno è successo. song e napule dei Manetti Bros è un capolavoro sotto tutti i punti di vista. la regia è eccelsa, la sceneggiatura incredibile, la recitazione fantastica e la colonna sonora bellissima. i personaggi riescono a coinvolgere lo spettatore, e l'idea di mescolare più [...] Vai alla recensione »

giovedì 1 maggio 2014
Dariogota

C'è poco da dire: sono felice. Felice che in Italia ci sia ancora la speranza di fare dei bei film. E Song e Napule lo è. Scritto e diretto egregiamente, e recitato altrettanto bene. Che felicità, davvero. Andate tutti a gustarvi le avventure di Paco e Lollo non ve ne pentirete.

sabato 22 marzo 2014
no_data

Visto alla mostra di Roma. Soggetto molto divertente e realizzato con stile e garbo. Ce ne fossero...

domenica 24 maggio 2015
davidino.k.b.

film leggero, che per aspetti ricora  commedia poliziesca stile anni 70

venerdì 2 maggio 2014
Drumtaps

...una sorpresa questo film dei fratelli Manetti che riescono a mantenere il filo del thriller ironico divertendo ed emozionando il pubblico.Bravi gli attori e discreta anche la fotografia.Si candida a essere uno dei migliori film italiani dell'anno.

martedì 29 aprile 2014
alfonso dangelo

che dire? mi incuriosiva, non mi piacciono i neo melodici, dopo aver visto il film almeno mi sono simpatici... recitato benissimo, bravi attori, splendido anche peppe servillo.

sabato 31 maggio 2014
Ando_89

Finalmente un bel film dei Manetti Bros! Divertente, coinvolgente e tecnicamente ammirabile. C'è anche spazio per la riflessione civico-sociale e l'omaggio ai polizieschi nostrani anni '70. Tarantino battuto sul tempo. 

lunedì 5 maggio 2014
Siebenzwerg

Ben fatto e soprattutto divertente, per me è una delle migliori commedie italiane di questi ultimi tempi. Una commedia poliziesca, dove si ride ed è presente anche la violenza vera della camorra, è insolita nel panorama del nostro cinema, semmai sembrerebbe un genere hollywwodiano. Eppure la trama, il ritmo e l'ambientazione risultano perfetti per una commedia "d'azione&quo [...] Vai alla recensione »

giovedì 12 novembre 2015
Portiere Volante

Un plauso ai tanti e bravi attori italiani che fanno parte di questo film. La commedia è discreta e ben girata,farcita di personaggi ai quali ci si affeziona facilmente, sopratutto ai due protagonisti. Non me ne voglia il buon Roja,comunque bravissimo, ma il buon Morelli ha proprio il faccione e le movenze del cantante napoletano neomelodico.

martedì 8 settembre 2015
Barolo

Originale film che riporta una Napoli attuale, anche se in versione grottesca.Mescolanza perfetta tra poliziesco, comico e satirico,il film è divertente e politicamente corretto.Parodia e giallo,bella fusion.

mercoledì 27 agosto 2014
Alda78

.

sabato 27 gennaio 2018
dario lodi

iL VOTO ALTO è SPIEGATO DALLA REGIA, PADRONA DELLA NARRAZIONE.. IL FILM HA UNA SCRITTURA VICINA ALLA PERFEZIONE. OTTIMI TUTTI GLI ATTORI. CHAPEAU!

venerdì 13 novembre 2015
giovanni.

Grande film ottimi attori, in particolare morelli è perfetto nel ruolo del neomelodico, c èl omaggio ai polizieschi anni settanta la parodia ai neomelodici il ritmo,bella la fotografia di Napoli

lunedì 5 maggio 2014
pier71

Sono anni ormai che I Manetti ci provano. Ci provano e ci riprovano in tutti i modi. Ma niente da fare, il talento resta sempre "in odore" e le loro pellicole sembrano sempre un esordio da dover perdonare qua e là. Basta Bros, smettete, fatelo per voi stessi!!!

mercoledì 23 aprile 2014
passito

forse il piu brutto film dell'anno

Frasi
occhi che non vede cuore che non sente
Marianna (Serena Rossi)
dal film Song 'e Napule - a cura di olimpia
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Valerio Caprara
Il Mattino

L'unico pericolo è che arrivino di corsa a spintonarsi sulla passerella i fan del giorno dopo. Magari pronti a schiacciare «Song 'e Napule» sotto il peso di letture altisonanti e salti tripli esegetici, dopo che ai film dei Manetti Bros avevano riservato in passato solo indifferenza, se non commiserazione. La commedia diretta da Marco e Antonio e scritta con Michelangelo La Neve partendo da un soggetto [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Spassosa, scoppiettante commedia alla napoletana degli spiritosi Manetti Bros. Il neo sbirro Paco, diplomato in pianoforte, s'infiltra come tastierista nella band del pop olare cantante melodico Lollo Love, reclutata da un camorrista per le nozze della figlia. E allora? Alla cerimonia dovrebbe esserci l'inafferrabile boss Ciro Serracane, detto o' Fantasma.

Paolo D'Agostini
La Repubblica

I Manetti Bros, Marco e Antonio, sembrano destinati a coronare con un successo finalmente rotondo - per il veramente godibile Song ' e Napule - una lunga militanza tra cinema popolare e di genere, risorse della tecnologia e relative economicità produttive, serialità, fumetto, musica (hanno realizzato molti videoclip). Una Napoli che non tace le sue magagne ma è osservata sotto una luce benevola, fa [...] Vai alla recensione »

Fabio Ferzetti
Il Messaggero

Un giovane pianista classico, disoccupato e raccomandato, che ama Rachmaninoff ma si adatta a fare il poliziotto (Alessandro Roja, perfetto nel ruolo dello sprovveduto perennemente stupefato). Un questore sempre pronto a tuonare contro i corrotti e a riverire i potenti (Carlo Buccirosso, la scena in cui esamina e strapazza il pianista raccomandato e pronto a farsi questurino è un monumento di bravura [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Diplomato in pianoforte e disoccupato, Paco (Roja) trova posto in polizia: impacciato, inesperto, finisce al deposito giudiziario, ma non per molto. Il commissario Cammarota (Paolo Sassanelli) bracca il camorrista O' Fantasma e Paco può tornare utile: dovrà infiltrarsi nel gruppo del neomelodico Lollo Love (Morelli) che si esibirà al matrimonio della figlia di un boss.

winner
miglior commedia
Nastri d'Argento
2014
winner
miglior attore non protag.
Nastri d'Argento
2014
winner
miglior colonna sonora
Nastri d'Argento
2014
winner
miglior canzone
Nastri d'Argento
2014
winner
miglior musicista
David di Donatello
2014
winner
miglior canzone
David di Donatello
2014
Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club  ver: au12.
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati