Itaker - Vietato agli Italiani

Film 2012 | Drammatico 98 min.

Regia di Toni Trupia. Un film con Francesco Scianna, Monica Barladeanu, Michele Placido, Tiziano Talarico, Nicola Nocella. Cast completo Genere Drammatico - Italia, 2012, durata 98 minuti. Uscita cinema giovedì 29 novembre 2012 distribuito da Cinecittà Luce. - MYmonetro 2,88 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi

Aggiungi Itaker - Vietato agli Italiani tra i tuoi film preferiti
Riceverai un avviso quando il film sarà disponibile nella tua città, disponibile in Streaming e Dvd oppure trasmesso in TV.




oppure

Germania industriale degli anni '60 e suoi lavoratori multietnici: gli italiani sono gli "Itaker" in tono dispregiativo. Pietro, un bambino rimasto orfano a seguito della morte della madre si ritrova in viaggio alla ricerca del padre mai consciuto Il film ha ottenuto 1 candidatura ai Nastri d'Argento.

Consigliato sì!
2,88/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,75
PUBBLICO N.D.
CONSIGLIATO SÌ
Gli immigrati italiani nella Germania degli anni '60 in un film ben curato che sente il bisogno di una spinta creativa in più.
Recensione di Simona Previti
venerdì 23 novembre 2012
Recensione di Simona Previti
venerdì 23 novembre 2012

Il film di Toni Trupia ci riporta indietro alla fredda Germania industriale degli anni '60, e ai suoi lavoratori multietnici: italiani soprattutto, "Itaker" in tono dispregiativo, turchi e altri disperati. La fotografia dai toni decolorati tinge l'ambiente dell'immigrazione di quei tempi, non molto distante da quella di oggi.
Protagonista Pietro, un bambino rimasto orfano a seguito della morte improvvisa della madre, che si ritrova in viaggio con uno sconosciuto di nome Benito. L'uomo ha promesso di riportarlo dal padre, mai visto prima, emigrato da anni in Germania. Scoprirà dopo poco che quella dell'uomo era solo una scusa per ottenere per sé un passaporto altrimenti impossibile da avere. L'uomo cercherà infatti di sbarazzarsi presto del fardello. Il bambino inizia a vivere nelle casupole di legno approntate per gli operai di fianco alla fabbrica vivendo assieme a loro emozioni, delusioni, lontananza dalla famiglia, disperazione, sfruttamento. A sfruttare la situazione di subordinati senza possibilità di fuga: un gruppo di parassiti guidati dal boss locale Pantanò (Placido), rigorosamente "itaker" anche lui, venditore di stoffe e di truffe. La figura materna di una donna, Doina, una rumena anche lei sfruttata dai malavitosi, e costretta ad essere l'entreneuse di Pantanò, porta a Pietro qualche sorriso e il calore e la parvenza di una famiglia condividendo con lui e con Benito scene da famiglia normale.
Il film risulta complessivamente molto ben curato, nella scelta delle inquadrature (soprattutto all'inizio) come nella scelta coloristica - i colori tetri e umidi dell'inizio nella campagna del Trentino, poi colori ancora più sbiaditi e grigi per i salti in flashback; tuttavia dopo un po' il ritmo comincia a rallentare, e alcune scene risultano poco riuscite. La storia è interessante, i protagonisti bravi (soprattutto il piccolo Pietro - Tiziano Talarico), ma si sente il bisogno di una spinta creativa in più. Il film potrebbe spingersi un po' oltre (non sembrano mancare le potenzialità registiche), e rinunciare al facile appeal del prodotto televisivo. Un po' più di cinema per il cinema, un po' meno di cinema pensato da subito per la tv.

Sei d'accordo con Simona Previti?

