Il sole dentro

Film 2012 | Drammatico 100 min.

Anno2012
GenereDrammatico
ProduzioneItalia
Durata100 minuti
Regia diPaolo Bianchini
AttoriAngela Finocchiaro, Giobbe Covatta, Francesco Salvi, Diego Bianchi, Gaetano Fresa, Fallou Kama, Giuseppe Vitale .
Uscitagiovedì 15 novembre 2012
DistribuzioneMedusa
MYmonetro 2,71 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Regia di Paolo Bianchini. Un film con Angela Finocchiaro, Giobbe Covatta, Francesco Salvi, Diego Bianchi, Gaetano Fresa, Fallou Kama, Giuseppe Vitale. Genere Drammatico - Italia, 2012, durata 100 minuti. Uscita cinema giovedì 15 novembre 2012 distribuito da Medusa. - MYmonetro 2,71 su 11 recensioni tra critica, pubblico e dizionari.

Condividi




oppure

A volte il cinema riesce a cogliere quanto la realtà si riveli superiore a qualsiasi immaginazione. In Italia al Box Office Il sole dentro ha incassato 80,4 mila euro .

Consigliato sì!
2,71/5
MYMOVIES 3,00
CRITICA 2,38
PUBBLICO 2,75
CONSIGLIATO SÌ
Un film che può far riflettere i più giovani su quali siano i veri valori.
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 16 novembre 2012
Recensione di Giancarlo Zappoli
venerdì 16 novembre 2012

1999. Yaguine e Fodé, due adolescenti della Guinea, decidono di scrivere una lettera "Alle loro Eccellenze i membri e responsabili dell'Europa" per descrivere la condizione dei bambini nel loro Paese e chiedere aiuto. Vogliono però consegnarla personalmente e, per far ciò, si nascondono nel vano carrello di un aereo che ha Bruxelles come destinazione. 2009. Thabo, ragazzino prelevato dal suo villaggio guineiano come possibile promessa del calcio, viene abbandonato in mezzo a una strada perché ritenuto non sufficientemente dotato. Il compagno di allenamenti Rocco lo rintraccia e inizia con lui un avventuroso viaggio verso N'Dola il luogo in cui Thoba ha la sua famiglia.
A volte il cinema riesce a cogliere quanto la realtà si riveli superiore a qualsiasi immaginazione. La vicenda di Yaguine e Fodé potrebbe apparire come il parto di uno sceneggiatore ricco di fantasia e invece è accaduta realmente ed ha costituito l'innesco per questo film che è stato girato nelle location reali utilizzando in Africa (caso più unico che raro) maestranze locali. Paolo Bianchini, ambasciatore UNICEF, aveva già dimostrato con La grande quercia (apprezzato all'estero ma mai distribuito in Italia) la propria sensibilità nei confronti di personalità in formazione messe di fronte a situazioni problematiche e apparentemente insormontabili. In questa occasione realizza un film (con l'adesione non solo professionale di Angela Finocchiaro, Francesco Salvi e Giobbe Covatta nonché dell'irrefrenabile Diego Bianchi) che andrebbe proiettato in tutte le scuole non per commuovere (non è questo l'obiettivo) ma per far riflettere le nostre generazioni, talvolta preda delle sirene del consumismo, su ciò che conta veramente.
Grazie a dei giovani protagonisti scelti per la sincerità dei loro sguardi Bianchini ci mostra due 'cammini della speranza' che hanno mete opposte. Se Yaguine e Fodé ripongono le loro aspettative in un'Europa all'epoca non ancora in crisi economica profonda, Thabo e Rocco fuggono proprio da chi in quell'Europa ha messo il profitto al di sopra di qualsiasi rapporto umano.
Neppure i minori si salvano dalla mercificazione e allora forse l'Africa può diventare, nella sua parte più sana e vitale, il luogo in cui ricostruire una dimensione di comunità che l'Occidente rischia di smarrire. Un luogo in cui, come afferma Thabo, si hanno tanti fratelli e se ne ricorda il nome.

Sei d'accordo con Giancarlo Zappoli?
Su MYmovies il Dizionario completo dei film di Laura, Luisa e Morando Morandini

Il veterano Bianchini torna sul set con una storia vera e una inventata. Nel 1999 due ragazzi guineani scrivono una lettera a nome di tutti i loro coetanei africani "alle loro Eccellenze i membri responsabili dell'Europa", chiedendo aiuto per avere scuole e cibo. Con la lettera in tasca Yaguine e Fodè si nascondono nel vano del carrello di un aereo diretto a Bruxelles. All'arrivo li trovano morti assiderati. Chiara detta "pasta e fagioli", che a Bruxelles scoprì i due corpi, lavora per l'Unicef in un villaggio africano e introduce la storia inventata che fa capo a due altri orfani, il nero Thabo di ritorno nella sua famiglia che l'aveva venduto a un losco figuro in caccia di futuri calciatori, e Rocco in fuga da uno zio manesco, presunto tutore. "La violenza del fatto realmente accaduto si diluisce nella favola moderna ricostruita" (A. Fittante). Al film, scritto dal regista con Marco Cavaliere e Paola Rota, partecipano i veri genitori di Yaguine e Fodè. Musiche di Fabrizio Siciliano. Distribuito da Medusa.

Tutte le recensioni de ilMorandini
CONSULTALO SUBITO

IL SOLE DENTRO disponibile in DVD o BluRay su IBS

DVD

BLU-RAY
€9,99
PUBBLICO
RECENSIONI DALLA PARTE DEL PUBBLICO
domenica 18 novembre 2012
Vito Palmisani

"Il sole dentro": il sole dentro chi guarda il Film, non lo vede soltanto, la location è Bari, e chi ci abita la riconosce subito dalle prime battute, il deserto è l'Africa, un film on the road ma a piedi e in aereo. 1999 due ragazzi africani clandestini ed inesperti, nascosti nel carrello di un aereo cercano di raggiungere Bruxelles per lasciare una lettera al Parlamento Europeo, per costringerlo [...] Vai alla recensione »

lunedì 29 aprile 2013
Giurg 63

Le intenzioni del regista saranno anche state delle migliori ma egli ha reso il racconto troppo facile e prevedibile. Nella realtà nel deserto non si ha l'energia per prendere a calci un pallone, come fanno i due giovanissimi protagonisti, ma si soffre e, spesso, si muore. Se si vuole avere una visione assai più realistica delle nuove odissee compiute per attraversare il Sahara allo scopo di raggiungere [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 novembre 2012
Elizabeth

Film didascalico. Buono e condivisibile il messaggio. I problemi posti sono reali, ma la resa è un po' ingenua e poco convincente. Poco credibile il viaggio di Thabo e Rocco verso 'Africa, spesso sembra uno spot pubblicitario per  l'UNICEF.

domenica 18 novembre 2012
renato volpone

Questo è il fatto storico, il contenuto della Lettera di Yaguine e Fodè e il messaggio che il film vuole trasmettere. GUINEA, IL GRIDO DELL'AFRICA: AIUTATECI! Il 28 luglio 1999 Yaguine Koïta, 15 anni, e Fodé Tounkara, 14 anni, hanno viaggiato da Conakry, la capitale della Guinea, a Bruxelles, nascosti nel vano del carrello di atterraggio di un Airbus [...] Vai alla recensione »

giovedì 22 novembre 2012
falcao

Un film che fa riflettere sulle realtà che facciamo finta di non sapere, meglio girarsi dall'altra parte...Bravi gli attori su tutti il piccolo barese. Un inizio un pò lento ma via via ti prende e si lascia vedere con piacere.

Frasi
La casa non è dove sei nato ma dove ti vogliono bene
Una frase di Rocco (Gaetano Fresa)
dal film Il sole dentro - a cura di paola
STAMPA
RECENSIONI DELLA CRITICA
Boris Sollazzo
Pubblico

L'Africa al cinema, fidatevi, non la conoscete. Da La mia Africa a The Constant Gardener, dalla coppia Redford-Streep a quella Fiennes-Weisz, avete visto solo e sempre un continente nero tinto di bianco, visto da fuori, pur se con le migliori intenzioni. Ecco perché Il sole dentro, pur con le sue ingenuità e alcuni passaggi a vuoto, rimane un piccolo gioiello: perché le location raccontate sono quelle [...] Vai alla recensione »

Gian Luigi Rondi
Il Tempo

Due storie che, alternandosi, si svolgono in parallelo, la prima con una traccia nella seconda datata dieci anni dopo. Si comincia in Guinea. Due adolescenti, colpiti, nonostante la loro giovane età, dalle disastrate condizioni della vita attorno a loro soprattutto quelle dei bambini, scrivono una lettera "alle Loro Eccellenze i signori membri e responsabili dell'Europa" per sollecitare il loro aiuto [...] Vai alla recensione »

Roberto Nepoti
La Repubblica

Il film alterna due episodi complementari - l'uno reale, l'altro immaginario - che hanno come protagoniste due coppie di ragazzini e si articolano su percorsi geografici opposti. Nel 1999 due adolescenti della Guinea scrissero una perorazione per i bambini africani da consegnare ai "grandi" d'Europa, ma morirono sull'aereo per Bruxelles in cui si erano imbarcati clandestinamente.

Massimo Bertarelli
Il Giornale

Fragile, ma tutto sommato dignitoso, anche se tirato in lungo, dramma italiano, che intreccia due storie (la prima di fantasia, l'altra tragicamente vera), esaltando amicizia e solidarietà. Fuggono sul traghetto per Tunisi gli aspiranti calciatori dodicenni Rocco, di Bari, e Thaho, africano. Quant'è lunga la marcia nel deserto. E intanto due di loro coetanei neri s'infilano speranzosi nel vano bagagli [...] Vai alla recensione »

Vai alla home di MYmovies.it
Home | Cinema | TIMVISION | Database | Film | Calendario Uscite | MYMOVIESLIVE | Dvd | Tv | Box Office | Prossimamente | Trailer | Colonne sonore | MYmovies Club
Copyright© 2000 - 2019 MYmovies.it® - Mo-Net s.r.l. Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale. P.IVA: 05056400483
Licenza Siae n. 2792/I/2742 - Credits | Contatti | Normativa sulla privacy | Termini e condizioni d'uso | Accedi | Registrati