ITAKER - VIETATO AGLI ITALIANI disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€12,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
martedì 19 febbraio 2013
Paolo_89

Benito e Pietro sono due itaker, italianacci emigrati in Westfalia negli anni '60 del miracolo economico tedesco. Il primo è un ex galeotto, il secondo è un bambino di 9 anni che ha appena perso la madre. Sono partiti insieme per la Germania perchè devono ritrovare il padre di Pietro, emigrato molto tempo prima; ma questa storia sembra solo una scusa.

lunedì 3 dicembre 2012
Siebenzwerg

È una favola affascinante quella che ha come protagonista il bambino Pietro, montanaro, che resta senza la mamma e cerca il padre emigrato in Germania di cui non sa più nulla. Una favola che va presa così come tale. Incontra figure quasi felliniane di un mondo troppo adulto per lui con le quali ha intense relazioni. Il bimbo protagoista è delizioso.

domenica 16 dicembre 2012
lorenzo.muscoso

Itaker – una parola fatiscente, complessa, denigrante dalla dura pronunciabilità ma rappresentativa di un periodo della storia italiana, quello relativo ai cosiddetti “Italianacci” lavoratori immigrati in Germania. Se il cinema d’autore, attraverso le sue storie, si fa portatore di culture storiche e linguaggi, allora gli è dovuto l’affidamento [...] Vai alla recensione »

mercoledì 1 maggio 2013
Ergobbier

È evidente che le critiche sono scritte da parenti e amici prossimi dell'autore. Perché francamente mi sembra un film televisivo tipo "ragione e sentimento". Poi come si dice: ogni scarrafone...

STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Alessandra Levantesi
La Stampa

Itaker, «italianacci», è uno degli appellativi spregiativi con cui i tedeschi designavano i nostri connazionali negli anni in cui eravamo noi - proprio come gli extracomunitari oggi - a cercare fuori dai confini patri una possibilità di lavoro e sopravvivenza. In particolare il film diretto da Toni Trupia - e da lui scritto con un trio di collaboratori fra i quali Michele Placido (anche interprete) [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Un film che s'inserisce, a distanza, nella migliore tradizione del melodramma realista italiano. Nel 1962 Pietro, orfano di nove anni, parte per la Germania in cerca del padre emigrante. Lo accompagna un lestofante di mezza tacca, Benito Stigliano, che si finge amico del genitore per rimediare i soldi del viaggio. Inizialmente ostili l'uno all'altro, i membri della strana coppia finiranno per stabilire [...] Vai alla recensione »

Francesco Alò
Il Messaggero

Toni Trupia alza tiro e tono per l'opera seconda Itaker, termine dispregiativo usato dai tedeschi quando emigravamo dalle loro parti. Con L'uomo giusto Trupia raccontò un vecchio italiano raggirato da una giovane russa. Qui vediamo un giovane italiano (Francesco Scianna) alle prese con la Germania del 1962 e un bambino da riconsegnare al legittimo padre svanito nel nulla.

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

"Itaker" è un termine spregiativo, da potersi forse tradurre "italianacci", usato da certi tedeschi, dalla fine dei Cinquanta, per indicare gli emigranti italiani e non solo quelli ricompresi nella categoria dei cosidetti "magliari". (Si ricordi quel film di Francesco Rosi nel '59 che, intitolandosi così, dava ampio spazio ad Alberto Sordi per chiarirci temi e problemi a noi, in quegli anni, totalmente [...] Vai alla recensione »

Federico Pontiggia
Il Fatto Quotidiano

Il giovane regista siciliano Toni Trupia, alla prima prova nel cinema che conta: Itaker, dispregiativo tedesco che suona "italianacci", segue il magliaro napoletano Benito (Francesco Scianna, mai così bravo) e l'orfanello Pietro (l'esordiente Tiziano Talarico) a Bochum. Strana coppia: il primo sbarca il lunario e trova l'amore (la romena Monica Birladeanu), il secondo cerca il padre e ne trova un altro, [...] Vai alla recensione »

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Passabile dramma sull'immigrazione, girato con scarsi mezzi, ma senza pretese sociologiche. Siamo a Bochum, Germania, nel 1962. È arrivato dalla Val di Non l'operaio Benito (Francesco Scianna) con il piccolo Pietro, nove anni, orfano di madre, che cerca un padre lontano. Dura è la vita nella baracca della fabbrica. Qualche eccesso melò (l'inutile scena dell'accoltellamento) e il caricaturale magliaro [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | NETFLIX | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2018 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati